I Vescovi triestini-seconda parte-fino al 1719 -porto franco

dela Tergeste medieval fin ala proclamazion del portofranco nel Settecento
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34753
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

I Vescovi triestini-seconda parte-fino al 1719 -porto franco

Messaggio da babatriestina » venerdì 14 marzo 2008, 14:38

Incomincio con l'elenco di Wikipedia, per inquadrarli:
# Enrico Rapizza † (1200 - 1203)
# Ubaldo † (1203 - 1209)
# Gerardo † (1209 - 1213)
# Corrado Bojani di Pertica † (1212- 1232)
# Leonardo † (1232 - 1233)
# Bernardo di Cucagna † (1233 – 1234)
# Gerardo Arangone † (1234 – 1236)
# Giovanni † (1236 – 1237)
# Volrico De Portis † (1237 - 1253) vendette al Comune di Trieste il diritto all'elezione dei giudici, il diritto alla decima ed il diritto di battere moneta
# Aolenz von Wocisperch † (1254 – 1255)
# Gregorio I † (1255 – 1259)
# Leonardo III † (1260 – 1261)
# Arlongo di Viscogni † (1261 - 1281)
# Alvino De Portis † (1281 - 1286)
# Brissa de Toppo † (1286 - 1299) concluse il periodo del potere temporale dei vescovi vendendo per 200 pezzi d'argento i rimanenti diritti politici
# Giovanni Della Torre † (1299 - 1300)
# Enrico Rapizza † (1300 - 1303)
# Rodolfo di Pedrazzano † (1303 - 1304)
# Rodolfo Morandino de Castello Rebecco † (1304 – 1320) fece costruire la chiesa capitolina di san Giusto
# Giusto (o Gilone) da Villalata † (1320 - 1322)
# Gregorio Tanzi † (1324 – 1327) (amministratore)
# Guglielmo Franchi † (1328 - 1329)
# Avanzo Danielo † (1329)
# Pace (o Pasquale) da Vedano † (1330 - 1341)
# Giovanni Gremon † (1341)
# Francesco Dellamelia † (1342 - 1346)
# Ludovico Della Torre † (1347 - 1350)
# Antonio Negri † (1350 - 1369)
# Angelo Canopeo † (1369 - 1383)
# Enrico de Wildenstein, O.F.M. † (1383 - 1396)
# Simone Saltarelli † (1396 - 1408)
# Giovanni Ubaldini † (1408 - 1409)
# Nicolò de Carturis † (1409 - 1417)
# Giacomo I Bellardi † (1417 – 1424)
# Martino Coronini † (1424 – 1441)
# Niccolò II Aldegardi † (1441 – 1447)
# Enea Silvio Piccolomini † (17 aprile 1447 - 23 settembre 1450 nominato vescovo di Siena), papa Pio II dal 1458
# Ludovico Della Torre † (1450 – 1451)
# Antonio Goppo † (1451 - 1487)
# Acacio de Sobriach † (1487 - 1500)
# Luca Rinaldi da Veglia † (1500 - 1501)
# Pietro Bonomo † (1501 - 1546 anche vescovo di Vienna (1522 - 1523))
# Francesco Rizzano † (1549)
# Antonio Paragües e Castillejo, O.S.B. † (21 agosto 1549 - 4 novembre 1558 nominato arcivescovo di Cagliari)
# Giovanni Betta † (1560 - 1565)
# Andrea Rapicio † (1567 - 1573)
# Giacinto Frangipane † (1574)
# Nicolò Coret † (1575 - 1591), temibile avversario dei luterani
# Giovanni Wagenring † (1592 - 1597)
# Ursino de Bertiis † (1597 - 1620)
# Rinaldo Scarlicchio † (1621 - 1630)
# Pompeo Coronini † (1631 - 1646)
# Antonio Marenzi † (26 aprile 1646 - 20 ottobre 1662 deceduto)
# Francesco Massimiliano Vaccano † (6 novembre 1662 - 15 agosto 1672 deceduto)
# Giacomo Ferdinando Gorizzutti † (5 settembre 1672 - 22 settembre 1691 deceduto)
# Giovanni Francecso Miller † (20 dicembre 1691 - 23 aprile 1720 deceduto)
***********************************
I primi sono già signori di Trieste e battono moneta, mi piacerebbe vederne qualche immagine, ma non è facile. Continueranno ad essere signori feudali e a infeudare vassalli nel contado anche dopo aver ceduto i diritti sul Comune. Soprattutto negli ultimi periodi fino al settecento si faranno chiamare vescovo-conte

