Pagina 9 di 13

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Inviato: sabato 16 maggio 2015, 13:15
da Ciancele
babatriestina ha scritto: La banca popolare de Vicenza me par che se ga solo spostado in via Mazzini più in suso. Notar che comunque per adesso sta pedonalizzazion se riferissi solo che a un toco dela via. Per la totale mi no so ancora gnente. El McDonald ga successo (vedo mi che ghe passo davanti più volte al giorno) col cafè annesso, una roba che de solito i McDonald che vedo in giro per el Europa no ga abitualmente.
Go notado inveze diversi negozi novi in zona zitavecia, zona Cavana..
Anca qua gavemo McDonald e Burger King (una specie de McDonald) sempre pieni. Specialmente in centro a l'ora de pranzo xe dificile trovar de sentarse. In piaza Goldoni xe sempre un mucio de gente.
Zona Cavana xe pedonale e con trafico de gente a pie, senza auto. Xe sempre qualchedun che se ferma e compra qualcosa. De quel che me ricordo mi, via Mazini in fondo gaveva solo do o tre negozi. Inveze soto piaza Goldoni iera un tacà a l'altro.

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Inviato: sabato 16 maggio 2015, 19:23
da Piereto
Legio che tra filiali e sedi de banche podemo contarghene a Trieste 104 che me par un bel numero . Quele de Unicredit che ingloba anca anche la Cassa de risparmio de Trieste xe 33. Un solo rammarico xe veder che el nome de Triete nol xe in prima fila ma el vien dopo Unicredit, mentre appari Manzano, Staranzano, Cividale e noto che l'unica banca che ga la direzion generale e la sede legale a Trieste xe quela de le Generali . Per el resto tute in Friul. No xe campanilismo, ma vol dir che le tasse no le vien versade a Trieste nonostante che molti capitali sia de Triestini. Penso alla cassa de risparmio triestina che per statuto eroga aiuti a Trieste, mentre Manzan, Cividal e Staranzan eroga in quei comuni, e dopo i disi che i triestini no ghe vol ben a la Regione.

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Inviato: sabato 16 maggio 2015, 19:34
da babatriestina
Te ga dimenticado le casse de risparmio e simili carsoline... roba domacia e le xe anche in centro

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Inviato: sabato 16 maggio 2015, 20:06
da Piereto
Si le casse de credito cooperativo e rurali, pecà che sia solo la ZkB che nasi come cassa rurala e artigiana de Opcina nel 1908 e che ga sede qua.

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Inviato: sabato 20 giugno 2015, 7:30
da sono piccolo ma crescero
Vardando questa foto de via Mazini, che sum culex mesa perel piano del trafico
Immagine
go notà el negozio tuto rosso. El ga una scrita "Temporary shop" che per mi vol dir "Negozio provisorio". Cosa la vol dir: che i lo farà più bel? Che per un poco xe un che vendi dentro robe sue e dopo un poco xe un altro...

Trovo questa informazion, naturalmente su wikipedia: https://it.wikipedia.org/wiki/Negozio_a_tempo

Se xe quel che disi wikipedia, xe una novità per Trieste. Ghe ne savè de più? comenti in proposito? De quando i lo ga verto? Cosa i vendi? Ghe se andai dentro? Li gavè visti cambiar la merce?

Mi con tuto quel roso e le vetrine pice pice, al primo momento me pareva un negozio de cinesi...

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Inviato: sabato 20 giugno 2015, 9:18
da Nona Picia
Xe un negozio come che che ghe ne xe ogni tanto un che vendi sotocosto roba dela passada stagion, mi almeno go capì cussì. Anche se no sempre xe proprio tanto sotocosto!

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Inviato: giovedì 25 giugno 2015, 7:08
da babatriestina
xe spesso in centro sti negozi, presempio in Corso Saba xe un che verzi solo per strafanici de Nadal..

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Inviato: venerdì 26 giugno 2015, 16:49
da Nona Picia
babatriestina ha scritto:xe spesso in centro sti negozi, presempio in Corso Saba xe un che verzi solo per strafanici de Nadal..
sto Nadal quel ga verto in Corso...

