Qualche idea sula gramatica

Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Rispondi
Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 6857
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Qualche idea sula gramatica

Messaggio da sono piccolo ma crescero » sabato 27 maggio 2017, 10:00

Mi no son specialista, no so pensar a regole dela sintassi del dialeto triestin. So pensar in picio.

Alora parlemo de declinazion dei nomi e dei agetivi. Meto zo due regole e po coregeme o integrè come che va per meio

se i nomi maschili finisi in
  • o alora el feminil, se el xe, finisi in a, el plural maschile in i e el plural feminile in e, come in italian
    Esempi Malignazo, malignaza, malignazi, malignaze.
  • consonante alora el feminil, se el xe, zonta la a, el plural maschile la i e el plural femminile la e
    Esempi Paron, parona, paroni, parone; tacadiz, tacadiza, tacadizi, tacadize.
  • se però el finisi in l alora el feminil zonta la a, el maschil plurale cambia la l in i, el plural feminile zonta la e
    Esempi Bel, bela, bei, bele; tandul, tandula, tandui, tandule. Ecezion:... feminil!
  • se xe un participio pasato che finisi in u, el femminile fa uda, el plurale maschile ui o udi, e el plurale femminile ude.
    Esempi Batù, batuda, batui, batude.


Ve vien in testa altre regole? Rompeve un poco la testa, coragio.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
sum culex
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 5946
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:45
Località: Trieste - Rozzol

Re: Qualche idea sula gramatica

Messaggio da sum culex » sabato 27 maggio 2017, 19:02

Me par che vadi tuto assai ben!! De più no me vien in mente altre robe....
Go la testa za bastanza rota de mio senza dover rompermela ancora de più :evil: :twisted:
ciao
sum culex



Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10737
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: Qualche idea sula gramatica

Messaggio da Nona Picia » lunedì 29 maggio 2017, 9:47

Zercherò de strucar el mio zervel e quel de mio marì che co el vol el trova tante robe... ;--D


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 6857
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Qualche idea sula gramatica

Messaggio da sono piccolo ma crescero » martedì 30 maggio 2017, 7:02

Go comincià a vardar come che fa el plurale i nomi maschili.

Nomi maschili che finisi per a (pochi)
  • Balista -> Balisti.
  • Deca e Gua -> indeclinai, i continua anche al plurale a far Deca e Gua.
  • Imbriaghela -> Imbriaghele.
  • Dopo ghe xe le parole composte. Secondo voi Capoganga, capostazion (no finisi per a ma va ben lo steso) e caplolinia fa al plural capiganga, capistazion e capilinia o inveze capoganghe capostazioni e capolinie? A mi me sona meio la seconda version.
Nomi maschili che finisi per e (un pochi de più)
  • Bofice, Calice, Fulminante, Pese e Vanzume: plurale in i, bofici, calici, fulminanti, pesi, vanzumi.
  • Eme, Fapunte, lecapie, pie: indeclinai.
  • Go dubi su cazavide e pare. El plural xe cazavidi e pari, o xe indeclinai (mi saria più per la seconda).
  • Rivè a trovar dele regole generali per spiegarghe a un che no xe triestin come che vien fora sti plurali diversi?
Nomi maschili che finisi per i (no tanti, ma gnanche pochi): basabanchi, popoci, rompi, tananai, timestufi, zavai, tuti indeclinai.

Nomi maschili che finisi per o (tanti) e per fortuna facili: plural in i.

Nomi maschili che finisi per u (si ghe ne xe)
  • babau, fifiu, pipià: indeclinabili
  • po ghe xe tuti i participi pasati, batu, bevù, piasù, ... cha fa batudi, bevudi, piasudi ma anche batui, bevui, piasui
  1. Me cavè i dubi e coregè i sbagli?
  2. Rivè a trovar dele regole in maniera de poderghe dir a un che no xe de Trieste come che se fa i plurai?
  3. Se volè portarve avanti col lavor, podè cominciar a zercar regole per tuti i nomi che finisi in consonante. Basta che ve scarighè zo el pdf https://www.atrieste.eu/Pdf/VocabolarioTS.pdf e ghe domandè de trovarve, per esempio, i nomi maschili che finisi in c: sula lente de ingradimento (o con ctrl/F) ghe scrivè c s.m. e lui ve li trova tuti (e vederè che casin che xe a imaginarse una regola).