Però iniziano ad indebitarsi e per riempirsi le casse incominciarono a vendere i propri diritti al comune di Trieste:
nel 1236 ( 21 febbraio) il vescovo Giovanni vende una parte dei prorpi diritti al Comune
nel 1254 il vescovo Volrico de Portis vende altri diritti al Comune
il 10 marzo 1296 il vescovo Brissa di Toppo vende i rimanenti diritti al Comune di Trieste, nella persona del podestà Enrico della Torre ( i podestà venivano nominati al di fuori dei concittadini, per avere maggior equità)
Nel 1303 il vescovo Rodolfo Pedrazzani inizia la costruzione della Cattedrale di san Giusto, unendo le due chiese preesistenti ( anche se Tamaro non è d'accordo). Fu l'ultimo vescovo a batter moneta.
La cattedrale venne terminata ai tempi di Enrico de Wildenstein 1383- 1396. Un nome tedesco? c'è un motivo...

1330 alla morte di fra Guglielmo , vescovo precedente, il papa Giovanni XXII nomina vescovo di Trieste fra Pace da Vedano dell'ordine dei predicatori. Cioè domenicano ed era Inquisitore in Lombardia.
Abbiamo avuto un vescovo che era stato precedentemente all'inquisizione ( altro che la camera rossa dei gesuiti! ma io non so come funzionasse l'inquisizione nel 1300, prima della Controriforma...). Difatti, nel 1337 verrà chiamato a Roma per un processo conto un Visconti.
Un primo mistero: sembrerebbe, sembrerebbe che già nel 1327 pace da vedano annunciasse la sua nomina a vescovo triestino, da Bologna. preveggenza? errore nel dato di Kandler?
fra Pace da Vedano fa pure costruire una cappella laterale a san Giusto, quella che poi diventerà l'attuale cappella dei Carlisti, e che papa Piccolomini farà dedicare a S Caterina ed ora è dedicata a san Carlo borromeo. Se andate là, ci troverete una lapide in memoria della sepoltura del vescovo fra Pace da Vedano. primo vescovo sepolto a san Giusto?
anni quaranta del trecento: un poco di maretta col vescovo Antonio Negri:
nel 1349, forte di un diploma dell'imperatore Carlo IV di Lussemburgo il vescovo richiede di ritornare in possesso della città, e al rifiuto, la scomunica. poco dopo arrivano ad un accordo e rinuncia alla pretesa.
Secondo Kandler, si trattava di un diploma falso fatto fare dal Negri o da qualcuno che voleva ingraziarselo
Nel 1356, poichè il Vescovo se ne risiedeva in Aquileia, il patriarca Nicolò di Aquileja ( fratello dell'imperatore Carlo IV di Lussemburgo) nominò come vicario a Trieste il vescovo Giovanni di Cittanova.

1382: ultimo di settembre il duca Leopoldo d'Austria accetta la dedizione di Trieste e
1 ottobre ( 1382) si affretta ad annunciare al capitolo della Cattedrale di trieste che i vescovi che verranno nominati dovranno essere esperti della regione e graditi a lui e che non si prendano un vescovo contro la sua volontà
(dignum arbitramus et expediens talem ibi esse pontificem qui terarum nostrarum notitiam habeat et nostris fidelibus sit placibilis.. committimus seriosei n ipsa ecclesia vostra nullum praeter nostram voluntatem assumatis vel admittatis pontificem..) Insomma mette le mani avanti: Sulla nomina del vescovo, comando io!!!


