negozi che verzi, negozi che sera..

a Trieste, dele grandi industrie el negozietto soto casa: de una volta e de oggi
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36545
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Messaggio da babatriestina » sabato 6 settembre 2014, 21:07

el sera o el xe disposto a passar la man? comunque cambiada sede e soprattutto gestion, per mi no iera più la libreria de prima.. suo erede morale Nero su Bianco in Barriera.. secondo mi


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1985
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Messaggio da Piereto » domenica 7 settembre 2014, 9:52

Da quel che go capì el negozio fa parte de una cadena de librerie nel veneto e sicome la sede no xe a Trieste la proprietà vol molar Trieste.



Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10912
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Messaggio da Nona Picia » domenica 8 febbraio 2015, 16:09

Ogi sul Bugiardello se un articolo su Marchi gomma che sera due negozi in via della Zonta. Resterà solo el negozio storico.


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1985
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Messaggio da Piereto » domenica 8 febbraio 2015, 18:50

I negozi sera come in periferia cusì in centro, perchè i xe per lo più a conduzion familiare e pol mancar i eredi. I sera perche i paroni noi xe proprietari de la superficie de vendita e quindi noi riva a starghe dentro co l'afito. El publico andando in giro se inacorzi che la roba in vendita se pol trovarla anche nei centri comerciali , e quindi con una unica strada el fa più spese , e po oramai i stesi fornitori dei negozieti xe i stesi dei centri comerciali. Se esisti ancora una varietà te cori el riscio de pagarla cara, ergo cala i compradori. Le tase po cresi come i ani, cioè le xe sempre de più. Credo che Marchigoma el xe ancora struturado per una vendita molto ampia, anche de prodoti per la casa che anche altri ga , e nel campo de la goma e de la plastica del fai da te, go l'impresion che el numero de acquirenti che se rangia co pici lavoreti fai da te, el sia in forte calo. Ogi andando per negozi xe sempre più facile sentirse dir : no gavemo, no tinimo, noi fa più, la provi altrove . E difati se te zerchi qualcosa te devi andar per forza su internet, e va a finir che costa anche de meno.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36545
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Messaggio da babatriestina » domenica 8 febbraio 2015, 19:48

e devo dir che propio le sezioni che sera no gaveva più quel che lori stesi gaveva anni fa: anni fa go ciolto de lori un carel per la spesa, un per de settimane fa no i gavea più nissun, che prima i tegniva varietà.. no gaveo no tignimo, volentieri... po comuqnue anche se ve ricordè iera anche una ltro negozio de Marchi, che iera i cugini, che gaveva me par sul canton quasi in via Carducci. quei ga lassado perder de tanti ani ormai e me par che nissun se gaveva gnanc a inacorto. xe adesso che se disi Un altro che sera..speremo che i tegni el negozio original, che gaveva e ancora adesso ga robe che no sempre trovo de altre parti..
i Marchi gaveva cominciado con proprio sta novità, de roba solo de plastica, che nissun altro gaveva cussì ampio. Po i se ga salrgado un poco a tutto, dela roba per la casa ( che adesso i Brico costa de meno), ala roba stagional tipo Nadal, ala roba sportiva, ma a nca là la roba per baletto no gaveva la varietà che ga altri negozi e gnanca quel che se rova su internet - che prò francamnete quel tipo de prodotto voio provar coi mii oci e in man prima de cior.. internet xe un poco a scatola chiusa per certe robe..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36545
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Messaggio da babatriestina » giovedì 12 febbraio 2015, 21:58

sta preparandose a verzer un MacDonald in piazza Goldoni...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
Bilbo
Site Admin
Messaggi: 2233
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 20:51
Località: Trieste

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Messaggio da Bilbo » venerdì 13 febbraio 2015, 6:24

diria che iera anche ora.... fin deso i ga verto solo in posti periferici dei centri commerciali.... per mi i se ga fato magnar el viale da burgherking, me spetavo proprio mc donald che verzesi là....


