Riflessioni sul porto

el porto de Trieste deuna volta, de adesso, le navi che vien e va a Trieste, de una volta e de adesso
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1956
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da Piereto » giovedì 5 maggio 2011, 16:23

Cara BT, Monfalcon xe in provincia de Gorizia,ergo i soldi che se ricaverà dal gettito fiscale e tuto l'indoto che ghe girerà intorno non venierà sicuro a trieste,ma restera tuto là.
No gaveremo nisun beneficio e coreremo anche el riscio de perder i container . I centinaia de etari che i ricaveria a Monfalcon ,xe più o meno i stesi che podesi meter su trieste se se riorganizasi i spazi persi in porto,le aree abandonate de feriera e porto navigabile,e ex scalo legnami. Sicuramente questo novo ente superporto no venierà gestido da un triestin,e sarà sue le scelte su dove che le navi atracherà. Sicome che le atrezature nove sarà a Monfalcon xe facile che le navi se fermi tute la. Xe evidente che gavemo anche perso tute le speranze che i finanzi la nostra piataforma logistica in scalo legnami che se prolungasi a far el moloVIII.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36373
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da babatriestina » giovedì 5 maggio 2011, 17:48

sempre là.. alora mi digo che son del Borgo teresian e no me interessa quel che nassi a S andrea che no xe el mio rion..
ormai dovemo meterse in testa che se tratta dei porti del Nord Adriatico insieme, Monfalcon, Trieste e Capodistria e solo colegai i poderà farghe concorenza ai porti dle Tirreno e del Nord. se stemo a farse i dispetuzzi fra de noi .. i bori rest in Region. Per el dirigente, e te par che adesso le porto lo gabi un triestin? :-D per mi, comunque el importante xe che el dirigente sia capace, e no ghe guardo dove che el xe nato. Prova a imaginar se te gavessi accettado al Verdi solo che direttori e cantanti triestini.. sì un per xe anche bravi.. :-D e perchè inveze al porto sto sciovinismo cittadin? dela piattaforma logistica ( ma adesso i la ciama piastra logistica) i sta riparlando ancora, me par..

http://www.informare.it/news/gennews/20 ... te-Mon.asp
5 maggio 2011

Il governo italiano conferma il sostegno al progetto UniCredit per il superporto di Trieste e Monfalcone
L'ente regionale ha inoltre evidenziato che nel corso delle riunione è stato rilevato come il progetto non sia assolutamente in conflitto con altre realtà italiane, perché ha come obiettivo strategico quello di intercettare e portare verso il Sud Europa il traffico che adesso gravita sui porti del Nord.
intanto la piattaforma logistica della Regione Friuli Venezia Giulia sarà presentata giovedì prossimo a Monaco di Baviera dall'assessore regionale alle Infrastrutture, Riccardo Riccardi, nell'ambito della fiera “ Transport Logistic” partecipando alla tavola rotonda sul tema “I porti italiani come accesso ai mercati del Centro Europa”. Alla conferenza interverranno alcuni tra i maggiori operatori del settore e soggetti istituzionali italiani e tedeschi che esamineranno la situazione attuale nell'ambito di due sessioni tematiche


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1956
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da Piereto » giovedì 5 maggio 2011, 19:58

Cara BT ,quei de santandrea disi che se i fa un lavor nel Borgo teresiano i ghe porta via la posibilità de far qualcosa a Sant'Andrea ,perchè la coverta xe curta. Se la richeza va in un posto, i benefici po resta indirettamente in quel posto, e tuti i ricavi va finir nel calderon general ,e po i xe distribuidi con dei criteri che una grosa feta de italiani volesi cambiar. Questo perchè el lavor fato in Borgo teresiano,no porta niente a Sant'andrea. Nisun da niente per niente. Comunque saria sta sempre meio favorir le maestranze locali e questo anche al verdi,perchè anche nell'ambiente musicale ghe xe un saco de disocupadi triestini,e te dirò de più anche se la qualità iera o xe minore. Questo xe campanilismo,ma l'italia reale xe quela dei campanili. Altrimenti se se estingui,e se ciapa piede Monfalcon ,anderemo a star la,sempre se i ne volerà però,perchè anche lori i ghe tien a la loro cità. :cheezy_298:



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1956
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da Piereto » giovedì 5 maggio 2011, 20:06