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Inviato: venerdì 26 giugno 2015, 21:31
da mandi_
Temporary shop: anche da noi comincia ad introdursi questa moda. Qui leggo di un negozio rinomato di Trento che vende tappeti ecc, merce che in questo periodo si vende poco. Allora si chiude con i tappeti e si crea una gelateria che a sua volta chiuderà a settembre. Non mi sembra male come idea. A proposito oggi ho già visto merce in saldo in vari negozi. Ciao da Mandi.

http://www.ladige.it/popular/lifestyle/ ... -settembre

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Inviato: martedì 12 luglio 2016, 11:20
da sono piccolo ma crescero
Oggi, per una serie de associazioni de idee me xe vegnu inamente che co iero picio esisteva una cadena de negozi che se ciamava "La provvida".

Qualchedun se li ricorda? Che fine i ga fato?

Un me par de ricordarme che el fusi in via Combi, (parlo dei anni '50).

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Inviato: martedì 12 luglio 2016, 13:02
da sum culex
Mi me ricordo el nome La Provvida e se no me sbaglio i gaveva boni prezzi, ma no me ricordo nè dove che i iera nè quando. Almeno un, sempre con un vago ricordo, iera anche in centro cità; forsi, ma 'ssai forsi, torno piazza Vittorio Veneto.
ciao
sum culex

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Inviato: martedì 12 luglio 2016, 17:45
da sono piccolo ma crescero
Pol eser. Zercando con google doveva eser una roba ligada ai ferovieri, quindi piaza Vittorio Veneto poderia andar ben.

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Inviato: martedì 12 luglio 2016, 17:48
da Piereto
No te te sbagli. La provvida iera una cooperativa dei ferrovieri e i vendeva solo per lori e i familiari, e i gaveva sicuramente un spacio a Trieste . Ma no rivo a ricordarme ben e no so se el negozio iera tacado al cine nel palazo de le ferrovie, opur se el iera in Via Gioia. .

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Inviato: domenica 11 dicembre 2016, 8:55
da sono piccolo ma crescero
Oggi un articolo sul Piccolo sui negozi che sera...

http://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cro ... fpitsec-11

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Inviato: domenica 11 dicembre 2016, 18:20
da Piereto
Per i negozi che sera savemo chi ringraziar. Mi meteria in primis el sistema fiscale predatorio, po l'apertura dei centri commerciali , e ultimo ma forsi el più importante la mancanza de bori.

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Inviato: domenica 11 dicembre 2016, 21:58
da babatriestina
e po perchè i fioi dei botegheri no sempre vol far i botegheri come i genitori

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Inviato: giovedì 15 dicembre 2016, 10:06
da Ciancele
Piereto ha scritto: Per i negozi che sera savemo chi ringraziar. Mi meteria in primis el sistema fiscale predatorio, po l'apertura dei centri commerciali , e ultimo ma forsi el più importante la mancanza de bori.
Mah, la mia opinion xe che tuto fa mucio. Cioè che no xe solo una ragion, ma un insieme de tante ragioni. Forsi negozi cari senti la mancanza de soldi, ma boteghe magnative? Tuti magna ogni giorno. O almeno la gran parte. Quel che sera qua xe le paneterie a conduzione familiare che senti la concorenza dei filialisti. Xe do o tre solo nei dintorni che i fa parfina i crafen. Le picole paneterie no pol lavorar par do soldi. Centri comerciali tipo Aldi e Lidl vendi de tuto, anca i cosideti non food. Insoma te compri mudande, calze, baterie e fil par cusir. Come Upin: pignate, bucai, spighete par soldai. E ‘lora no te va come prima a far el giro dei negozi, ma te compri squasi tuto in un grande magazin. Quel che disi Baba Triestina xe anca vero, ma tante volte i fioi ga altri interesi e i veci sera. Vizin de noi xe un negozieto tipo Cesca. I paroni, marì e molie, va in pension e i fioi fa altra roba. Tante volte, specialmente in punti centrali, i ga aumentà i afiti tanto che la gente va via. E vien boutique o negozi simili.
Veramente mi volevo dir la mia su l’articolo de Son Piccolo Ma Crescerò. No voio spander e dir che me se strenzi el cuor. Ma fa lo steso mal. De Smolars e Glessich, ma specialmente de Smolars, go crompà tanti quaderni. De Masè poco, ma de Sartori tanto. Mia mama iera in guera sula lista par l’oso de parsuto. El vecio Sartori gaveva una lista dei clienti e uno dopo l’altro ciapava l’oso. Qualche ano fa iero a Trieste e go ciolto parsuto e vin de Sartori. Go domandà e el mato me ga risposto che el vecio iera su papà. No me ricordo de gaver ciolto qualcosa de Galtruco. Quela volta se fazeimo far i vestiti e mia mama cioleva la stofa de un in riva, sul canton con la via Mazini. De Arbiter cioleimo anca pintosto combinazioni. Una volta iero a Trieste e go comprà do vestiti estivi. Qua i me ga invidià. De Nimmesrichter camise e cravate.
Ma xe anca altri che no conoso. Vitrum xe quel tacà la cesa? Tantisimi ani fa devo gaver crompà là una machineta par far gnochi e altre robete par la cusina. Serli in via Cavana devi eser vignù co’ iero za via. Ma Gaggi? Mai sentì. Chi iera, dove iera e cosa fazeva? Tanti negozi che vivi ancora ga forsi novi paroni.

