la fame a Trieste nella 1 guerra mondial

soprattutto in relazion a Trieste

la fame a Trieste nella 1 guerra mondial

Messaggioda babatriestina » giovedì 13 aprile 2006, 15:34

Quando che, a casa , quei che la ga vissuda, me parlava dela prima guerra mondial ( 3 persone), i me parlava soprattutto dela fame. In un certo senso, a lori la prima guera pareva che li gavessi impressionai più che la seconda con tuti i bombardamenti. Ma quel che mi credevo , xe che la fame fussi vegnuda verso la fin, come che diseva papà mio L'Austria ga perso la guerra per fame.
Inveze legendo Slataper ( le sue notre de inviato per el resto del Carlino) e el libro su Svevo, par che la fame xe vegnuda subito, ancora prima de l'ingresso in guera de l'Italia;el libro su Svevo conta che el 20 aprile 1915 xe stada una manifestazion per strada con fazzoletti bianchi, domandando pan e pase, la polizia xe intervegnuda per bloccar la protesta.
Ancora Svevo conta che ala manifestazion del 23 maggio ( quela de l'incendio al Piccolo) una baba ghe ga dito " Noi semo tutti italiani, Ma i' ne la ga fata tropo sporca. Farne la guera dopo che sofrimo tanto de diese mesi".
Domando:
1 xe vero sta storia dela fame za in principio?
2 se sì, a cossa la iera dovuda?
3 xe vero che nella transLeithania ( Ungheria) inveze no xe stadi sti problemi?

( papà me diseva che al ofensiva de Caporetto i ghe ga dito: andè, che nele postazioni dei italiani troverè de magnar... e i ga sfondado)
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
 
Messaggi: 27385
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggioda AdlerTS » venerdì 28 aprile 2006, 23:00

Go letto che sicome i gaveva bombardado l'acquedotto, in piazza delle Legna (Goldoni) i gaveva messo tante botti delle fabrica Dreher piene de acqua potabile per darghe de bever alla gente.

Mai vista una foto in proposito, però :roll:
Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
 
Messaggi: 9560
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggioda babatriestina » sabato 29 aprile 2006, 5:29

AdlerTS ha scritto:Go letto che sicome i gaveva bombardado l'acquedotto, in piazza delle Legna (Goldoni) i gaveva messo tante botti delle fabrica Dreher piene de acqua potabile per darghe de bever alla gente.

Mai vista una foto in proposito, però :roll:
tien conto che i mii stava za di fronte de Piazza Goldoni, no i me ga mai contado gnente del genere.
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
 
Messaggi: 27385
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

la prima guerra mondiale

Messaggioda refolo » sabato 29 aprile 2006, 9:57

I mii veci, diseva sempre che la fame iera relativa, ma chi che iera sotto l'arma dei Bersaglieri-Alpini i li ciamava ( come oggiddi' i Inglesi,) el popolo dei 5 pasti.
Maria aka Refolo
refolo
 

Re: la prima guerra mondiale

Messaggioda babatriestina » domenica 30 aprile 2006, 21:13

refolo ha scritto:, ma chi che iera sotto l'arma dei Bersaglieri-Alpini
ma.. ara che stemo parlando dela prima guera.... o te sta parlando dela seconda guera? ( nela quale i Alpini in Russia no se la ga passada propio tanto ben... :'-( )
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
 
Messaggi: 27385
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggioda serlilian » domenica 10 agosto 2008, 14:27

Mio papà xe nato nel 1916. Dopo più de 50 anni, le quatro sorele più grande se ricordava ancora, forsi con un poco de astio, che la mama ghe portava via i ovi che ghe spetava a lore, per darghe de magnar al picio. No so se cola tessera se gaveva dirito a un ovo per setimana... o forsi al mese.

Tra tanti documenti che go comprà, o solo visto in giro, no go mai visto le tessere annonarie a.u.. Saria interessante veder le razioni che ghe vigniva dade ala popolazion civile.

I motivi dela fame? Penso un misto de cause:
- mancanza de gente: i omini al fronte... no i lavora i campi e le done gaveva comincià a far lavori de omini: le portaletere, e parechie lavorava nele fabriche de munizioni;
- carenze nei trasporti, destinadi principalmente ai militari;
- requisizioni de viveri, destinadi ale trupe;
- accaparamento e borsa nera. Chi no podeva pagar, doveva rangiarse con quel che passava el convento.

