Scorcola

de Trieste, cenni storici, immagini vece e nove, ricordi..
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Rispondi
Avatar utente
maraggos
naufrago
naufrago
Messaggi: 17
Iscritto il: venerdì 26 gennaio 2007, 19:59
Località: Trieste

Scorcola

Messaggio da maraggos » venerdì 16 febbraio 2007, 15:32

Ho scoperto che una mia quadrisavola Clarissa Fesch, nel 1870, abitava a Scorcola, n. 93.

Qualcuno ha un'idea di come fosse Scorcola in qull'epoca ?

Grazie 1000
Alberto



Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » sabato 17 febbraio 2007, 22:48




Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36550
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » domenica 18 febbraio 2007, 6:13

mi diria che quela volta Scorcola iera sopratutto vile e villette nel verde.
Ciò, Fesch, te sarà miga parente de Napoleon? :-D el zio de Napoleon iera el cardinal Fesch !



Avatar utente
maraggos
naufrago
naufrago
Messaggi: 17
Iscritto il: venerdì 26 gennaio 2007, 19:59
Località: Trieste

Messaggio da maraggos » domenica 18 febbraio 2007, 10:26

grazie Adler: belle immagini !

BB, oddìo, parente ... un po' alla lontana .... :wink:

E comunque non c'è parentela diretta: tutto nasce dal vecchio Frantz Fesch, svizzero di Basilea e soldato di carriera, nel 1748 nell'esercito francese, poi alle dipendenze della repubblica di Genova, in guarnigione con il reggimento Boccard, in Corsica (all'epoca sotto la signoria di Genova).

Frantz sposa nel 1757 Angela Maria Pietrasanta, vedova Ramolino, madre di Letizia. Insieme hanno altri due figli, Justine Cathrine, e Franz Joseph, futuro cardinale di Lione.

Letizia, va sposa (a soli 14 anni nel 1764) a Carlo Bonaparte, avvocato: insieme ebbero otto figli (tre femmine e cinque maschi), tra i quali il buon Napoleone.

Strana, la storia, a volte...

Saluti
Alberto



Rispondi

Torna a “Quartieri e rioni”