1914-2014 Commemorazioni

soprattutto in relazion a Trieste
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Re: 1914-2014 Commemorazioni

Messaggio da AdlerTS » lunedì 21 luglio 2014, 19:55

Giro volentieri questo annuncio:

Lunedì 28 Luglio presso la stazione ferroviaria di TRIESTE CENTRALE alle ore 11,30 sul marciapiede del binario 9 (lato Viale Miramare).

INAUGURAZIONE DEL CIPPO A RICORDO DEI SOLDATI DELL' EX LITORALE AUSTRIACO PARTITI DAL QUEI BINARI PER IL FRONTE ORIENTALE NEL 1914.

Con la partecipazione del quintetto di ottoni della Banda San Paolino di Aquileia, in uniforme storica.

Si prega gentilmente di dare la massima diffusione.


Immagine


Mal no far, paura no gaver.

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34753
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: 1914-2014 Commemorazioni

Messaggio da babatriestina » lunedì 21 luglio 2014, 20:08

domanda che me vien in mente adesso:
perchè per partir per el fronte a est i xe partidi de quela stazion che xe a ovest e no dela Transalpina?


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2733
Iscritto il: sabato 22 maggio 2010, 18:47

Re: 1914-2014 Commemorazioni

Messaggio da mandi_ » lunedì 21 luglio 2014, 22:23

Bellissima immagine d'epoca. Soldati con divise impeccabili, pronti a partire per la guerra. Ma son solo io che guardando la foto provo pena per quelle povere persone che dopo pochi mesi soffrirono pene indicibili, strisciando nel fango, vedendo cadere i propri amici o morendo o restando invalidi per tutta la vita? E quelli che tornarono indenni, cosa avranno provato nell'anima?
Spero che il cippo ricordi che la guerra è costringere uomini ad ammazzare altri uomini, che la guerra è dolore e che le divise fan presto ad imbrattarsi di sangue.
Vorrei che le commemorazioni servissero soprattutto a ricordare questo inutile, enorme sacrificio di vite umane.


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry

Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10814
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: 1914-2014 Commemorazioni

Messaggio da Nona Picia » mercoledì 30 luglio 2014, 18:31

A proposito de comemorazioni dela Grande Guerra, go messo in attualità triestine, ma meto anche qua

Immagine

Immagine

Immagine


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1828
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: 1914-2014 Commemorazioni

Messaggio da Piereto » mercoledì 27 agosto 2014, 9:14

Giorni fa iero a Spittal in Carinzia e go visità in castel una mostra su la grande guera, e ve meto alcune foto.
Quela ultima foto sul debito publico de guera me ga fato pensar a quanta gente che xe sopravisuda a la guera e che xe rimaste co un pugno de mosche in man, tanti poveri veci senza pension (che no ghe iera le pensioni de ogi ) a far leteralmente la fame, portadi via anche da la spagnola.
BT se gà domandà perchè i triestini xe partidi da la stazion centrale e no dalla transalpina. Mi credo perchè la linea direta per Viena per andar in Galizia iera quela de la sudbahn e poi a Viena oltre la piaza de arivo iera l'altra stazion de la Nordbahn anche ela de la stesa proprietà privata (Rothschild). La Transalpina iera proprietà de lo Stato. Co se gà costruido le linee feroviarie a partir del 1835 in un primo tempo se le voleva tute de proprietà statale, ma po la monarchia no gaveva bori perchè la iera impegnada co le guere, e alora se gà lasar far ai privati.
foto .jpg
foto .jpg (55.92 KiB) Visto 1240 volte
canoni pronti a partir per ferovia.jpg
canoni pronti a partir per ferovia.jpg (57.44 KiB) Visto 1240 volte
partenza per el fronte da Spittal.jpg
partenza per el fronte da Spittal.jpg (77.41 KiB) Visto 1240 volte
ritorno a Spittal.jpg
ritorno a Spittal.jpg (57.88 KiB) Visto 1240 volte
Allegati
cartella debito pubblico .jpg
cartella debito pubblico .jpg (85.63 KiB) Visto 1240 volte



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1828
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: 1914-2014 Commemorazioni

Messaggio da Piereto » mercoledì 27 agosto 2014, 9:16

Ve meto altre do foto
riciamadi.jpg
riciamadi.jpg (48.42 KiB) Visto 1240 volte
curiosa alleanza de chi che xe sta per secoli in guera.jpg
curiosa alleanza de chi che xe sta per secoli in guera.jpg (51.29 KiB) Visto 1240 volte



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34753
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: 1914-2014 Commemorazioni

Messaggio da babatriestina » mercoledì 27 agosto 2014, 12:31

Piereto ha scritto: BT se gà domandà perchè i triestini xe partidi da la stazion centrale e no dalla transalpina. Mi credo perchè la linea direta per Viena per andar in Galizia iera quela de la sudbahn e poi a Viena oltre la piaza de arivo iera l'altra stazion de la Nordbahn anche ela de la stesa proprietà privata (Rothschild). La Transalpina iera proprietà de lo Stato.
E xe quel che me colpisi, che per un a mobilitazion militar i gabi doprado linee private e no statali, se la Suedbahn iera ancora privata nel 1914.