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34753
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: I Vescovi triestini-seconda parte-fino al 1719 -porto fr

Messaggio da babatriestina » domenica 16 marzo 2008, 16:33

fra Pace da Vedano fa pure costruire una cappella laterale a san Giusto, quella che poi diventerà l'attuale cappella dei Carlisti, e che papa Piccolomini farà dedicare a S Caterina ed ora è dedicata a san Carlo borromeo. Se andate là, ci troverete una lapide in memoria della sepoltura del vescovo fra Pace da Vedano.
eccovi la lapide, in basso per terra, a sinistra,davanti alla cappella, è vicina a quelle dei Carlisti
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34753
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » domenica 16 marzo 2008, 16:55

questo invece.. non so di chi sia!!! :-D
è su un muro di una casa in zona Cavana, ed è indubbiamente uno stemma vescovile. E direi non oltre il Cinquecento
Ma non riconosco lo stemma
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » giovedì 20 marzo 2008, 12:34

Sempre dal libro de Mainati: el primo vien citado come Arrigo Ravizza o Rapiccia e vien ricordado per aver ottenudo una pace con Venezia a patto che Trieste ed Umago pagassi un tributo annuo in "urne de vin".
Geberardo xe inveze testimone nel diploma dell'imperator Ottone, con el quale el ducato del friuli vien regalado al patriarca d'aquileia. Alla protesta dei furlani, scatta la scomunica per i fomentatori :-(
Sotto Corrado vien istituida a Trieste la Compagnia del Santissimo Sacramento, citadi nella "storia di Trieste" de p. Ireneo. Durante el suo vescovado, poi, nassi una disputa tra el comun de Trieste ed el Conte Ugone di Duino in merito al confin: vegnera' stabilido che tale confin sia la via carreggiabile de Sistiana (nel testo Sestiana). Pena per i trasgressori, duemila lire venete :-)
Secondo Mainati, sara' poi proprio Corrado ad ottener dall'imperator Federico II el privilegio de coniar moneda.

Immagine

Sull'elezion de Leonardo, successor de Corrado, se metti per traverso Muja, che voleria poder dir la sua: intervien a quel punto Aquileia che ribadissi che solo al decano ed al capitolo della Cattedrale spetta el diritto de scelser el vescovo.


Immagine

Leonardo pero' jera mal messo con la salute e durera' poco, rinunciando al vescovado in favor de Givardo.


Immagine

Mainati inserisi anche un Roderlico ed un Olderico tra el 1247 ed el 1253: anche se Vincenzo Scussa se fa vignir el dubbio che Volrico, Roderlico e ed Olderico podessi esser stada la stessa persona, Mainati se disi convinto che fussi tre diversi perche' ghe jera tre ritratti diversi nella sala del vescovado.


Immagine


Mal no far, paura no gaver.

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34753
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » giovedì 20 marzo 2008, 14:37

Grazie per le informazioni, e per le immagini dele monede: a sinistra ,sempre i vescovi e a destra cambia, ma se vedi qualcheduna che comincia a somigliarghe al castel del stemma del comun trecentesco, quel che gavemo qua in forum in alto a sinistra e la scritta Civitas Tergestum ( Tergestum xe la variante medieval del Tergeste latin)


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » sabato 22 marzo 2008, 17:33

Zonto ancora una roba: per Mainati, Arlongo xe za in carica nel 1254, però el gaverà un picio problema: Papa Alessandro IV lo accuserà de esser simoniaco e lo caccerà con scomunica ! El vegnerà però perdonado e ripristinado alla carica nel 1262 da Papa IV.


Mal no far, paura no gaver.

Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » lunedì 21 aprile 2008, 22:22

Altra immagini delle monete vescovili
Allegati
monetevescovi.JPG


Mal no far, paura no gaver.

