Un SanGiacomin....rifletti.. sui centri commerciali....

de Trieste, cenni storici, immagini vece e nove, ricordi..
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Rispondi
b-pause1977

Un SanGiacomin....rifletti.. sui centri commerciali....

Messaggio da b-pause1977 » giovedì 19 gennaio 2006, 15:40

I “nostri centri commerciali” di 60 anni fa…e più…erano più belli di quelli odierni ed offrivano molto di più da tutti i punti di vista
(ed erano tutti attorno a noi..nel raggio di 500 metri)

Un sangiacomin se ricorda quando chel iera mulo fazendo una riflesion sui nostri rioni de come i iera… e come i xe oggi

tuto in una via

Abitavo in via dele Scole Nove (adeso,Luigi Frausin) e questo che segui xe quanto trovavo tutto intorno…subito fora del porton..
nela stesa via iera la botega de marangon…..una bela e grande botega con operai cocoli e alegri ,qua andavo a cucar come se lavora..i me lasava anche darghe un do limade..al legno..meso in morsa..una de quele morse giganti tute de legno..poco più in la iera l’oficina del fabro....dove andavo a curiosar come se fazeva i portoni..stesa via altro mestier..el bandaio ..anche qua cucavo come se fabricava a man e se saldava le grondaie..con l’acido muriatico per sgrasar el zinco..e lo stagno/piombo..per stagnar ..col stagnador e anche col brusador..a gas..
sul canton..iera la vecia Pina che vendeva radicio….sempre qua iera adiritura due tratorie-osterie.. una col campo de boce (Pavan).. e due scole..una per italian l’altra per slavo..
el ripara bici de via scole nove..iera sai famoso..anche se el beveva un poco..i diseva che i ragi dele bici come li saveva centrar lui..nesun altro saveva, lo vardavo sempre lavorar nela afascinante arte de la qual el iera maestro..
altri due mestieri ..fati da due mi vizini de casa..che i iera fradei ,uno fazeva l’idraulico e l’altro riparava radio..(non esisteva ancora la tv) i prestava le loro opere..a chi ghe le richiedeva ...(nel senso in nero) iera anche un negozio de carta..(vendeva carta e scartozi per le boteghe) .
..incredibile quante atività in pochi metri dela stesa via..ah.. quasi dimenticavo iera anche el materasaio....quel che fazeva materasi novi..ma anche el “petinava” i veci… L’operatore ecologico personal.. el scovazin..insoma,che veniva de matina presto con la sua trombeta de oton..el ne sonava e ghe andavimo in contro col stagnaco dele scovaze..che lui svodava nel suo sacco de tela grigia (come la sua flaida(divisa)….
La baba del late….col suo bidon de aluminio sula testa..che ne portava el late.. e ogni tanto de pasagio veniva …col suo zigar el “gua stagnin ombrelaio”

