Squero cadetti (poi anche Cantier Felszegy o Felszegi)

el porto de Trieste deuna volta, de adesso, le navi che vien e va a Trieste, de una volta e de adesso
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Squero cadetti (poi anche Cantier Felszegy o Felszegi)

Messaggio da AdlerTS »

gcsiccardi ha scritto:me stago laureando in architettura con una tesi su quel park ke xe davanti al ex cantier altoadriatico(ogi cantier san rocco).l'unica roba storica che go trova xe che con Franz Joseph iera el vecio squero cadetti...qualchedun riva darme qualke altra info????aceto tutto son dispera!ringrazio tutto il forum...Ps:scuseme se nn saro tanto presente in sto periodo...pode mandarme anche una mail: gc_sic80 chiocciola yahoo.it !
Posso risponderte grazie all'aiuto de un ns. amico, grande conoscitor della storia de Trieste (stavolta non Mario) che aprofitto per ringraziar enormemente delle informazioni inviade.

“Squero Cadetti”

In questa località (oggi ex Alto Adriatico ex Felszegy) nel 1855-57 da Giuseppe Tonello furono costruiti gli scafi di due fregate (ADRIA e DONAU) per la I.R.Marina.
Al varo della prima presenziò l’Imperatore Francesco Giuseppe I, a quello della seconda il fratello Massimiliano.
Passata poi l’area in proprietà dello Stato, vi avrebbe dovuto sorgere il Nuovo Arsenale Militare, in sostituzione di quello di Venezia che non era più considerato “sicuro”. A questo progetto la Marina rinunciò in favore di Pola.

Comunque in questa zona, per alcuni anni a metà dell’800, ebbe sede il Collegio Accademico per Cadetti di Marina, prima di essere trasferito definitivamente a Fiume – da qui il nome Squero Cadetti.

Da allora la località fu abbandonata anche se verso la fine della I Guerra Mondiale nacque una società che progettò di costruirvi un grande cantiere navale, progetto anche questo abbandonato.

Nel 1941 iniziò l’attività delle “Officine Riparazioni Navali-Costruzioni in Ferro Ing. Arturo Felszegy”.




Immagine


Il prof. Fulvio Babudieri, nel suo saggio “Squeri e Cantieri a Trieste e nella Regione Giulia dal Settecento al Novecento”, in una nota a pagina 66 scrive:

“Guglielmo Strudthoff procedette nel 1850 all’erezione nella zona di Stramare presso Muggia, di una fonderia di ghisa con annessa officina meccanica per i fabbisogni degli squeri della zona, e specialmente del vicino “Squero dei Cadetti” (divenuto poi Cantiere Felszegy) di proprietà della Marina Militare ma preso in affitto da Giuseppe Tonello , il quale vi costruirà più tardi alcune pirofregate della Marina austriaca.

La denominazione “Squero dei Cadetti” è dovuta al fatto che nel 1848 negli edifici del piccolo cantiere era stata provvisoriamente allogata l’Accademia della Marina Militare austriaca trasferitavi da Venezia.”

Le illustrazioni xe anche queste ciolte dal libro del Babudieri, publicado a Trieste nel 1986, Edizioni LINT.



Immagine


Mal no far, paura no gaver.
Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS »

Oggi me zonta Mario:

...Da allora la località fu abbandonata anche se verso la fine della I Guerra Mondiale nacque una società che progettò di costruirvi un grande cantiere navale, progetto anche questo abbandonato...


La Cooperativa Industriale: (V. foto)
questa società rilevò, verso la fine del 1800, il cantiere navale creato nel 1846 da Gaspare Tonello sull'area sino ad allora utilizzata dai pescatori muggesani.


Immagine




--------------------------------------------------------------------------------

...Guglielmo Strudthoff procedette nel 1850 all’erezione nella zona di Stramare presso Muggia...

nela mapa del epoca xè una Filiale del Stabilimento Tecnico (V. foto)


Immagine
--------------------------------------------------------------------------------


navi ADRIA E DONAU: tutte due dislocamento t. 2198 (2330), cannoni 31, sul modello della "Radetzky" (costruita in Inghilterra), presente a Lissa 20 luglio 1866


--------------------------------------------------------------------------------


curiosità: Nei primi anni Venti (sec. XX) la squadra dell'Edera giocava sulla spianata a monte dello Squero Cadetti, sotto al cimitero.


Mal no far, paura no gaver.
Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS »

Sempre el primo amico zontava questa

Immagine


Mal no far, paura no gaver.
gcsiccardi
naufrago
naufrago
Messaggi: 5
Iscritto il: lun 22 set 2008, 18:44

grazie!

