El pan de Trieste

a Trieste, dele grandi industrie el negozietto soto casa: de una volta e de oggi
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
Rispondi
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36545
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

El pan de Trieste

Messaggio da babatriestina » sabato 4 marzo 2006, 17:01

Se lo podeva metter anche nela sezion de cusina, ma visto che no penso che nissun de voi fazi el pan in casa e comunque no nele ricette tradizionali, penso de metter qua.
Per cominciar, una volta el pan i lo fazeva nele panetterie. Adesso inveze le panetterie vendi el pan, ma i se lo fa mandar dei forni de produzion industrial, anche se locali. Vedi un Panificio Rosandra che rifornissi la maggior parte dei supercoop.
Rari xe i panettieri che fa el pan nei locai, e se ga perso el profumo de pan che se sentiva fin in strada. Xe ancora una pasticceria, via Mazzini angolo via Cassa de Risparmio, se ricordo bene el canton. con un profumo.. una volta iera un in via Diaz..
Ben, el pan classico iera el pan de Servola, che doveva gaver qualcossa de special, forsi l'acqua, forsi la lavorazion.. se dovessi veder qualcossa al museo etnografico de Servola che ve confesso de no gaver mai visitado.
Po iera le forme de pan: le bighe, divise in do parti, le struzze, strette e longhe ( la me daghji una struza de pan!), le rosette i ghe diseva Kaiser, el Salzstangel, stretto e longo con sal e kuemmel, el pan de segala, che adesso co te domandi i te disi No, no gavemo, la lo vol integrale? come se fussi istesso!
Po i grissini , no quei sotili torinesi che i te peta in ristorante, ma quei grossi, come se ciamava quel panettier prima del mercato coperto? Bonazza!! :-D
Per i dolci, vedo ricomparir i saltimpanzi e el pan de Milan ( che a Milan oviamente, se el ghe xe, el gaverà un altro nome..).
Una curiosità de una volta: co se passava per San Donà de Piave, e no iera ancora l'autostrada quindi se ghe doveva passar per andar verso Venezia, nona cioleva el pan, la lo ciamava Pan de Piave e la diseva che el iera special. Sugestion dela prima guera mondial :lol: :wink: :lol: ? veramente una bona qualità de aqua?
uno dei panifici più tradizionali, la Casa del pane dei Pegan.
Immagine
Ultima modifica di babatriestina il domenica 13 gennaio 2008, 10:10, modificato 1 volta in totale.



granzo

Messaggio da granzo » sabato 4 marzo 2006, 18:46

Vizin de casa go due paneterie che xe anche forni: oltre ai vari tipi de pan, incluso quel de segala, i fa anche i grissini grossi, focace, pize, pan dolce, dolci tipici, torte, biscoti, pasticini vari e ciocolatini....co' xe stagion i fa anche i maron glace`che i li vendi sfusi opur anche confezionadi (sempre produzioni proprie). Penso de conosser varie paneterie che se fa el proprio pan...forsi no xe cussi` rare. :wink:



Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » sabato 4 marzo 2006, 21:28

Una volta, in una paneteria fora Trieste, go chiesto un panin: i xe ancora che i ridi ! Per lori "un panin" xe comunque uno con dentro el prossuto e formagio :-D



Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10912
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

paneterie con forno

Messaggio da Nona Picia » domenica 5 marzo 2006, 9:16

Anche vizin de casa mia xe un per de paneterie con forno. Le fa tuti i tipi de pan e de dolci, oltre che pizze e altre robete. Ve dirò che co se pasa delà in certe ore de la giornada, xe un profumin..... :? :? :? :?
Ciao ciao



Nevada
vilegiante
vilegiante
Messaggi: 99
Iscritto il: mercoledì 4 gennaio 2006, 16:35
Località: Barriera Vecchia
Contatta:

Re: El pan de Trieste

Messaggio da Nevada » domenica 5 marzo 2006, 10:27

babatriestina ha scritto: uno dei panifici più tradizionali, la Casa del pane dei Pegan.
Co andavo alle medie alla S. Benco, proprio in stà panetteria me ciolevo la focaccia con le olive per merenda. E come i la fa lori non la trovo da nisuna parte.