tuto in un piazal..e in zima dele vie confluenti

Me sposto drio el canton..e rivo in piaza San Giacomo la dela ciesa…e prima de tuto incontro la paneteria..subito più in zo ghe xe el cine Ideale, dove lavorava mia mama la dove gaverò visto a gratis almeno 4-5mila film…mi la iutavo spesso..dopo la scola….(povera mama che fadiga ghe tocava far per tirar su due fioi senza un marì )..deso i ga meso,guarda che strano ..una banca….due pasi avati iera una mendaresa.. ancora due pasi..e trovo la cartolaia….che la matina presto andavo a trovar..e la me diseva …oh bravo bruneto..adeso so che gaverò tanti clienti perchè ti te me porti sempre fortuna….che cocola signora che la iera..ogni tanto ghe fazevo qualche comision..e no la mancava mai de darme una bela mancia ..altrochè quela tirchia de Maria del primo pian..che dopo la comision la me dava 1 o 2 lire de aluminio che mi ghe ficavo nela seradura dela sua porta ..per grazie de tanta generosità..tanto per capirse una spigheta de liquerizia in paneteria costava 5 lire….. .. po subito dopo in porton..iera el caligher nel suo sgabuzin (anche qua andavo speso a cucar come che se riparava le siole dele scarpe)..insieme con la portinaia siora Italia..avanti ancora te entravi nela prima dele due boteghe magnative..la dove mia mama fazeva sempre la poca spesa..che i pochisimi soldi ghe permeteva ..( mentre che scrivo ste robe..me beca un gropo in gola a pensar quanto che la ga dovudo penar in quei ani)....ritornemo in botega, la spesa se fazeva a rate..5 deca de struto..5 de buro..1/4 de risi..ma solo dopoa aver..scansado le bestiuze che no so perchè..ma le iera sempre la ..e un otavo de oio..un poca de farina..e una feta de gianduia con le nosele (ciocolata al taio)..el scontrin fiscale iera quela strica de carta dove el botegher fazeva el conto con la matita..smontada zo dal’orecia.
Sul canton de via del rivo iera l’altro cine concorente dell’Ideale, el Marconi che gaveva anche all’aperto e proprio la go visto el primo film de Don Camillo & Peppone..che tanto me divertiva.Subito la vizin el cine iera i casalinghi….un poco de tuto..dala cafetiera de aluminio..ale scudele pel cafelate..e una dele prime (credo ) cooperative operaie.
Da Prisco..el capeller..mia mama me gaveva comprado per l’inverno una basco..e un paraorecie de lana ..perchè el fredo xe fazeva sentir anche de più zogando in piazal..ai 4 cantoni con la bora..o ala cavalchina..o ai piatini..o ai bobi..o ale scinche..
In maceleria…andavo a cior la plucia pel gato.(ma qualche la vota vista la miseria,el gato ierimo mi e mio fradel)..solo qualche volta una de masinada…ma sempre per el sugo vero de la domenica ,i altri giorni conserva in carta oliata, struto ,lardo..e le conseguenti frize.....…la carne col binocolo.
Dal tabachin..andavo..solo per cior..i fiamiferi per mama..i spetimeunpoco..oviamente..che costava meno dei cerini …dal giornalaio….non gavevo ocasion de spesa,no gavevimo..soldi per le lussezze...cussi se rangiavimo in gheto..o dal strazariol…
Nel piazal e sui cantoni dele vie che guardava sula ciesa..gavevimo a rotazion a seconda dele stagioni; quei che vendeva scarpe invernali in vero cuoio (de carton),le angurie,le castagne..e i mussoli..dela legendaria baraca del “talian”..che mi andavo speso ad aiutar a lavar i musoli nei bidoni (ex fusti tipo quei del petrolio) ..oviamente la paga iera un piato de aluminio (tipo preson de alcatraz)..pien dei gustosi fruti caldi..
No mancava el cesso publico “ da margherita” la condottiera.
l’orologiao nel primo pian vizin al cine (un vecio..gay con una motocicleta col carozin)..chel iera la copia identica de Oliver Hardy (Ollio).....L’orefice con negozio..dove go comprà el mio primo orologio “Vetta incaflex”…
Un fotografo..1 edicola..2 paneterie… 1 forno..per le pinze..dove mia mama portava le pinze a cusinar per pasqua..
In inverno el vetraio vizin l’angolo de via San Marco..iera sempre carigo de lavor..savè la bora sai speso spacava le lastre..no gavevimo le finestre antibora a vetri dopi..a prova de proietile…gavevimo lastre sotili..quele che costava de meno..e una picola sbatuda..le mandava in tochi.
Sempre in piazal..me piasi ricordar el vecio Pepi..col careto dei gelati..in estate e col barachin de castagne d’inverno..in estate iero speso suo “cliente” ma de quei che xe meio perderli che trovarli..ghe domandavo; Pepi un gelato de 5 lire !..e Pepi..”dai bruneto..nianca el crostolo te vien con 5 lire”..e subito dopo el me “slongava” un gelato de 20 !!!
Adeso se un extra comunitario vol pagar 10 euro in monedine de 1 e 2 centesimi i ghe li smaca pertera..con disprezo!!
