La Elettra

el porto de Trieste deuna volta, de adesso, le navi che vien e va a Trieste, de una volta e de adesso
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

La Elettra

Messaggio da AdlerTS » sabato 23 giugno 2007, 16:36

La Elettra xe dìventada famosa per esser la nave dei esperimenti de Guglielmo Marconi, però pochi sa o ricorda che la nave jera ben anteriore: l'arciduca Carlo Stefano, ammiraglio della marina austriaca che passava molti mesi all'anno a Lussin, nel 1903 se fa costruir in Scozia una nave de rappresentanza: l'Elettra. Ovviamente all'inizio non la se ciamava cussì, bensì el suo nome originale jera Rovenska.
Una stazza de oltre 600 tonnellate, lunga circa 70 e larga quasi 9, la vien varada nel 1904, ma per la verità i primi anni la vien lassada spesso e volentieri in rada. Tra el 1909 e el '14 la vien venduda 2 volte e quindi militarizzada durante la guerra per per el pattugliamento della Manica. Comprada da Marconi nel 1919, la vien portada a La Spezia per adattarla ai suoi scopi scientifici e quindi xe celebre el fatto che la vien portada a Fiume per la gioia de d'Annunzio. La nave doveva ciamarse Scintilla in italian, ma dopo el propendi per Elettra perché più facile da pronunciar dai anglosassoni. In tutti gli anni 20 del 900 continua gli esperimenti de radiotelefonia, fino al celebre esperimento de accension delle luci a distanza nel porto de Sidney: el tasto utilizzado per tale accension dovessi esser ancora al Museo del Mare a Trieste, dove se conserva anche un model 1:50 della nave stessa.
Dopo la morte de Marconi del 1937, la nave vien ciolta in carico dal Ministero delle Comunicazioni.
Durante la II guerra la vien portada a Trieste ed ormegiada in Porto Vecchio per tignirla al sicuro dai bombardamenti alleati. Qua la vien svodada dalle apparecchiature scientifiche e requisida nel 1943 dai tedeschi per el pattugliamento costiero con la sigla de G 107.
La nave subissi l'attacco dei bombardieri alleati el 22.01.1944 a nord de Zara. El relitto resta a cielo aperto fino ai anni 60 quando el governo italian decidi de pagar el recupero e de trainarla a Muggia, in Porto San Rocco, dove da subita se parlava de rimetterla a novo. A sto punto però, tra l'enorme costo dell'operazion e la rivalità tra molte città italiane che rivendicava diritti su la nave, nel miglior stile italiano la barca "affonda" (in senso lato) una seconda volta, giungendo allo scempio dello scafo che vien sezionado in tante parti da poche ordinate ciascuna e diviso tra le città contendenti. La famosa prua che dal 2000 sta a Padriciano jera stada lassada al Comun per esser sistemada davanti alla capitaneria de porto.



ffdt
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3630
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 0:15
Località: Trieste
Contatta:

Messaggio da ffdt » domenica 24 giugno 2007, 1:43

un per de tochi i xe in posta central sconti a destra come che se vien dentro e credo che i motori i sia ancora a ciapar ruzine in te la corte de 'l muxeo de 'l mar



ffdt
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3630
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 0:15
Località: Trieste
Contatta:

Messaggio da ffdt » lunedì 24 settembre 2007, 0:49

sta cua xe la prua vista per davanti, con tuto 'l splendor de 'l buxo:
Allegati
mid_pict1237.jpg



ffdt
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3630
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 0:15
Località: Trieste
Contatta:

Messaggio da ffdt » lunedì 24 settembre 2007, 0:50

cua la xe vista de fianco:
Allegati
mid_pict1236.jpg



ffdt
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3630
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 0:15
Località: Trieste
Contatta:

Messaggio da ffdt » lunedì 24 settembre 2007, 0:51

e cua la xe vista per de dentro ... a mi cusi` conzada la me ga fato impresion ... la me da` per bon l'anda de un relito afondado e poxado su 'l fondo ...
Allegati
mid_pict1234.jpg



ffdt
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3630
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 0:15
Località: Trieste
Contatta:

Messaggio da ffdt » lunedì 24 settembre 2007, 0:55

sti cua, inveze, xe i tochi che i xe in posta e che i fa parte de 'l muxeo postal che i ga meso su lori:
Allegati
mid_pict1565.jpg



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7376
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Messaggio da sono piccolo ma crescero » sabato 6 settembre 2008, 6:24

xe interessante veder, dal de dentro dela nave, come che i imbrocava le lamiere.

Immagine

Iera una tecnica che i ghe insegnava ancora nei primi anni 60, prima che vegnisi la scola media unica, a'l aviamento marinaro che iera ai Campi Elisi.