OT: Anche nela seconda guera no iera bubane, se se doveva magnar solo cola tessera. Mio papà iera fachin de porto. No me vergogno de dir che, per viver, i robava sachi de sal in porto e i andava a cior de magnar in Friul, un poco in treno (quando no i lo mitragliava) e un poco a pie, col zaino pien. El sal iera prezioso perchè i contadini no podeva mazar i porchi, se no i gaveva sal per conservarli. I ghe dava tre chili de farina per un chilo de sal. Ma durante la prima guera el Friul iera in parte talian e no se podeva andarghe.
Liliana
- . - . -
"Quando comincia una guerra, la prima vittima è la Verità.
Quando la guerra finisce, le bugie dei vinti sono smascherate,
quelle dei vincitori, diventano Storia."
(A. Petacco - La nostra guerra)
Avatar utente
serlilian
distinto
distinto
 
Messaggi: 1697
Iscritto il: sabato 10 maggio 2008, 20:03
Località: T.L.T.

Messaggioda serlilian » domenica 10 agosto 2008, 14:29

che la mama che portava via i ovi = che la mama ghe portava via i ovi

Se un MOD podessi coreger, per render più compransibile la frase, me faria un favor. :roll:
Liliana
- . - . -
"Quando comincia una guerra, la prima vittima è la Verità.
Quando la guerra finisce, le bugie dei vinti sono smascherate,
quelle dei vincitori, diventano Storia."
(A. Petacco - La nostra guerra)
Avatar utente
serlilian
distinto
distinto
 
Messaggi: 1697
Iscritto il: sabato 10 maggio 2008, 20:03
Località: T.L.T.

Messaggioda serlilian » domenica 10 agosto 2008, 14:31

I ghe dava tre chili e farina = I ghe dava tre chili de farina

E sì che go rileto prima de mandar. :?
Liliana
- . - . -
"Quando comincia una guerra, la prima vittima è la Verità.
Quando la guerra finisce, le bugie dei vinti sono smascherate,
quelle dei vincitori, diventano Storia."
(A. Petacco - La nostra guerra)
Avatar utente
serlilian
distinto
distinto
 
Messaggi: 1697
Iscritto il: sabato 10 maggio 2008, 20:03
Località: T.L.T.

Messaggioda serlilian » domenica 10 agosto 2008, 14:51

Una batuda de Cechelin sula fame.

"Te sa che diferenza ghe xe tra el Principe... (no me ricordo el nome) e la fame?"
"No!"
"El Principe xe colonelo... e la fame xe generale!"
Liliana
- . - . -
"Quando comincia una guerra, la prima vittima è la Verità.
Quando la guerra finisce, le bugie dei vinti sono smascherate,
quelle dei vincitori, diventano Storia."
(A. Petacco - La nostra guerra)
Avatar utente
serlilian
distinto
distinto
 
Messaggi: 1697
Iscritto il: sabato 10 maggio 2008, 20:03
Località: T.L.T.

Messaggioda babatriestina » domenica 10 agosto 2008, 14:56

Fate le correzioni.

Quei dei mii che ga visto tute due le guere, me diseva che la fame dela prima guerra no iera confrontabile cola seconda.

papà, militar in Stiria, iera ridotto a zercar de scavar qualche rava cruda dei campi dei contadini, e dir che prima la sola roba che no ghe piaseva iera le rave... e un'altra diseva che de fioi ela e i fradei andava in giro per cità a domandar de magnar..

Le mie domande resta sempre queste:
1 la fame a Trieste nela prima guera mondial xe stada subito o se ga sentido solo ala fin?
2 la fame dela parte austriaca de l'impero iera paragonabile a quela nei altri paesi in guerra? digo Germania, Francia, Italia, Inghilterra.. o no? sicuro la fame iera altrettanto grave in Russia, che xe vegnuda la rivoluzion, ma iera anche un altra società e po l'intervento dela Turchia in guerra ga serado i stretti e nonostante l'impresa fallida de Gallipoli- idea de Churchill- i aleati no ga avudo modo de mandar rinforzi o bori alla Russia.
3 perchè inveze, se xe vero nela parte ungherese no iera fame e perchè i Ugheresi no ga aiutado l'altra parte del Impero?
Chi me sa risponder??
"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
 
Messaggi: 27385
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggioda babatriestina » domenica 10 agosto 2008, 14:58

serlilian ha scritto:Una batuda de Cechelin sula fame.