Go ciapado po una cartina dei tempi de prima dela guera, con linee ferroviarie, se dovessi andar de Trieste in Galizia cole linee feroviarie de allora, no xe scampo,se devi passar per l'Ungheria, ma la via più diretta me par via Laibach, Agram, Budapest; senza intasar el snodo de Vienna...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 6978
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: 1914-2014 Commemorazioni

Messaggio da sono piccolo ma crescero » mercoledì 27 agosto 2014, 14:19

Non è detto che la strada più breve sia la migliore. Forse a Vienna c'era il coordinamento delle operazioni e là si formavano ed organizzavano i reparti da mandare al fronte.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1828
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: 1914-2014 Commemorazioni

Messaggio da Piereto » mercoledì 27 agosto 2014, 17:13

Guardando la cartela del debito publico che gavesi dovesto dar se tuto andava per el meio un rendimento del 5,5% , me domando che cambio xe sta fato quando che l'italia xe rivada a Trieste de tute le corone che gaveva in scarsela i Triestini. Un cambio de prima de la guera ( me par 1 lira e 1/2 contro una corona) opur una roba simbolica. Opur l'Italia no gà acetà le corone. So che se ga podesto cambiar l'ultimo stipendio dei dipendenti publici che iera in corone. Credo sia sta comunque milioni de lire de l'epoca.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34753
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: 1914-2014 Commemorazioni

Messaggio da babatriestina » mercoledì 27 agosto 2014, 18:32

dificile far ben i conti e i confronti, perchè tute le valute ne corso dela guera, chi più chi meno, chi prima chi dopo, se ga svalutado, o se te preferissi i prezzi xe aumentai col inflazion. Quindi se dovessi dir De lire de prima dela guera o de quele de dopo la guera? E cossa xe nato dele corone nela nova Deutschoesterreich? le xe restade precise? e quele che e stada el inflazion un per de anni dopo, se parla sempre de quela dela Germania ma papà ch e iera stado me contava de quela del Austria.. ogni giorno le sue lire valeva de più...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3802
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: 1914-2014 Commemorazioni

Messaggio da Ciancele » giovedì 28 agosto 2014, 9:46

Bongiorno a tuti. Poco, anzi gnente poso dir sul cambio, parchè no iero ‘ncora nato e parchè più de tanto no se parlava. Ma a casa mia se diseva sempre che semo taliani al sesanta percento. Mio papa contava che nono, su’ papa, clase 1859 – nel 1918 el gaveva 59 ani, no’l ciapava pension e che per zento corone i dava sesanta lire.



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1828
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: 1914-2014 Commemorazioni

Messaggio da Piereto » martedì 2 settembre 2014, 20:17

Volesi tanto che el 2014 venisi ricordà solo per la prima guera mondiale, ma le notizie che vien da l'ucraina no lasa ben sperar. Anche là me par che la storia se ripeti : confini malfati, e polazion che parla do lingue diverse, zona produtiva mineraria e fabriche e interessi economici che i due contendenti volesi solo per lori. De diverso xe che i ucraini vol molarse dall'abbraccio russo e i credi che la UE posi portar un rinovamento economico materiale e sociale fra de lori.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34753
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: 1914-2014 Commemorazioni

Messaggio da babatriestina » martedì 2 settembre 2014, 20:50

e una Nato che se missia, una Russia che zerca prestigio, una UE indecisa.. e efetivamente sta Ucraina ( ghe iero do anni fa) che xe proprio una terra de confin con tante parti diferenti una del altra ,c he dovessi esser una ricchezza e inveze par de no..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
sum culex
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 5946
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:45
Località: Trieste - Rozzol

Re: 1914-2014 Commemorazioni

Messaggio da sum culex » mercoledì 3 settembre 2014, 18:35

Come quà de noi in Istria (e anche a Trieste a suo tempo) tra sloveni croati e italiani e anche serbi. E pò xè stada un'epurazion e quasi tuti i italiani ga dovudo scampar per la persecuzion de Tito (due esempi: Un cugin de mio papà che lavorava a Fiume Nela marina militare italiana e un intiera famioglia de zaratini che per diversi ani ga abità in un toco del quartier de casa mia e de mia nona. Go conossù anche altri profughi che iera acolti nel campo de Padrician; tuti gà dovudo scampar per via dela pulizia etnica.....
Tuto el mondo xè paese e in un posto o nel altro la storia purtropo se ripeti.
ciao
sum culex

P.S.: xè un poco OT perchè riguarda la senoda guera mondial, ma se pol adatar a sto argomento.