Preparemose a far i pendolari,infin dei conti 18 km xe sai pochi.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36373
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da babatriestina » giovedì 5 maggio 2011, 21:52

Piereto ha scritto:Preparemose a far i pendolari,infin dei conti 18 km xe sai pochi.
in effetti, mio papà per un per de anni ga fato el pendolar al Ospedal de Monfalcon. Se po inveze che quel treno attual ghe fussi una linea veloce, venti minuti de "metropolitana leggera e saria fato! xe tuto relativo, I triestini che abita a Opcina va su e zo in città come rider, mi co ghe son stada de putela, che col tram se ghe metteva tre quarti de ora ( perchè el se fermava ai scambi) me pareva de star lontanissima de Trieste. E senza el mar, per de più! E co fazevo la pendolar a Muia, no me pareva tanto più lontan de Monfalcon. E po co i se acorzerà che tante robe a Monfalcon no vien bene e inveze le vien meo a Trieste.. :-D


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1956
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da Piereto » venerdì 6 maggio 2011, 8:38

E si ,Muia xe a dodici km ,e Monfalconn xe a 18 km da Trieste.Mi gavevo un amico muiesan che xe andà a lavorar a Milan,ma el stava a Pavia,e ogno matina su e zo col treno,per no dir de un che lavorava a Bologna e el abitava inveze a Modena. E me xe sta per tanto tempo incomprensibile sto modo de eser. Po go capì che in realtà trieste xe circondada da un confin che no xe sta mai permeabile,e ne xe viniù fora una mentalità de isolani.



Avatar utente
1382-1918
citadin
citadin
Messaggi: 829
Iscritto il: venerdì 18 aprile 2008, 6:24
Località: Trieste

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da 1382-1918 » venerdì 6 maggio 2011, 16:24

Piereto ha scritto:Po go capì che in realtà trieste xe circondada da un confin che no xe sta mai permeabile,e ne xe viniù fora una mentalità de isolani.
Più che isolani, dirìa isoladi! Mai permeabile? Gavemo secoli de storia de relazioni col nostro retroterra, attivissime fino ai primi del '900.
Soto l'Austria la question no se poneva perchè jera Trieste el centro de attrazion, e se un andava via de qua jera per andar in realtà più grandi, come Vienna, o grosse città estere. Dai anni '20 in vanti, xe apparso un confin, prima un poco più interno, dopo più tacado alla città, ma xe la gente che xe stada abituada e se ga abituà, a causa de sto confin, a vardar solo la realtà de altre città italiane, mai veramente identificandose in queste, e a no considerar che oltre el confin continua della terra e no ghe xe un strapiombo.
babatriestina ha scritto:
Piereto ha scritto:Se po inveze che quel treno attual ghe fussi una linea veloce, venti minuti de "metropolitana leggera e saria fato!
Ghe jera un progetto del 1913 per far la Strada Costiera, che prevedeva, con un tracciato diverso da quel attual, anche la corsia per el tram Trieste-Monfalcon, che oggi se gaverìa de sicuro trasformado in metropolitana. Quando nei anni '20 xe stada fatta la Strada Costiera, i ga ritenudo inutile far anche la corsia per el tram. Tra l'altro questo xe strano perchè nel periodo fascista i ga zercado de crear e favorir un legame urbano tra Trieste e Monfalcon, ma a causa sopratuto dela situazion orografica, el progetto xe fallido.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36373
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da babatriestina » venerdì 6 maggio 2011, 16:31

1382-1918 ha scritto: Ghe jera un progetto del 1913 per far la Strada Costiera, che prevedeva, con un tracciato diverso da quel attual, anche la corsia per el tram Trieste-Monfalcon, che oggi se gaverìa de sicuro trasformado in metropolitana.
de come che te me lo descrivi, me vien de pensar al tram Udine - Tricesimo, per chi che se lo ricorda. Ma a un zerto punto ( anni '70?) el xe sparido per lassar posto a qualche corsia automobilistica de più. Imagino che saria stado istesso in Costiera. Come che i ga cavado le sine del 6 per slargar Viale Miramar - che, se ve ricordè, per i meno giovini, prima, a due sole corsie, iera un budel che se intasava subito.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
sum culex
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 5945
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:45
Località: Trieste - Rozzol

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da sum culex » sabato 7 maggio 2011, 19:39

babatriestina ha scritto: Come che i ga cavado le sine del 6 per slargar Viale Miramar - che, se ve ricordè, per i meno giovini, prima, a due sole corsie, iera un budel che se intasava subito.
E quante meno machine e meno trafico iera quela volta!!!



