Riflessioni sul porto

el porto de Trieste deuna volta, de adesso, le navi che vien e va a Trieste, de una volta e de adesso
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36004
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da babatriestina » giovedì 9 giugno 2011, 14:48

No so se lo gavevimo za citado, ma go trovado segnalado questo link
http://www2.units.it/otis/pdf%20italian ... ecento.pdf
che me par interessante, sul porto de Trieste. Paressi che sia appunti universitari..ma chi el autor Roberto Romano?


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36004
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da babatriestina » venerdì 8 luglio 2011, 13:52

Una domanda che me fazzo: co el porto fa boni affari, CHI guadagna? la risposta "la città" me par troppo astratto:
mi rispondessi:
- i spedizionieri e le ditte che lavora in porto. Chi me garantissi che i bori che i guadagna no i se li magni in stipendi , in lussi per i loro dirigenti, barche de lusso, orologi, ville sempre per lori? massimo, in migliori stipendi per i dipendenti..
- la dirigenza del porto: per pagarghe lauti stipendi ala siora Monassi? per pagarghe laute consulenze ai amici-politici?
- le tasse ( ma gavemo appena visto che ghe ne xe poche perchè xe Punto Franco): fussi tasse locali, podessimo sperar de riciaparsele indrio in lavori pubblici, welfare..
- po?
eco, al comun cittadin cossa ghe vien? oltre che la soddisfazion moral?
insomma come se distruibuissi po in città i risultati? o no vegnissi che quei che ga le man in pasta - drio dela barriera doganal del Porto- guadagnassi e chi che xe serado fora no?

scuseme ste domande aparentemente stupide e terra terra: mi go imparado in tanti anni de insegnamento che domande forsi anche stupide permetti nele risposte de approfondir..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Canada
vilegiante
vilegiante
Messaggi: 142
Iscritto il: venerdì 30 ottobre 2009, 11:12

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da Canada » sabato 9 luglio 2011, 11:23

Lavoro nell'ambiente portuale da oltre trent'anni. Non so spiegare in dettaglio esattamente quanto "guadagni" la città se il porto lavora bene. Posso solo dire che una linea marittima che funziona bene a Trieste attualmente da lavoro a circa 100 dipendenti (nel caso della mia azienda) e quindi 100 famiglie. La stessa linea è fonte di lavoro per spedizionieri doganali (oserei stimare circa altri 50 dipendenti), lavoratori portuali (altri 40/50), ormeggiatori, piloti, finanzieri, polizia marittima, doganieri, etc. Questo direttamente in porto più l'indotto fuori porto generato da questa linea: per esempio, ditta di pulizie, tipografie (il cartaccio in questo mestieri è ancora molto voluminoso nonostante l'informatizzazione), supermarket, bar e pensioni in zona portuale (per autisti di passaggio), alberghi (per i numerosi clienti esteri che vengono a trattare i loro affari), e via via dicendo. Non saprei quantificare quanti "soldini" resta in città grazie al porto, ma direi parecchi.
Son anche mi un "comune cittadin" e me pare che se tanti dei nostri concittadini riescono a guadagnarsi da vivere grazie al porto, questo è più che una soddisfazione morale. Che dopo ci siamo dei personaggio che "straguadagnano" senza particolare meriti (dirigenti portuali ecc.) questo è un'altra storia.



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7209
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da sono piccolo ma crescero » martedì 20 novembre 2012, 8:38

Quando semo pasai da trieste.org a trieste.eu Bilbo ga fato una roba assai bela: el ga messo le foto con taio orizzontal su l'intestazion, e, sicome el xe bravo el ga meso anche foto assai bele.

Ogi gavevo sta foto qua

Immagine

e me son fermà a vardarla. Bellissima. Sto mar blù, el gialo dele gru, veramente bela, ma, ciò, e dove xe le navi? No xe el porto vecio che no se sa cosa far, xe el molo settimo, l'ultimo rivà, coi container.

Ripeto la domanda: dove xe le navi?

Se parlemo de declino dela cità, credo che sta bela foto lo riassumi perfettamente.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36004
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da babatriestina » martedì 20 novembre 2012, 8:44

sono piccolo ma crescero ha scritto:
Ripeto la domanda: dove xe le navi?
Mi le vedo in rada, e no xe solo petroliere per el oleodotto


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7209
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da sono piccolo ma crescero » martedì 20 novembre 2012, 8:56

Anche mi ghe ne go viste in rada, no nela foto. Ma no sarà miga che le sta spetando de andar a Capodistria?