Ciaooo Caty.-

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36545
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » domenica 5 marzo 2006, 10:37

Mia mama ala Casa del Pane ordinava struze de pan tondo e quadrato, picio, circa 5 cm de diametro, per far tartine cola invitava le sue amiche per el tè o ancora prima, nei anni Cinquanta, co la organizzava un cocktail, moda introdotta dei Aleati. Mi la me ciamava in cusina al primo dopopranzo, prima de tuto bisognava smolar el buro, no ghe iera frulator e a man con un cuciarin de legno se missiava fin che no deventava spumoso, po se stendeva un velo de burro sule tartine ( nei ultimi anni, cole dentiere che le gaveva la più parte, le gratava via prima la crosta col grataformagio che sia più morbido :-D ) e po vegniva la guarnizion: tazadin de persuto, maionese -fata in casa a man- con un gamberetto, punte de sparisi.. me piaseva perchè i vanzumi magnavo mi. Po la li meteva ben stivai artisticamente su un per de grandi piatti de cristallo, coverti con una carta, che no se sughi, fin che vegniva i ospiti. Se vanzava, ghe iero sempre mi!
quela volta no esisteva Ferdi cole tartine pronte!
altre volte la ordinava sempre de Pegan dele pice bombette tonde dolci e nona co organizzava zene se fazeva far sempre de Pegan dei pici salzstangel e pice rosette-kaiser che la meteva un de ogni sorte vizin del piato dei ospiti.-



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36545
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » lunedì 6 marzo 2006, 13:58

e.. le sciopete! :-D ( comprade stamatina)



Avatar utente
pastafasoi
naufrago
naufrago
Messaggi: 73
Iscritto il: lunedì 2 gennaio 2006, 15:47
Località: trieste

Messaggio da pastafasoi » lunedì 6 marzo 2006, 20:03

Mio papà ga lavorà là de muleto(casa del pane) iera el suo primo lavor, sarà stà nel '38 o '39.


green,green grass of home....

Avatar utente
Tirabaralla
citadin
citadin
Messaggi: 950
Iscritto il: lunedì 2 gennaio 2006, 16:49
Località: Firenze
Contatta:

Messaggio da Tirabaralla » giovedì 9 marzo 2006, 19:42

A proposito de pan (e scuseme se xè un poco OT)...
El mio miglior amico (che el xè triestin) me toca ciorghe el pan salado co vien zò...no soporta el pan toscano senza sal e el me frizzi :P
Ma ormai in paneteria (che noi ciamemo "forno") se trova anche specialità de altre regioni.


[color=crimson][b][i]...it's not easy to be me...[/b][/i][/color]

[url]http://tirabaralla.splinder.com[/url]
[url]http://polaris7.splinder.com[/url]
[url]http://www.fotolog.com/tirabaralla_0/[/url]

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36545
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » giovedì 9 marzo 2006, 23:04

Tirabaralla ha scritto: Ma ormai in paneteria (che noi ciamemo "forno") .
e noi ghe disevimo el peck



Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » sabato 12 gennaio 2008, 22:04

Ogi me ga tocado de entrar in panetteria in via Carducci, drio la luminosa, e me xe cascado l'ocio su un Editto impicado sul muro che gaveva un aria familiare ... infatti jera copia de un Editto del 1861, firmado dal podestà, che imponeva ai panetieri de imprimer le proprie iniziali in almeno 3 punti de ogni singolo toco de pan, in maniera da poder risalir al forno in caso de problemi della qualità dell'alimento ! :-D
Quando se disi che l'Austria jera un paese ordinato 8)


Mal no far, paura no gaver.

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36545
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » sabato 12 gennaio 2008, 22:10

Iera cussì la regola per tuto el impero o iera una particolarità de Trieste? fazzo la domanda, visto che ne conti che iera firmado del podestà, quindi locale.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » sabato 12 gennaio 2008, 22:16

El regolamento jera senz'altro locale, ma ignoro se sia stada un'aplicazion de un regolamento più esteso: me son trovado sta informazion davanti al naso ogi per la prima volta in maniera del tutto casuale !
La particolarità xe che ghe jera una nota a fondo editto, che spiegava che tale regola se aplicava ai forni propriamente detti e non alle contadine villiche che scendeva a portar pan dalla periferia, anche se se racomandava a queste de atenerse alle stesse direttive de qualità ed igiene. La multa in caso de infrazion, poi, jera da devolver in maniera specifica ai bisognosi della città.


Mal no far, paura no gaver.

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36545
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » sabato 12 gennaio 2008, 22:31

AdlerTS ha scritto: La particolarità xe che ghe jera una nota a fondo editto, che spiegava che tale regola se aplicava ai forni propriamente detti e non alle contadine villiche che scendeva a portar pan dalla periferia
che magari iera le Servolane, che portava el famoso bon pan de Servola! perchè quela volta Servola iera imagino ancora un villaggetto separado.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36545
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: El pan de Trieste

Messaggio da babatriestina » mercoledì 25 settembre 2019, 7:34

In occasione della Slofest, i tre giorni dedicati agli sloveni in Italia, in Piazza della Borsa c'era lo stand dedicato al pan de Servola, coi costumi e gli oggetti del Museo di Servola
Immagine

Immagine

Immagine

Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4152
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: El pan de Trieste

Messaggio da Ciancele » giovedì 26 settembre 2019, 16:31

Noi gaveimo solo un forno. No soto casa, ma soto la botega magnativa andove che ‘ndemo a far la spesa. El mato xe ‘ndà in pension e el novo paron vendi pan de no so dove e vin. Go crompà una volta el pan e me go dito no seconda volta. I filialisti ga una sezion pan come negozio in negozio. I afita un per de metri quadrati a un forno industrial, che a sua volta ga diversi negozieti in cità. ‘sti negozieti ga forni squasi portatili per rostir più che altro panini (rosete ecc.). Le struze le vien fornide dela centrale insieme con paste e brios (brioches). Le paste no xe le nostre ma più che altro pan dolze de diversi tipi, con ripien de pomi, de pasta crema ecc. Se trova anca pan de segala, ma sensa chimel (kümmel / comino). Insoma xe una roba tra forno industrial e pek. Se i forni xe bravi de far la pasta, el pan xe bon. Se no i xe bravi, pegola. Solo al mercato coperto in centro e in un o do mercatini se trova un bancheto con pasta e torteloni freschi. Mi me ricordo che a Lignan e a Milan iera paneterie (proprio pechi / forni) che vendeva anca pasta, più che altro tagliatelle e tortelini. Mi no credo che qualchidun fazi qua la pasta in casa. In cità iera un che vendeva crafen (Krapfen) sui, ma el ga serà par mancanza de sucesori. Adeso solo crafen de fabrica.
De picio la paneteria dava la famosa zonta de pan de fighi. El pan se lo crompava a peso e quel che mancava per far el peso o i taiava un toco de pan o, squasi sempre, i dava una fetina de pan de fighi. Qualche volta una fetona. Noi muli andaimo mati pal pan de fighi. E mama a casa dopo ne zigava parchè ghe mancava un toco de pan.
Vizin del canal iera una paneteria che fazeva pan a l’oio. Una dele poche. Mama me mandava là a cior i grisini a l’oio, parchè dovevo star in dieta. Pasta e oio, risi e oio. Per tre mesi. Dopo go finì la scola e i me ga operà de pinicite (appendicite).
A circa 40 chilometri xe una bela citadina (Seligenstadt) sul fiume Meno con una specie de convento. Là i fa pan. Un certo numero de struze e verso mezogiorno i le vendi tute. La gente se meti in fila za ale undise. Noi gavemo fato qualche volta una gita e crompà pan. Spetando se gavemo fato l’otavo de bianco. Forsi par quel no i vendi pan prima de mezogiorno. Tuti quei che spetava se ga fato l’otavo, o anca do. Un altro convento prima de una altra bela citadina sul Meno (Miltenberg) xe a Klingenberg. I vendi pan, formaio e bira nera. Ma altrimenti se dificile poder crompar pan fato in casa.
Bisogna contentarse de quel che se trova. Pensando ai fruti che crompemo dei filialisti, specialmente Lidl e Aldi, qualche volta l’ua xe pol magnar. E i persighi piati, quei che cresi nele vigne. Ma la magior parte dele volte xe meio ciuciarse el dito. Costa de meno e no xe pezo dei fruti. I costa poco, ma i val anca poco. Ripeto sempre che quel che digo xe solo la mia opinion e la mia opinion la poso dir sensa ofender. Al mercato costa squasi el dopio e anca là bisogna gaver fortuna. Par questo durante l’ano magnemo fragole e sariese (ciliegie) che crompemo del contadin, insieme coi sparisi (asparagi bianchi). Prima gaveimo un orto e se gaveva pomi e more. Adeso pomi li ‘ndaremo a cior sul lago de Costanza. Gavemo un mucio de graie (cespugli) de more, ma salvadighe. Le xe pice e garbe. De un vicin de orto ciapaimo anca susini (prugne). Boni. Gavevo piantà anca patate, ma se vedi che no son m… parchè gavevo solo patate picole. :cheezy_298: :cheezy_298:



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36545
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: El pan de Trieste

Messaggio da babatriestina » giovedì 26 settembre 2019, 17:58

mai pensado de far el pan in casa?


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4152
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: El pan de Trieste

Messaggio da Ciancele » giovedì 26 settembre 2019, 18:32

babatriestina ha scritto:
giovedì 26 settembre 2019, 17:58
mai pensado de far el pan in casa?
Sì, ma solo pensà. ;--D Me par che Son Piccolo Ma Crescerò ani fa gaveva scrito come far el pan in casa. Ma no iera cusì facile.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36545
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: El pan de Trieste

Messaggio da babatriestina » giovedì 26 settembre 2019, 19:35

Ala pezo, cola machina del pan. te buti tuto dentro, e tre ora dopo te ga la cusina che profuma de pan e un pan de cassetta decente


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Rispondi

Torna a “Industrie e comerci”