Messaggio da gcsiccardi »

ve ringrazio tutti quanti!se de grande aiuto!ma dove gave riva a trovar le piantine dell'epoca?go gira tutte o quasi le biblioteche de trieste e nisba!!!so de magari domandar troppo ma se rive a mandarme le scansioni come allegato sulla mia mail (gc_sic80chiocciolayahoo.it)me fazesivo un favor enorme!sare ricordai sui ringraziamenti della tesi de laurea!!!! :lol: :lol:


Avatar utente
Zigolo
distinto
distinto
Messaggi: 1072
Iscritto il: lun 31 mar 2008, 23:22
Località: Trebiciano

Messaggio da Zigolo »

Mi go questa :roll:
Allegati
Adria.JPG


Avatar utente
Zigolo
distinto
distinto
Messaggi: 1072
Iscritto il: lun 31 mar 2008, 23:22
Località: Trebiciano

Messaggio da Zigolo »

Come imaginavo, se vedi poco o gnente: vedarò de rifar la foto (no go qua con mi la stampa) e de ripostar.

Comunque soto xe scrito (se legio ben):

VARAMENTO DELL' I.R. PIROFREGATA ADRIA
seguito alla presenza di S.M.I.R.A. FRANCESCO GIUSEPPE I° il 24 Novembre 1856

Ma se vardè ben xe due navi (quel'altra sarà la Donau): alora le date no corispondi (per la Donau Adler ga riportado 20 novembre). :080402ask_prv:


Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Re: grazie!

Messaggio da AdlerTS »

gcsiccardi ha scritto:ve ringrazio tutti quanti!se de grande aiuto!ma dove gave riva a trovar le piantine dell'epoca?go gira tutte o quasi le biblioteche de trieste e nisba!!!
El titolo del libro dal quale xe ciolte le immagini xe citado. Per el resto, un infinito grazie ai nostri "magnifici collaboratori" esterni.
gcsiccardi ha scritto:so de magari domandar troppo ma se rive a mandarme le scansioni come allegato sulla mia mail (gc_sic80chiocciolayahoo.it)me fazesivo un favor enorme!sare ricordai sui ringraziamenti della tesi de laurea!!!! :lol: :lol:
Te le mando doman :wink:


Mal no far, paura no gaver.
Avatar utente
Zigolo
distinto
distinto
Messaggi: 1072
Iscritto il: lun 31 mar 2008, 23:22
Località: Trebiciano

Messaggio da Zigolo »

Go vardà sul retro dela stampa e ghe xe dele note che gaveva fato mio papà.

Una disi che la xe riprodota nel libro de Borri su Muja: penso che a gcsiccardi ghe podarìa interessar visto che ghe sarà sicuro qualche notizia, oltre a la stampa.

El libro dovarìa esser (purtropo no lo go):

Borri, G., Muggia del passato, 1971


Avatar utente
Zigolo
distinto
distinto
Messaggi: 1072
Iscritto il: lun 31 mar 2008, 23:22
Località: Trebiciano

Messaggio da Zigolo »

Zigolo ha scritto:Ma se vardè ben xe due navi (quel'altra sarà la Donau): alora le date no corispondi (per la Donau Adler ga riportado 20 novembre). :080402ask_prv:
E infati no xe la Donau!

Dalla cronaca del varo dall'Osservatore Triestino di martedì 25 novembre 1856:

"Fin dalla sera di domenica la superba i.r. fregata a vapore Elisabetta aveva poggiato presso il molo di San Carlo onde ricevere ier mattina al suo bordo le LL.MM.II. e condurle nella baia di Muggia, dove la nuova i.r. fregata a elice Adria doveva essere varata dal cantiere del costruttore navale signor Tonello. (...) ...a destra l'antica ed interessante Muggia al piede d'un alto colle, con le sue vetuste ruine ed in prossimità il cantiere del signor Tonello su cui stavano i due piroscafi ad elice Adria ed Aquila. (...) Allora gli occhi di tutti eran rivolti all'Adria, fregata ad elice ornata in tutta la sua pompa e che posava ancora incatenata alla terra. Tutt'ad un tratto cadono i suoi ligamenti, e veloce e maestosa essa sdrucciola nel futuro suo elemento colla massima facilità e sicurezza, nuota qualche tempo sull'onda, poi si ferma a qualche distanza dell'Elisabetta. Entusiastici Evviva degli spettatori e degli operai, le salve dei mortaretti ed i solenni suoni dell'inno poplare accompagnavano quel felice successo! La forza marittima dell'Austria si è fatta più ricca di un naviglio bello, forte e solidamente costruito; esso è riuscito perfetto e fa onore al suo costruttore. Presto seguirà anche l'Aquila alla sua sorella gemella, ed entrambe prenderanno posto onorevole nella flotta austriaca."

