Pagina 2 di 2

Inviato: mercoledì 3 giugno 2009, 12:48
da AdlerTS
Se in questi giorni vi imbattete in una persona che gira per i boschi qua attorno, non allarmatevi e non pensate che si sia perduta: si tratta di un energico signore di 62 anni che ha deciso di passare da Muggia per arrivare a Genova passando tutte le Alpi a piedi. :shock:
La sua avventura si può seguire su

http://via-alpina-2009.blogspot.com/

Basovizza 1932

Inviato: giovedì 7 gennaio 2010, 18:55
da unapsicanalisi
foto ciapada da mio papà

Immagine

[mod] spostato da topic "Basovizza 1932" [mod]

Inviato: mercoledì 10 febbraio 2010, 14:15
da babatriestina
Altri cippi di boschi carsici:
Bosco comunale Stossich, 1890 lungo il sentiero n 3, sotto il Monte Franco
Immagine
dettaglio dell'alabarda.
Il cippo è ben visibile, a attorno ci sono parecchi rovi
Immagine
Bosco comunale Kandler, 1861[/b], lungo la strada carrozzabile fra Trebiciano e Banne
Immagine
con tracce di colore ( rosso sull'alabarda???)

Inviato: mercoledì 10 febbraio 2010, 16:56
da 1382-1918
babatriestina ha scritto:con tracce di colore ( rosso sull'alabarda???)
Di sicuro qualcuno si è divertito, ma ha sbagliato, dipingendo l'alabarda invece dello sfondo. Anche se non andrebbe dipinto nulla!

Sul cippo del bosco Stossich si vede tra l'altro chiaramente che lo sfondo è a righe verticali, che in araldica monocromatica significa "rosso".

Re: I boschi del Carso

Inviato: giovedì 24 giugno 2010, 17:19
da selvadigo
Cippo bosco Lanzi a nord-est dela dolina Gladovica vizin Trebiciano

Immagine

Re:

Inviato: domenica 13 febbraio 2011, 19:08
da babatriestina
babatriestina ha scritto: questo invece xe un cippo meno curado, ze el Salzer, sula stradetta che dei campi de golf e de tennis porta a Padrice, là del bosco
Immagine
el particolar de l'alabarda consunta
Immagine
e el nome salzer cola data apena legibile

Immagine
Per confronto, come el xe oggi, con tutta la zona rifatta coi fondi europei:

Immagine

Immagine
xe anche le righine che vol indicar el fondo rosso.
Solo.. :?: perchè prima xe la data 1894 e sotto invece xe MCMV cioè 1905 ?

F I xe fondo imboschimento, la seconda parte dei boschi,
Qua, el sarà stado Comunal, ma xe pien de cartei che disi proprietà regionale!

Re: I boschi del Carso

Inviato: domenica 13 febbraio 2011, 19:14
da babatriestina
Sempre coi fondi comunitari, i sentieri xe slargai, segnai, pienid e cartei come questo che descrivi el bosco
Immagine
e anche spiega chi che iera Salzer

Immagine

El bosco vicin xe indicado come Bosco Pucich spiegando che iera un dela Forestal che ga fatto tanto per la Commission Rimboschimento. Mi nelle mie liste stonome no lo trovavo, e su una carta go trovado una spiegazion: el iera stado po rinominado, come che xe sui cippi. Bosco Venezian!
Epurazion? ripristino? 8)

Un cippo molto simile come stile, ma recentissimo xe nel bosco Salzer, vicin de l'ingresso della grotta de Padriciano e xe el Cippo del TIGR
Immagine

Re: I boschi del Carso

Inviato: lunedì 7 marzo 2011, 14:55
da babatriestina
Bosco Rossipal sul sentiero n 2 da Trebic alla sella Marchesetti:
Immagine
chi era costui?
dettaglio dell'iscrizione:
Immagine
B.C ( Bosco Comunale)
1885 ROSSIPAL MCMVII cioè 1907
Da un tabellone:
Immagine
quindi incominciato nel 1885 e intitolato nel 1907 , 22 anni dopo.. :?:
mi quoto, dall'elenco dei Boschi Comunali:
10 V Capuano (1748 1795) filosofo e matematico difensore del Farneto Padric Trebic pini neri 1860
e invece dai Fondi Imboschimento
commissione rimboschimento: 1882 1918
l boschi sono contrassegnati da F I Fondo imboschimento

Angeli a Barcola
Pretis e Bazzoni a Basovizza
Salzer a Padriciano
De Rin e Rossipal a Trebic
come se avessero riciclato un cippo del B.C. Capuano per dedicarlo a Rossipal... oppure hanno messo il B:C anche dopo i 18 boschi comunali originari.