Bye '73 de Roby.-

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36545
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Messaggio da babatriestina » venerdì 13 febbraio 2015, 7:41

istesso mi, no che sia el top dei ristoranti, ma la muleria ghe piasi e in fondo costa poco e a volte un panin o una salata se pol cior, in vaggio. In Viale saria stato meio.. tute le cità ghe ne ga un. La qualità per mi che in viaggio ghe son passada ogni tanto dipendi del oio de frizer che i dopra, e che no xe sempre el stesso - o i lo cambia de meno- nei vari posti


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4152
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Messaggio da Ciancele » venerdì 13 febbraio 2015, 9:22

babatriestina ha scritto: istesso mi, no che sia el top dei ristoranti, ma la muleria ghe piasi e in fondo costa poco e a volte un panin o una salata se pol cior, in vaggio. In Viale saria stato meio.. tute le cità ghe ne ga un. La qualità per mi che in viaggio ghe son passada ogni tanto dipendi del oio de frizer che i dopra, e che no xe sempre el stesso - o i lo cambia de meno- nei vari posti
Mi son sta de MacDonald in Francia e in belgio. Formidabili la Coca Cola e le patatine frite. El resto xe gusti. Qua par lege i devi cambiar l'oio dopo 55 ore di servizio. McD (i disi che) el fa pasar pal tamiso l'oio ogni sera, cusì xe meno roba che se brusa dentro. E de questo dipendi el gusto.



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1985
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Messaggio da Piereto » sabato 14 febbraio 2015, 20:21

Confeso che co son in viagio almeno una volta vado de Mcd, e col iera al giulia lo go frequentà un poco. A la fine te te stufi, perchè el magnar xe sempre preciso. Stese dimensioni, steso gusto, le patate bone ,ma xe sempre la stesa varietà e taiade tutte a machina. No parlemo po del panin fato de un pan che no sa de gnente e che par de goma. Po volè meter la diferenza tra una polpeta e l'amburgher ?



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1985
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Messaggio da Piereto » sabato 28 febbraio 2015, 18:43

Un negozieto de alimentari vizin de casa mia ga serado. Go parlà col gestor che conoso, e in sti mesi del novo ano nol ga rivà a pagar la boleta de la luce, cusì i ghe la ga taiada. El me ga spiegà che tuto ga cresù : l'afito del negozio, le tase statali e comunali , el comercialista, le scovaze, i versamneti per l'inps, etc e comunque ghe devi restar per lu un do schei per magnar, e cusì nonostante una clientela afezionada nol riva andar avanti. Go inteso che anche l'italcantieri de Monfalcon sto ano ga fato pochi utili nonostante tute le navi che i fa , perche dai 11 milioni de euro de tase de l' ano prima i xe pasadi a 51 milioni. Go anche inteso che el 80% dei taliani ga un redito medio de 20000 euri, che el 17% ga un redito superiore ai 100000 euri el restante 3% ga un redito oltre el milion. In quel 17% ghe sta quasi tuti i politici e i dirigenti de tuti i enti publici italiani. E xe sti mati qua che ne aumenta le tase perchè? Penseghe un poco su .



Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10912
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Messaggio da Nona Picia » lunedì 2 marzo 2015, 9:30

No ocori pensarghe su... se sa zà.... chi che magna de più vol magnar sempre de più.... :evil:


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

sbriso
naufrago
naufrago
Messaggi: 60
Iscritto il: giovedì 20 novembre 2008, 0:28
Località: Kanton Zug

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Messaggio da sbriso » domenica 15 marzo 2015, 23:39

ciao a tuti, l'altro giorno 'ndavo su per via S.Francesco e go visto (mejo, no go più visto ) Godina (e intanto go leto tuto nele pagine prima); un poco dopo no go più trovà gnanca la libreria slovena ... Quando la ga chiuso ? Grassie ...



Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2751
Iscritto il: sabato 22 maggio 2010, 18:47

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Messaggio da mandi_ » lunedì 16 marzo 2015, 7:45

Per la libreria slovena:

http://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cro ... -1.8706048

No so altro


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36545
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Messaggio da babatriestina » lunedì 16 marzo 2015, 7:45

la libreria slovena ga serado qualche mese fa, solita mancanza de fondi ( taiai i contributi), me pareva de gaver letto anche in forum ma forsi an che no. I parla de un anova sede, ma per adesso tuti ziti. Vegnerà fora forsi in periodo elettoral.
Go dito qualche mese, ma inveze xe za un anno: googlando sul Piccolo trovo
http://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cro ... -1.8706048

che no i scancelli ricopio qualcossa 20 febbraio 2014
Le tre lettere di licenziamento sono appese dietro la cassa tra i ritagli dei giornali che annunciano la messa in liquidazione dalla Libreria Triestina - Tržaška Knjigarna di via San Francesco 20 dopo quasi 60 anni di vita. La libreria degli sloveni, l’unica esistente, aveva aperto i battenti nel dicembre 1955. Un’istituzione per i libri in lingua slovena ma anche per le carte topografiche e le guide turistiche del Carso e della Slovenia. E ieri si è tenuto l’ultimo “Caffè con il libro”. Offerto a tutti presenti dalla direttrice Ilde Košuta. E toccato al giornalista Igor Pirkovic l’ultimo appuntamento con gli autori della libreria che cesserà a fine marzo.
Duecentomila il debito accumulato dalla Libreria Trieste nel corso di 60 anni (50 mila solo nel 20132). L’allarme fu lanciato nel giugno scorso con una maratona letteraria che voleva sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni della comunità slovena per evitare la chiusura. Ma, al di la degli attestati di stima e delle promesse, non è successo nulla di concreto. La Società finanziaria Adriatica, che è anche proprietaria dell’immobile di via San Francesco, ha deciso di mollare preso atto dell’indifferenza delle sue istituzioni di riferimento della comunità, la Skgz (l’Unione culturale economica slovena), matrice laica e di sinistra che ha sede in via San Francesco (proprio sopra la Libreria Triestina) e l’Sso (la confederaizzione delle organizzazioni slovene) di matrice cattolica che ha sede in via Donizetti. Una forma di cannibalismo all’interno della minoranza che avrà come risultato la perdita della Libreria Triestina. E, non si tratta, solo di una questione di soldi. Le due organizzazioni incassano milioni dalla Repubblica italiana e da quella slovena. I 200 mila euro di passivo della Libreria triestina sono spiccioli rispetto ai soldi incamerati dalle presidenze della due società, Rudi Pavši› (Skgz) e Drago Štoka (Sso).«Per l’anno 2013, i vertiti, ciè la “casta slovena” della Skgz e della Sso, sì è fatta assegnare il ben sostanzioso importo di 682mila euro, richiedendo inoltre, con congiunta richiesta, di privilegiare i burocrati di talune organizzazioni avventi sedi dispendiose a Trieste e Gorizia, lasciando quasi all’asciutto il volontariato e gli operatori del territorio» denuncia l’avvocato Giuseppe Skerk, ex consigliere regionale e padre fondatore dell’Unione slovena.
el articolo critica la distribuzion dei fondi..

e po speranze
http://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cro ... -1.9029901
Due ministri sloveni, quello della cultura e quello per gli sloveni all’estero, insieme con i rappresentanti dell’associazionismo e del mondo editoriale della comunità slovena, hanno dato vita a un progetto innovativo una specie di “agenzia della cultura slovena” collocata nel centro di Trieste (e non in una via defilata) aperta a tutti e con grandi ambizioni». L’avvocato Giovanni Skerk, esponente storico della minoranza, plaude al progetto di rinascita della Libreria Triestina. «La chiusura definitiva della Libreria triestina di via San Francesco - continua l’avvocato - rischiava di passare quasi in silenzio, tra qualche mugugno, come inevitabile conseguenza di una crisi finanziaria, peraltro davvero modesta. Abbiamo “disturbato il manovratore” (magari con toni qualche volta aspri) e gli sviluppi della nostra azione ci hanno premiato. Ne guadagna non solo la comunità slovena ma tutta la città, a conferma del detto che da un male può nascere un bene».

