Veci negozi e vece vetrine

a Trieste, dele grandi industrie el negozietto soto casa: de una volta e de oggi
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
Avatar utente
sum culex
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 5945
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:45
Località: Trieste - Rozzol

Messaggio da sum culex » venerdì 20 ottobre 2006, 17:57

Immagine

Cortei, temperini, amenicoli vari per la cusina e chi più ne ha più ne metta, la scielta xè pressochè infinita!

Immagine


Immagine



Avatar utente
sum culex
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 5945
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:45
Località: Trieste - Rozzol

Messaggio da sum culex » venerdì 20 ottobre 2006, 18:02

Immagine


Immagine


Immagine



Avatar utente
sum culex
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 5945
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:45
Località: Trieste - Rozzol

Messaggio da sum culex » venerdì 20 ottobre 2006, 18:13

L'interno: provo andar dentro; i me lassa fotografar.

Immagine

Ghe xè de tuto: pignate, cortei, posateria, cazioi, cichere, piati, orologi, strafanici e minuderia varia, roba de tute le qualità, perfin tamisi ancora de legno

Immagine


Immagine



Avatar utente
sum culex
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 5945
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:45
Località: Trieste - Rozzol

Messaggio da sum culex » venerdì 20 ottobre 2006, 18:22

Immagine

Quasto xè l'arco ce dividi el negozio vero e proprio dal retrobotega e magazin; ghe xè diferenza? a mi me par de no!

Immagine

Ecove, là in alto, i tamisi

Immagine



Avatar utente
sum culex
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 5945
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:45
Località: Trieste - Rozzol

Messaggio da sum culex » venerdì 20 ottobre 2006, 18:27

Dove che te se giri, là te vedi altre robe

Immagine


Immagine


Immagine



Avatar utente
sum culex
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 5945
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:45
Località: Trieste - Rozzol

Messaggio da sum culex » venerdì 20 ottobre 2006, 18:39

Piazza San Giovanni: Toso
Quala drogheria al mondo ga più roba de questa? ghe xè dentro de tuto e de più

Immagine


Immagine

Anche qua i me lassa fotografar de dentro.
L'interno el xè come che el iera de sempre, dal momento che i lo ga inaugurà e verto.

Immagine



Avatar utente
sum culex
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 5945
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:45
Località: Trieste - Rozzol

Messaggio da sum culex » venerdì 20 ottobre 2006, 18:47

El fondatore: penso Vittorio Toso. El quadro tronegia in alto nel centro dela botega.

Immagine

Quanti xè i vasi de vetro con spezie nostrane e esotiche, con prodotti chimici, ecc. Provè a contarli e nela foto no i xè tuti quanti!

Immagine


Immagine



Avatar utente
sum culex
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 5945
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:45
Località: Trieste - Rozzol

Messaggio da sum culex » venerdì 20 ottobre 2006, 18:55

Immagine

Trovè anche piture, lacche, smalti, penei, carta de vetro, paraffina e tuto quel che servi per piturar e lucidar anche a cera e gommalacca

Immagine


Immagine



Avatar utente
sum culex
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 5945
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:45
Località: Trieste - Rozzol

Messaggio da sum culex » venerdì 20 ottobre 2006, 19:04

Notè a destra la modernissima scala de bambù ultimo grido! La xè a norma antinfortunistica?
In sta scansia xè terete colorate per farse i colori da soli: no se usa più. Ghe ne xè per tuti i gusti: colori con sfumadure gnanche mai sentide nominar. Guardè le etichete: scoloride, ingialide, vece insoma, ma certi prezi xè in euro.

Immagine


Immagine


Immagine



Avatar utente
sum culex
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 5945
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:45
Località: Trieste - Rozzol

Messaggio da sum culex » venerdì 20 ottobre 2006, 19:10

Immagine

Vasi cola porporina: anche qua tipi con tute le sfumadure possibili e imaginabili.

Immagine

Aniline: colori solubili all'alcool (spirito), ma i ghe ne ga anche solubili in acqua e ancora tantissimi colori e sfumadure.