Re: I boschi del Carso

Inviato: domenica 3 febbraio 2013, 21:48
da babatriestina
Bosco Comunale Rossetti, fra Banne e la Sella di Banne 1862

Immagine

Re: I boschi del Carso

Inviato: domenica 12 febbraio 2017, 20:22
da babatriestina
Un cippo che ci mancava, ed è sulla strada!
il Mauroner del 1842 a Banne, nel muretto davanti alla scuola
Immagine
e quella specie di stella incisa sopra lo stemma alabardato?

Re: I boschi del Carso

Inviato: lunedì 30 ottobre 2017, 20:01
da babatriestina
Finora abbiamo parlato soprattutto dei boschi artificiali e del rimboschimento.
ormai il tempo è passato ed i boschi si nono ben insediati e anche la bora dicono che non si a più quella di una volta grazie anche alla loro opera.
E invece sta prendendo piede la boscaglia carsica, quella originale, che le pinete dovevano favorire. Al punto che adesso la crescita dei boschi sta riducendo la landa carsica con la sua ricca flora ed hanno concesso parecchie zone di pascolo , sia per gli allevamento liberi che per ridurre un po' la vegetazione.

La flora carsica , che si diversifica a seconda del terreno, dell'esposizione e della quota, è dovuta all'incontro di tre provenienze: vegetazione mediterranea da sud, nordeuropea ovviamente da nord e illirica dalla penisola balcanica. Questo ne caus a la sua biodiversità, insediata ora da piante alloctone invadenti.

La boscaglia carsica, che si è riformata o conservata, è di latifoglie e le specie più diffuse , divise poi per sottospecie di habitat, sono il carpino nero, Ostria carpinifolia, l'orniello Fraxinus ornus, https://www.atrieste.eu/Forum3/viewtopic.php?t=3072 le diverse querce ( Roverella, rovere https://www.atrieste.eu/Forum3/viewtopi ... 88&p=88596 e cerro https://www.atrieste.eu/Forum3/viewtopi ... =26&t=6178 soprattutto) a cui si aggiungono Aceri https://www.atrieste.eu/Forum3/viewtopi ... =26&t=6604 e tigli selvatici https://www.atrieste.eu/Forum3/viewtopi ... =26&t=4126.
Gli arbusti sono costituititi da ciliegio canino, scotano https://www.atrieste.eu/Forum3/viewtopic.php?t=1329 , noccioli, cornioli, https://www.atrieste.eu/Forum3/viewtopi ... cornus+mas https://www.atrieste.eu/Forum3/viewtopi ... =26&t=6608 ligustro, biancospino. Una caratteristica è la presenza a terra di graminacee che dà la sensazione di prato: soprattutto la Sesleria autumnalis

Alcune immagini della boscaglia in zona Lanaro:

Immagine
zona recintata

bosco fitto recintato
Immagine

Immagine

Re: I boschi del Carso

Inviato: lunedì 30 ottobre 2017, 20:02
da babatriestina
Grandi querce
Immagine

Immagine

questo ,i pare sia carpino
Immagine

Re: I boschi del Carso

Inviato: lunedì 30 ottobre 2017, 20:05
da babatriestina
aceri
Immagine

curiose querce unite fra loro
Immagine

una radura contornata da Cerri

Immagine

Re: I boschi del Carso

Inviato: lunedì 30 ottobre 2017, 20:06
da babatriestina
mentre fra Rovere e Roverella a volte non è facile distinguere, i cerri si riconoscono dalla cupula
Immagine
e anche da striature rosse sul tronco

Immagine

Re: I boschi del Carso

Inviato: lunedì 15 aprile 2019, 20:01
da babatriestina
In effetti, i naturalisti discutono la funzione attuale dei boschi di pino nero: s e la pianta si è rivelata provvidenziale per un primo rimboschimento, adesso si trova in situazione critica soprattutto dove è stata piantata in clima troppo caldo per lei: le pinete in zone basse e soleggiate soffrono, anche di attacchi di parassiti o infestanti come la processionaria, per di più il sottobosco che si è formato è principalmente formato da rovi, pensate alle zone attorno a monte Grisa... e confrontatele con le boscaglie carsiche con la base ricoperta di erba!

Re: I boschi del Carso

Inviato: lunedì 15 aprile 2019, 20:04
da babatriestina
e poi invece ci sono i boschi del Carso montano, che vediamo soprattutto oltreconfine, nei grandi boschi dei monti tipo Taiano, Auremiano e Nanos, che essendo più alti vedono la presenta montana del faggio.
Il faggio nel Carso triestino si trova spontaneo solo in qualche zona del Goli e del Cocusso, oltre che negli impianti artificiali del Porenta e del Koller.

Re: I boschi del Carso

Inviato: lunedì 15 aprile 2019, 20:48
da babatriestina
E poi c'è invece la boscaglia termofila, mediterranea, nelle zone basse esposte al sole e al riparo della bora: lecci, allori, terebinti, e pià sopra l'onnipresente carpino nero , orniello e acer monspessulanus