"Te sa che diferenza ghe xe tra el Principe... (no me ricordo el nome)
credo che fussi el principe Umberto co i lo ga fatto appunto colonnello
"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
 
Messaggi: 27385
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggioda serlilian » domenica 10 agosto 2008, 16:31

1 - subito no credo, ierimo ancora alleati col'Italia. Se podeva ricever viveri del Friul. Ma nel 1916 iera fame.

2 - ricordi de famiglia. Una mia zia contava che nela seconda guera ghe se ga presentà a casa una fassista che andava a controlar cossa che la gente cusinava. Quel giorno no ghe spetava carne cola tessera e, se la trovava un che la cusinava, voleva dir che el la gaveva comprada ala borsa nera. Mia zia cusinava susini. La baba xe restada mal. Comunque la ghe ga dito de ricordarse che "nela prima guera gavevimo pan bianco". Lori lo gaveva, che iera aleadi col'America, noi lo gavevimo cola segadura dentro. Dunque par che in Italia no ghe fussi tanta fame.

3 - L'Ungheria iera un paese ricco del punto de vista agricolo. Penso che co' xe fame, ognidun pensa per se. e no so se i ungheresi andava tanto d'accordo coi altri de mandarghe de magnar.
Liliana
- . - . -
"Quando comincia una guerra, la prima vittima è la Verità.
Quando la guerra finisce, le bugie dei vinti sono smascherate,
quelle dei vincitori, diventano Storia."
(A. Petacco - La nostra guerra)
Avatar utente
serlilian
distinto
distinto
 
Messaggi: 1697
Iscritto il: sabato 10 maggio 2008, 20:03
Località: T.L.T.

Messaggioda babatriestina » domenica 10 agosto 2008, 17:19

1- anche mi credevo come ti, fin che no go letto le corrispondenze de Slataper, prima che l'Italia entri in guerra: posso andar a zercar el testo esatto.
mi ve go riportado qualche frase de mia bisnona nella corrispondenza della guerra , e anche le cartoline fra papà in Stiria e i nonni a Trieste , paressi quasi che i ghe domandassi a lu de trovar de magnar, e sì che i iera abastanza benestanti Ma no se pol cavar molto, che xe cartoline postali o lettere averte, che passava per la censura de guerra, quindi più che tanto no i podeva scriver. E po le mie lettere e cartoline xe del 1918, co papà xe stado riciamado per la guerra, prima el iera studente.
2 vero, paressi che l'Italia no gavessi avudo tanti problemi de quel genere , quindi el sforzo per la guerra ga dado risultati diferenti in Paesi diferenti. Mi me par de gaver letto che anche la Germania, per render accettabile la guerra no ga fato restrizioni alimentari, ma magari me confondo cola seconda querra...
in tal caso xe de domandarse: ma perchè de tanti in guera solo la CisLeithania del AU iera mal ridotta del punto de vista alimentare? peggiori trasporti? cattiva gestion? diversa politica? e se a Trieste no rivava gnente più del Friul, de l'Istria no i arivava a ricavar gnente?
3 no ghe iera una supervision central de Vienna che podeva dirottar de magnar fora de l'Ungheria? ma i se preoccupava o no ? o sti Ungheresi iera cussì tremendi che no i lassava meter becco de lori gnanca al governo? in sto modo i ga contribuido anche lori alla caduta del Impero.
"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
 
Messaggi: 27385
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggioda serlilian » domenica 10 agosto 2008, 18:16

Eh i ungheresi no doveva esser facili de tratar. Go leto che, quando i ga fato la duplice monarchia, i nobili ungheresi iera consideradi dei barbari, sempre cola spada in man, pronti a impizarse per niente. E se questi iera i nobili, cossa sarà stada la gente comune?
Liliana
- . - . -
"Quando comincia una guerra, la prima vittima è la Verità.
Quando la guerra finisce, le bugie dei vinti sono smascherate,
quelle dei vincitori, diventano Storia."
(A. Petacco - La nostra guerra)
Avatar utente
serlilian
distinto
distinto
 
Messaggi: 1697
Iscritto il: sabato 10 maggio 2008, 20:03
Località: T.L.T.