Come podeva quindi esserghe el varo dela Donau solo 4 giorni prima? Dove iera (nel'ilustrazion che ga postado Adler) l'Adria e l'Aquila?


Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS »

Orpo, ghe telefonemo al Kriegs-Archiv ? ;--D


Mal no far, paura no gaver.
Avatar utente
Zigolo
distinto
distinto
Messaggi: 1072
Iscritto il: lun 31 mar 2008, 23:22
Località: Trebiciano

Messaggio da Zigolo »

Penso de aver scoperto l'arcano (se a qualchedun ghe interessa; a proposito dove xe finì quel che ghe serviva sti dati per la tesi de laurea???).

Alora: ala nave che iera vizin l'Adria e che sarìa stada varada in un secondo momento i ghe ga cambià el nome e da Aquila la xe diventada Donau. La xe poi stada varada el 12 marzo 1857 ala presenza del'arciduca Ferdinando Massimiliano.

Eco che, sempre su quela foto da un libro postada da Adler, el nome e la presenza del'arciduca corispondi, ma la data no!

La mia fonte xe: Mario Marzari, Dagli scali dei nostri cantieri il nome di Muggia sui mari del mondo, in Borgolauro n. 6 (1984), pag. 33


muiesan
naufrago
naufrago
Messaggi: 54
Iscritto il: mar 24 ott 2006, 1:11
Località: Muia

Messaggio da muiesan »

A mi inveze me par che el "Squero Cadetti" no iera la del cantier Felzegy, ma el iera dove che adesso xe el piazzal de Caliterna, e soto xe un garage.
Però podessi anche sbaliarme.
Anche perchè, el piazzale del cantier Felzegy, che xe a monte dela strada, el xe sta scavà per cavar le piere che i ga fato le dighe. Se le dighe i le ga fate dopo dele date che disè voi el squero iera de un'altra parte.
E xe un'altra roba, che no me bati: Ma Strudthoff no gaveva fato el cantier de San Rocco?
Ciò no xe per far longhi, ma se xe come che disè voi, mi no go capì niente e devo imparar tuto de novo.
E provè a imaginar chi che me dovarà insegnar ...


Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS »

Go consultado la nostra "enciclopedia" vivente (grazie ancora una volta :-D ) e ve riporto la risposta:

No capisso cossa che ghe entra la cava de arenaria ale spale del cantier e la costruzion dele dighe.

Una cava a monte del stradon la iera za presente co’ xe stado fato el “Squero Cadetti”, basta guardar la mapeta n.35 del post 26.9.08.

Mi no so se le piere per le dighe i le ga ciolte là, ma anche se fussi stado cusì, no vedo perché l’atività dela cava gavessi dovù interferir con l’atività del squero, che el iera de l’altra parte dela strada, tuto a mar.

In zona “Caliterna” (una volta i ghe diseva anche “Fondo Tossi e Gorlato”) ghe iera sempre stado un “squereto” dove che i fazeva barche in legno e nei ani ’20 anche in cemento. Là, durante la Seconda Guera l’Officina Meccanica Martinuzzi ga incomincià a far anche navete in fero.

El Cantier Martinuzzi el ga durà pochi ani perché nel 1951 el xe stà asorbido dal Felszegy. El fondo Caliterna dopo lo ga ciolto el Lloyd Triestino che ga doprà le barache per tignir archivio e altri strafanici.
Ogi là xe el parchegio.

Per far ancora più ciaro,dato che no ghe basta quel che gaveva scrito el Prof Babudieri, taco le pagine 83 e 84 del libro che xe stà citado da Zigolo:
“Muggia del passato” Trieste 1971, autor el dotor Giusto Borri.

Nela pagina 84 xe anche contado in breve come che xe nato el San Rocco, cusì el Muiesan dovesi eser sodisfato in tuto.
Allegati
Borri 84-002.jpg
Borri 83-001.jpg


Mal no far, paura no gaver.
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38240
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Squero cadetti

Messaggio da babatriestina »

una pagina dedicada al Felszegy (o Felszegi):
http://www.carbonaio.it/cantiere%20nava ... rieste.htm


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Torna a “El porto e le navi”