Al tempo la piaza dela ciesa iera un punto de ritrovo per amici,famiglie e fioi..iera anche un logo de tante manifestazioni sia politiche che de svago tipo bande musicali e altre piacevoleze..che no esisti più (guardè el piazal ogi..che tristeza..un parchegio!!)..la sera in estate iera la più bela roba che te podesi imaginar,star insieme con tanti amici e ciacolar de quel che te farà domenica,quai festini organizar..familie intiere se trovava a ciapar el fresco e far pascolar la mularia più picia ..libera e senza pericoli…un vero rifugio e logo de ritrovo per socializar.
Mi me divertivo anche con i comizi e andavo a guardar Giani “lagrima” sindaco dell’epoca che pianzeva a comando..me piaseva anche Vidali del P.C. ..ma no per pasion politica..che non me ga mai coinvolto..ma me piaseva el modo impetuoso dei sui interventi..po come te podevi no eser coinvolto da questo tipo di tifo politico..quando no se podeva far a meno de eser sveiadi ora da una bomba alla sede del partito in via del pozzo..o alla banda che sfilava pel primo maggio..con tanto de bandiere,accompagnadi dall’inno bandiera rossa ,quando te son fiol..le robe te le recepisi nela maniera più bela no de sicuro dal punto de vista de destra o de sinistra.
Sempre intorno ala piaza iera tre barbieri..el gobbo iera uno de lori..chel gaveva avudo rogne con la giustizia per trafici strani ..credo de pornografia..infati proprio la go visto la prima foto de una baba nuda….ogi fa rider..alora no.
Oviamente no mancava el negozio de radio e ancora me ricordo el giorno che xe inziada la prima trasmision televisiva ..iero la guardar la vetrina con dentro un unico televisor..e la presentatrice..che anunciava l’inizio dele trasmisioni.
Subito a pochi metri del cine Marconi ghe xe la piazeta giuliani..la del rifugio aereo..me piaseva sai andarghe..anche perché iera bel girar per le barache dei fruti e verdura..i banchi del pesse fati de marmo..e le barachete de vestir..economico..ma quel che de più me piaseva iera la salumeria quasi ambulante..un casotto..come una roulote..ma senza riode....la davanti ghe iera un bon profumo de mortadela..
Ma però ancora de più..che no se pol me piaseva la feta de tetina che me dava gratis la donna che vendeva trippe e ance appunto,la tetina…..In zima de via San Marco..iera Furlanetto el barbier baffon, più bel..del rion..cussi almeno diseva le babe..pochi metri più in zo..un’altro barbier..e una lateria (de Pahor) dove dopo che la dona del late no xe più venuda andavo con la botiglia de vetro a impinirla dal bidon in aciao inox col rubineto..più in la..gavesi bastado portarghe la botiglia svoda e lui te dava una piena ..do metri ancora e iera una salumeria con le boti piene de tuto..olive nere, olive verdi, capuzi o ogni ben de dio..altri do metri..e ghe iera la tratoria de Mondo..con giardin all’aperto..
Le due scole la Bergamas e la Vespucci con la refezion..(dove i fazeva una pasta al buro tuta tacada..che mi ghe andavo mato) ....le rientrava de sicuro nei circa 500 mt .
Anche un per de oficine mecaniche dove andavo a domandarghe in regalo qualche baliniera per farse i monopatini (mi lo ciamavo molopatino) e i careti..per molarse zo per via San Marco.
Nei primi metri de via del’istria iera un negozio de eletricità (Riosa) ,una paneteria e el cine Moderno (dove gho visto el primo film in tre dimensioni con i ociai in polaroid)..e un caligher (Norbedo)..
Nela prima parte de via San Giacomo in monte ..gavevimo “el lavatoio”..lo vedevo dal teto de casa mia e speso andavo a cucar le babe che lavava le straze, drio el canton subito dopo el lavatoio ma dirimpeto…iera un carboner..xe proprio la che se fornivimo de carbon Coke ..(el legno costava tropo) per el fogoler de casa (spargher-spachert o come diavolo se scrivi) tacà al lavatoio ..una fontana per cior l’acqua…una oficina mecanica dove lavorava quel mulo che saria diventà famoso campion de moto( morto durante un gran premio in inghilterra) ..parlo de Parlotti..che vedevo speso caminar come un treno..con dei cinquantini..che i sembrava moto da formula GP.
Sempre nel giro di 500mt gavevimo anca : un fondo con materiali edilizi..con .malta calce ecc…
anche due strassarioli ..uno iera Sigaro in via del rivo, dove portavo speso quel che rivavimo ingrumar nei nostri (mi e mio fradel) giri de perlustrazion in zerca de aluminio-oton-rame e fero . I nostri giri preferidi iera ..intorno ala “Pampa” una zona vizin via navali…e po anche la dove De Henriquez gaveva i sui cimeli de guera..un somergibile e altri tochi..vari.
In quele zone intorno ghe iera le casete/vilete…abitade dai americani..e come se sa..”dove c’è abondanza”..te trovi sempre tanti rifiuti & scovaze..la iera sempre qualche toco utile “alla fabbisogna”.
Se poderia dir ancora tanto..ma me go limità solo alle parti alte dele vie vicine ala piaza per restar nei famosi 500 metri..del nostro alora…”primordial centro comercial”
me scuso se el post xe stado tropo longo.