Messaggioda sono piccolo ma crescero » lunedì 11 agosto 2008, 19:22

Credo che, per principio, la guerra porti all'accaparramento dei beni. E' giustificato molto chiaramente nel finale della Coscienza di Zeno, e penso che Italo Svevo di commercio se ne intendesse.

Il denaro, in generale, ha un valore simbolico garantito dallo stato (forte) che c'è dietro. In epoca di crisi, quando la certezza nell'affidabilità dello stato comincia a venire meno, la fiducia in questo simbolo di ricchezza (la cartamoneta) svanisce ed acquista valore, invece, il bene in sé che di conseguenza tende a sparire per essere usato come forma di risparmio e di investimento.

Se ricordo bene Zeno dice qualcosa del genere: "Ho scoperto che non importa cosa comperi, basta comperare, tanto in breve quello che hai comperato varrà di più" (lui fa riferimento ad una partita di resina che rivende per fare non ricordo cosa).

La generalità dell'accaparramento, poi, porta alla scomparsa dei beni. Se domani ogni famiglia decidesse, invece che di comperare Bot, di andare al supermercato e comperare 10 litri di olio, 10 chili di zucchero e di farina, quantità di beni tutto sommato modeste (stimo una spesa di 70 euro?) e non sufficienti a garantire l'autonomia alimentare ad una famiglia per un anno, se ognuno di noi decidesse di fare questo acquisto, vuoteremmo i supermercati; il supermercato vuoto crea panico; il panico crea la corsa all'acquisto.

Forse l'Austria aveva meno autonomia alimentare degli altri, non lo so, ma so che in tutti i racconti che ho letto ed ambientati in una delle ultime due guerre, ho trovato osservazioni sulla difficoltà a reperire cibo da parte dei civili, e quindi deve essere una costante. Per quanto riguarda il confronto tra soldati, non credo che gli alpini in Russia, nella seconda guerra mondiale, soffrissero di ipernutrizione e la loro situazione alimentare sarà stata simile a quella dei soldati austriaci in Stiria nella prima.
Avatar utente
sono piccolo ma crescero
no montar in scagno
no montar in scagno
 
Messaggi: 5270
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 13:08
Località: Trieste

Messaggioda babatriestina » lunedì 11 agosto 2008, 20:56

Sonopiccolo, tu stai facendo un discorso generale sulle guerre, che come i cavalieri dell'Apocalisse, sono spesso seguiti da fame, pestilenze.. e oltre al fenomeno dell'accaparramento non ho dubbi che , dalla trattazione di qualsiasi guerra ( ora sto leggendo la caduta dell'impero romano) si vede che lo sforzo bellico toglie manodopera all'agricoltura e spesso uno dei metodi di guerra consiste nel distruggere le coltivazioni dell'avversario.
ma io ponevo dei ben precisi punti, che davo per scontati e invece mi sembra che non lo siano per tutti:
1 è vero o non è vero che nei diversi paesi impegnati nella prima guerra mondiale la situazione alimentare era diversa da un paese all'altro e in certi c'era molta più fame che negli altri?
2 quale ne era la ragione?
3 è vero o no che nella Cisleithania la fame era grande ( e non solo a Trieste) mentre nell'Ungheria non c'erano problemi di scorte alimentari?
4 se è vero, perchè non c'era passaggio di derrate alimentari fra le due parti dell'impero?
5 è vero o no che questa penuria alimentare, soprattutto per i civili, si fece sentire già al principio della guerra?
io su questo punto mi baso sulle corrispondenze di Scipio Slataper, che prima dell'entrata in guerra dell'Italia mandava corrispondenze di guerra da Trieste per il Resto del Carlino ( se riesco, posso riportare i testi precisi ).
Una spiegazione potrebbe essere che tutti entrarono in guerra convinti di risolverla in un paio di settimane, come le guerre ottocentesche e non si erano proccupati dell'economia. ma anche qui, perchè differenze? e L'Austria, anche nella sua parte occidentale, era ancora un Paese abbastanza agricolo, mi sembra
non mi riferivo ai soldati al fronte e non paragonerei gli alpini sul fronte russo della II guerra mondiale con un addestramento militare all'interno della Stiria, dove fronte non c'era.
"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
 
Messaggi: 27385
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggioda AdlerTS » martedì 11 novembre 2008, 22:11

Raccolta generale di biancheria.