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1956
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da Piereto » giovedì 12 maggio 2011, 11:32

Xe evidente che ghe devi eser dei intrallazzi de potere su no far andar vanti el porto (vecio o novo).Uno vol che el resti cusì in atesa de la manna ,e uno vol eliminarlo , e meterghe dentro novi citadini che no xe.Devi eserghe de le rendite de posizion ,che no se vol perder,per cui chi vol far qualcosa nel ben o nel mal a seconda dei punti de vista,resta blocà. Mi no me piasi l'idea del superporto perchè i proventi de sta operazion no ricadi su la provincia de trieste,ma i va a gorizia, e se i andasi in regione poi i venisi spartidi fra tuti,e i ultimi a ciapar le fregole fusimo noi triestini. Capiso le motivazioni che vol un pool de porti contro quei del mar del nord, e chi che voleva far piataforme logistiche nove a trieste xe sta disuaso( Maersk e i coreani),tanto xe vero che sta matina go inteso dei cinesi che torna a la carica per una piataforma de farse a..... Portonogaro. 540000 mq rente el porto canal che xe sta za dragà e slongà e banchinà,de TERENI LIBERI,cioè agricoli (quindi senza bonifiche) ,a due pasi dal scalo feroviario de Cervignan .I ga dito che i ga 50 milioni de euro de investimento,venti più dei trenta promesi a Trieste e mai visti. E qua no cori spetar fina al 2020 per el superporto .Bravi,a Trieste se litiga ,e i altri fa. Go anche leto su le segnalazioni de un sior che ga fato l'elenco de tute le magagne-congiure feroviarie contro de noi,solo che el concludi parlando del porto e disendo che in realtà el xe importatnte ,ma che nol porta tanto lavor e che bisognasi zercar altro. Ora qua disento in pien. Porta poco lavor perchè ogi xe tuto un scariga cariga automatizà, ma la manipolazion e la trasformazion de le merci xe el piato forte,e in tuti i altri porti de europa e de italia la trasformazion te la fa drio el porto, a Trieste te lo pol farla dentro el porto e in regime detassato. Te lo poderia far ,ma noi te lasa, per le solite rendite de posizion.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36373
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da babatriestina » giovedì 12 maggio 2011, 14:04

Piereto ha scritto: .Bravi,a Trieste se litiga ,e i altri fa.
quoto in pieno
Piereto ha scritto:Go anche leto su le segnalazioni de un sior che ga fato l'elenco de tute le magagne-congiure feroviarie contro de noi,solo che el concludi parlando del porto e disendo che in realtà el xe importatnte ,ma che nol porta tanto lavor e che bisognasi zercar altro. .
ecco, mi me piaseria saverghene de più sui numeri del porto.
Gira per internet - sempre el stesso- un post che parla de 11.500 posti de lavoro al Porto o colegai.
Mi go trovado una mia fotografia fatta a una mostra sul porto un per de anni fa che parlava de 13.000
Sto sior disi che 30 anni fa lavorava in porto 3000 persone, adesso meno de 500.

El ( riportado perfin in Wikipedia e che xe de un pochi de anni fa) parla de circa 20.000 persone.
eco, mi me piaseria saver come che vien fora dati cussì diferenti. Go idea che un consideri solo el porto , altri anche el indotto..
Sul sito del Porto no trovo i numeri.


