Vecia trieste

dele canzoni triestine ai spettacoli de musica leggera che se tegniva e se tien a Trieste
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Rispondi
Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2747
Iscritto il: sabato 22 maggio 2010, 18:47

Vecia trieste

Messaggio da mandi_ » sabato 26 novembre 2011, 18:26






Ma che bela questa canzon. Ideale per imparar el triestin e far do risade...L'ho già imparata. Anca questo zitel xe proprio a posto adeso! :-D

Mi son zitel
ma no son nane
tute le babe le tegno lontane
me sveio bonora
ciapo el me cagn
...en cantiere
e de sera son strac...


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry

Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2747
Iscritto il: sabato 22 maggio 2010, 18:47

Re: Vecia trieste

Messaggio da mandi_ » domenica 27 novembre 2011, 16:21

Quanto me pias el ribaltamento dei ruoli di seduzione , segno del cambiamento dei tempi(o no?).
El "mulo zitel imbranado " vien accalappiato grazie alla Milonga da una bela mula portata dalla futura suocera.
Però "aveva due polmoni col buso spizeghin" :-D

La mama che fa 'l pranzo e porta 'l cafè, ala fin ghe ciapa l'morbin : missione compiuta.

Far na persegada vol dir "zugar ale carte"?

Di solito nel tango argentino è l'uomo che comanda e conduce, la donna rigorosamente si deve adeguare ai movimenti maschili: qui succede il contrario!

Dedico la Milonga agli uomini integerrimi e serissimi del forum !
Mandi


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry

VetRitter
distinto
distinto
Messaggi: 1165
Iscritto il: martedì 13 ottobre 2009, 16:25
Località: Piacenza (provincia)

Re: Vecia trieste

Messaggio da VetRitter » martedì 29 novembre 2011, 13:03

mandi_ ha scritto:Dedico la Milonga agli uomini integerrimi e serissimi del forum !
grazie Mandi, ma per integerrimi e serissimi no ghe metaria la man sul fogo... ;--D
saluti



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1914
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Vecia trieste

Messaggio da Piereto » martedì 29 novembre 2011, 15:01

Far na persegada vol dir "zugar ale carte"? Cara mandi ,più che triestini i me par de monfalcon. Difati la persegada nel testo de la canzon xe ligada a una privata.Ora la privata saria una nostrana osmiza,cioè un local apunto privato che per un certo numero de giorni ( 8, osem ,da cui deriva osmiza)la vien verta al publico.Disemo che dopo el Timavo,le osmize diventa "private" e "frasche".
Quindi se va per bever vin e magnar insacati e formaio de casa, e anche una persegada ,cioè le pesche negade in tel vin de solito roso.(negade = annegate).Spero de no eser sta tropo serio.Ciao.



Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2747
Iscritto il: sabato 22 maggio 2010, 18:47

Re: Vecia trieste

Messaggio da mandi_ » martedì 29 novembre 2011, 16:57

ma per integerrimi e serissimi no ghe metaria la man sul fogo... ;--D
Caro Vet, volevo sol rider en pochetin. E scherzar...a volte noi done sem così...., più che altro zughem a volte col foco, sperando che la ne vaga ben.
più che triestini i me par de monfalcon. Difati la persegada nel testo de la canzon xe ligada a una privata.Ora la privata saria una nostrana osmiza,cioè un local apunto privato che per un certo numero de giorni ( 8, osem ,da cui deriva osmiza)la vien verta al publico.Disemo che dopo el Timavo,le osmize diventa "private" e "frasche".
Quindi se va per bever vin e magnar insacati e formaio de casa, e anche una persegada ,cioè le pesche negade in tel vin de solito roso.(negade = annegate)
Rendeve conto che mi no abito lì da voi, e per mi un gruppo che se ciama "vecia Trieste" xe sconosciuto e per mi iera Triestin, dal nome.

