Ricordo (parziale) di una vecchia canzone

dele canzoni triestine ai spettacoli de musica leggera che se tegniva e se tien a Trieste
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Rispondi
Canada
vilegiante
vilegiante
Messaggi: 142
Iscritto il: venerdì 30 ottobre 2009, 11:12

Ricordo (parziale) di una vecchia canzone

Messaggio da Canada » mercoledì 25 novembre 2009, 11:54

Sempre frugando nella mia memoria, papà cantava una canzone che ricordo solo parzialmente: ....go roto el bicer e la cichera ....(altra strofa) ..la iera troppo piccola per far l'amor con mi...
Qualcuno la conosce e sa forse anche il resto del testo ? Grazie



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34753
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » mercoledì 25 novembre 2009, 12:17

Go dado una piada ala tavola
Go roto un bicer e una cìchera
la iera troppo piccola
la iera troppo piccola

Go dado una piada ala tavola
Go roto un bicer e una cìchera
la iera troppo piccola

per far l'amor con mi!



Ritmo, credo sia quello della giga!


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Canada
vilegiante
vilegiante
Messaggi: 142
Iscritto il: venerdì 30 ottobre 2009, 11:12

Ricordo (ora quasi totale) di una vecchia canzone

Messaggio da Canada » mercoledì 25 novembre 2009, 12:42

Grazie a babatriestina mi è venuto in mente anche il resto della canzone (credo)

Go dado piada alla tavola ...ecc.
Sei bella, sei cara
Bella non piangere
Bella non piangere
Sei bella, sei cara
Bella non piangere
Per carità!

Grazie.
[/i]



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34753
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » mercoledì 25 novembre 2009, 13:20

Posiamo unirlo al post precedente?

per me questi versi ( Sei bella, sei cara...) sono di una canzone diversa..
nella classica compilazione di Pilat venivano messi subito dopo Ciribiribin!
nella versione dei miei finiva non con "per carità" ma con "non sospirar"


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 6978
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Messaggio da sono piccolo ma crescero » mercoledì 25 novembre 2009, 15:30

Sul libro de Starec, Canzoniere triestino, ed Italo Svevo, oltre ai versi de babatriestina, vien messi, riferindose a Noliani,

Sì sì Trieste
mi te amo sempre
amo i tui fiori
e li go sulo cuor
Qua go la cuna
qua go la tomba
viva Trieste
tera d'amor


A mi sta seconda parte me lasa perpleso pèerché la ga una metrica e anche un ritmo diversi (2/4 contro i 3/8 dela prima parte). Mi penso che sia una conseguenza de qualche poutpourrie de canzoni (i xe bastanza comuni con le canzoni triestine e anche el coro Illerberg ghe ne ga fati).

Meto la musica qua soto, per chi che ghe interesa. L'imagine xe un poco rovinada per no ver grane coi diriti de autor, ma penso che se rivi a leger.

Immagine



Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Re:

Messaggio da AdlerTS » mercoledì 9 febbraio 2011, 12:56

babatriestina ha scritto:Go dado una piada ala tavola
Go roto un bicer e una cìchera
la iera troppo piccola
la iera troppo piccola

Go dado una piada ala tavola
Go roto un bicer e una cìchera
la iera troppo piccola

per far l'amor con mi!
Eccola, "Viva Trieste-Marsch" :



Mal no far, paura no gaver.

molighe el fil
ixolan
ixolan
Messaggi: 232
Iscritto il: venerdì 2 agosto 2013, 21:59
Località: Trieste - quasi San Giovanni

Re: Ricordo (parziale) di una vecchia canzone

Messaggio da molighe el fil » martedì 27 agosto 2013, 17:43

Per mi la canzon che xe mesa da "son picolo ma creserò", che scomizia "si, si Trieste - mi te amo sempre" xe solo el ritornel de una canzon che se ciama SANTI RICORDI e adeso la scrivo completa

Sule tori l'alabarda
e la crose sul piazal
De sta gente mai bastarda
xe sta l'unico ideal

Quatro muri de forteza
i serava la zità
Per salvar fino ala morte
sta preziosa eredità

Si, si Trieste, mi te amo sempre
amo i tui fiori, li go sul cuor
Qua go la cuna, qua go la tomba,
viva Trieste, tera d'amor

Da Caboro zo in Cavana
da Donota a san Micel
a do colpi de campana
come un fulmine del ziel

Zento spade, zento cori
iera pronti, ve so dir
con un baso de sti fiori
ben contenti de morir.