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Inviato: giovedì 15 dicembre 2016, 17:15
da Piereto
I ne gà fato cambiar le abitudini, e el passato xe sai dificile che el torni indrio. Una volta te podevi ogni giorno andar in giro per un cinque negozi che te gavevi soto casa, ogi te va una volta la setimana a comprar un vagon de roba in un ipermercato, e logicamente te devi aver l'auto sinò no te te movi con zinque borse , e una dispensa frigo sai granda. Meio quela volta , meio ogi? Una volta te podevi scambiar e far quatro ciacole coi botegheri o co le babe che fazeva la fila. Ogi no più. Xe un mondo de solitari.
Per risponderte dove che xe Gaggi, anzi dove che iera, pensa a Via Roma dove che xe la banca co le statue de fora che xe ogi deutsche bank, e proprio di fronte iera Gaggi che vendeva intimo e straze per omo e dona. Forsi te te ricorderà che su quel isolato dove che xe la banca, sul canton con ponterosso iera el negozio de Meinl che el xe sparì anche quel per farghe posto a un negozio de scarpe.

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Inviato: venerdì 16 dicembre 2016, 19:10
da Ciancele
Piereto ha scritto: ..... Per risponderte dove che xe Gaggi, anzi dove che iera, pensa a Via Roma dove che xe la banca co le statue de fora che xe ogi deutsche bank, e proprio di fronte iera Gaggi che vendeva intimo e straze per omo e dona. Forsi te te ricorderà che su quel isolato dove che xe la banca, sul canton con ponterosso iera el negozio de Meinl che el xe sparì anche quel per farghe posto a un negozio de scarpe.
In via Roma iera Illy + Hausbrandt e Julius Meinl. 'sai più tardi go savù che Julius Meinl iera come le Coperative Operaie, che saria con tante filiali. Di fronte, cominciando del canton, iera Cesca, po un bar e po una negozieto picino picino piciò che vendeva straze. Forsi iera quel.

Re: negozi che verzi, negozi che sera..

Inviato: sabato 17 dicembre 2016, 10:30
da babatriestina
Gaggi el nome no me sisi gnente. Ocio che Nimmerichter vendeva scarpe el gaveva salvadovel vecio nome ma de quasi 70 anni el iera proprietà dei Cescutti un poco meno austriaci. Savè che esisti ancora gente e mi ghe ne conosso parecchi che no ga la macchina? Quei no cariga tuto in bagagliaio i veceti va fora col baston e el carel dela spesa.. el pan? Xe quele do tre panetterie oltre confin che riforbissi mezi supermercati. Ma ve ricrdè anni fa che i se lamentava che nissun voleva far el panificator in Italia?