Per provvedere dei capi necessari di biancheria i nostri valorosi combattenti in campo, doni ogni famiglia e ogni singola persona tutto quello che non è indispensabile ed è inservibile di biancheria da corpo, da letto, da tavola, ecc, di ogni specie, sia nuova o usata, lavata o non lavata, bianca o a colori, intera o stracciata; anche residui e cascami, stoffe o ritagli di stoffe di lino e cotone sono desiderati.
Egualmente anche materie tessili di ogni sorta, come: stoffe, vestiti,articoli a maglia e a calza, filati di ogni specie, e cascami degli stessi.
Si riflette anche al più piccolo dono. I doni saranno presi in consegna da scolari ai 16,17 e 20 ottobre 1917.
Dopo questo termine si ricevono doni della suddetta specie dalla Collettoria dell'ufficio per il provvedimento di guerra, Vienna, IX, Waehringerstrasse, 32 (telefono 12367) Spedizioni postali fino al peso di 20 kg coll'indicazione "dono di materiale vecchio" franche di porto.
Ognuno appoggi a tutta posa questa raccolta per il miglior bene della nostra vittoriosa armata e della patria.
Mal no far, paura no gaver.
Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
 
Messaggi: 9560
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

el primo problema...

Messaggioda ernesto93 » mercoledì 23 dicembre 2009, 11:19

... iera el bloco navàl, che no iera tanto semplice per via che iera tanti tipi de bloco, tuti regolàdi dai acordi internazionali e da le varie situazioni de "belligeranza".

Xe una storia assai complicata, che iera ligàda ala guera sotomarina, che no xe vero come che i la disi, che i gnochi ga deciso de 1 giorno a l'altro e che i gà afondà el Lusitania perchè che i iera cativi.

Odìo, boni e caritatevoli no i xe mai stadi, ma gnianche quei mostri che se disi, almeno nela Prima. Tanto che i gaveva avisà i americani de no' far partir el Lusitania (qualchidùn disi che i 'mericani ga fato aposta che i zercava el "casus belli" come per Pearl Harbour ma mi no so se xe vero che no xe documenti inequivocabili).

Insòma, iera tante forme de bloco navàl che se evolveva nel tempo (belligeranti, neutrali, tipi de trasporti, tipi de navi...) fin a rivàr al bloco totàle de qualsiasi trasporto nel 1917.

Per fàr 1 esempio, iera anche el problema de le navi anti-somergibile, e delle navi armate. In do' parole, iera vapori coi canoni nascosti che fazeva finta de niente, per tiràrghe al sotomarìn quando che el vigniva fòra.

Perchè prima, i sotomarini vigniva sù, i ghe intimava de calàr le scialuppe e i afondava le nàvi a canonàde senza mazàr le persone. Se iera velièri, no i sprecava gnianche le patròne, i andava a bordo e ghe meteva cariche ne la chiglia).

Xe ovvio, pensè a quanto costava i silùri e che la magiòr parte dei sotomarini ghe ne gaveva solo 4 a bordo. Per le patrone, i podeva gavèr da 100 a 400 colpi e più grandi che iera i canòni, meno patrone i podeva portàr.

Dopo (i gnochi gaveva perso tanti sotomarini per via de navi col trùco) no i vigniva più su e i tirava sempre i siluri, e i ghe tiràva a tute le navi perchè iera imposibilità de savèr col periscopio se la bandiera iera giusta o se iera l'imbroièz, se a bordo de una nave pasegèri iera el militàr, se iera canoni nascosti o no.

L'Ungheria ghe dava de magnàr a tuto l'Impero e i fazeva volentièri, no se pòl dirghe niente per questo.

Ma zà nel 1916 la iera bruta per tuti, i unici che magnava qualcossa de più iera quei al fronte, che tanti se dava volontàri anche solo per magnàr. A Viena iera muleti che moriva de fame, zà nel 1916.

A proposito dela guera sotomarina e del bloco totale, tanti gaveva dito che se i gnochi i gavessi cominciàdo prima la "guerra totale", forsi che la finiva altrimenti; esisti testimonianze (me sembra de Churchill) che anche i Inglesi i iera a remengo, che se no li iutàva i 'mericani, i gavessi dovesto fàr pase per fame.