Si, si Trieste, mi te amo sempre......

Xe ben caro quel fioreto
che vien su de sto giardin
chi vol altri sul suo peto
no xe vero triestin

Pute care bei tesori
che i ve dise quel che i vol
se voialtre grandi fiori
e Trieste el vostro sol

Si, si Trieste, mi te amo sempre.......

Questo xe quel che me ricordo de quando iero picio e se la cantava in coro ale feste in osteria de Ieti in via d'Angeli subito dopo la guera.
Qualche strofa pol eser no giusta, ma questo xe quel che me ricordo.

La go scrita cantandola per ricordarmela tuta



Avatar utente
sum culex
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 5946
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:45
Località: Trieste - Rozzol

Re: Ricordo (parziale) di una vecchia canzone

Messaggio da sum culex » domenica 27 ottobre 2013, 17:51

Co te la cantavi te ieri almeno intonà? Qua no se senti ;--D .
Anche se la gavessi savuda mi no gaveria podù cantarla perchè son stonà come una campana rota e de conseguenza la canzon saria vignuda tuta distorta. :wink: :wink:

Quela volta i ordegni se sguava assai più pian de quel che sucedi ogi lavorando el tuciolare o i rivestimenti de formica che xè micidiali e le lame se podeva afilarle più facilmente de quel che se devi far ogi coi inserti de vidia anche se el fil dura de più.
ciao
sum culex

P.S.: Sto ultimo toco gavessi podù andar meio in veci mestieri, ma el se completa col resto.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34753
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Ricordo (parziale) di una vecchia canzone

Messaggio da babatriestina » domenica 23 settembre 2018, 19:39

Due canzoni che mi citava mia mamma ma che cantava mia nonna, quindi risaliamo a quasi 100 anni fa:

E la Mariana la va in campagna
con el sol che vien e va...


e un'altra che secondo la nonna andava cantata a due voci

E la vien giù la vien giù
a caval d'un asinel...


che descrivono un mondo più rurale che cittadino


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 6978
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Ricordo (parziale) di una vecchia canzone

Messaggio da sono piccolo ma crescero » domenica 23 settembre 2018, 21:00

babatriestina ha scritto:
domenica 23 settembre 2018, 19:39
Due canzoni che mi citava mia mamma ma che cantava mia nonna, quindi risaliamo a quasi 100 anni fa:

E la Mariana la va in campagna
con el sol che vien e va...
Mi cantavo

E la mariana la va in campagna
fin che 'l sol tramonterà"


Però nisuna dele due la rovo nel canzonier triestin de Starec. Sicome però bisogna zercarle col primo verso poderi darse che no sia questo el primo verso.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 6978
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Ricordo (parziale) di una vecchia canzone

Messaggio da sono piccolo ma crescero » domenica 23 settembre 2018, 21:04



Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 6978
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Ricordo (parziale) di una vecchia canzone

Messaggio da sono piccolo ma crescero » domenica 23 settembre 2018, 21:09

Vista questa che go cità sora, me son ricordà come che la cantava mio papà

Gran Dio del ciel che fai fiorir le zuche
fame veder le gambe dele pute
la Marianna la va in campagna
fin che'l sol tramonterà, tramonterà


e dopo no me la ricordo più. Me par che mio papà la cantava in un potpourri, una sequenza de canzoni diverse che vengniva cantade una drio l'altra a tocheti.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Rispondi

Torna a “Musica legera”