No so se se fa ancora cusì, me piasesi saverlo. Comunque el ga dà origine al modo de dir "bater broche", forsi perché per bater le broche se stava al fredo, ma iera lavor de fadiga e se se scaldava? E ve imaginè sti poveri diavoli, dentro a una nave de fero, svoda, che come che i ghe dava un colpo de martel sonava tuto? Doveva eser un lavor duro.



Avatar utente
Elisa
notabile
notabile
Messaggi: 3438
Iscritto il: domenica 10 febbraio 2008, 17:27
Località: Argentina

Messaggio da Elisa » sabato 6 settembre 2008, 11:02

sono piccolo ma crescero,

hai descritto una evidente, pesante ed anche interessante realtà che coinvolgeva quei poveri diavoli di operai.
Ritieni che….almeno siano stati tenuti in conto i decibel? Speriamo! :roll:


"Todo lo bueno me ha sido dado"

Avatar utente
Coce
citadin
citadin
Messaggi: 689
Iscritto il: domenica 5 febbraio 2006, 11:24
Località: Australia

Elettra

Messaggio da Coce » sabato 6 settembre 2008, 12:50

Xe qualche chiarimento de far su sto Tema. Lo digo perche mi go lavorado a San Marco al principio dei ani 50, poi go fato tuta la mia vita lavorativa in costruzioni metallurgiche pesanti.
La prima xe che el scafo mostrado de ffdt no el xe originale perche
le lamiere xe tute saldade, metodo de gionture che nel 1904 no esisteva,
la saldatura elettrica iera proprio ai sui albori, infati el telaio interno xe tuto imbroca', unico sistema de congiunger lamiere a quel tempo.

batibroche iera el mestier praticado de questi operai. le broche xe come ciodi de diverse misure secondo el lavor, le ga una testa e no punta
le vegniva scaldade a rosso e inseride nei apositi fori dai Ragazzi
dopo uno nell'interno del scafo tegniva un blocco de fero col manigo ciamado La Moglie contro la testa dela broca, e un altro operaio de fora del scafo ribateva con l'aiuto de un martel pneumatico sempre mentre la broca iera rossa in una forma de testa. Si iera un lavor fadigoso, pericoloso per le scotadure, verto a tute le intenperie del tempo.
Micidiale per l'udito. I decibels no iera ancora conosui. Purtropo prima del'evento dela tecnologia moderna quasi tuti i mestieri fisici gaveva de questi problemi, ma quela iera la vita a quei tempi e se l'acetava per tale.
Ciao Coce :-)


La vita
Piu' che la pendi
Piu' la rendi

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7376
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Elettra

Messaggio da sono piccolo ma crescero » sabato 6 settembre 2008, 14:29

Coce ha scritto:Xe qualche chiarimento de far su sto Tema.
Grazie per averme contà come che se imbrocava le lamiere.
Coce ha scritto:La prima xe che el scafo mostrado de ffdt no el xe originale perche le lamiere xe tute saldade, metodo de gionture che nel 1904 no esisteva
Ma no poderia esser che dale foto de ffdt no se vedi ben? Se mi te mostro la foto ingrandida (e dentro de ela un tocheto ancora più in grande) me par de veder che le lamiere le xe tute imbrocade o me sbaglio?

Immagine

Go, poi, ancora, da ignorante, una curiosità che forsi me farà pasar per sempio. Come i fazeva dopo a no far vegnir dentro acqua dale giunte? Sule barche de legno i doprava stopa e pegola e su quele de fero?



Avatar utente
serlilian
distinto
distinto
Messaggi: 1697
Iscritto il: sabato 10 maggio 2008, 21:03
Località: T.L.T.
Contatta:

Messaggio da serlilian » sabato 6 settembre 2008, 14:37

Domanda interessante. Bastava forsi diverse man de pitura?

Mio papà ga fato el saldador al San Marco, verso la fin dela guera, ma no ghe piaseva. El diseva che le saldadure se pol romper, anche perchè no se fazeva una saldadura longo fora, ma se saldava a punti, come le broche, praticamente.


[i]Liliana[/i]
- . - . -
[size=75][i]"Quando comincia una guerra, la prima vittima è la Verità.
Quando la guerra finisce, le bugie dei vinti sono smascherate,
quelle dei vincitori, diventano Storia."
(A. Petacco - La nostra guerra)[/size][/i]

Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » sabato 6 settembre 2008, 22:14

sono piccolo ma crescero ha scritto:No so se se fa ancora cusì, me piasesi saverlo.
Ogi giorno xe solo ed esclusivamente saldade.


Mal no far, paura no gaver.