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36004
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da babatriestina » martedì 20 novembre 2012, 9:09

sono piccolo ma crescero ha scritto:Anche mi ghe ne go viste in rada, no nela foto. Ma no sarà miga che le sta spetando de andar a Capodistria?
i disi che co le xe piene, no le pol entrar a Capodistria perchè i fondai no xe bastanza fondi, alora i scariga un poco a Trieste, i se allegerissi e i fa el resto del lavor a Capodistria.

Adesso par che la Maersk ga mostrado interesse per i porti del Nord Adriatico, Trieste inclusa, e cossa fa el Governo italian? stanzia milioni per i porti de Venezia e Ravenna!! ( Venezia cola scusa del MOSE) :evil:


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10906
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da Nona Picia » martedì 20 novembre 2012, 16:04

Le navi adesso se le vedi...probabilmente xe passà qualche anno da quella foto e nei anni indrio no se ghe ne vedeva tante....Ste estate co andavo al bagno ne contavo sempre 10 o 11...


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2747
Iscritto il: sabato 22 maggio 2010, 18:47

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da mandi_ » lunedì 10 febbraio 2014, 19:38

Qua se parla de sorpasso nel 2013 del porto de Trieste rispetto a quel de Genova:

http://www.lastampa.it/2014/02/10/econo ... agina.html

Ahem...Trieste scalo del Friuli :-D

" Nel 2013 Trieste è stato il primo porto in Italia in termini di volume complessivo di merci in transito, con circa 56 milioni di tonnellate (+15,11%), e il decimo tra i primi 20 grandi porti d’Europa. Lo rende noto l’ Autorità Portuale di Trieste. Secondo è il Porto di Genova, con 49,5 milioni (-3,7%).

La voce merceologica di maggior rilievo per merci in transito è il petrolio"


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1914
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da Piereto » mercoledì 12 febbraio 2014, 10:48

In questi giorni xe una grande polemica sul Picolo che riguarda uno scontro de pensiero, ma che xe anche uno scontro de fatti su come venirghe fora de la facenda de la Feriera, e che interesa anche el porto, perchè una parte rilevante del posto dove che funziona inquinando la feriera, appartien all'aministrazion portuale e la xe dada in concesion. Sicome la chiusura dela feriera xe drio el canton, alora da parte politica i ga fato in furia un acordo tra tuti i enti politici interesadi per zercar de render interessante l'acquisto da parte de un investitor, e cusì continuar a darghe de lavorar ai operai. El stabilimento xe a remengo perchè el xe vecio ( xe de rifar i forni e xe de adeguarlo a norme de sicureza europee ) e in più bisogna liberarse de le scorie e dei inquinanti, robe che saria a carico de l'aquirente. Ma stando cusì le robe nisun comprasi. Alora encomiabilmente xe venì in aiuto tuti i enti teritoriali e i ministeri nel giro de poche setimane ,e su la carta se gà trovà i bori per eliminar le scorie. Solo sarà stada la furia de far presto, se se gà dimentica de qualcosa come 100000 mc de scorie Che costa 10 milioni de euri portarle via. No solo ghe xe de le altre scorie che dove che ogi le sta le impedisi de andar avanti co la piataforma logistica ( molo otavo) che xe stada za decisa e stanziada da parte del porto e dei privati. L'autorità portuale disi che esendo un ente economico se la se ciol un impegno de spesa ghe devi eser la copertura, altrimenti la corte dei conti li meti in buso. El Ministero de le infrastrutture a cui dipendi i porti el disi che no se torna indrio de quanto che i ga deciso a Roma de stanziar tuti insieme, ma guarda caso nisun se gà inacorto de sti 100000 mc in più. Tuti gà firmà sto acordo meno l'autorità portuale. La polemica xe roba no de ogi come che apari , ma tuti sa che xe roba vecia. No xe solo un fato de aministrazion de sinistra contro una de destra, ma xe una lota per rivar a meter le man sul porto nord vecio per far case e salvar una parte politica e tinir impie i costrutori. De l'altra parte che xe i comercianti e i spedizioneri che tien in vita el porto de Trieste. La Regione no nascondi la sua volontà de meter le man sul porto per gestirlo portandoghelo vie de man ai triestini per consegnarghelo ai furlani de Porto Nogaro e Monfalcon. Unico dato che a tanti ghe disturba, meno che ai triestini, xe che el porto coi suoi trafici xe in aumento e in salute, nonostante i clasici bastoni fra le riode. Staremo a veder come che se anderà avanti.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36004
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da babatriestina » mercoledì 12 febbraio 2014, 11:28