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 6978
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: 1914-2014 Commemorazioni

Messaggio da sono piccolo ma crescero » giovedì 7 maggio 2015, 16:17

A Trieste dirsi italiani non è di moda. E per questo, prima di iniziare il mio intervento vorrei chiarire alcune cose.

I miei antenati, fino a dove posso risalire, sono tutti Istro-veneti di cultura italiana, nel senso che frequentavano le scuole italiane ed i loro cognomi erano italiani, veneti o friulani, si esprimevano in un dialetto veneto e, all'occorrenza, in lingua italiana. L'esodo dall'Istria, poi, ha senza dubbio rafforzato nei miei nonni e genitori il senso di appartenenza, quantomeno culturale, all'Italia e questo senso di appartenenza mi è stato insegnato; ammetto di averlo acquisito temperato, tuttavia, da un certo spirito critico che mi deriva dall'abitudine a pensare.

Dico tutto questo perché non vorrei essere accusato, da chi si sente fortemente italiano, di scarso senso di "appartenenza alla patria" (in definitiva mi si potrebbe ricordare che i miei nonni combatterono, anche se per obbedienza e sostanzialmente malvolentieri, con la divisa di Francesco Giuseppe) e scrivo in italiano e non in dialetto per sottolineare lo stesso motivo.

E adesso vengo allo scopo del mio intervento.

Leggo che il 24 maggio si celebrerà a Trieste l'entrata in guerra dell'Italia. Non posso che riandare, con grato pensiero, a quello che il maestro di quinta elementare, Emilio Zamola, ci disse quando gli chiedemmo come mai si festeggiasse il 4 novembre e non il 24 maggio: "si fa festa per la fine di una guerra, non per il suo inizio". Se per caso vi passasse per la testa di dubitare della sua italianità, vi ricordo che, nelle ore di musica, ci faceva cantare in classe, tre le altre cose, "il Piave mormorò".

Guardo le celebrazioni che si stanno facendo ed ho tanta perplessità e paura. Per come la vedo io, non mi sembra che ci sia da celebrare: da una parte e dall'altra, gente incompetente e/o disonesta mandò al massacro tanti poveri diavoli che avrebbero preferito la vita di stenti che facevano a casa alla vita d'inferno che si trovarono a fare. Li mandò al massacro dicendo "popoli miei guardate che cosa mi hanno fatto", "la patria vi chiama", "per la grandezza della nostra nazione", ... Il massacro fu il più grande che la storia ricordi, cominciò nel 14 e finì nel 45 (non dimentichiamo che le cause formali della seconda guerra furono generate dalle conseguenze della prima).

Quindi, vi confesserò, il 24 maggio, nel timore di trovarmi in mezzo a esercizi di vuota retorica (quanto mi piacerebbe essere smentito), girerò alla larga da dove si faranno celebrazioni: ho troppo rispetto per quei milioni di morti e per quelle sofferenze.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34753
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: 1914-2014 Commemorazioni

Messaggio da babatriestina » giovedì 7 maggio 2015, 16:57

Siamo in periodo di centenari e dal 1914 in poi ogni data è buona.. anch'io penso che sia più giusto festeggiare la fine di una guerra che il suo inizio, e vorrei dire soprattutto per l'Italia che bene o male si trovò a vincerla.
In sede locale, il 24 maggio ( e se non erro già forse il 23..) non fu una gran bella data, visti i cortei, le devastazioni concluse con l'incendio del quotidiano locale, reo di essere filoirredentista. Un brutto precedente...

per la guerra in sè, sì adesso il solo discorso che si fa è che è stata un'ecatombe, e le parole inutile strage" del papa di allora e il pacifismo imperante dalla seconda guerra in poi ci impongono di parlarne in modo critico. Ma devo aver letto un articoloda qualche parte che diceva che anche questa è una sorta di retorica ( come la precedente della vittoria etc..) che sta diventando connessa al nostro autoflagellamento della cultura occidentale attuale, per cui tutte le disgrazie ce le siamo cercate noi. Potremmo festeggiare che dopo la seconda guerra, se conflitti locali ce ne sono stati, non c'è stata più una guerra generalizzata sul continente europeo come non è avvenuto per secoli.. abbimao sentito e letto lugnhi dibattuti se la prima geurra era evitabile o inevitabile... per la seconda, il nazifascismo ha giustificato la reazione e la guerra è diventata una del Bene contro il Male ( e lo è ancora nelle commemorazioni)... quanto è giusto che giudichiamo col metro di oggi e quanto dal punto di vista storico dovremmo immedesimarci nel clima di allora?