«Il mandato ufficialmente affidato alla nuova struttura (che si chiamerà “Centro librario triestino” e si aprirà entro novembre) - conclude Skerk - è impegnativo e i responsabili dovranno essere sostenuti da una diffusa solidarietà
e anche
http://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cro ... -1.9851212
La Nuova Libreria Triestina (Nova Tržaška Knjigarna) rinascerà in piazza Oberdan. A fianco del Palazzo del Consiglio regionale. Il nome però non sarà quello. L’aggettivo nuovo non ha portato troppo bene alle iniziative rinate sulle ceneri dei fallimenti economici della minoranza slovena. E allora è meglio cambiare a “360 gradi”. “Ts 360” (Trieste a 360 gradi) è il nome della srl formata dalle due case editrici della minoranza, Editoriale stampa triestina (Ztt-Est) e Mladika. Una soluzione messa a punto dalle sue associazioni economiche di riferimento della comunità slovena, la Skgz (Unione culturale economica slovena) e l’Sso (Confederazione delle organizzazioni slovene) in collaborazione la Repubblica di Slovenia che, tramite il ministero degli sloveni all’estero, ha messo sul piatto circa 75mila euro per la rinascita della libreria che sara anche un centro della cultura slovena in Italia. L’intenzione (fin dal nome della società, Ts 360) di essere più aperta alla città di Trieste.
iera agosto de un anno fa..


"te lo ga visto ti?" sto novo centro? mi no...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

sbriso
naufrago
naufrago
Messaggi: 60
Iscritto il: giovedì 20 novembre 2008, 0:28
Località: Kanton Zug

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Messaggio da sbriso » lunedì 16 marzo 2015, 11:36

grazie, gentilissimi come sempre (orpo, tanto tempo che no passavo de la ... o-) ) Pecà perchè se trovava roba interessante (roba storica e cartografia) anche per chi el sloven lo conosseva poco.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36545
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Messaggio da babatriestina » lunedì 16 marzo 2015, 12:36

sì, anche mi gavevo ciolto qualcossa - in italian. T e pol però andar alla Transalpina in via Torrebianca ( o xe Valdirivo?) che ga roba sul genere.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36545
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Messaggio da babatriestina » mercoledì 13 maggio 2015, 14:31

El novo McDonald in piazza Goldoni.
Posso assicurarve che, almeno per adesso, no spuzza de cativo grasso
Immagine

el ga anche un caffè con internet, molto apprezzado dela muleria
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1985
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Messaggio da Piereto » sabato 16 maggio 2015, 10:39

Co la odierna piccola chiusura de Via Mazzini e con quela totale che se prospeta, voio proprio veder quanti negozi che riverzerà. Comunque ieri go visto che al posto de la Serica xe una altra filiale dela popolare di Vicenza , che al posto de la uficio dela Cosulich piaza Santantonio novo angolo Via Filzi ghe xe una popolare de Manzano. Che i triestini no se fidi più de meter i schei ne le banche triestine ?



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36545
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Messaggio da babatriestina » sabato 16 maggio 2015, 11:06

la banca popolare de Vicenza me par che se ga solo spostado in via Mazzina più in suso. Notar che comuqnue per adesso sta pedonalizzazion se riferissi solo che aun toco dela via. per la totale mi no so ancora gnente. El McDonald ga successo ( vedo mi che ghe passo davanti più volte al giorno) col cafè annesso, una roba che de solito i McDonald che vedo in giro per el Europa no ga abitualmente.
Go notado inveze diversi negozi novi in zona zitavecia, zona Cavana..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Rispondi

Torna a “Industrie e comerci”