trovo però el elenco de quel che za adesso xe perfettamente valido nei 5 punti franchi delnostro porto:
Il regime dei Punti Franchi è l'elemento caratterizzante che ha accompagnato l'evoluzione storica dello scalo marittimo di Trieste. Introdotto nel 1719 dalla monarchia absburgica e ridefinito nel 1891, questo peculiare istituto giuridico è stato riconfermato dai successivi Trattati di Pace, dell'Atto Costitutivo della Comunità Europea e dalle Leggi della Repubblica Italiana.Gran parte del territorio portuale è soggetto a questa normativa e ricade pertanto al di fuori del territorio doganale dell'Unione europea.I Punti Franchi sono cinque:- Punto Franco Vecchio- Punto Franco Nuovo- Punto Franco Scalo Legnami- Punto Franco Oli Minerali- Punto Franco Industriale
PRINCIPALI VANTAGGI DERIVANTI DAL REGIME DI PORTO FRANCOAll'interno del Porto Franco gli operatori possono godono della possibilità di effettuare attività portuali a condizioni molto favorevoli:
• le merci provenienti via mare da Paesi extracomunitari, possono essere introdotte liberamente nei Punti Franchi indipendentemente da provenienza o destinazione e senza essere soggette a dazi nell'ambito portuale;
• tali merci possono restare in deposito all'interno del porto senza limiti di tempo e possono essere spedite verso destinazioni oltremare senza bisogno di dichiarazione doganale comunitaria;
• nei Punti Franchi Commerciali esistono depositi permanenti di merci estere sulle quali possono essere liberamente eseguite tutte le cosiddette lavorazioni usuali (imballaggi, reimballaggi, etichettature, campionature, ecc.);
• su queste merci sono possibili - previa autorizzazione amministrativa - anche trasformazioni industriali;
• per le merci importate nel mercato comunitario attraverso i Punti Franchi, i relativi dazi e imposte doganali possono essere pagati con dilazione fino a sei mesi ad un tasso di interesse annuo particolarmente ridotto;
• le merci che entrano nell'area portuale via terra dal territorio comunitario vengono considerate come esportate all'atto dell'immissione e possono quindi essere imbarcate in qualsiasi momento, mentre quelle provenienti da stati esteri sono considerate merci in transito;
• i trasporti su mezzi stradali pesanti, provenienti o diretti al porto di Trieste attraverso i valichi con l'Austria e la Slovenia, fruiscono di un regime di transito diretto agevolato;
• anche il transito di merci su ferrovia gode di un sistema doganale semplificato.
( la mia impression xe che ghe sia qualchedun che là dentro vivi assai ben con ste condizioni, e no desidera che vegni altri a romperghe le togne..)


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36373
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da babatriestina » domenica 5 giugno 2011, 15:38

a proposito de porto, legemo le notizie de oggi
http://ilpiccolo.gelocal.it/cronaca/201 ... a-1.310864
ecco, me domando se el porto che "no lavora" ga una fila de TIR turchi che bloca le rive, cossa saria e dove li fazessimo passar i TIR se el lavorassi sul serio? ( la mia idea xe che se no ghe xe i colegamenti, inutile insister sul porto..e no xe tempi de tornar indrio al trenin dele rive)


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10912
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da Nona Picia » lunedì 6 giugno 2011, 8:50

Ma no se podessi far funzionar decentemente l'altra ferrovia, quella che finissi proprio in porto novo? O forsi i treni coi TIR no pol passar de là?


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36373
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da babatriestina » lunedì 6 giugno 2011, 9:02

me par che no i se insogna de meter i TIR sul treno.. o no ghe xe treni che porti TIR..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10912
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da Nona Picia » lunedì 6 giugno 2011, 9:21

Quqlche volta go visto TIR su treni passar sora Barcola....odio...no sai spesso, ma no son sempre là.....


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7301
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da sono piccolo ma crescero » lunedì 6 giugno 2011, 9:24

Sì, caricano i TIR sui treni e se ricordate alcuni anni fa fecero tutto un lavoro per abbassare la massicciata nelle gallerie tra Trieste e Monfalcone per consentirne proprio il passaggio.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36373
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da babatriestina » lunedì 6 giugno 2011, 9:52

sono piccolo ma crescero ha scritto:Sì, caricano i TIR sui treni e se ricordate alcuni anni fa fecero tutto un lavoro per abbassare la massicciata nelle gallerie tra Trieste e Monfalcone per consentirne proprio il passaggio.
ma tutti o solo qualche tratta ferroviaria particolare? mi sembrava di ricordare un accordo per la Germania, ma potrei confondermi. E poi, perchè si fermano in Riva? non c'è la bretella della superstrada? un tanto per capire,anche se le mie domande saranno ingenue.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1956
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da Piereto » lunedì 6 giugno 2011, 14:12

