Eataly

a Trieste, dele grandi industrie el negozietto soto casa: de una volta e de oggi
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36221
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Eataly

Messaggio da babatriestina » sabato 21 gennaio 2017, 15:22

Scampi, te disi Ciancele? in pescheria i distingui: se i xe surgelai e di chissàdove, anche 12 euro al chilo, 24 euro le sole code. Se invece i xe nostrani eistriani, alora me sa che se va a oltre i 30 euro al chilo.. e qua sul banchetto 39.90 insoma 40 euro per un chilo de scampi. che se devi pena netar; ma per meterli nel sugo per condir pasta o far risotto, pol andar anca quei surgelai. meio de altri surgelai nei negozi o reparti de surgelai


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4064
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Eataly

Messaggio da Ciancele » sabato 21 gennaio 2017, 17:49

babatriestina ha scritto: Scampi, te disi Ciancele? in pescheria i distingui: se i xe surgelai e di chissàdove, anche 12 euro al chilo, 24 euro le sole code. Se invece i xe nostrani e istriani, alora me sa che se va a oltre i 30 euro al chilo.. e qua sul banchetto 39.90 insoma 40 euro per un chilo de scampi. che se devi pena netar; ma per meterli nel sugo per condir pasta o far risotto, pol andar anca quei surgelai. meio de altri surgelai nei negozi o reparti de surgelai
Grazie par la tua informazion. Quei de 12 li paghemo forsi 15/17. Quei de 30/40 dopo netai i vien a costar circa 50. Quel che domandavo xe quanto tempo devi lavorar un operaio par crompar un chilo di scampi. 'lora se vedi se i xe a più bon prezo o più cari.
Te saludo parchè devo 'ndar a veder i risultati de ogi. Se me go ciolto la vita vol dir che gavemo perso. :cheezy_298:



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36221
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Eataly

Messaggio da babatriestina » sabato 21 gennaio 2017, 19:23

purtropo no so qual che sia la paga netta de un operaio. Penso che dipendi anche del operaio, sarà una media forsi..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10912
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: Eataly

Messaggio da Nona Picia » domenica 22 gennaio 2017, 8:08

No ocori saver la paga de un operaio o de un impiegato o de un comeso che magari ga anche famiglia...quele cifre le pol spender solo chi che ga parechi soldi


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Avatar utente
Bilbo
Site Admin
Messaggi: 2229
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 20:51
Località: Trieste

Re: Eataly

Messaggio da Bilbo » domenica 22 gennaio 2017, 11:51

babatriestina ha scritto:purtropo no so qual che sia la paga netta de un operaio. Penso che dipendi anche del operaio, sarà una media forsi..
parlemo de lordi, tra i 6 e i 12€ ora se dipendente....se con voucher, neti doveria eser 7.5€, ma de solito ala fine xe de meno.



Comunque semo andai stamatina.... roba bela, niente da dire, ma verto de gnanca una setimana e come te entri xe za un secio per un spandimento....
in pescheria gavemo visto anche roba alevada... no solo pescado.

go ciolto un do tochi de pan, più per curiosità che altro, e una luganiga lucana piccante.

verdavo formagi, me ga colpido el jamar che xe fato a prepoto... 47,50€/Kg...

la roba più spetacolare xe bever cafè qua (la foto la go fata col telefonin)

Immagine


Bye '73 de Roby.-

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4064
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Eataly

Messaggio da Ciancele » domenica 22 gennaio 2017, 12:06

Bongiorno, bongiorno. Go paura che no me son spiegà ben. A mi no me interesa saver quel che ciapa un operaio. I prezi xe relativi, parchè se te ciapi un milion al mese te pol spender la metà e te resta sempre bastanza. Se te ciapi solo mile euro al mese bisogna magnar pasta e fasoi tre volte al giorno. I nostri prezi xe più alti dei vostri, parchè gavemo una paga più alta. Ma par via dei prezi no podemo far più de voi. I quindise euro a l’ora iera solo par dar un esempio. Quei che sta sul confin va a far la spese a l’estero e quei de l’estero vien a far la spesa in Germania. No se compra naturalmente tuto, ma solo roba che costa de meno o che nel paese no te trovi. Sempre par esempio: Co’ mi son in Francia compro le bale de neve in salsa vanilia. Qua no le esisti. Co’ iero in Olanda, al ritorno me go carigà de fileti de soliola, de pasera e scampi in pastela. El pese se trova anca qua, ma in Olanda el iera più bel (no soliole che sofri de bulimia) e el costava meno.
Anca noi gavemo sol, ma semo più o meno a zero gradi. Insoma un poco de zimeta, ma no te la senti. Gefühlte Temperatur = temperatura percepita.
Steme ben.



Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4064
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Eataly

Messaggio da Ciancele » domenica 22 gennaio 2017, 12:32

Bilbo ha scritto:
babatriestina ha scritto: purtropo no so qual che sia la paga netta de un operaio. Penso che dipendi anche del operaio, sarà una media forsi..
parlemo de lordi, tra i 6 e i 12€ ora se dipendente....se con voucher, neti doveria eser 7.5 €, ma de solito ala fine xe de meno.
verdavo formagi, me ga colpido el jamar che xe fato a prepoto... 47,50€/Kg...
I quindise lordi xe circa 9 neti. Più o meno. Se lavora 160 ore al mese e se pol calcolar più o meno la paga neta. El 30/40 percento va par l'afito, po te ga auto (tasa, asicurazion, benzina, imprevisti) e se se pol imaginar cosa che resta par magnar. Guai se no se lavora in do. No xe giusto far confronti con prima dela guera, con una paga sola. Prima dela guera i afiti costava de meno, ma no iera television, telefono, auto, pizerie. Se rivava anca con una paga sola, no ben, ma se rivava. Ogi no. Solo con do paghe.
Per formaio, carne ecc. go la mia teoria. Se xe roba fresca, con tropa aqua, se paga poco. Ma se paga anca aqua, al prezo dela roba. Se se compra roba più suta, con meno aqua, costa de più. Ma forsi val anca de più. Go contà dela carne dei filialisti e de quela dei becheri. La diferenza xe e si vede.



Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4064
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Eataly

Messaggio da Ciancele » domenica 22 gennaio 2017, 18:27

Ciancele ha scritto: ..... Te saludo parchè devo 'ndar a veder i risultati de ogi. Se me go ciolto la vita vol dir che gavemo perso. :cheezy_298:
Gavemo perso 3 a zero in trasferta cola seconda in clasifica. Ma son tanto ciapà che no go trovà el tempo par far quela roba. I veci romani diseva: Quod differtur, non aufertur. :36_11_6:
Go vardà la Triestina. Il mondo è fatto a scale, diseva el mio maestro dele elementari. I altri ga paregià e cusì la Triiestina ga tre punti de repiro.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36221
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Eataly

Messaggio da babatriestina » lunedì 23 gennaio 2017, 9:13

Son tornada ieri sera: burro de qualità italian, più caro ma la aprima volta che lo trovo bon. Calicetto de vin dei 3 ai 4-5 euro, come che se paga de quel in piazza san Giovanni vizin de Toso. E con vista impagabile.. assai dolci e cioccolate piemontesi, del noto Venchi a a ltri sconosciuti. Caretti.. no go ciolto. Sempre un'alternativa ala solita Nestlè. O a quela trapola dela Nutella che tuti va tanto mati


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4064
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Eataly

Messaggio da Ciancele » lunedì 23 gennaio 2017, 9:39

babatriestina ha scritto: Son tornada ieri sera: burro de qualità italian, più caro ma la prima volta che lo trovo bon. Calicetto de vin dei 3 ai 4-5 euro, come che se paga de quel in piazza san Giovanni vizin de Toso. E con vista impagabile.. assai dolci e cioccolate piemontesi, del noto Venchi e altri sconosciuti. Caretti.. no go ciolto. Sempre un'alternativa ala solita Nestlè. O a quela trapola dela Nutella che tuti va tanto mati.
El caliceto, che de noi ga 0,2 litri, el costa nei spaceti anca tra 3 e 5 euro. In ristoranti boni te cominci de 5/6 euro e no'l xe meio. :twisted: Fora, sul Reno, del contadin, te lo trovi anca a 2,50 Euro. La Nutela xe come el savon: question de gusti. Dei mii nipotini el picio el va mato, le putele no. Tantissimi ani fa gavevo una colega, quindi za magiorene, che ala fine del mese, el giorno prima dela paga, la me domandà che ghe impresto qualche marco. Par comprar la Nutela par la marenda. :roll:



Avatar utente
Bilbo
Site Admin
Messaggi: 2229
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 20:51
Località: Trieste

Re: Eataly

Messaggio da Bilbo » lunedì 23 gennaio 2017, 10:59

Nutella xe Nutella.... no xe scampa.....no ghe xe una crema spalmabile che ghe stia drio......


Bye '73 de Roby.-

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36221
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Eataly

Messaggio da babatriestina » lunedì 23 gennaio 2017, 11:46

credo che le creme de ciocolata de Eataly sia un poco meio che quela roba con oio de palma. E dir che co la xe vegnuda fora noi ridevimo cme mate cole mie amiche de quela roba maronzina de spalmar... no vado a provar perchè son bastanza su de peso. Ma go leto i ingredienti dela ciocolata Venchi e quela Milka al supermercato stamatina


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
Bilbo
Site Admin
Messaggi: 2229
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 20:51
Località: Trieste

Re: Eataly

Messaggio da Bilbo » lunedì 23 gennaio 2017, 12:06

no digo che no ghe sia de meio... ma daghe (ai magiori consumatori) un panin de nutela e un panin con la meio crema..... vedemo quel che i magna e quel che i lasa de parte.... a parte questo, semo ot....


Bye '73 de Roby.-

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36221
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Eataly

Messaggio da babatriestina » lunedì 23 gennaio 2017, 12:36

Bilbo ha scritto:no digo che no ghe sia de meio... ma daghe (ai magiori consumatori) un panin de nutela e un panin con la meio crema..... vedemo quel che i magna e quel che i lasa de parte.... a parte questo, semo ot....
oss te vol che te digo. Bilbo.. xe quei che magna crafen fredi ala Nutella... e che se la metessi anche per condir l a pasta.. restando nela ciocolata, Eataly che pica un poco per el Piemonte, me par, vol rilanciar la tradizon dela ciocolata italiana e a Torin de negozi de ciocolata vera e bona no manca! qua xe po una marca che no conosso con tanti tipi de ciocolate ..e care anche. Un sacheto picio de gianduiotti o cremini 12 euro! po coss te vol el alternativa xe el concetto " go magnado tanto e disi disi quanto che go pagado"


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36221
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Eataly

Messaggio da babatriestina » martedì 9 gennaio 2018, 16:45

http://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cro ... hfpitses-1
Gioielli architettonici d’Italia. Il Magazzino vini nella top 8
La struttura restaurata fra gli esempi di nuove realtà all’avanguardia del 2017. Per il Corriere Innovazione la casa triestina di Eataly unisce storia e progresso
RIESTE Chissà se i costruttori dell’antico Magazzino vini avrebbero mai potuto immaginare che un edificio del 1902 pensato come deposito delle botti provenienti da Istria e Dalmazia si sarebbe potuto evolvere, un secolo dopo, in una realtà così riconoscibile e all’avanguardia dal punto di vista architettonico da essere considerata fra le più belle nuove realizzazioni inaugurate nel 2017 in Italia. Merito del proprio contenuto innovativo e della capacità di modificare lo skyline della città, al pari di un grattacielo, un nuovo centro direzionale o una stazione ferroviaria, scrive Corriere Innovazione, l’inserto del Corsera dedicato all’avanguardia nei più svariati campi della tecnica, dell’economia e del sapere.
Secondo l’inserto del Corriere, «lo stacco fisico tra il nuovo “manufatto” e il paramento storico consente di realizzare uno spazio posto tra interno ed esterno di grande suggestione, interamente rivestito in pietra d’Istria». Piace dunque la rivisitazione dell’edificio disposto lungo riva Tommaso Gulli, oggi teatro dell’enogastronomia made in Italy e un tempo magazzino dotato di un ingegnoso sistema di annaffiatura ad acqua, che permetteva di mantenere una costante temperatura interna, fondamentale per la conservazione del vino. Innovazione anche quella, come innovazione è oggi il progetto dell’architetto fiorentino Marco Casamonti, co-fondatore di Studio Archea e docente dell’Università di Genova, che ha regalato a Trieste uno dei suoi affacci più belli sul mare, ma anche un’architettura fatta di pietra, acqua e vetro, uniti all’ingegno e alla perseveranza che sono serviti a scavare nel mare per conquistare ulteriori spazi, che ora sul mare sono letteralmente sospesi.
Per quanto riguarda il Magazzino vini, tutto è bene quel che finisce bene, ma non era scontato dopo il complesso iter che ha preceduto l’operazione di restauro. Il progetto di Casamonti era pronto dal 2007 e ci sono dunque voluti dieci anni, fra intoppi burocratici e fase realizzativa, per rompere gli indugi sulla destinazione d’uso e sottrarre l’edificio non solo al suo abbandono ma anche al rischio di abbattimento. Ne sono risultati quattro livelli, di cui i primi due interrati, per un totale di oltre 5mila metri quadrati e 25 milioni di investimenti. La Fondazione CrTrieste aveva acquistato il rudere per 3 milioni nel 2005 dalle Coop, volendo realizzarvi il mai nato centro congressi. Poi l’invito del Comune a puntare sull’ambito commerciale e la lunga riflessione sulla possibilità di realizzarvi il Parco del mare. Infine lavori cominciati senza la definizione dell’utilizzo finale, affidato in corso d’opera a Eataly, che dal gennaio scorso ne ha fatto il suo primo punto vendita a Nordest.
Vi ricordo le lunghe pagine dedicate al


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Rispondi

Torna a “Industrie e comerci”