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34753
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » martedì 22 aprile 2008, 15:34

Dei dati del annuario diocesan, par che Olrico, Volrico, etc sia sempre el stesso: Volrico da portis dicembre 1233 + 3 giugno 1254, però i segnala anche un Giovanni antivescovo 1236-1238
Arlongo, per lori vien riprovado al 13 marzo 1255 e rieletto luglio 1255 e nel frattempo compari un Guarniero da Cucagna (che bel nome!!) fra febbraio e luglio 1255 , quando el rinuncia.
Subito dopo Pace da vedano xe un Giovanni Gremon riprovato nel 1341. chissà cossa che nasseva che i butava fora un vescovo...

e arrivemo alla Dedizion che come sora ricordavo i Arciduchi d'Austria se riserva de aver vose in Capitolo: espression de prender alla lettera, perchè i vescovi vegniva eletti in principio dal Capitolo della catedral e dal popolo, po solo del Capitolo. Dal 1382 al 1918, i Vescovi vegnerà nominai SOLO con l'approvazion asburgica, in quanto l'elezion vien fatta col diritto ecclesiastico germanico. Anzi, al 20 febbraio 1459 papa Pio II ( Papa Piccolomini, ex vescovo de Trieste) confermerà la Bolla del papa Eugenio IV del 4 febbraio 1446 concedendo alla casa d'Austria el privilegio de presentar i Vescovi de tutte le proprie Diocesi. ( ovviamente, no credo che nissun gabi mai pensado a non elegger un candidato ufficial asburgico... :wink: :-D )


L'elenco dei vescovi della prima metà del quattrocento no xe precisa, perchè dopo Nicolò de Carturis, Triestino 1409-1416
trovo un
Giovanni de Marzari triestino antivescovo riprovato 4/7/1414
po un
Giacomo Arrigoni ( O P - ordine dei predicatori) 1418 1424 trasferito a Urbino
Marino de Cernotis 1424 1441 trasferito da traù
e Nicolò degli Aldegardi triestino 1441 -1447
Po arrivemo a Enea Silvio Piccolomini, el papa, de cui gavemo za un post a parte
Po vien Pietro Bonomo che gavemo parlado de lu nelle Tredici Casade
durante el suo vescovado el ga avudo come segretario Primoz Trubar, el traduttor vagamente sul protestante sloven, ma no stè creder che Bonomo fussi filoprotestante, perchè nel 1540 el ga fatto negar a Trieste dei anabattisti, come che i fazeva anche a Venezia ( altro posto considerado tollerante1 figuremose i antitolleranti cossa che iera..)
po dopo de lu xe un Claudio Le Jay SJ ( gesuita), compagno de S Ignazio, proposto del Arciduca Ferdinando nel 1546, rifiuta la nomina
chissà perchè? :roll: :roll: :roll: :?:
Po arrivemo a
Andrea Rapicio famoso come umanista, xe anche el suo busto sulla Cattedral, noto per el poemetto Histria e perchè se disi che el sia morto invelenado a causa de un bicer che no se sa se iera destinado a lu o a un altro. La notizia dell'avvelenamento xe dada per certa dei veci storici (Ireneo, anche Rutteri la riporta) ma recentemente i la metti in dubbio.


Rinaldo Scarlicchio xe anche ricordado col busto sulla cattedral, perchè xe durante el suo magistero che i ga ritrovado le reliquie de san Giusto, e questo fatto xe stado considerado miracoloso!


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34753
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » lunedì 28 aprile 2008, 13:55

Avete notato l'ultima moneta vescovile postata da Adler? c'è un castello ocn tre torri che assomiglia tanto al sigillo trecentesco, salvo che sotto c'è un piccolo san Giusto accovacciato
Allegati
monetevescovi.JPG


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34753
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » martedì 29 aprile 2008, 11:53

alcune immagini relatve ai vescovi di cui sopra:
lo stemma di Pietro Bonomo 1502-1546, sull'antico arcivescovado, in via del castello
Immagine
e sempre sullo stesso edificio, quello di Nicolò Coret nato nel 1538 (1575-1591)
Immagine
Nicolò da Coret trentino ( da Coredo) vescovo di Trieste . praep ( praepositus? incaricato) solser (??) principe d Carolo arciduca dì'Austria e dal consiglio della Chiesa e della città di Trieste ( chiaro l'ordine di chi lo elegge? prima l'arciduca Carlo d'Austria e poi i locali!) per ornamento ai successori e come comodo (??) esempio costruì ( ricostruì) dalle fondamenta anno 1588