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10737
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: Qualche idea sula gramatica

Messaggio da Nona Picia » martedì 30 maggio 2017, 7:38

Caor SPM, che lavoraz de chebe!


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 6857
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Qualche idea sula gramatica

Messaggio da sono piccolo ma crescero » giovedì 1 giugno 2017, 5:02

Secondo voi le parole che finisi in ico: amarotico, astico, sufistico le fa el plural come che le faria in italian (amarotici, astici, sufistici) o le lo fa in ichi, amarotichi, astichi, sufistichi?

A mi me par che vadi tuti due, in particolar me par de 'ver sentido astichi (i astichi dele tirache), ma probabilmente se xe vero o per un xe vero per tuti. Go l'impression che el plural in ci sia un "prestito" dela lingua italiana.

Al di la, comunque, de considerazioni "storiche" (cioè del ver sentido dir) voi, ogi, disè "amarotichi" o "amarotici", "astici" o "astichi", "sufistici" o "sufistichi"?


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10737
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: Qualche idea sula gramatica

Messaggio da Nona Picia » giovedì 1 giugno 2017, 8:59

Per quel che riguarda "astico" al plurale fa "astichi" de sempre e cussì penso anche i altri...e go sentì in dialeto anche "elastichi", non come persone elastiche ma come astichi


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1794
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Qualche idea sula gramatica

Messaggio da Piereto » giovedì 1 giugno 2017, 19:08

Per mi el lastico fa al plurale lastici. Quanto ad astico mi lo go inteso sempre ciamar in dialetto astise e plurale astisi.



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 6857
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Qualche idea sula gramatica

Messaggio da sono piccolo ma crescero » giovedì 1 giugno 2017, 20:49

Piereto ha scritto:Per mi el lastico fa al plurale lastici. Quanto ad astico mi lo go inteso sempre ciamar in dialetto astise e plurale astisi.
Per mi xe due parole diverse: elastico, astico e lastico xe una parola. E anche mi, come ti, al plural go fato astici e sufistici (ma me par de 'ver sentido, e Nona Picia me conferma, la version astichi e sufistichi, in un dialetto forsi più popolare e meno ligado ala lingua italiana).

Astise, nel senso de astice, fa anche per mi, al plural solo astisi


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3689
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Qualche idea sula gramatica

Messaggio da Ciancele » venerdì 2 giugno 2017, 10:24

Caro Son Piccolo Ma Crescerò, par mi coi singolari te ga fato tuto giusto. Per i plurali xe un poco diverso. Se te scrivi capostazioni vol dir che el mato xe el capo de tante stazioni. Capistazion vol dir inveze che ognidun xe capo de una sola stazion. Pai nomi che finisi in ico xe più caligo. Amarotico no go mai sentido. Se xe un poco amaro noi diseimo amarognolo. De sufistico no go mai usà el plural. Astico e lastico diseimo astichi e lastichi. Co’ l’articolo indeterminativo diseimo un astico, con l’articolo determinativo el lastico. Astise e astisi mai sentì. Astice, totani, telline ecc. no esisteva nel mio vocabolario. Par noi iera granzi, caramai e caparozoli e no ocoreva che se struchemo la glava par dir giusto. Co’ studiavo gnoco i me contava che i sostantivi maschili che finisi in –er, -el, -en i resta invariati al plurale. E adeso vien la famosa parola: “ECEZIONE” e i me contava che anca due nomi feminili (Tochter e Mutter) i fa compagno e no come i altri feminili che ciol una “n”. Una ecezione. Ai non triestini spieghighe che qualche sostantivo fa una ecezion e fa el plurale in altro modo. Trieste xe stada sempre una ecezion: i abitanti de Torino, Milan e Udin i fa torinesi ecc. I triestini no. E gnanca i furlani. No xe facile spiegar le ecezioni. Consolite.



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 6857
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Qualche idea sula gramatica

Messaggio da sono piccolo ma crescero » sabato 3 giugno 2017, 16:55

Pensavo che se poderia meter stapagina tra le pagine wiki del dialeto e sul vocabolario. No steve far scrupoli a dirme che no va ben e a coreger.
La declinazione dei sostantivi e degli aggettivi
Nei vocabolari, quando una parola si declina al plurale o al femminile, compare sempre la forma maschile singolare. Abbiamo raccolto qui alcune regole che possono aiutare chi non parla il dialetto a declinare una parola o, soprattutto, a trovare sul vocabolario una parola letta o sentita declinata. Nel riportare le forme non abbiamo fatto riferimento solo al dialetto “duro e puro”, ma anche a forme più italianeggianti che si vanno sempre più diffondendo.
  1. Generalmente le parole che terminano per o sono maschili singolari e fanno il plurale in i. Quelle che terminano in a sono femminili e fanno il plurale in e; la sostituzione della vocale terminale a←→ o ne cambia, se è il caso, il genere. Ci sono, naturalmente delle eccezioni: balista è maschile e fa il plurale in balisti, deca e gua sono maschili e sono indeclinabili; imbriaghela può essere sia maschile che femminile e fa al plurale imbriaghele; saltimpanza è indeclinabile.
  2. Non risultano, invece, parole di genere femminile che terminano in o. Alcune che figuravano come tali in precedenti edizioni del vocabolario erano conseguenze di errori di battitura.
  3. Più complesso è il caso in cui la parola termina in e. Se è una parola che compare sempre al plurale, come braghe, resta indeclinata. Se ammette un genere maschile e femminile, di solito resta invariata (butacarte, tazaanime, …). Il plurale, di norma, finisce in i, indipendentemente dal genere: fulminante→fulminanti, intrigante→intriganti, pese→pesi, pevere→peveri, sbigolite→sbigoliti, soranome→soranomi, stante→stanti, vanzume→vanzumi … Invariato è il plurale, invece, quando si tratta di parole composte la cui seconda parola è già al plurale: butacarte, scansafadighe, taiaforfe, tazaanime … .
  4. Ci sono, poi, parole che terminano, al singolare, in i; sono indeclinabili: basabanchi, cimberli, popoci, rompi, tananai, timestufi, zavai, …
  5. Articolato è anche il caso delle parole che terminano in u; alcune sono indeclinabili: babau, fifiu, pipiu. Poi però ci sono i participi passati che derivano dalla perdita della desinenza …do: bevudo→bevù, piasudo→piasù, vignudo→vignù … Al plurale maschile aggiungono la i: bevui, piasui …. La perdita della desinenza si ha solo al maschile; al femminile sempre …uda e, al plurale, …ude.
Moltissime parole terminano in consonante.
  1. Terminazione in c dura: sono parole di genere maschile, per lo più anche se non esclusivamente, di origine tedesca o slava, e restano indeclinate: clabuc, pec, rusac, … . Qualcuna accetta anche un plurale italianeggiante in …chi: pirulic→pirulichi, sluc→sluchi, scric→scrichi, zacagnac→zacagnachi.
  2. Terminazione in c dolce: se sono di origine onomatopeica, come ploc, restano invariate, se sono troncature di parole neolatine, fanno il plurale aggiungendo la i, mostric→mostrici, scaraboc→scaraboci, strafanic→strafanici,  se esiste un  femminile lo fanno in …cia e al plurale in …ce; alcune ammettono anche per il maschile la finale in …cio; così mostric, che si può trovare anche come mostricio, al femminile fa mostricia ed al plurale mostrici e mostrice.
  3. Ci sono parole che terminano in f (calif, cuguluf, puf, slaif, …) che sono indeclinabili. La parola cif può fare al plurale cifi.
  4. Numerosissime parole terminano in l. La regola generale è che se il maschile singolare termina in l, il maschile plurale sostituisce la l con la i, il femminile singolare aggiunge la a, il femminile plurale aggiunge la e: papagal→papagai→papagala→papagale, pisdrul→pisdrui→pisdrula→pisdrule, … . Ci sono, naturalmente, molte eccezioni; chifel, stifel, tartaifel, di origine tedesca, restano indeclinati, fil→fili… .
  5. Terminano in m poche parole (brum, sbrataverum,…) e sono indeclinabili.
  6. Terminazione in n: se di genere maschile fanno il plurale in …ni, al femminile, se è il caso, terminano in …na ed al plurale in …ne: teston, testoni, testona, testone. Importantissima eccezione la parola man, che è indeclinabile.
  7. Terminano in r moltissime parole maschili singolari. Il plurale si fa, di regola, aggiungendo la i, il femminile singolare e plurale aggiungendo la a o la e rispettivamente. Anche qua ci sono le eccezioni; indeclinabili sono angar, asur, caiser, smir, … .
  8. Le parole che terminano per s sono, di norma indeclinabili: apis, garas, lais, pens, straus, tarlis, tus … . Fanno eccezione bus che, derivando da buso, si declina come quest’ultimo e mus, l'asino, che fa musi, musa, muse.
  9. Terminano in t molte parole di genere maschile che restano indeclinate: amblet, flit, gloriet, marot; alcune si declinano aggiungendo la i: così misiot fa misioti, scagot fa scagoti, e così via.
  10. Le parole che terminano in z, come quelle in s, restano o indeclinate, se di origine slava o tedesca: brivez, bubez, chez, clanz, presniz, viz, … o declinate al solito con l’aggiunta delle tre terminazioni vocaliche i, a, e (fioluz→fioluzi→foluza→fioluze, ominaz→ominazi, sghiribiz→sghiribizi, tremaz→tremazi,…)
Le parole che terminano in …cia e …gia, i cui plurali sono croce e delizia della lingua italiana perché non si sa mai se vogliono la i o meno, in dialetto fanno il plurale, se esiste, sempre in …ce e …ge: canocia→canoce, ongia→onge, pus’cia→pus’ce, recia→rece, tecia→tece, … .

Le parole che terminano in …ca, fanno, di norma, il plurale in …che (flica→fliche) e quelle che terminano in …co lo fanno in …chi, anche se per alcuni ormai è diffusa la versione italianeggiante in …ci (astico→astichi, ma elastico→elastici e sufistico→sufistici).


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34419
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Qualche idea sula gramatica

Messaggio da babatriestina » domenica 20 agosto 2017, 8:34

Più sintassi che grammatica... l'uso abbondante della preposizione in anche quando non si entra..
Andar in Carso per andare sul Carso
andar in Riva per recarsi sulle Rive


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 6857
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Qualche idea sula gramatica

Messaggio da sono piccolo ma crescero » domenica 20 agosto 2017, 9:03

babatriestina ha scritto:Più sintassi che grammatica... l'uso abbondante della preposizione in anche quando non si entra..
Andar in Carso per andare sul Carso
andar in Riva per recarsi sulle Rive
Ma questo lo go sentido prime de tuto in italian.

"Noi in IBM non abbiamo licenziato mai nessuno" (frase che me xe stada dita al primo colloquio per l'assunzion all'IBM (che po' go rinuncià perché no volevimo andar via de Trieste).
"In Fiat noi..." sentita da Marchionne.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34419
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Qualche idea sula gramatica

Messaggio da babatriestina » domenica 20 agosto 2017, 9:22

questo sta per " alla" ma non per " sopra" e in fondo anche per " all'interno di" cioè tolgono l'articolo e usano la preposizione sola al posto di quella articolata. mentre noi usiamo una preposizione diversa.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
sum culex
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 5946
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:45
Località: Trieste - Rozzol

Re: Qualche idea sula gramatica

Messaggio da sum culex » lunedì 21 agosto 2017, 18:20

Sopra per mi diventa sora: sora la tola = sopra il tavolo
All'interno di : drento el (al) scartozo = all'interno del cartoccio
Spero che sia quel che te intendevi.
ciao
sum culex



Rispondi

Torna a “El nostro dialeto”