Vedo che è passato inosservato(per fortuna) quello che penso di aver scritto in modo sbagliato "I polmoni con buso spizeghin" .
Io all'inizio l'ho capito così, per intender quello che in modo romantico voi uomini definite un florido seno . :wink:
Riascoltando la canzone, mi sembra invece si parli di "muso biseghin".
Così ho collegato "biseghin" a bisiacco ed ho capito così che si riferiva a qualcuno non proprio triestino.
La persegada l'ho collegada al gioco delle carte per via della mimica del "zitel" nane.
Da noi pesche si dice in dialetto "pèrseghi" ma no ho mai sentì nessun che va a far na persegada come la ntendè voi...

Bisiacco non ho ancora capito benissimo cosa vol dir... E grazie per la spiegazion de "osmize"
Magari ho sbaglià tuto...ma ogni tant xe meio rider che pianzer!
Mandi


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1914
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Vecia trieste

Messaggio da Piereto » martedì 29 novembre 2011, 18:27

Cara mandi,nisun problema,te vegno in aiuto. Bisiaco xe un che abita " bis aquae" alla latina,cioè tra le due acque : il fiume Timavo da un lato a oriente e a occidente l'Isonzo,un territorio di pianura che poi verso oriente comincia a salire ed affiora il terreno calcare carsico.Un territorio capace di dare dei buoni vini ,protetto dai venti di bora ENE.Infatti la bora a Monfalcone è molto debole e rara.Il territorio bisiacco arriva sino alle porte di Gorizia dove si cominciano ad incontrare terreni arenacei percorsi dall'ultimo affluente di destra dell'Isonzo che è il Vipacco. Anche il vipacco fa una sua valle ricca di vigneti e di frutteti ,ma i cui abitanti sono e parlano sloveno. E el bisiaco xe anche un dialeto oramai molto simile al triestin.



Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2747
Iscritto il: sabato 22 maggio 2010, 18:47

Re: Vecia trieste

Messaggio da mandi_ » martedì 29 novembre 2011, 18:46

Dato che sei stato così gentile, Piereto,potresti dirmi allora se la canzone è cantata in dialeto bisiaco o Triestino?
Ormai il triestino lo leggo e capisco abbastanza bene,anche nei suoi modi di dire, ma l'ho "ascoltato" poche volte.
Anche da noi da paese a paese certe parole e usanze cambiano...

Mandi


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1914
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Vecia trieste

Messaggio da Piereto » mercoledì 30 novembre 2011, 8:46

No go fato l'analisi del testo,ma scoltandolo vien dopradi dei termini che nel parlar corente a trieste se usa poco,senza contar po le modifiche per star in linea o co la rima o co la ritmica de la musica. .Se li capisi sti vocaboli,ma xe sempre una variante del veneto. Noi a Trieste per esempio gavemo molti prestiti dal sloven,o dal tedesco,che i bisiachi no ga. Poi se trata anche de una cantabilità in parte diversa dada da le vocali de certi vocaboli che xe diverse.Se capisi subito quando chi parla davanti de ti xe un venezian ,perchè el ciapa fià dopo un certo numero de silabe e vien fora una certa cadenza ,e la stesa roba xe per un ormai raro dalmata che parla in veneto. Si appoggerà e allargherà molto le vocali. Per esempio un istrian dirà : cosa ti fazi,indove ti vaghi, mentre un triestin dirà : cos te fa e dove te va. Oramai el dialeto,anche el nostro triestin, pur esendo parlà ancora da tante persone, ga inglobà molti termini dell'italian senza modificarli o trovar el corispetivo dialetale. Disemo che a Trieste oggi non esistono più quelle varianti di tipo rionale e proprie di una classe sociale, che si potevano ancora distinguere fino agli anni 50 del secolo scorso. Poi esiste anche un dialetto letterale diverso dal parlato,proprio perchè corretto per scopi caricaturali e adoperato da alcuni scrittori. Penso che anche il dialetto parlato a Trento sia una altra variante veneta.probabilmente diversa da quella che si parla a Rovereto. Anche se el post xe quel de musica legera, la lingua parlata nelle canzoni oltre che fare testo ,fa anche musica,per cui non andemo fora tema con questa nostra discusion.



Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Re: Vecia trieste

Messaggio da AdlerTS » mercoledì 30 novembre 2011, 12:31

Sicuro non xe el dialetto triestin che te pol comunemente sentir per città.


Mal no far, paura no gaver.

Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2747
Iscritto il: sabato 22 maggio 2010, 18:47

Re: Vecia trieste

Messaggio da mandi_ » mercoledì 30 novembre 2011, 13:36

Grazie Piereto te m'hai spiegà ben. Ho postato questa canzone per allegria, no per far analisi del testo. Però per mi nele canzon le parole xe importanti.
Qui c'è un gruppo musicale "vecia Trieste". Vardè che no voglio far publicità a nesun, me racomando.
Osservazioni : Se un foresto de Trieste legge il nome del gruppo musicale, si fa l'idea che tale grupo sia triestin. Se poi sempre el foresto ingenuo legge "mula - ghe gà ciapà el morbin " questi xe termini triestini, no veneziani, me par.
Conosco abbastanza ben il Veronese e anche il dialeto veneziano. Sento nela canzon certi modi di parlare o inflessioni veronesi e anche veneziane.
Non avendo molta dimestichezza col parlare triestin"vero" ma solo del dialeto scrito, ovviamente se pol sbagliar.
Ma allora perchè sto gruppo nol canta n triestin vero, se i xe dati n nome così? No me par così dificil! Giustamente te disi Piereto, se mi dovesse cantar na canzon , no userìa dialeto e inflessioni diversi dalla zona dove abito, anche se la metrica e la rima deve esser comodade!
Mandi


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1914
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Vecia trieste

Messaggio da Piereto » mercoledì 30 novembre 2011, 15:03

Forsi xe el testo de la canzon che i canta che me ga convinto che noi xe triestini butandome fora strada. Ma i disi che i va a Foian (foliano) in privata,ecc Se l'autor iera triestin iera più facile che el disesi vado a roian in osmiza .



Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Re: Vecia trieste

Messaggio da AdlerTS » giovedì 1 dicembre 2011, 12:33

mandi_ ha scritto:Ma allora perchè sto gruppo nol canta n triestin vero, se i xe dati n nome così?
Non è il dialetto corrente, ma non è detto che non sia dialetto triestino di un po' di tempo fa. Non ricordo bene dove, ma un giorno, confrontandoci con i forumisti che vivono in Australia, abbiamo evidenziato che il dialetto che hanno portato via negli anni 50 non è quello di oggi. Per esempio per dire "braccio" e "immondizie" oggi tutti dicono "brazo" e "scovaze", mentre gli "australiani" continuano a dire "brasso" e "scovasse", una forma che oggi si usa nel goriziano.


Mal no far, paura no gaver.

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4022
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Vecia trieste

Messaggio da Ciancele » giovedì 1 dicembre 2011, 19:06

Vecia Trieste
Agli australiani va aggiunto anche il sottoscritto che non parla più il triestino dal 1953, eccetto in soliloqui. Voi vi meravigliate del mio triestino ed io del vostro.



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1914
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Vecia trieste

Messaggio da Piereto » giovedì 1 dicembre 2011, 20:35

Più una lingua xe viva,più la tendi a adatarse ai tempi,e cusì la cambia modi de dir ,e i vocaboli pol risultar storpiadi per chi che xe vecio,ma i par giusti e coreti per i giovini. Credo che Baba me darà ragion, ela che la iera a scola.L'ultima generazion con cui la gaveva a che far,parlava diverso da come che la parlava ela co la gaveva la loro età.Cusì el dizionario Doria xe oramai sorpasà,ma el xe valido ancora perchè nel fratempo el xe diventà storico. Comunque se trovemo in un post musicale ,e a le volte se riva anche a crear nove parole proprio per mantinir i ritmi. Se gavè scoltà qualche volta el mago de Umago,quando che mama rai se degna de trasmeter in dialeto, el parla un triestin che no esisti.Xe una lingua inventada per el personagio. Solo chi che lo scolta e no sa podesi pensar che se parla cusì a Trieste.



Rispondi

Torna a “Musica legera”