Immagine



Avatar utente
sum culex
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 5945
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:45
Località: Trieste - Rozzol

Messaggio da sum culex » venerdì 20 ottobre 2006, 19:17

La parte de drogheria più corente

Immagine

Anche profumi

Immagine

El perfeto ordine del magazin col sopalco e la scala rigorosamente tuto de legno

Immagine


Immagine

Speto comenti e pareri.
ciao
Zoom culex



Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » venerdì 20 ottobre 2006, 21:48

De sti negozi quel che me piasi de più xe Toso. Podrecca xe inveze quel che me fa più rider: credo che adiritura non el gabi lampade vere e proprie a sofito perché non el xe a norma con nissun impianto :shock:



Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » domenica 12 novembre 2006, 17:09

Go scoperto che Podrecca ga verto con sto nome nel 1913, ma pareria che Silvia Podrecca fussi za direttrice de un precedente negozio del 1870. Silvia xe morta durante el bombardamento del 1944. Ghe xe subentrade le sorelle, che ga portado avanti el negozio fin alla fine dei anni 70. Ogi dovessi esser paron un fio de una delle due sorelle.
Toso ga verto nel 1906 ed i atuali paroni non dovessi esser parenti de sior Vittorio.
Una bottega da caffè a nome Domenico Bischoff risulta verta nel 1796 :shock: Anche in sto caso i atuali paroni non xe parenti.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36856
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » domenica 12 novembre 2006, 17:59

AdlerTS ha scritto:Go scoperto che Podrecca ga verto con sto nome nel 1913, ma pareria che Silvia Podrecca fussi za direttrice de un precedente negozio del 1870. Silvia xe morta durante el bombardamento del 1944. Ghe xe subentrade le sorelle, che ga portado avanti el negozio fin alla fine dei anni 70. Ogi dovessi esser paron un fio de una delle due sorelle.
.
Ma fin una decina o meno de anni fa iera un vecetto che gestiva tutto de Podrecca, po xe subentrai i do giovinotti attuali



Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10919
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Messaggio da Nona Picia » lunedì 13 novembre 2006, 7:58

Una volta el sior che xe vignù dopo el veceto e sua moglie, me ga dito che el xe suo fio, no so se nel fratempo xe cambià qualcossa, ma no me pareva.


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Kyeldor
vilegiante
vilegiante
Messaggi: 156
Iscritto il: martedì 24 ottobre 2006, 14:37

Messaggio da Kyeldor » venerdì 17 novembre 2006, 17:28

..Io da Cesca ho trovato "la" teiera che cercavo..piccola, panciuta e....teiera, insomma.

Inoltre, ho assistito ad una validissima lezione del più giovane dei negozianti su come trattare una moka appena acquistata.......meraviglioso :-D.


Some day you will find me,
Caught beneath the landslide
In a champagne supernova in the sky

MisterKappa
vilegiante
vilegiante
Messaggi: 107
Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2006, 22:17
Località: Roma
Contatta:

Messaggio da MisterKappa » mercoledì 22 novembre 2006, 15:05

La Camiceria Accerboni in Piazza Garibaldi 1, circa 1939/40.

Immagine


Salute e bori, e altro no ocori

Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal » giovedì 23 novembre 2006, 5:29

Toso, durante i anni '60, iera el posto principale (forsi l'unico) dove se podeva comprar carburo, che vigniva poi usado per andar in grota con le lampade ad acetilene. El gaveva uno o due barili de metalo sula destra, a metà corsia.

No so se esisti ancora ste lampade e se le conosè. Le iera fate in do parti : in quela inferiore se meteva el carburo e in quela superiore l'acqua. Poi se verzeva un rubineto per far gociolar l'acqua sul carburo, cusì che vigniva generado un gas che usciva da un tubeto con becucio. Se ghe dava fogo e se gaveva una belisima luce diffusa. In teoria podeva anche sciopar tuto, ma no go mai visto altri problemi se no quei dei becuci stropadi. :evil:

Go trovado un esempio in rete :
Immagine
preso dal sito
http://www.scalve.it/Lampade/default.htm
verto da uno che ga una colezion incredibile de ste lampade e el spiega la loro storia, el funzionamento, con un mucio de foto e disegni. Merita darghe un'ociada.



Capuzi garbi

Messaggio da Capuzi garbi » giovedì 23 novembre 2006, 6:02

Falr saltar in alto el vaso col gas de carburo meso in acqua: Questi jera un dei piu` grandi pasatempi dela muleria piu` grande del primo dopoguera. Groso scopio, tanto rumor ma nissun se gaveva mai fato mal. Dopo no trovavimo piu` el carburo....che peca`!! :lol: :lol: :lol:



Capuzi garbi

Messaggio da Capuzi garbi » giovedì 23 novembre 2006, 8:07

Boteghe magniative de 50 ani fa con personal, una cliente e un camionista che portava merce: Questa jera in Largo Ascanio Canal. '

La persona piu` giovine la, gavera avu` un 16 o 17 ani. 'Desso el ga quasi 70. Come che so? Orco dindio, xe mio fradel!! :lol: :lol: :lol:

'Desso nel local xe una pizzeria.

Immagine



Rispondi

Torna a “Industrie e comerci”