Gira e rigira se contemo sempre le stese robe,perchè tuti parla ,ma nisun fa niente. Forsi più che se ne parla, de un ventisel vien fora un tornado,speremo ben.I container pol eser mesi sul vagon feroviario,e cusì anche i semirimorchi dei TIR perchè esisti i cari ribasadi ,e da la strada te va drito sul vagon. El ma xe che ..... costa de meno andar su la strada ,le tarife autostradali,i incentivi fiscali,i paroni de le rafinerie,le pompe dei carburanti ,i costrutori de camion,xe tuto un mondo che vivi del trasporto,xe tuta una cadena per cui anche i prezi al consumo che noi paghemo ,dipendi da sto movimento dei TIR. Se andasi per ferovia saria meno gente che magnasi. Treni italia pur ciapando i soldi da lo Stato,tien le tarife alte per no farghe concorenza a le società autostradali. Treni italia,ma me par che sia Adriafer, inveze de far do treni blocadi che va in germania partendo dal porto ,e che metemo i ghe rendi 2000 euro,podesi farghene inveze 20 de treni e inveze de 40000 euro ciapar la metà. Xe inveze tuto blocà perchè xe qualche loby che tien tuto fermo. Xe el solito no se pol. I Tir iera fermi in viale sant'andrea e tuto el porto novo iera pien de veicoli ,anche la circonvalazion interna stradale. Ogni giorno gavemo due tragheti turchi cioè xe centinaia de camion che ogni giorno va su e zo. Se te blochi per una setimana de sciopero,xe migliaia de camion,vol dir mesi in fila chilometri de strada ocupada. No so se gavevi leto le interviste de Moreti su el nordest feroviario.Fin tanto cher no riva ordini dal ministero o del sviluppo economico,o dei trasporti se esisti ancora,tuto resta fermo. Xe tre robe che no se ghe riva a far far a le ferovie. Sbasar le tarife,la metropolitana legera , riuso de la linea de Rozol,la stazion in aeroporto,meter l'armamento tra Ronchi e Cormons. Questo punto per Trieste volesi dir una ventina de chilometri de meno senz andar al scalo de Cervignan. Giusto per dirve a che punto che semo rivadi,savè che esisti un colegamento feroviario estivo tra Trieste e la germania,de auti al seguito. Beh no xe orari in stazion,e la società che se ocupa de sti collegamenti la sta ad Alessandria.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36373
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da babatriestina » lunedì 6 giugno 2011, 16:34

Piereto ha scritto:... costa de meno andar su la strada
questo xe le punto principal. No i se rendi conto dei effetti secondari.. e difatti, cossa i te fa, anche? la terza corsia autostradal, che po ocorrerà la quarta...
Piereto ha scritto:Giusto per dirve a che punto che semo rivadi,savè che esisti un colegamento feroviario estivo tra Trieste e la Germania,de auti al seguito. Beh no xe orari in stazion,e la società che se ocupa de sti collegamenti la sta ad Alessandria.
dovessi esser quel che domandavo mi giorni fa .

E semo sempre là... mi continuo a sperar in un ordine superior che vegni a livello europeo. Perchè se tratta de superar el nazionalismo a livello italian ( e no solo italian..) e de costruir delle grandi linee EUROPEE. Altri sugerissi el opposto spacarse in pice realtà e ognidun per sè: mi me domando alora cossa che nassessi.. po ghe xe i noTAV che apriori no ghe ne vol saver e in pratica i ghe dà una man ala lobby dele autostrade (che po scometteria che i sta la più parte fora città e i gira in SUV). Mi capisso no sbusar el Carso, no far rivar ferovia in galeria fin in città, ma una linea bela dritta, de superficie, che riva a Opcina ( colegada con bretelle al porto, ala Central e ale linee slovene de Sesana) gavessi senso. Ma i sloveni no vol, perchè lori vol che Koper sia colegada direttamente a Divaccia.. gavè presente nel rinascimento la deviazion dei mercanti Cranzi? xe sempre quel.. po... e me contentassi che la TAV rivassi a Ronchi, come che domandva quasi 10 anni fa Illy: ma se i comincia ( i veneti) a zogattolarse che i vol el percorso balneare per fermarse a Bibion, a Caorle, a Lignan... no i ga capido gnente de cossa che la ga de servir!


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36373
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni sul porto

Messaggio da babatriestina » lunedì 6 giugno 2011, 17:07

Semo fora del discorso diretto porto, ma per quel che riguarda le tariffe, i dovessi sbassarle per le merci del porto, perchè per i passeggeri devo dir che no le xe alte. so che chi che va in machina disi che in due o tre ghe costa meno del treno (chissà se i conta ben la benzina..) ma devo dir in Svizzera i treni costa parecchio de più ma xe un paradiso in confronto. Val la pena de spender.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Rispondi

Torna a “El porto e le navi”