L'edificio, costruito su un edificio distrutto dai veneziani , fu ricostruito quale residenza vescovile dal vescovo Pedrazzani ((1302-1310)
Nel 1503 il vescovo Bonomo lo fece ricostruire e 20 anni dopo ci mise il fregio sul portale, fu poi restaurato dal vescovo Coret, rimase sede del vescovo fino al 1774
In quell'edificio vennero ospitati gli imperatori Leopoldo II e Carlo Vi in occasione delle loro visite tergestine. dal 1785 al 1841 l'edificio fu adibito ad ospedale, per poi ospitare i malati mentali, poi comando dei Vigili urbani e in seguito distretto militare..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34753
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » martedì 29 aprile 2008, 12:16

a san Giusto si vedono diversi monumenti relativi ai vescovi:
sulla facciata la lapide a Scarlicchio ( 1621-1630), poi trasferito a Lubiana
Immagine
e non chiedetemi come si legga la data con le C rovesciate, che non lo so!
(c'è il riferimento agli imperatori Mattia e Ferdinando felicemente imperatori, vi dico che felicemente! erano impegolati nella Guerra dei trent'anni!)

e davanti all'altare di san Giusto un'altra placca commemorativa del medesimo, per il ritrovamento delle reliquie del patrono

Immagine
ve la traduco un poco alla buona:
chiunque per di qua tu passi, non ti passino oltre sotto l'altare qua vicino ( recondi?) le sacre reliquie del santo martire Giusto nostro concittadino e patrono, ritrovate dal vescovo Rinaldo Scarlicchio per primo cento anni fa e nel medesimo posto rimesse col ringraziamento di tutta la città ; piacque mettere questa targa nell'anno del restauro di questa cattedrale 1724.
1724? Scarlicchio era vescovo nel 1624, e nel 1724 non c'era neanche vescovo, boh? lo stile della placca è effettivamente più settecentesco che seicentesco... sembra messa nel centenario, ma non si sa bene da chi..
e già che siamo a san Giusto e parliamo di vescovi, un piccolo mistero, per me, che forse si chiarirà con la visita alla mostra degli Armeni a Trieste:
guardate questa pietra tombale:
Immagine
è di un vescovo, Martino Carabeth vescovo di Baghesen ( o Baggesen, è un posto in Armenia) di rito armeno a favore della fede cattolica d Atanasio (sortem necto) necto? necato? ucciso? CPQT (??) fatto uno splendido funerale (?)) HMP 6 gg prima delle calende di marzo del 1756
un vescovo armeno di passaggio per la Trieste del Settecento e morto qua?


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34753
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » martedì 29 aprile 2008, 12:20

I tre busti di bronzo sulla facciata della cattedrale sono del 1862, messi in memoria, per cui i ritratti sono un po' di fantasia, tranne papa Piccolomini ben noto da quadri:
papa Piccolomini
Immagine
il vescovo umanista Rapicio
Immagine
e il vescovo Scarlicchio
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34753
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » martedì 29 aprile 2008, 12:35

dei Vescovi del Cinquecento, Seicento e Settecento si trovano a san Giusto lapidi, a volte in Cattedrale e a volte all'esterno, spostati da tombe evidentemente inesistenti, sono interessanti a volte per la bellezza degli stemmi.
Fra Andrea Rapicio (1587-1573) e Nicolò Coret ( 1575-1591)
venne eletto un Giacinto Frangipane, friulano eletto al 1 marzo 1574, morì l'8 novembre del medesimo anno senza essere consacrato vescovo e assumere la carica. a san Giusto c'è la sua lapide
Immagine
con la mitra vescovile di lato e un'iscrizione molto consunta sotto.
In Chiesa invece è conservada una bellissima lapide del vescovo Antonio Marenzi, triestino (1646-1672)

Immagine
non mettono sola la mitria, ma un cappello che sembra un cappello cardinalizio! e nonostante la fine del potere temporale, ci tiene a scriversi episcopus et comes ( vescovo e conte)
aggiungo, sempre dall'esterni di san Giusto, una lapide di un altro Marenzi, del 1649, sembra, non vescovo, per far vedere bene le armi dei Marenzi

Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34753
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » martedì 29 aprile 2008, 12:44

sforo un momento la data-limite, perchè Giuseppe Antonio Delmestri, da Cormons, vescovo dal 1720 al 1721 era già coadiutore dal 1718 al 1720 del vescovo Miller (1692-1720) goriziano
la sua tomba sembra tuttora in Cattedrale
Immagine
e vi aggiungo un paio di lapidi in Cattedrale e fuori, con cappelli apparentemente vescovili ma che non ho ben identificato:
questo ha un bellissimo stemma:
Immagine
questo sembra inquartato coi Marenzi, ma la scritta non la vedo leggibile:
Immagine
questo poi leggo Antonio de Piccardi canonico e ci vedo una mitria e un cappello, ma non lo trovo far i vescovi:
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34753
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » giovedì 1 maggio 2008, 21:31

babatriestina ha scritto: questo ha un bellissimo stemma:
Immagine
son ripassata i Cattedrale, è la tomba del vescovo Miller. Le altre hanno la scritta illeggibile


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34753
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » sabato 7 giugno 2008, 17:42

Per le versioni più romanzate, su Trieste nascosta, ed 2005:
Sul vescovo Rapicio : Un brutto capodanno n 182 pag227
sul vescovo Pedrazzani: Il rosone dei Soncini n16 pag 37
sul vescovo Coret: uno stemma vescovile poco noto n 72 pag 104
sul vescovo Scarlicchio: La zanfarda ai canonici n 75 p 107
sul palazzo vescovile del vescovo Bonomo: la dimora dei due imperatori n 99 pag 135 e anche Il vescovo restauratore n 157 p 198
sulla villa Piccolomini:la villa del papa n 232 pag 280 ae anche n 236 Una rapida carriera pag 284
per il vescovo Mueller: l'altare privilegiato della buona morte n346 pag 403

Come commentavo in genere sul libro, è una fonte di spunti interessantissimi, ma non prendete tutto per oro colato, visto che il libro ama presentare testi un po' a sensazione!
in cambio se lo leggete ed imparate, farete una figura di esperto in cose triestine :wink:


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34753
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » domenica 22 giugno 2008, 23:18

sempre a san Giusto, contro una parete buia a destra c'è la vecchia pietra tombale de vescovo Vedano
Immagine
di cui aggiungo un particolare, di un angelo con stemma
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34753
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: I Vescovi triestini-seconda parte-fino al 1719 -porto fr

Messaggio da babatriestina » martedì 11 marzo 2014, 9:20

babatriestina ha scritto: # Niccolò II Aldegardi † (1441 – 1447)
il suo sigillo al Museo di storia patria
Immagine

nb ruotate lo scudo in basso nella medaglia e potrebbe essere suo lo stemma su una casa in Cavana sopra riportato
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34753
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re:

Messaggio da babatriestina » martedì 11 marzo 2014, 9:40

babatriestina ha scritto: Immagine
e non chiedetemi come si legga la data con le C rovesciate, che non lo so!
adesso capisco!
C I Ɔ sta per M e IƆ sta per D !!!! :lol: :lol: :lol:
e quindi la data va letta MDCXXX 1630


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34753
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: I Vescovi triestini-seconda parte-fino al 1719 -porto fr

Messaggio da babatriestina » giovedì 13 marzo 2014, 8:07

babatriestina ha scritto: # Angelo Canopeo † (1369 - 1383)
Una foto migliore della saliera del vescovo Canopeo, già esposta nella mostra del Medioevo
Immagine
esposta al museo di storia patria
e un dettaglio del timbro, che ha dato da pensare agli storici
Immagine
ok san Giusto in mezzo con la palma del martirio in mano, ma sulla destra..

un castello che dovrebbe rappresentare Trieste, ma con un po' a sinistra una grande torre. Non le solite tre con la più alta in centro , questo fa ipotizzare una torre alta , di avvistamento forse, sul colle di san Giusto.Chi suggerisce che sia la vera Cucherna? da cui cucar l'orizzonte? o il primo castello fatto costruire dai veneziani?


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Rispondi

Torna a “De 'l medio evo a 'l porto franco”