In altre parole, iera la stessa situaziòn de la 2° guerra, ma 'ssai pezo perchè tanti posti dove che che se podèva coltivàr granaglie iera impegnài de la guera (fronte orientale) e la produziòn iera ridicola in confronto (i fazeva ancora tuto a màn). Idèn anche per la pase, i gnochi voleva ma i altri no; ne la Seconda iera Hitler e capisso, ne la Prima nol iera ma la Germania ghe iera un grande pericolo pei inglesi, che anche i se gaveva sognà de andàr in zerca de le "colonie", che dove che se gaveva mai visto.

Nel 1918 periodo de "Vittorio Veneto", el peso medio del militàr A.U. iera de 55 chili.

I 'taliani i sbafava massime grazie ala farina 'mericana (sicuro) e carne argentina (questa la buto là) , che rivava sempre, fin de prinzipio. Tanto che l'unica roba bona de l'occupaziòn del Friùl e del isontino, iera che la gente magnava meio de qua che de là.

Esempio a Caporeto, i magnava, a due chilometri de l'altra parte iera fame nera.

Go scrito "unica roba bona" perchè iera pùpoli, iera i internamenti in Italia e iera za el cambiamento forzato del nome pei sloveni (no xe vero che iera idea del Fassio, i gaveva scominzià nel '17). E iera l'ossesiòn de l'austriacante, i meteva in canòn el prete se sonava le campane, i gaveva internà una famiglia che gaveva batezà la fia "Germana" e robe simili.

A proposito, xe in quel momento che se gà difuso la pasta suta, prima no i gaveva alba e no i gaveva mai visto, gnianche in Friùl.

Altra roba; quela volta l'Italia gaveva tanto, ma tanto riso, 'ssai più che adesso. E xe 1 poco de ridèr, che sembra che i 'taliani de zo, ghe fazeva schifo de magnàr, che el iera longo perchè le cusine no iera vizìn de la prima linea e no rivava niente caldo, imagineve come che iera i risi.
Avatar utente
ernesto93
ixolan
ixolan
 
Messaggi: 186
Iscritto il: mercoledì 2 dicembre 2009, 19:08

seconda rata

Messaggioda ernesto93 » mercoledì 23 dicembre 2009, 20:47

me iero dimenticà de dìr, che anche in Italia iera pupòli per el magnàr, massime alla fine del 1916 e primi mesi del 1917, perchè la guera sotomarina dei gnochi, ralentàva l'afflusso de cibarie.

Infatti, propio in quel periodo i gaveva scominzià a razionàr anca lori, e anche al fronte, che el militàr 'taliàn no ghe andava niente ben.

Ma per quanto che gò capì, no iera paragòn co' quèl che sucedeva de l'altra parte.

Gò zontà, perchè rilegendo el post de prima, podèva parèr che l'Italia iera el "bengodi" per magnàr; no iera cussì, iera solo meno pezo.
Avatar utente
ernesto93
ixolan
ixolan
 
Messaggi: 186
Iscritto il: mercoledì 2 dicembre 2009, 19:08

Re: seconda rata

Messaggioda babatriestina » mercoledì 23 dicembre 2009, 22:18

ernesto93 ha scritto:podèva parèr che l'Italia iera el "bengodi" per magnàr; no iera cussì, iera solo meno pezo.
guera iera guera per tuti, ma mi go sentido in casa i racconti dei mii che gaveva vissudo a Trieste sia la prima che la seconda guerra, e secondo lori per la fame no iera confronto! e papà, che iera nele retrovie del Piave, me diseva che i comandi austroungarici nel 18 ala ultima offensiva del Piave i ghe ga dito attacchè, che nele linee italiane troverè de magnar!
Savè, mi go un pacco cussì de cartoline del 1918, scritte dela mia famiglia a papà sul fronte, e ogni tanto se parla dela fame e del costo del magnar, ma za le xe scritte in picio, e po essendo cartoline postali, averte ala censurade guerra, no xe che se podeva scriver ssai... e soprattutto lamentarse, saria stado disfattismo!
ma nissun ga i articoli giornalistici de Slataper scritti de Trieste ( per el Resto del Carlino, me par..) fra el principio dela guerra e el 1915, che el conta za dei primi problemi de fame? devo andarmeli a copiar de novo in biblioteca?
"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
 
Messaggi: 27385
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Prossimo

Condividi

Torna a La prima guera mondial

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron