Porto vecchio

el porto de Trieste deuna volta, de adesso, le navi che vien e va a Trieste, de una volta e de adesso
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36143
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Porto vecchio

Messaggio da babatriestina » sabato 26 settembre 2015, 11:36

notizia di oggi: demolito il magazzino 8 8a del 1861 perchè pericolante. Dibattito se c'era o meno l'autorizzazione a demolirlo..
dal Piccolo di oggi
A fare il punto “storico” sul magazzino demolito è l’ex segretario generale dell’Ente porto ed esperta dell’antico scalo, Antonella Caroli: «Il complesso dei magazzini 8/8a e 11, costruito nel 1861, insieme all’espositura principale, alla parte residuale del magazzino 11, costituiscono la “cortina storica” dell’impianto ferroviario e portuale. Quindi si tratta dei più vecchi magazzini ferroviari-portuali, caratterizzati da sistemi e materiali costruttivi dell’epoca. In origine - continua Caroli - il complesso si estendeva fino all’incrocio ferroviario, come dimostra oggi il modulo rimasto accanto al magazzino edile. Più volte nel tempo sono state abbattute parti consistenti della “cortina storica ferroviaria e portuale”, anche con evidenti sostituzioni di materiali costruttivi». Il magazzino, che era ormai quasi distrutto dal tempo e dal degrado, esteso su un solo piano fuori terra, era situato sull’asse stradale che confina con la ferrovia (lungo la bretella che da largo Santos conduce attraverso il Porto vecchio verso viale Miramare). La struttura era un mix di parti di legno e di muratura, dotata di ampi portoni con sopralumi e finestre rettangolari. Sino agli anni Cinquanta era più ampio dell’“ultima” versione, quella rasa al suolo di recente: nella porzione verso sud, infatti, una piccola frazione era stata sacrificata per potervi realizzare vicino un nuovo edificio.
e poi
Il commissario dell’Authority, Zeno D’Agostino, non si scompone affatto: «Quel magazzino era vincolato, ma i vincoli stessi ne prevedevano anche la demolizione». Soluzione che il vertice di via von Bruck ha dovuto adottare: «I vigili del fuoco ce l’hanno imposto per motivi di sicurezza - prosegue D’Agostino -. Già nel 1994 si era verificato un crollo, e più di recente, il 26 agosto scorso, ce n’è stato uno ulteriore


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1931
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Porto vecchio

Messaggio da Piereto » sabato 26 settembre 2015, 13:43

Anch'io come Dagostino non mi scompongo per nulla. L'incuria è una caratteristica dei governanti italiani, i soldi non bastano mai, però trovano mille altri rivoli per essere spesi, e i denari si trovano togliendoli dalle opere di manutenzione. Mettiamo un velo su le opere cominciate e mai ultimate che da un ultima ricerca paiono essere in buon numero, 835 in tutta Italia. Fiumi, strade, scuole, anche il nostro porto vecchio, non solo Pompei, tutto si corrode, e almeno due aspetti sono davvero irritanti, che esista un ministero preposto come quello dei beni culturali, e che non esista la certezza della pena anche nel caso di omissione di interessamento.



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1931
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Porto vecchio

Messaggio da Piereto » sabato 10 ottobre 2015, 12:30

Anche ogi, come ogni sabato, doveva rivar una nave de Costa crociere e.... no xe più i tempi dei capitani coraggiosi de Kipling. Cusì co una bora oltre i 30 nodi el capitano ga da forfè , e el xe restà a Venezia. Ve imaginè quante navi che podemo perder a Trieste a causa de la bora. Fato stà che riva co la bora portaconteiner longhe 300 metri , i RoRo turchi , e le petroliere, e alora vien el sospeto che ste compagnie no voli molar Venezia e inveze molar Trieste. Va ben che Franceschini (quel che gà proposto de mandar le più ingonbranti navi bianche in porto vecio, come altro Hub insieme a Venezia) no xe un mariner , e ingenuamente el gà pensà : xe un porto svodo, impignimolo. A Serracchiani e Consolini ghe devi eser cascadi i brazi : come gavemo fato tanto per eliminar el porto vecio e deso riva sto m... , ma bon per lori che xe rivada la bora salvatrice , e cusì se tignimo solo la barcolana. Trieste cità friulana de le barche a vela.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36143
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Porto vecchio

Messaggio da babatriestina » sabato 10 ottobre 2015, 13:32

Go leto anche altre motivazioni, i disi che la zona dela Marittima lato Barcolana xe piena de barachete. E xe vero. Però altre volte magari de l'altra parte le navi ghe stava... qualchedun devi gaver ciapado paura che qualche nave per bon vegni a Trieste inveze che a Venezia e ga messo in giro sto babau dela bora..
Nb tute ste navi de crociera che varda caso vien dirottade su Venezia per la bora no gaveva de andar in Porto Vecio.. gavemo la Marittima e anche el molo slongado conquela zonta in mar per lore... e i me dici che i ghe ofriva anche un ormeggio al Molo Setimo. che po a Venezia, cossa credè, che le ormeggi inpiazza san Marco? le passa, ma la marittima de Venezia xe in fondo dela Giudecca.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1931
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Porto vecchio

Messaggio da Piereto » sabato 10 ottobre 2015, 17:34

Appunto . Gatta ci cova.



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7249
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Porto vecchio

Messaggio da sono piccolo ma crescero » sabato 10 ottobre 2015, 18:43

Comunque stamatina le raffiche iera a quasi 100 km/h e dopopranzo a 115. Mi no meto in dubio che ghe posi eser anche interesi diversi, ma penso anche che governar un attracco de un calandron alto più de 40 metri no devi eser facile sopratuto con un vento a raffiche che sufia de traverso ( anche se sul molo settimo el ghe sufiava de prova).


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4049
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Porto vecchio

Messaggio da Ciancele » domenica 11 ottobre 2015, 11:34

Bongiorno a tuti. Con la bona notizia de Nini Naridola xe tornà anca qua el sol. No go ciapà ‘ncora la solada, ma meio che gnente. Qua no xe bora e par questo no poso dir gnente, solo una mia oservazion.
Un spisimeta xe qualcosa de picio, che un ventisel pol sburtar in alto, come Martin Muma. Un calandron ofri più superficie al vento, ma pesa anca de più. In più, go sentì, i comandanti de vapori i studia per comandanti de vapori e no go mai sentì che esisti specialisti controbora. Quei che ga paura del vento no i dovaria ‘ndar mai nei porti del nord tipo Amburgo. El vento xe teribile. Forsi par questo Cristoforo Calombo no xe partì de Amburgo ma de un altro porto. Forsi anca che a Venezia no sufia come che a Trieste. Forsi anca che Venesia ofri più de Trieste. Dubito, ma gusti xe gusti. Un fato xe che qua turisti ga crompà come mati valige, borsete ecc. che costa meno che de lori. Forsi bisognaria far un studio. Forsi anca che mi digo monade. Demoghe la colpa al sol. ;--D



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1931
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Porto vecchio

Messaggio da Piereto » mercoledì 25 novembre 2015, 15:51

I trafici del porto xe in aumento, non certo "decollano" come che giorni fa titolava subdolamente el Picolo per darghe el merito al novo cucer diretor. Ben i spedizioneri i se lamenta perchè manca i magazini per tinir le merci. Orpo me son dito : sta a veder che i torna a doprar el porto vecio. Ma niente oramai el xe del comun, e el fa parte de la speculazion edilizia de .... carta. Una bona notizia xe che finalmente i treni no sarà più sogeti a 3 pasaggi prima de partir carighi de merci portuali, avendo saltà el pasagio de le FS e iera Moreti (stesa area de la Seracchiani) a render costose e dificili le manovre . Cusì manovra celere e costo taià de un 30%. La notizia cativa xe che xe blocadi i lavori de risanamento de la zona ex Aquila che devi servir per far una nova area de sbarco de tragheti, tuto perchè la società che gà vinto la concession de l'area no xe una società de logistica ma una che disinquina, e se vedi che l'autorità portuale vol saver con che spedizionier la gaverà a che far prima de aviar i lavori. Una question ...vagamente politica. Inveze cativa politica xe quela che riguarda l'EZIT che gà ciapà una multa de 8 milioni de euri perchè nol gà pagà per ani de le tasse. Cusì disi el fisco, ma nol tien conto dei articoli de lege del GMA del TLT che esentava dal pagamento. Come al solito qualchidun a Roma per farse bel e la gà butada là. Tanto i paga. Ma per pagar, a parte el ricorso al TAR, no se riva a pagar i stipendi dei dipendenti EZIT, e la Regione matrigna no scusi, pardon no anticipa un boro, nonostante che ghe sia in ballo 135 milioni coi quali serar el bilancio , quest'anno anticipado a dicembre 2015.



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1931
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Porto vecchio

Messaggio da Piereto » mercoledì 16 dicembre 2015, 19:01

El posto no xe quel giusto,( ma proseguo col articolo de prima), sebbene la zona industriale triestina xe nata da una costola dell'attività portuale.
Ogi la Regione ga deciso che la gestion dell'Ezit passi ai comuni de Trieste, San Dorligo, e Muggia. Che l'EZIT sia finido ?, chiuso dal Fisco nazionale cioè Equitalia, perchè inadempiente. O se speta una causa al TAR ?. ( I gà anche deliberà su la zona industriale de Porto Nogaro che iera deficitaria) Me xe parso de capir che la Regione tira fora i schei : 200000 euri , ma i dipendenti no go capì se i passa ai tre comuni e anche i vien pagadi dai tre comuni. Se l'Ezit sera saria la prima volta che un ente italian sera cusì presto e in sordina.



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1931
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Porto vecchio

Messaggio da Piereto » domenica 20 dicembre 2015, 16:10

No so se dovemo eser contenti perchè adeso riva i advisor, e no pici taliani, ma grandi de risonanza mondiale. I advisor saria come dei procacciatori de afari, dei sensai. Iera do faciate sul Picolo. I se gà butà sul afar del secolo. Savè quanto che i guadagnasi dal piazar una area cusì grande come el porto vecio? Mi credo inveze che no xe question de intermediari, ma xe question de trovar fora chi che scusi i bori per comprar e che dopo el se dia de far per costruir e vender. Beato chi che lo trova el ... cuco. :roll:



Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4049
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Porto vecchio

Messaggio da Ciancele » venerdì 1 gennaio 2016, 13:51

Forsi no savevi, ma mi son strabico. Cusì stamatina con un ocio vardavo i pomi che spelavo per la torta e con l’altro ocio la tevision. I dava un servizio su l’Adriatico e i ga mostrà Venesia. Una baba se ga lamentà dele navi crociera che vigniva a Venesia solo par molar spuza. El giorno dopo le partiva, e i ga fato veder el canal con do barconi: uno in su l’altro in zo. Tuti do i stonava nel paronama (panorama). Se capisi che xe mors tua ... O barconi e patus o no barcons no patus. Questo post unicamente e puramente a titolo informativo.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36143
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Porto vecchio

Messaggio da babatriestina » venerdì 1 gennaio 2016, 14:44

a mi me ar che el discorso dele navi a Venezia in Canal grande xe un poco come la ferriera qua, lassando perder el porto vecio che in nissun caso ghe n'entra:
a Venezia le intriga e le podessi danegiar el Canal ( ma no le impesta cn fumi..) d'altronde xe patus e lavor...

noi a Trieste co riva un una volta ala setimana o max ecezional due ne par un evento, mi ogni volta che vado a Venezia ( al Lido per la precision) a trovar i cugini vedo spuntar, qualsiasi gorno dela setiimana, almeno tre o quatro de lore nel loro porto turistico al canton dela Giudecca..

mi go sempre pensado , per l'esperienza che go fato in viaggi dove che per visitar un posto se va a dormir in un vizin che costa meno ( pensè a tuti i viaggi in Toscana che no fa mai dormir a Firenze ma inq ualche centro termal mezo svodo là visin) che i podesi acordarse, un posto per qualche nave in più a Trieste, una linea celere treno che fazi el tragito in un'ora - o un aliscafo,se el ga istessi tempi- i turisti dormi in nave a Trieste e i li porta istesso a Venezia do' che che ghe piasi. e le ditte che vendi servizi ale navi, rifornimenti, lavoretti saria triestine...

M apriti cielo! i triestini: Cossa? ospita che i vadi a Venezia? ma se gavemo el Canal Grande anca noi, e po Giuseppe lo Sloveno, el monumento a Sissi, el castel de Miramar che latro che palazzo Bucal...

e i veneziani Cossa: che i vadi in quel buso de Trieste che noi a Venezia gavemo tuto?


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1931
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Porto vecchio

Messaggio da Piereto » venerdì 1 gennaio 2016, 16:45

Dividerse le robe xe sta sempre un problema, e ogi che no xe bubana per nisun, anderà ancora pezo. Chi che gà un privilegio otenudo con sudor, o eredità,, o pezo rubando, nol vol molar. L'Isis, el capitalismo de le banche e mutinazionali, mal soporta le ingerenze de i rappresentanti democratici. Mai come ogi un battito di ala di una farfalla in un posto può provocare una tempesta in un altro luogo.



Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4049
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Porto vecchio

Messaggio da Ciancele » venerdì 1 gennaio 2016, 20:48

Semel in anno. Insoma ogi me go lavà e fato la barba. Iero in smoio e la putela la vien drento e la me ciama a vardar la television. I mostrava la continuazion dela prima roba che gavevo visto. La disi che xe bele foto de Trieste, del porto vecio e un mato che se ciucia un nero, forsi coreto. Anca la mia putela, e la putelina (come se podaria ciamar la fia dela putelina? OT: Scusè.), se ga inacorto che Trieste xe vecia, che xe poco movimento. La putela me ga domandà parchè che xe cusì, parchè che Trieste no se sveia. Ghe conto che mi iero a Ancaran prima dela guera, a Rovigno nel 1942, a Capodistria de picio. Tuti loghi che ‘deso i vivi de turismo. E no mal. A Koper ierimo diversi ani fa. Me go perso. Anca qua gavemo un paeseto che nel 1960 iera più picio de Bolunz. Lo traversavimo, anca a pie, senza inacorzerse. E ‘deso xe una metropoli, piena de picole industrie e grandi ufici. Una diferenza come tra Capodistria e Koper. Grazie ale tante informazioni de Baba Triestina, forse polemiche, ma cusì interesanti, go zercà de spiegarghe, ma no go podesto dirghe se xe colpa del governo talian, che no ga bisogno de Trieste (come che disi Piereto che un picolo favor a Trieste xe una grande disgrazia in altri loghi) gavendo Venesia e Ancona, o xe colpa del comun che no ga el coragio de far qualcosa o no sa cosa far e speta de ‘ndar in pension. Après moi ... Chi me ‘iuta a dir qualcosa de serio?



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36143
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Porto vecchio

Messaggio da babatriestina » venerdì 1 gennaio 2016, 21:26

ma i ga mostrado solo che el porto vecio senza dir gnente del porto novo?


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4049
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Porto vecchio

Messaggio da Ciancele » venerdì 1 gennaio 2016, 22:27

babatriestina ha scritto: Ma i ga mostrado solo che el porto vecio senza dir gnente del porto novo?
Te sa come che xe in questi servizi. I mostra do pupoli e po basta. I ga mostrà anca i ristorantini a sinistra de via Dante e quei sul canal. Ma no servizio completo. I gaveva forsi 5 secondi a disposizion. Bona note.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36143
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Porto vecchio

Messaggio da babatriestina » venerdì 1 gennaio 2016, 22:36

beh dipendi de quel che i vol mostrar. Trieste in general? cossa che vol veder i turisti? i trafici del porto? comunque sì zona Canal e piazza dela Borsa xe pien de gente che se remena de sera.. a vederlis e dissei che o xe crisi. La feriera no i mostra? quel de Servola rugna sempre..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7249
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Porto vecchio

Messaggio da sono piccolo ma crescero » sabato 2 gennaio 2016, 7:17

Ciancele ha scritto: Grazie ale tante informazioni de Baba Triestina, forse polemiche, ma cusì interesanti, go zercà de spiegarghe, ma no go podesto dirghe se xe colpa del governo talian, che no ga bisogno de Trieste (come che disi Piereto che un picolo favor a Trieste xe una grande disgrazia in altri loghi) gavendo Venesia e Ancona, o xe colpa del comun che no ga el coragio de far qualcosa o no sa cosa far e speta de ‘ndar in pension. Après moi ... Chi me ‘iuta a dir qualcosa de serio?
MI te digo la mia e no pretendo de ver ragion; xe come che la penso mi.

Vardemo chi che ga fato "grande" Trieste: do imperatori che ... vegniva de fora, Revoltella che me par che fusi venezian, Carciotti che iera grego, Sartorio che iera piemontese.... El primo cantier lo ga fato Tonello che iera venezian, la ferriera, nel ben e nel mal, la ga fata gente de Lubiana.

E i triestini? Semo qua che spetemo. Spetemo che i fondai più fondi fazi vegnir le navi, che qualchedun vegni a meter industrie che no inquina, gabi bisogno de tanta gente (ma no tropa perché no volemo imigrazion), cha santa Maria del guato diventi de sola sede de mostre importanti... Nei anni '50-'70 co iera bobana, mentre i furlani meteva in pie tante pice ditarele che po' xe cresude (forsi anche falide qualceduna) creando un tessuto industrial importante, a Trieste gavemo volù tegnir in pie le grandi fabriche: feriera, grandi motori... sempre in crisi e sempre meno de moda e aziende che, se falisi, fa un boto assai grande in cità per cui bisogna continuar a tegnirle in pie. Guai a tocar le robe vece. Proveve a imaginar se Maria Teresa fusi ogi: el borgo teresiano xe tuto saline, con dentro gente che ghe lavora. Sta baba la riva (in maniera virtual perché qua no la iera mai) e le fa imbunir tute: apriti cielo, me par de sentir: "le saline sono la tradizione, mano d'opera specializzata, il sale è un bene primario, ...", la rivoluzion in cità insomma. La fa tirar zo i muri de cinta... "lasciando la città nella mani delle scorrerie, demolendo importanti vestigia della città medievale, ..." A mi me par (forsi me sbaglio e se xe cusì me scuso e coregeme) che nei anni '70 le Generali voleva el porto vecio, tirar zo tuto e far el loro centro direzional che dopo le ga fato a Mogliano; ve imaginè i posti de lavor? Perché no ge gavemo dà tuto? El porto vecio, la centrale idrodinamica, no i iera unici al mondo: dapertuto iera la stesa roba: i ga butà zo tuto e fato tuto novo; qua no, no se pol.

E la colpa dele crisi? Sempre de quachedun altro: co iero picio iera colpa dela Iugoslavia che ne sofigava, deso, che i confini xe verti, dela concorenza slovena, colpa dei profughi, colpa dei Italiani, sempre colpa de altri.

Nei anni '60 e '70 Trieste ga 'vu un colpo de cul: le rive piene de pulman (con tante proteste de residenti), negozi de jeansinari dapertuto... ma i jeansinari iera triestini? Credo gnanche un o sai pochi. Co la guera freda Trieste se ga impinì de militari: co lavoravo a Milan, la frase tipica che me sentivo dir, in treno, iera "Ho fatto il militare dalle parti tue". Mi stago vizin a dove che iera caserme. I militari iera vardai come che deso vardemo i negri e i rumeni. Adeso le caserme no xe più: negozi che sera, chi che xe verto se lamenta che no xe più lavor e chi prima brontolava adeso pianzi.

Ma perché tanta gente, i meio forsi, se ga ciapà e xe andada via? Perché qua gavemo tropi bei tramonti, gavemo el mar, gavemo el monte, stemo tropo ben, xe tropo bel e no gavemo voia de romperse, mi per primo.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4049
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Porto vecchio

Messaggio da Ciancele » sabato 2 gennaio 2016, 10:38

Caro SPMC, mi me domandavo se xe qualchedun che no vol, e par qualchedun intendo Roma, o parchè a Trieste no xe nisun in grado de meter in pie qualche roba de serio. Paese che vai usanza che trovi. I me conta che in Svizera co’ i vol magnar un sanduic, e no i sa se de parsuto o salame, i fa un plebiscito. Po i disi che el popolo vol cusì. In Germania no se fa plebisciti e cusì se ga un problema de meno. Sia in senso bon che in senso cativo. Insoma i decidi de far qualcosa e i spera che vadi ben. Ma almeno i ga tentà. Pol anca darse, e no saria la prima volta, che la vita xe ‘bastanza ben, ma se se devi lamentar. Pianser el famoso morto. Se un partito fa qualcosa, quel de l’oposizion devi dir che xe m...emele. Indiferente de quel che’l fa. Solo in un caso un altro partito fa giusto. Quando che se vol, forsi meio quando che se devi, far una coalizion. Gavemo visto qua con l’arioporto. I verdi diseva che lori xe contrari. Dopo la coalizion con la DC i ga cambià opinion. L’unica roba che no xe cambiada xe la mia opinion, su questi partiti.
Ma i ga fato una nova pista par i rioplani. I disi che el trafico no xe aumentà tanto, ma un mato, quel del bieco ventenio, ga dito che chi si ferma è perduto. Xe dificile mantignir posizioni. A un certo momento o te va ‘vanti o te va indrio, ma no te pol restar come che te son. Un fato xe che una zaia de gente lavora diretamente o indiretamente con l’arioporto. E anca qua gavemo un paeseto più picio de Bolunz ecc. ecc. Insoma za el secondo paeseto. A Trieste se podaria far qualcosa sensa domandar. Tuti brontola, ma dopo un poco i brontolaria par qualcosa de diverso.
Se legio tuto quel che se voleva far e no se ga fato, par mancanza de patus, par una ragion o par l’altra, forsi no tuto xe colpa dei triestini. Se almeno una roba fusi ‘ndada ben, forsi se trovaria gente disposta a tentar de far qualcosa.
Grazie comunque par la tua informazion e bona domenica.



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1931
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Porto vecchio

Messaggio da Piereto » sabato 2 gennaio 2016, 12:28

" i ga butà zo tuto e fato tuto novo; qua no, no se pol." In sta frase xe la sintesi de la situazion triestina. I no se vol sta fora de Trieste e i mandola i reggitori del comun, mentre i no se pol xe a Trieste. Spmc gà visto giusto : tuti quei che se gà fato i bori a Trieste no iera de Trieste. Tra i veci nomi manca i Economo e i Morpurgo e i Morpurgo xe stadi i ultimi miliardari che gà investi su Trieste. ( Revoltella xe sta el miliardario propulsore de metà ottocento, e Morpurgo quel de fine ottocento e primo novecento. (Le Generali soto de lu xe diventade ancora più importanti anche coi capitali dei ebrei). Altri miliardari che gà continuà nel novecento xe stadi i Cosulich (tacadi a fil dopio co la prima banca austrungarica la Kommerzbanck) e anche lori no iera triestini , ma no ghe iera più l'Austria a agevolar Trieste. Roma gaveva altri piani e za la guardava de una altra parte con le nazionalizzazioni. Certamenteante a Trieste no xe mancadi i pici imprenditori del tipo dei furlani, in tuto l'arco de la sua storia, e i ghe xe anche ogi, solo che i triestini i xe sceti e anche miopi perchè i zerca apogi nel posto sbaglià. Per dirne una, quando che comandava la DC i furlani stava con la corrente de comando , i triestini con quela de minoranza. Xe stada Trieste la prima in Italia che gà eliminà la DC, co le sesantamila firme de la lista per Trieste, e Pertini ga ciapà la lettera de protesta per Osimo e la ga mesa in casetin. Quindi caro Ciancele per el porto manca i spazi per acoglier le merci ? No se pol butar zo i magazini del porto vecio perchè la speculazion edilizia vol far altre robe, e el porto vecio no apartien più all'Ente porto. Da ricordarse, ma nisun lo disi, che se perdi comunque una grande area portuale, perchè l'area de Fernetti e l'area scalo ferroviario de Prosecco za esisti come retroporto. La Sovrintendenza alle belle arti disi che el porto o la città xe intoccabile ? la disi anche che a Miramar no xe spazio per el WWF, che Luci e suoni no va dacordo col castel, ma el sovrintendente xe anche lu un foresto. No capiso de cosa che se lamentemo :clapping_213: : volemo eser turistici in un paese che agevola e promuovi solo el manifatturiero. Svendemo per far cassa i marchi nazionali e po se lamentemo se no ghe xe posti de lavor. El steso Stato el rinuncia a la sua sovranità dandoghe ai privati l'esazion de le tasse e delle agenzie del lavoro. Bon 2016.



Rispondi

Torna a “El porto e le navi”