Riflessioni sul porto

el porto de Trieste deuna volta, de adesso, le navi che vien e va a Trieste, de una volta e de adesso
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1956
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da Piereto » lunedì 2 maggio 2011, 14:47

Go leto che nei primi ani 20 se montava al magazin 23 ,o forsi iera el 24 del porto vecio,un model de trator e el model A de auto de la ford. Arivava per mar tochi de carozeria e el motor,e poi i triestini li asemblava senza pagar tase de fabricazion . La Fiat ga rugnà subito che se ghe fazeva concorenza, e Musolini ga fato serar.I me ga dito che lavorva in porto le sesolote, e le gaveva de far co le granaglie e co le foie de tabaco
le vecie gru idrauliche de 3,5 ton prima de la prima coi magazini a tera per el transito veloce
le vecie gru idrauliche de 3,5 ton prima de la prima coi magazini a tera per el transito veloce
p01.jpg (47.92 KiB) Visto 1498 volte
el porto vecio co i cari su la sinistra coi magazini per la sosta veloce,menttre quei a più piani xe in centro destra ,dopo el carbon
el porto vecio co i cari su la sinistra coi magazini per la sosta veloce,menttre quei a più piani xe in centro destra ,dopo el carbon
p02.jpg (42.77 KiB) Visto 1498 volte
i novi magazini basi in costruzion al porto franz josef.Sul sfondo i cantieri e servola.
i novi magazini basi in costruzion al porto franz josef.Sul sfondo i cantieri e servola.
p03.jpg (58.28 KiB) Visto 1498 volte



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1956
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da Piereto » lunedì 2 maggio 2011, 15:08

Ancora do altre foto ..de liquidi manipolabili.
El bacino zero in porto vecio destinado ai petroli,che i vien trasportadi in fusti.
El bacino zero in porto vecio destinado ai petroli,che i vien trasportadi in fusti.
p04.jpg (46.6 KiB) Visto 1498 volte
la prima rafineria in porto a San Saba in costruzion prima de la prima
la prima rafineria in porto a San Saba in costruzion prima de la prima
p05.jpg (57.64 KiB) Visto 1498 volte



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36373
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da babatriestina » lunedì 2 maggio 2011, 15:19

Piereto ha scritto:Go leto che nei primi ani 20 se montava al magazin 23 ,o forsi iera el 24 del porto vecio,un model de trator e el model A de auto de la ford. Arivava per mar tochi de carozeria e el motor,e poi i triestini li asemblava senza pagar tase de fabricazion . La Fiat ga rugnà subito che se ghe fazeva concorenza, e Musolini ga fato serar.
quela dela Ford fata serar per no daneggiar la Fiat la gavevo sentida anche mi. Protezionismo, diria, più che nazionalismo. Mi no son per gnente convinta del protezionismo, ma zerti libri de storia conta che i paesi industrializzai se ga fatto i bori col protezinismo dele proprie imprese. Ai tempi dela guerra de Secession, el Nord iera protezionista ( per le propie industrie), el Sud liberista ( per vender in Europa el coton).
NB la prima machina de papà qua a Trieste.. iera una Ford, dopo el xe passado ala Balilla. :-D


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da AdlerTS » martedì 3 maggio 2011, 12:52

Della Ford parlavimo qua


Mal no far, paura no gaver.

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1956
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da Piereto » martedì 3 maggio 2011, 15:41

Dopo la seconda guera,a parte l'imposibilità de aviar comerci coi paesi che podeva gravitar su trieste,economie dell'est obligade a comerciar e lavorar per l'URSS, e utilizo del porto de Fiume, mancando i trafici ga calà le linee che fazeva scalo ,e no iera più navi da nolegiar per una eventuale ripresa. Ricordo come Cosulich, Premuda,xe andade via a genova ,e Tripcovich se ocupava de ricuperi e tiniva i rimurciadori. L'Italia iera nell'orbita americana e comerciava sai verso l'altantico. Anche le merci che proveniva dal'oriente le andava a Genova perchè de drio ghe xe l'area industriale milanese e poi verso la svizera e la baviera. El porto triestin ga visudo marginalmente. La normativa italiana,anche ogi, no prevedi agevolazioni e sgravi fiscali per zone extradoganali come el porto de trieste , caso speciale la zona de Livigno. E le nazioni firmatarie del trattato no se ricorda più de sta zona extradoganale. Cusì l'industria legera de manipolazion che podeva atechir in porto usando i capanoni la se ga svilupado,anche quela sai poco in zona industrial. Anche ogi xe un servizio sul picolo riguardo el uso del porto in chiave eletorale. Nisun te disi che se dovesi otener grandisima autonomia aministrativa e finanziaria per utilizar el potenziale industriale,in atesa che se costruisi el coridoio V e baltico. Inveze xe tuti pronti a pasar a la costruzioni mascherade da roba colegada al porto : cioè seconde case e ufici aministrativi,e pronti a eliminar la zona extradoganale dal porto vecio. Mi digo sempre : se i trafici ritorna,cosa se ne femo de seconde case che no sarà a bon prezo come de posti barca,mentre un vecio porto scasà coi magazini e la ferovia tornasi ancora utile.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36373
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da babatriestina » martedì 3 maggio 2011, 15:54

Piereto ha scritto:Mi digo sempre : se i trafici ritorna,cosa se ne femo de seconde case che no sarà a bon prezo come de posti barca,mentre un vecio porto scasà coi magazini e la ferovia tornasi ancora utile.
e come li femo tornar?
per inciso, mi no go mai capido come che a Trieste ghe xe sempre bisogno de posti barca, e i costa cari, credo! e me domando se gavemo posti per eventuali barche che vegni de fora, magari fazendo solo che sosta per andar dopo in Croazia. Perchè a Trieste i trascura la nautica de diporto? in fondo la xe anche pulita e la ga el suo indotto.
te ga parlado del porto comercial, e del porto passeggeri? mi go ricordo de tante navi, una volta.. ve farò un giorno un pochi de elenchi e dove che trovo anche fotografie. Per no parlar che quela volta molte navi iera comercio e passeggeri insieme.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Liuz
naufrago
naufrago
Messaggi: 51
Iscritto il: martedì 21 settembre 2010, 21:50
Località: Merano

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da Liuz » mercoledì 4 maggio 2011, 2:06

babatriestina ha scritto: per inciso, mi no go mai capido come che a Trieste ghe xe sempre bisogno de posti barca, e i costa cari, credo!
perchè i posti barca xe merce rara, i vien tramandadi. chi che lo ga lo ga per sempre, o poco via Si. i xe careti
babatriestina ha scritto:Perchè a Trieste i trascura la nautica de diporto?
no me risulta che sia propio cussì



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36373
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da babatriestina » mercoledì 4 maggio 2011, 7:17

Liuz ha scritto:
babatriestina ha scritto:
babatriestina ha scritto:Perchè a Trieste i trascura la nautica de diporto?
no me risulta che sia propio cussì
semo un poco fora del discorso porto, ma sarò più precisa. Sì, eco, gavemo la Barcolana che xe un evento assai sentito e conossudo, ma forsi ne manca o no xe bastanza publicizzai eventi colaterai: fiere nautiche (el salon de Genova xe ben più conossudo e in genere roba sul Tirreno; e vedo perfin un salon de nautica a Verona: sul Adige, imagino che i vadi in barca) servizi ai diportisti, fabbriche de barche, de motoscafi, de vele, ecco, so che qualcossa xe ma se conossi poco. Che fine ga fato el offshore, quel dei motoscafi, digo? ( no che me piasi tanto, mi preferisso la vela..)


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1956
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da Piereto » mercoledì 4 maggio 2011, 12:10

:evil: Come se fa a atirar i trafici per el porto triestin?. L'entroterra triestin podeva eser anche la furlania,ma i se ga fato un porto per lori a Nogaro,el veneto fa meno strada a portar a venezia,e ne resta la baviera meridionale,se le ferovie funzionasi e le costasi de meno,e i paesi centroorientali europei. Questi ga ,pur esendo adeso in europa ,un sistema economico e fiscale meno caro e diverso dall'Italia,per cui per lori xe conveniente andar a Capodistria ,e quando che entrerà ne la UE la Croazia,Fiume ghe porterà via i trafici a Koper. Quel che i politici nostrani devi far xe obligar Roma a doprar un diverso regime fiscale per Trieste, e eliminar le tasse sul porto,perchè Trieste xe nata per lavorar con una zona che no xe Italia. Ma inveze xe più comodo a scaldar la poltropna e limitar la zona franca,cioè abolirla,e darghe in man tuto ai costrutori edili. A ocio e crose diria che podesi venir a star a Trieste un 5000 novi residenti. Logicamente i te cita Barcellona,Liverpol, Bilbao senza saver che drio ghe xe l'apogio del governo central e posibilità economiche locali ben diverse. Mi credo che sti 5000 che venisi a trieste no esisti, come che no esisti mati batudi de bori per posti barca. Vedo che nel tergesteo ,che xe come che fusi porto vecio trasformà, i ga vendù solo qualche apartamento. Per no dir de l'Hilton che dovesi venir nel Silos. Quanto a le navi bianche,no le toca Trieste ,o le vien poco ,perchè Trieste no xe venezia. Gavemo de la bela roba ,ma pocheta,e no la xe a disposizion 24 ore al giorno ,e i negozi no xe verti 24 ore al giorno. Alcune beleze naturali le xe in Slovenia, per cui le navi bianche preferisi atracar anche a Capodistria. Se lasemo far a sti politici coremo el riscio de no dover più parlar del porto sul forum.
:cheezy_298: I xe anche boni de parlar e de citarte la cultura,ma oltre a farla ,e dovesi eser triestini che no xe,se dovesi conoserla per aprezarla. E in quanto a la scienza,no la porta richeza a trieste se dopo no ghe xe una industria triestina che la aplica. Non voio andar fora tema.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36373
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da babatriestina » mercoledì 4 maggio 2011, 13:05

Piereto ha scritto::evil: L'entroterra triestin podeva eser anche la furlania,ma i se ga fato un porto per lori a Nogaro
adesso mi no so cossa che sia sto porto Nogaro, ma go come idea che come dimensioni e come fondali no rivi a competer con Trieste. o sì? alora fussimo proprio un "Porto buso!" :-D
Piereto ha scritto:el veneto fa meno strada a portar a venezia,e ne resta la baviera meridionale,se le ferovie funzionasi e le costasi de meno,e i paesi centroorientali europei. Questi ga ,pur esendo adeso in europa ,un sistema economico e fiscale meno caro e diverso dall'Italia,per cui per lori xe conveniente andar a Capodistria ,e quando che entrerà ne la UE la Croazia,Fiume ghe porterà via i trafici a Koper. Quel che i politici nostrani devi far xe obligar Roma a doprar un diverso regime fiscale per Trieste, e eliminar le tasse sul porto,perchè Trieste xe nata per lavorar con una zona che no xe Italia.
Viena gaveva fatto cussì, gaveva messo costi e tarife feroviarie sotocosto. Perchè imaginava che dopo i bori ghe tornava in altro modo. eco, perchè i dovessi farne un sconto? perchè semo bei? perchè semo caralcuore?
Ma comunque noi gavemo comunque regime de punto franco in porto con tarife sue. Solo che co te passi la dogana per rivar in città ( o andara al estero) te paghi.. O go capido mal?
solo se dopo in qualche modo i bori ghe tornassi.. secondo mi saria ben se ghe rivassi una indicazion a livello de Comunità Europea che armonizzassi le aliquote fiscali. Se no, el porto xe come la benzina: no xe agevolata? e noi la femo in Yugo ( come che i disi ancora)- no parlo per mi, che per quel che dopro mi de benzina gnanca no sparagassi el costo dela vignetta..
Piereto ha scritto: Ma inveze xe più comodo a scaldar la poltropna e limitar la zona franca,cioè abolirla,e darghe in man tuto ai costrutori edili. A ocio e crose diria che podesi venir a star a Trieste un 5000 novi residenti. Logicamente i te cita Barcellona,Liverpol, Bilbao senza saver che drio ghe xe l'apogio del governo central e posibilità economiche locali ben diverse. Mi credo che sti 5000 che venisi a trieste no esisti, come che no esisti mati batudi de bori per posti barca. Vedo che nel tergesteo ,che xe come che fusi porto vecio trasformà, i ga vendù solo qualche apartamento. Per no dir de l'Hilton che dovesi venir nel Silos.
Ocio che te sta semplificando un fiadin troppo.:
1 no i pol abolir la zona franca, ma al massimo spostarla e
2 comunque la zona franca del Portonovo, Molo VII etc no vien toccada.
Mi più che barcellona, Liverpool etc, me piaseria saver presempio de Macondo, che sta de quele parti, cossa che i ga fatto a Londra, dove che de anni bona parte del porto fluvial xe stado trasformado in apartamenti, e anche de qualità. chi ghe ga guadagnado? chi ghe ga perso? perchè lori sì e noi no?
Mi de mati che zerca posti barca me sa che ghe ne sia ancora tanti...
Piereto ha scritto:Quanto a le navi bianche,no le toca Trieste ,o le vien poco ,perchè Trieste no xe venezia. Gavemo de la bela roba ,ma pocheta,e no la xe a disposizion 24 ore al giorno ,e i negozi no xe verti 24 ore al giorno. Alcune beleze naturali le xe in Slovenia, per cui le navi bianche preferisi atracar anche a Capodistria. .
Navi bianche, te vol dir crociere? imagino, eprchè le navi bianche de una volta iera diferente.. trieste no xe Venezia, ma no xe lontan. Andè a Venezia d'estate, e vederè el canal Grande batudo de navi de crociera, de grandi yacht come che una volta iera i granduchi russi e adesso xe i pescecani russi.. ben, quante volte mi son andada in viaggio e per visitar una città de arte o ssai famose no i ne ga fatto dormir in una più modesta vizin perchè ghe xe posto e costa meno, tanto per dir te va in viaggio e i te fa dormir a Montecatini per po visitar Firenze. Eco, se gavessimo un bon collegamento, magari via mar con venezia, mi digo che se a gente tipo Giaponesi li fazessimo dormir in Hilton a Trieste e po li portemo in giornata a Venezia, e perchè no a Lubiana? contenti lori e noi almeno ciapemo i costi del pernottamento..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1956
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da Piereto » mercoledì 4 maggio 2011, 18:39

1)Alora Porto nogaro xe una banchina de un chilometro e mezo ,e el xe sta dragà un per de ani fa per aumentar el fondal e el sboca in laguna de maran. No ga una grande movimentazion,ma i furlani lo dopra.Xe una roba fata in casa e noi vol spender i loro bori a trieste.2) Esato le entrate perse da una parte rientra alo Stato da un'altra.Xe per quel che lo Stato pol permeterse de far lavori de ampio respiro e grossa entità savendo che la coletività lavora tuta, e po che la spenderà pagando altre tase. In porto ,anche se el xe franco ,te devi seguir tuta la trafila burocratica italiana, e quindi tute le spese che ne consegui ,anche nei confronti de chi che ghe lavora. Detassando qualsiasi operazion ,vien costar de meno.I devi farne sto sconto perchè i ga firma un tratato de pase che prevedeva una zona senza spese. 3) la zona franca pol venir diminuida de estension come incrementada,e anche eliminada. I disi che la stesa roba xe stada fata per el porto de Amburgo che gaveva qualcosa de analogo, come a Trieste, scrito sul tratato de pace. La eliminazion del TLT xe sta decisa da 4 nazioni ,e le altre 17 no ga dito niente,e el steso val per Osimo,dove che le nazioni iera due.Perdonime ,ma anche tite fa el steso eror de tuti,e cioè voler paragonar trieste a ....Barcelona,2 milioni de abitanti ,el motor economico de la Spagna,un centro industrial notevole,e una cità d'arte. Idem se te parli de londra 12 milioni de abitanti, dove che gira centinaia de milioni de sterline ogni giorno,la culla del capitalismo, e una cità che atira milioni de visitatori. Certo el mercato de la barca podesi eser una bona ocasion,ma informite su quanre tase che te paghi in italia su la barca,su le limitazxioni che te gà a viagiar,e su aprodi e porti che noi esisti.Doprar una barca no xe come doprar l'auto.No semo nei USA. 4) si i turisti podesi venir e dormir a Trieste ,ma el aliscafo costa,el treno no xe veloce perchè Moretti no vol far investimenti a lungo termine come che fa lo Stato,però el ciapa i soldi da lo Stato. Poi ghe xe le tarife alberghiere.Si quele triestine forsi xe un fià più base de quele Veneziane,ma te vol meter verzer la finestra e veder san Marco,e verzer una finestra su una via de Cavana. Lo so che xe un quadro molto demoralizante,ma go el sospeto che sia proprio cusì.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36373
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da babatriestina » mercoledì 4 maggio 2011, 18:52

Piereto ha scritto: Poi ghe xe le tarife alberghiere. Si quele triestine forsi xe un fià più base de quele Veneziane, ma te vol meter verzer la finestra e veder san Marco,e verzer una finestra su una via de Cavana. Lo so che xe un quadro molto demoralizante,ma go el sospeto che sia proprio cusì.
ara, che la più parte dei alberghi de Venezia, se no te va al Danieli o simili sul Canal grande, ta ga un panorama su un canal spuzalente che xe quasi pezo de Cavana ( rifatta). E te paghi istesso el doppio, almeno. :-D


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1956
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da Piereto » mercoledì 4 maggio 2011, 19:11

Xe un canal spuzolente,ma te xe a Venezia,e ogni canton xe bon per far una foto. Xe una question de atmosfera,e de do ore de treno de meno per rivarghe. :-)



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36373
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da babatriestina » mercoledì 4 maggio 2011, 19:31

Piereto ha scritto:Xe un canal spuzolente,ma te xe a Venezia,e ogni canton xe bon per far una foto. Xe una question de atmosfera,e de do ore de treno de meno per rivarghe. :-)
e te paghi per quel. E ovviamente mi co parlo de portarli a Venezia no imagino de meterli sui attuali treni. O via mar, o . te ga mai ciolto i treni che ghe iera una volta,anni 60-70 el partiva alle 5 e mezza del dopopranzo e el fazeva tuta una tirada fin Venezia. senza nissuna sosta intermedia. un'ora e mezza. Po el andava avanti e ala sera el rivava a Genova.
Po ripeto el confronto con Firenze, Anche là Firenze xe un'altra roba, ma i turisti i li fa spesso e volentieri dormir fora. Semo noi , me sa, che no accettemo psicologicamente de esser "i vizini de Venezia" e ne par un altro mondo, za Monfalcon xe "estero". Mi go viaggiado parecchio in viaggi organizzai e quante volte per sparagnar sul albergo i te fa dormir in una cittadina vizina de quela più famosa. Mi no me ofendo se semo considerai " la città più bon prezzo vizin de Venezia: intanto che i paghi, po i se acorzerà che anche qua qualcossa de bel ghe xe.. :-D


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1956
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da Piereto » mercoledì 4 maggio 2011, 20:40

No xe questo el post, ma un treno rapido direto da trieste-venezia che fermi solo a venezia no xe più, e pensar che quela volta iera ancora un toco con un solo binario.Me ricordo che gavevo ciolto un treno noturno direto,senza cambi,cuceta,ma iera anche vagon leto che partiva de sera ale nove e meza e rivava Parigi el giorno dopo,credo verso le undise.Una note in treno,de no corzerse.Altri tempi :-D



Avatar utente
macondo
notabile
notabile
Messaggi: 2661
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 18:54
Località: London, UK

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da macondo » mercoledì 4 maggio 2011, 21:58

babatriestina ha scritto:...me piaseria saver presempio de Macondo, che sta de quele parti, cossa che i ga fatto a Londra, dove che de anni bona parte del porto fluvial xe stado trasformado in apartamenti, e anche de qualità. chi ghe ga guadagnado? chi ghe ga perso? perchè lori sì e noi no?
Paragonar Trieste con Londra no ga tropo senso, come disi Piereto. Londra ga 12 milioni de abitanti e Trieste 200 mila :(

Mi ve consiglio leger sto articolo de Wikipedia che el xe abastanza detaliado.

http://en.wikipedia.org/wiki/London_Docklands



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36373
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da babatriestina » mercoledì 4 maggio 2011, 22:57

appunto:
Between 1960 and 1980, all of London's docks were closed, leaving around eight square miles (21 km²) of derelict land in East London. Unemployment was high, and poverty and other social problems were rife.
par la descrizion del nostro Porto Vecio come che el xe adesso
Another important government intervention was the designation in 1982 of an enterprise zone, an area in which businesses were exempt from property taxes and had other incentives, including simplified planning and capital allowances. This made investing in the Docklands a significantly more attractive proposition and was instrumental in starting a property boom in the area.
sgravi fiscali
LDDC was controversial - it was accused of favouring elitist luxury developments rather than affordable housing, and it was unpopular with the local communities, who felt that their needs were not being addressed. Nonetheless, the LDDC was central to a remarkable transformation in the area, although how far it was in control of events is debatable. It was wound up in 1998 when control of the Docklands area was handed back to the respective local authorities.
The massive development programme managed by the LDDC during the 1980s and 1990s saw a huge area of the Docklands converted into a mixture of residential, commercial and light industrial space. The clearest symbol of the whole effort was the ambitious Canary Wharf project that constructed Britain's tallest building and established a second major financial centre in London.
critiche come de noi...
Over the past 30 years, the population of the Docklands has more than doubled and the area has become both a major business centre and an increasingly acceptable area to live
Most of the docks themselves have survived and are now used as marinas or watersports centres (the major exception being the Surrey Commercial Docks, now largely filled in). Although large ships can - and occasionally still do - visit the old docks, all of the commercial traffic has moved down-river.
in breve, per chi che no legi in inglese, dalla version italiana del medesimo articolo:
Un altro importante intervento del governo fu la designazione di un'area da adibire a zona di affari concedendo delle importanti esenzioni fiscali a chi decidesse di realizzarvi delle nuove attività. Questo provvedimento attrasse molte aziende che investirono così nella ricostruzione prendendo vantaggio dalle significative agevolazioni pluriennali.
Il massiccio sviluppo dell'area realizzatosi negli anni ottanta e novanta, la vide assurgere ad un agglomerato di uffici, edifici residenziali di lusso, negozi e sedi di piccole imprese.
E voi disè che noi no podemo perchè semo pici? e con questo? Chi pol e chi no pol? noi Nosepol?


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1956
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da Piereto » giovedì 5 maggio 2011, 10:59

Te rivi su le mie,senza sgravi fiscali,incentivi,detassazioni, non se combina un boro, roba che anche a Londra ghe gà tocà far. Xe le solite ciacole che po' no fa fritole,cioè bisogna rivar a convinzer Roma a molar i cordoni de la borsa.
Giusto iera i ga deciso per el superporto....de Monfalcon.El governo appoggia solo quel, e no le richieste de altri porti come Venezia o Ravenna. I insedierà un comisario ad hoc,ma xe za barufa su la sede che dovesi eser Trieste. Legendo tra le righe par che per adeso,e forsi mai, no riverà bori per el molo VII,cher saria l'unica roba che interesa Trieste ,cioè i altrei 970 milioni de euro va a Monfalcon e Udine. Poi seguirà tute le indagini de fatibilità,e qua spero che el WWF se svei. Insoma gaveremo argomenti per continuar a ciacolar.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36373
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da babatriestina » giovedì 5 maggio 2011, 11:05

Fin che vederemo Monfalcon come estero e no come periferia de Trieste, resteremo ssai de vedute curte come mentalità, secondo mi. :?


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36373
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da babatriestina » giovedì 5 maggio 2011, 13:14

Ve riporto un commento de una de fora:
Non conosco il dibattito sul Porto Franco, non sono di Trieste.
Ma mi inserisco sull’interesse per il Porto Vecchio.
Qualche anno fa mi hanno portato per la prima volta nell’area del Porto vecchio scegliendo un percorso che partiva da lontano, o dall’alto, scendendo dalla forte pendenza della strada che viene giù da Opicina, parallelamente alla caratteristica tranvia, un omaggio, forse, al percorso che in tanti, nella storia, per cercare lavoro facevano, discendendo dal carso al mare, o forse no, forse è stato solo un caso, ma l’impressione, la prima, è stata quella di attraversare un confine ed entrare in uno spazio separato dalla città, non in continuità con essa.
È stato un attimo, poi sono rimasta incantata, affascinata dalla specialità dei luoghi, dalla vista dei magazzini, dalla loro decadente eleganza, e anche dalla potenzialità inespressa di quegli spazi. Ho pensato che lì c’era la storia della stessa città, quella fatta dagli uomini, dal loro lavoro, un documento a cielo aperto.
Ho pensato che era un peccato che fossero lì a memoria di se stessi, e ho pensato (ma sicuramente dipende dalla mia personale predisposizione all’interesse per le “cose vecchie” e al cercare in esse delle potenzialità da portare fuori!) che sarebbe stato bello far ritornare vivi quegli spazi.
Ci sono tanti progetti, intanto mi spiegavano, di grandi trasformazioni, di grandi idee.
Ho pensato che forse sarebbe bastato meno, almeno per iniziare, partendo da cose semplici come aprire ai visitatori quel luogo, far riprendere confidenza con quegli spazi e poi pensare ad un riuso dei magazzini.
Pochi mesi fa sono andata ad Amburgo e mi sono trovata a girovagare in un’area portuale ben più vasta, un grandissimo complesso di magazzini, di depositi a cui è stata data la possibilità di nuova vita e ho ripensato al Porto Vecchio di Trieste.
Magazzini trasformati in parte in spazi culturali, teatri, una sala concerti in costruzione sul tetto di un magazzino, vista Elba, musei: quello delle spezie, quello dei trenini (da far impazzire appassionati e non, tanto che per la fila non sono riuscita neanche ad entrare), in parte conservati come “nuovi magazzini” per la vendita di caffè ( con all’interno un bar in cui poter sorseggiare i caffè di tutto il mondo con torrefazione a vista da guardare mentre si mangia un dolce della casa), magazzini di tappeti orientali, spezie e quant’altro sia legato al commercio e alla logistica di un porto, nuovo o vecchio che sia.
Il coraggio di una città moderna di una trasformazione di parti della città antica, attraverso la riqualificazione e il riuso che ha permesso con poche azioni (in un progetto generale sicuramente ben più complesso) di restituire alla città il suo affaccio sul mare, di far tornare visi spazi per una passeggiata, un giro tra i magazzini, una pausa per un panino o una tazza di una bevanda calda da sorseggiare guardando il mare, e a Trieste, magari, sotto lo “sguardo” benevolo di URSUS, eletto un po’ a “guardiano” della trasformazione….
fonte
http://vittoriotorbianelli.wordpress.co ... ranchismo/


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Rispondi

Torna a “El porto e le navi”