bruno
sommario delle attività presenti nella zona
.
barbiere-totali 12
parrucchiere-8
salumeria-2
bottega alimentari-4
orologeria-1
orologeria-riparazioni in casa-1
idraulico-in casa senza bottega-1
radio riparatore-in casa senza laboratorio-1
negozio radio & riparazioni-1
elettricità-1
vetraio-1
calzolaio-2
lavatoio pubblico-1
officine meccaniche 3
botteghino frutta e verdure-1
latteria-2
panetteria-3 di cui 1 con forno proprio
stracciarolo-robi vecchi (strazariol)-2
cartoleria-1
scuola-2
asilo-1
falegnameria-1
fabbro-1
biciclette riparazioni-1
bandaio-1
carta vendita-1
riparatore sarracinesche-1
mendaressa-1
casalinghi-1
materassaio-1
tabaccheria-2
giornali-2
mercatino-1
pescheria-1
giardino pubblico-1
chiesa-1
cinema-3
fotografo-1
macelleria-3
bar-3
trattorie-8
carbonaio-1
presenze fisse ma stagionali con baracca o altro:
mussoli
castagne
gelato
bibite fresche



Avatar utente
Bilbo
Site Admin
Messaggi: 2233
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 20:51
Località: Trieste

Messaggio da Bilbo » giovedì 19 gennaio 2006, 16:19

ghe go meso un poco per leger tuto (più che altro go dovù spetar che le mio capo fazi un giro) ma me ga sai piaso. Sembrava de eser là, tre el racondo el foto del'epoca che go visto, quelcosa che ricordo de avar visto deso, e qualche anedoto(tipo le 5 lire de gelato, che per mi iera 100 de persuto crudo), che go visù personalmente anca mi, ma de altre parti, dove che go pasà la mia, de infanzia, e cioè Rozzol.

Comunque sai bel de leger sto raconto.-


Bye '73 de Roby.-

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36554
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » giovedì 19 gennaio 2006, 17:20

Una descrizion ssai completa, se vedi che te ga osservado ben.
Mi stavo in centro, più o meno a quel epoca, sempre vizin de Piazza Goldoni, comunque me ricordo: soto de mi un barbier che se no sbaglio gaveva l'insegna biancorossa che girava, che sai me piaseva. Po la gran novità, el primo Cremcaffè ancora in via Carducci, che iera la machina che tostava el caffè in vista e me piaseva ssai vardar come che girava sto cafè, e se te ciolevi bastanza caffè i te dava un pindolo de oro vero! go ancora un bracialeto con un chicco de cafè, una chichereta e un pupoloto del cafè.
E in corte ghe iera una picia drogheria, che se ciamava Cosulich e che po ga fato fortuna.. finchè la ga vendudo e adesso xe Limoni.
Subito in via Crispi iera un per de laterie,dove che compravo la goma americana, quela che fazeva bele bolle, ma solo fin ai 12 anni, ma anche de noi vegniva la baba col stagnaco in testa, e po un bar cola television che la gente andava a veder Lascia o raddoppia al giovedì sera e mi son andada a veder el funeral de Pio XII.
I marangoni iera tuti più su, intorno al canton via Crispi-via Nordio-via Paduina. El caligher e el orologiaio iera in porton, prima del Mercato coperto.
Per el gelato, mi andavo a scola in via Giotto e passavo ogni giorno su e zo per el Viale, ma le gelaterie ( mi iero fedele a Zampolli e snobbavo Pipolo) iera serade in inverno, mama ogni tanto me cioleva un gelato, de 5 no me ricordo ma de 10 sì, che una volta ghe go dito Un de 10 misto frutta el el me ga risposto SSai te vien per 10 lire! Solo che per la prima Comunion i me ga ciolto un de 50 lire!!!
(I spetime un poco li ciogo ancora adesso.)



b-pause1977

..piazza goldoni..