e una mi a sensazione particolare: nel 1989 abbiamo incominciato l'anno con grandi commemorazioni del bicentenario della Rivoluzione francese, e poi gli eventisono stati tanti e tali quell'anno che lo ricordiamo per tutto altro. Ecco, non vorrei che anche stavolta, con la testa rivolta all'indietro nelle commemorazioni di 100 anni fa, ci lasciassimo sfuggire dove va il mondo attuale e cosa dobbiamo fare per migliorarlo, visto che non mi sembra che vada proprio bene..

una nota a margine del maestro di SonoPiccolo che faceva cantare la canzone del Piave a scuola ( come d'altronde Fratelli d'Italia e La campana di san Giusto, più nota come le ragazze di Trieste e anche il Va pensiero..): nei primi anni del dopoguerra , lasciato perdere la Marcia Reale, l'Italia fu formalmente priva di un ufficiale inno e il Piave era fra i candidati.. e l'inno di Mameli è inno nazionale "provvisorio" ( leggo.) dal 1946...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3802
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: 1914-2014 Commemorazioni

Messaggio da Ciancele » venerdì 8 maggio 2015, 14:57

Io sono contrario a commemorare l’inizio di una lite, perché si ricorda ad amici che abbiamo dato loro le botte. Non siamo tutti amici in una Europa unita? È meglio commemorare l’inizio di un’amicizia, il giorno in cui noi tutti abbiamo smesso di batterci ed abbiamo capito che solo l’unione fa la forza. E che il nemico è una persona simpatica, costretta a sparare contro di noi, contro la sua volontà. Sono anche contro il rimprovero ad altri di non dimostrare appartenenza. Forse questi altri dimostrano appartenenza, ma in modo diverso da quello atteso da chi rimprovera. L’importante è che, trovandosi nella medesima barca, tutti remino nella stessa direzione.
Oggi abbiamo l’8 maggio. In Francia è festa nazionale ed a questa festa vengono invitati anche gli ex nemici di oltre confine. Tutti hanno allora detto che la guerra è finita. Basta uccidere. Probabilmente queste parole sono state dette in una lingua incomprensibile, perché molti hanno continuato ad infierire su inermi. Se onoriamo i soldati caduti in guerra, dobbiamo pensare anche alle vittime inutili, diciamo innocenti, dell'immediato dopoguerra.
Si sa che una gara ciclistica del 1. maggio è stata sospesa in Germania a causa del pericolo di attentati. Un tale avrebbe detto che i civili sono parte del popolo che opprime altro popolo e pertanto vanno combattuti, con attentati. Auguratemi che abbia capito male il tedesco.
I due arrestati (l’uomo extracomunitario naturalizzato tedesco e la donna extracomunitaria), con due bambini piccoli a carico, non hanno lavoro e percepiscono un sussidio dal comune. Sono incolpati di aver voluto costruire una bomba, da usare contro gli spettatori. Per gratitudine? Quale ringraziamento a chi dà loro, ed ai due bambini, da mangiare? Queste sono le domande che si fa la gente, e scuote il capo.



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1828
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: 1914-2014 Commemorazioni

Messaggio da Piereto » sabato 9 maggio 2015, 12:40

Per principio saria de no ricordar le guere vinte e inveze ricordarse de quele perse, e po far un pensier sui perchè se le combati, e veder se anche ogi pol valer le stese "giustificazioni" de quela volta, e veder se el mondo dopo le guere xe cambià in meio. Per guere intendo anche qualsiasi tua affermazion de principio, che un altro essere umano inveze vol anular. Quanto ai inni patriottici de memoria scolastica citadi de BT, volevo ricordar che anche quando che ghe iera el regno d'Italia no esistiva un inno d'Italia ,ma se podeva cantar indifferentemente la marcia reale o inno dei Savoia, opur Fratelli d' Italia. Xe de pochi anni fa che el parlamento gà definitivamente stabilì che Fratelli d'Italia xe l'inno ufficiale della repubblica italiana.



Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3802
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: 1914-2014 Commemorazioni

Messaggio da Ciancele » sabato 9 maggio 2015, 12:57

Una volta se comemorava el 9 magio. Cosa xe suceso in quel giorno?



Nini Naridola
distinto
distinto
Messaggi: 1496
Iscritto il: domenica 10 giugno 2012, 17:32

Re: 1914-2014 Commemorazioni

Messaggio da Nini Naridola » sabato 9 maggio 2015, 13:09

Penso, se no vado errato, la proclamazione dell'Impero (1936)



Rispondi

Torna a “La prima guera mondial”