Avatar utente
Coce
citadin
citadin
Messaggi: 689
Iscritto il: domenica 5 febbraio 2006, 11:24
Località: Australia

Elettra

Messaggio da Coce » domenica 7 settembre 2008, 12:08

Pardon me Piccolo nele prime foto no se vedeva le broche. Una proprieta' de tute le leghe ferrose e questo includi tuti i materiai de costruzion in ferro-acciaio, quando scaldai se espandi e nel raffredamento
le molecole se strenzi in ammonto magior dele misure originali, questo fenomeno risulta con grandi pressioni e forze creando dele gionture ermetiche. Grandi passi avanti xe stadi fati dal tempo de guera in metallurgia e de conseguenza nela scienza dela saldatura. Ogi le lamiere le vien saldade continuo e col "Submerged Arc" arco sommerso la penertrazion nel "Parent Metal" metallo genitore la xe completa al 100per%. Ogi ghe xe altri metodi de saldatura che no esisteva nel tempo de guera come: "TIG. Tungsten Inner Gas" e "MIG Metal Inner Gas" che ne permeti de rimpiazar i elettrodi, con rodoli de filo automaticamente indoto nela fusion dela saldadura, questo sistema ne permeti de aplicarlo no solo col fero ma con altri "Non Ferrous Metals" come Acciaio Inossidabile, Aluminio ecc... che iera impossibile ani fa.
P.S. La parte piu debole nele gionture saldade no xe la saldadura ma bensi la parte adiacente del "Parent Metal"proprio per la ragion descrita qua sora in riguardo a lo stringimento delle molecole nel raffredamento
dela fusion saldada. Ciao Coce :-)


La vita
Piu' che la pendi
Piu' la rendi

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7376
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Messaggio da sono piccolo ma crescero » domenica 7 settembre 2008, 18:23

Grazie dele informazioni. Go imparà robe nove.



danilo43
ixolan
ixolan
Messaggi: 383
Iscritto il: martedì 4 giugno 2013, 23:30
Località: Venezia

Re: La Elettra

Messaggio da danilo43 » domenica 23 giugno 2013, 1:05

Invio queste immagini dell'Elettra nel periodo del suo splendore ed il triste ritorno al San Rocco nel 1962.
Cfr. http://it.wikipedia.org/wiki/Elettra_(nave)
Perdonate la ripetizione della foto già postata nel thread "Ursus", ma è appropriata anche qui.
1.jpg
1.jpg (64.03 KiB) Visto 1439 volte
2a.jpg
2a.jpg (68.47 KiB) Visto 1439 volte
3.jpg
3.jpg (58.36 KiB) Visto 1439 volte
5.jpg
5.jpg (72.22 KiB) Visto 1439 volte
5.jpg
5.jpg (72.22 KiB) Visto 1439 volte
Me par bruto "La" Elettra, ma el titolo el xe vignudo fora cussì da solo.
Allegati
4.jpg
4.jpg (75.02 KiB) Visto 1439 volte



danilo43
ixolan
ixolan
Messaggi: 383
Iscritto il: martedì 4 giugno 2013, 23:30
Località: Venezia

Re: La Elettra

Messaggio da danilo43 » domenica 23 giugno 2013, 16:20

Nella scheda del link precedentemente citato non viene menzionata la sezione-nave che si trova attualmente al Museo Storico Navale di Venezia,
Forse la più interessante dal punto di vista tecnico, contenente le caldaie e la motrice alternativa a vapore.
Foto ed altra documentazione le potete trovare qui:
http://www.radiomarconi.com/marconi/caldaie/



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36705
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: La Elettra

Messaggio da babatriestina » mercoledì 18 settembre 2013, 14:06

oggi al Museo del mar i me ga dado el permesso de far un per de foto..
eco el modelin del Elettra

Immagine

e la sala dedicada a Marconi

Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36705
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: La Elettra

Messaggio da babatriestina » domenica 4 febbraio 2018, 17:26

Oggi giornata dei musei libri, un giretto al Museo del Mare. Gnente de novo, anzi alcune barche no xe esposte, ma me go messo a fotografar le immagini de una proiezion sul Elettra.
No xe foto bele, ma el documento e la storia resta...
La nassi come Rowenska dell'Arciduca Carlo Stefano ( se xe quel c he penso, mi , dopo ve conto)
Immagine

Marconi lo fa modificar
Immagine

el modelin fatto nel 43, che xe esposto al museo
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36705
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: La Elettra

Messaggio da babatriestina » domenica 4 febbraio 2018, 17:28

qualche foto del arredamento interno ( la parte tecnica ve la go messa nele foto dedicade al Museo del mare
Immagine

Immagine

Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36705
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: La Elettra

Messaggio da babatriestina » domenica 4 febbraio 2018, 17:41

nel 1943 el iera a Trieste e vien requisido dei tedeschi dopo el 8 settembre
Immagine
che lo modifica per i loro scopi de patugliamento

Immagine
( che sia possibile che de questa ristrutturazion dipendi la discusssion nele prime pagine del modo de sladar le parti?)

el se incaglia e el vien bombardado
Immagine
qualcossa me fa strano, la data: gennaio 43, e difatti xe un error: la xe stada colpida nel gennaio 1944
per altri rima e l vien bombardado e dopo eìi lo raena. e cussì el resta fin al 1962, proprietà Jugoslava


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Rispondi

Torna a “El porto e le navi”