Messaggio da b-pause1977 » giovedì 19 gennaio 2006, 17:45

cara babatriestina..scusa ma me par de ofender..ciamandote cussi..ma non xe mia intenzion..
Alora la machina per tostar cafe..no iera del cremcaffè..ma de un suo concorente..esato el fato dei ciondoli de oro..credo anche de averghene uno da qualche parte.
Lo conosevo ben perchè andavo ogni giorno a bever cafe de lui el iera quasi sempre ala cassa ....perchè andavo la?..
perchè dal 1955 fino al 1977 go lavorado proprio..in quela picia drogheria..che iera inveze un negozio per paruchieri..e barbieri...solo dopo nei ani se gavesi trasformado e ingrandido..
La insegna del barbier xe del tipo internazional esendo +/- uguale dapertuto....la girela (cussi la veniva ciamada) del barbier de piaza goldoni..iera proprio cussì..rossa-bianca e blu e la girava..el barbier iera anche mio cliente..ghe vendevo prodoti per el suo salon...tropo gavesi de scriver su questo campo..ma un poco ala volta..senno me mandè in quel posto...
ciao a tuti da
bruno



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36554
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: ..piazza goldoni..

Messaggio da babatriestina » giovedì 19 gennaio 2006, 18:06

b-pause1977 ha scritto:cara babatriestina..scusa ma me par de ofender..ciamandote cussi..ma non xe mia intenzion..
Alora la machina per tostar cafe..no iera del cremcaffè..ma de un suo concorente..esato el fato dei ciondoli de oro..credo anche de averghene uno da qualche parte.
bruno
te pol abreviar in Baba, no xe ofesa, xe che mula ormai no go più l'età... magari evita de ciamarme Babazza.. alora me son sbagliada el nome dela torefazione: in efeti la ciamavimo Torrefazione e basta.



Avatar utente
macondo
notabile
notabile
Messaggi: 2662
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 18:54
Località: London, UK

Messaggio da macondo » giovedì 19 gennaio 2006, 18:40

Bravo Bruno co i tui ricordi de San Giacomo. Quando in Triestemia andavimo tutti de amor e d'acordo, quatro o cinque de noi gavevimo cominciado con un tema ciamado 'El Paesetto de via...." coi nostri ricordi d'infanzia. Che pecá che ormai i xe sparidi, anca se Sergio dovessi gaver una copia...

Mi gavevo un cugin che viveva nel ultimo pian de quela casa de via Marco Polo che la finisi con una forma triancolar, tacada al ponte de la ferovia. La sua camereta la iera propio sul canton e la iera proprio stramba con sta forma. E quando el tren vegniva fora dela galeria, el vapor se meteva per la finestra :-D Un bel birichin sto mulo. Una volta el zogava con un fero de stiro sula finestra e el ghe xe svolado zo sul tavolin de la osteria che iera la soto. Meno mal che nissun iera sentado fora..

Mi me ricordo assai ben de quele casete picie, che i ghe diseva 'dei inglesi' (credo), ma che in fati le iera stade costruide a cominciar el secolo.

De l'osteria de Mondo me ricordo che andavo quando gaveria avudo un 15 anni. El vendeva spagnoleti americani sotobanco (Lucky Strike, LM, Pall Mall ecc) a 300 lire el pacheto. Una volta ghe iera un finanzier in borghese che ghe verzeva i cassetini e Mondo fazendome coi oci che andassi via!!!

Bruno, te ricordi de quela botega magnativa che iera proprio in fronte a la piaza de San Giacomo, sul canton de via San Zenone (o iera via del Pozzo?). Co le vetrine piene de roba coi prezi scriti a man. El paron (grande e grosso) gaveva sembre una flaida maron e lo aiutava su sorela. El parlava un dialeto misiado un poco col sloven. Un caratere!!! Adeso che ghe penso, el ghe somiliava un poco a Globocnik :roll: :roll:



b-pause1977

me ricordo...si

Messaggio da b-pause1977 » giovedì 19 gennaio 2006, 18:46

quela botega xe ciamava de DOVGAN !!!..
preso?

Bruno



Rispondi

Torna a “Quartieri e rioni”