Legio e stago seguindo sta storia in sti giorni e me par che xe diverse robe che se missia fra de lore:
1 ferriera
Xe ani anorum che me domandavo perchè a intervalli una parte dela città emetti grandi nuvole de fumo de tuti i colori, po go capido che xe la Ferriera. Una fabbrica de fin otocento sul mar ( ve meterò un per de foto fate de Muggia) che adesso i xe divisi in do:
a) quei che se preoccupa dei lavoratori che xe spesso e volentieri in cassa integrazion- un mio amico turnista iera za in cassa cussì una bona ventina de anni fa..) e se preoccupa dei loro posti de lavor e zerca de salvar la fabbrica vendendoghela a qualchedun che se decidi a meterla a norma
b) i abitanti dela zona che no ghe ne pol più de fumo smog e tumori in zona e che la vol serar subito

No so cossa che i ga concluso, ma me par che i tira avanti senza un obiettivo a lungo termine

2 siti inquinai- ghe ne parlavo za de altre parti, xe in zona industrial e porto pien de zone inquinade ma de cossa inquinade no so ben, o meio varia un poco de tuto, el aministrazion comunal precedente ga fatto una mappa che dichiarava quale c he le xe e qualchedun lo accusa de gaver messo de più per sicurezza, per scarigarse la responsabilità o altro?

3 piataforma logistica altro discorso che se parla de anni e ancora mi no go capido quanto la sia fisica o quanto la sia virtual ciò se xe costruzioni e machinari de meter o se xe anche e sopratutto una question gestional, certo no la se movi de ani, o no xe i bori, o manca una firma, e i disi che la saria fondamental per el bon funzionamento del porto che la sveltissi i lavori. Go tendado de capir ben, ma no xe cussì facile, po una volta xe piataforma logistica, una volta xe piastra logistica e mai no so se xe istesso.
Te disi al molo Ottavo? mi credevo colegada al Molo Settimo..

4 tuto questo riguarda el Porto Novo o se te vol el porto Sud de Trieste, ossia quel che xe el porto de Trieste atual quel coi fondali de 18 metri etc...

no capisso come che questo gabi a che far col porto vecio o porto nord come che i ghe disi che ormai no lo dopra quasi più nissun de anni anorum e che xe in un'altra polemica che gavemo tocado anche qua in altri post e che sula speculazion edilizia sugerida sta vegnindo fora che xe tanti che la sta zercando, fin Russi...


5 comercianti e spedizionieri ( sopratutto) me par che lavori in Porto Novo, principalmente... e dovessi gaver interesse che sia quel che funzioni


6 colegamento con altri porti: definir furlani quei de Monfalcon me par assai strano visto po che Monfalcon xe sempre stado un'appendice de Trieste, anche se me rendo conto sempre più che i triestini xe convinti che Sistilian mihi dat fines come che diseva el sigillo trecentesco. Personalmente mi credo che se volemo confrontarse con porti che ga dimensioni come quei de Amburgo no podemo limitarse entro i confini medievali ma zercar de far sistema con quel che xe vizin anche per economie de scala. Col che no voio dir che porto Nogaro gabi de diventar el bugnigolo del Universo.. la Region ga un vantaggio, che essendo a statuto speciale podessi gaver bori e strumenti per far andar i porti...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36004
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da babatriestina » mercoledì 12 febbraio 2014, 11:34

mandi_ ha scritto:
La voce merceologica di maggior rilievo per merci in transito è il petrolio"
questo è il punto che viene evidenziato dai critici: il greggio che passa attraverso l'oleodotto non lascia molta traccia economica ai gestori triestini..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1914
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da Piereto » mercoledì 12 febbraio 2014, 16:46

Il riflesso dell'incremento della movimentazione del petrolio procura un maggiore gettito fiscale sia in termini di tasse portuali, che tasse statali che poi passano alla Regione. Il beneficio che si ripercuote poi su Trieste, ahimè dipende da quanto poi la Regione o lo Stato decidono di dare al Comune, o di investire in città.
Go ciamà i monfalconesi furlani, perchè anche lori i ricavasi vantagio se el porto de Trieste perdesi la sua specificità istituzionale, ( internazionale, posibilità de atuar la zona franca, benefici fiscali, tuta roba che vien costantemente impedida) in quanto ricadendo soto l'aministrazion regionale el podesi eser manovrado da altri centri de potere, e quindi eser sogeto ad altre scelte. Savemo ben che xe i potentati economici inverigolai co la politica che decidi come nel giogo dell'oca se uno devi restar fermo e spetar ani, mentre altri se movi e riva a far afari.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36004
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da babatriestina » mercoledì 12 febbraio 2014, 17:11

Piereto ha scritto:
se el porto de Trieste perdesi la sua specificità istituzionale, ( internazionale, posibilità de atuar la zona franca, benefici fiscali, tuta roba che vien costantemente impedida) in quanto ricadendo soto l'aministrazion regionale el podesi eser manovrado da altri centri de potere,
ma el porto de Trieste ga za de sempre i punti franchi! e gnanca l'aministrazion regional li pol tocar...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1914
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da Piereto » mercoledì 12 febbraio 2014, 18:59

Xe vero ,ma le funziona? Cioè quai xe i sconti in termini de tasse che se riva a spuntar, o disemo che el governo central benignamente concedi ? . Le zone franche dovesi eser un volano per la crescita e per l'ocupazion , tanto xe vero che esisti solo do porti franchi in Italia . El nostro e quel de Venezia , e i volesi allargar la franchigia anche a Marghera. Ma le zone franche le vol un poco tuti, non ultima la Sardegna, proprio perchè nel resto del paese el regime fiscale xe tropo oprimente.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36004
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da babatriestina » lunedì 17 luglio 2017, 11:57

Me taco qua, che xe el discorso più simile a quel che xe adesso de atualità.
Grandi notizie, i disi
Trieste, firma storica per il Punto franco: "Una svolta per il territorio"
Il decreto attuativo mancante dal Dopoguerra è stato sottoscritto dal ministero delle Infrastrutture e quello di Economia e finanze. E' il primo di questo tipo in Europa
27 giugno2017
TRIESTE «Abbiamo finalmente il decreto attuativo per il Porto franco internazionale di Trieste, firmato dal ministero delle Infrastrutture e quello di Economia e finanze».
Lo ha annunciato stamani, martedì 27 giugno, la presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, durante una conferenza stampa congiunta con il ministro Graziano Delrio e il presidente dell'Autorità di sistema portuale dell'Adriatico orientale, Zeno D'Agostino.
Trieste è Porto franco dall'immediato secondo dopoguerra, ma mancava da allora un decreto attuativo. Ora l'Autorità portuale avrà piena disponibilità della gestione delle aree extradoganali e potrà spostarle nei punti realmente strategici, "liberando" il Porto vecchio..
cioè tuto iera fermo prechè in 60 anni nissun ga fato un decreto attuativo? denocreder

tre giorni fa
TRIESTE «Abbiamo finalmente il decreto attuativo per il Porto franco internazionale di Trieste, firmato dal ministero delle Infrastrutture e quello di Economia e finanze».
Lo ha annunciato stamani, martedì 27 giugno, la presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, durante una conferenza stampa congiunta con il ministro Graziano Delrio e il presidente dell'Autorità di sistema portuale dell'Adriatico orientale, Zeno D'Agostino.
Trieste è Porto franco dall'immediato secondo dopoguerra, ma mancava da allora un decreto attuativo. Ora l'Autorità portuale avrà piena disponibilità della gestione delle aree extradoganali e potrà spostarle nei punti realmente strategici, "liberando" il Porto vecchio..
i ga firmado. Basto o dovemo spetar la publicazion sul Gazzetta Uffical? nota ben che le giorno stesso che i disi che nol xe publicado sula Gazetta me par che qualchedun pubblicava un scoop " gavemo le fotocpie dela Gazzetta uficial :?: :?:

Lìaltroieri
Trieste, l’Authority padrona del porto franco
Sottoscritto dal ministro Padoan il decreto annunciato a Trieste da Del Rio. Alla torre del Lloyd la gestione integrale e la definizione di piani e strategie
Nei giorni scorsi Serracchiani ha rivelato che alla porta dell’Autorità non hanno bussato soltanto i cinesi, ma anche russi e americani: «E potremmo aggiungere austriaci, ucraini, iraniani - dice D’Agostino -. Sono molti i soggetti interessati ai punti franchi».
Ora tra gli operatori portuali tanti si chiedono quali saranno gli effetti del decreto nella pratica. Poiché un conto è il testo così com’è scritto, ma l’espressione del suo potenziale può riservare sorprese o delusioni. Gli addetti ai lavori si interrogano sull’effetto che il testo avrà sui controlli doganali.

«Da un lato le Dogane non avranno più l’intervento di tipo economico - dice il presidente dell’Ap - e quindi non potranno più effettuare le riscossioni. Dall’altro resta valida la funzione di conoscenza e controllo di quello che accade all’interno del porto».
Quanto al testo, dice nero su bianco che «il porto franco di Trieste è amministrato dall’Autorità di sistema portuale». Ciò comporta la gestione delle aree di demanio marittimo, ma anche di tutte quelle legate funzionalmente e logisticamente alle attività portuali: è la nuova ottica delle Autorità di sistema.
L’Ap triestina può autorizzare e limitare «la manipolazione delle merci», ma anche «la produzione di beni e servizi, anche a carattere industriale». È un passaggio fondamentale per le rivendicazioni fatte in queste settimane. Anche in questo caso, è richiesta l’intesa con l’Agenzia delle dogane.
Il testo prosegue elencando tutti gli aspetti della vita portuale ricondotti all’Ap, inclusa la promozione e la formazione professionale. Molto spazio è dedicato al traffico su rotaia: «Al fine di promuovere lo sviluppo dei servizi ferroviari nel porto franco, tenuto conto del principio di libertà di transito, il presidente garantisce la libertà di accesso a tutti i vettori ferroviari.
A tal fine potrà avvalersi dell’utilizzo di società strumentali, anche attraverso l’assunzione di partecipazioni societarie, ai sensi della disciplina vigente, finalizzate alla promozione di collegamenti logistici e intermodali funzionali allo sviluppo del sistema portuale».
La parte successiva del testo stabilisce la pianificazione strategica del porto franco, condotta dall’Ap attraverso l’elaborazione di piani appositi. Il decreto attribuisce poi alla stessa Autorità portuale le autorizzazioni relative al transito degli automezzi e stabilisce che non ci saranno nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica. Ora non resta che attendere gli effetti nella pratica.
ben bon, adesso voio capir: in pratica no ocori che se gabi permessi de Roma ma comanda el AP? cussì se qualcossa no va ben se la ciapemo coi vertici locali del Porto???


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1914
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da Piereto » lunedì 17 luglio 2017, 18:26

Finalmente la "nostra" Roma gà dà el placet, cioè la gà fato quel che più ne meno la doveva far dopo aver firmando el trattato de pace ed esser entrada a Trieste nel 54, za sessantatre anni fa. e cioè l'attuazione dell'allegato 8°. Finalmente esisti un gestore unico dell'attività portuale e de quella manipolazione merci e trasformazione industriale che interessa Trieste in regime de zona franca. ( Cioè no xe de domandarghe pareri o permessi a nissun ministero o comun o provincia ne tantomeno alla Regione). Questo vol dir posti de lavoro. Questo vol dir anche che se pol serar finalmente la feriera eliminando l'inquinamento, e ulteriore spazio. Certamente le scelte che vinirà fatte poderà esser anche sbagliade, ma se poderà nominar un altro dirigente portuale.



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7209
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da sono piccolo ma crescero » martedì 18 luglio 2017, 6:44

Piereto ha scritto: Certamente le scelte che vinirà fatte poderà esser anche sbagliade, ma se poderà nominar un altro dirigente portuale.
I me disi che questo de adeso, anche se no'l xe triestin, o forsi proprio per questo ;-) , el xe bastanza bravo, con bone idee ciare per cui saria meio che el resti (cusì i me ga contà, mi no lo conosco e no so).


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36004
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da babatriestina » sabato 19 agosto 2017, 11:49

legio giorni fa.
i ga trovado intanto el brand per el prto franco:
freeEste o qualcossa de simile. insomma Este deventa zona franca? :twisted:

http://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cro ... 1.15709740
Il marchio “FreeEste” reclamizzerà l’area a livello internazionale
e poi quel Trieste.ing che a mi me par sempre che Trieste se ga laureado in ingegneria e cussì pol ciamarse ing. :roll:


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1914
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da Piereto » sabato 19 agosto 2017, 17:48

Za se i lo ciamava FreeTrieste saveva tropo de TLT. E se metesimo acanto al triest.ing anche un morb.ing ?



Rispondi

Torna a “El porto e le navi”