NAVI DEL LLOYD DI TRIESTE

el porto de Trieste deuna volta, de adesso, le navi che vien e va a Trieste, de una volta e de adesso
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 37749
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: NAVI DEL LLOYD DI TRIESTE

Messaggio da babatriestina »

riporto altri modellini, soprattutto delle navi più vecchie:
l'Almissa, nata nel 1893 come Trieste, ribattezzata Almissa nel 1898, faceva cabotaggio lungo la costa dalmata, suo gemello il Metcovich
Immagine


la Pandora del 1882
Immagine

Immagine

dipinta
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 37749
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: NAVI DEL LLOYD DI TRIESTE

Messaggio da babatriestina »

Austria, 1865, primo piroscafo in ferro: cambiò il nome in Juno perchè il nome Austria passò ad un'altra nave del Lloyd nel 1900. Venduta per demolizione a Palermo nel 1906.
Immagine
Il Carinthia, del 1900
Immagine
( gemelle: Styria/Gianicolo, Carniolia, Tyrol/Trento, Bucovina, Galicia)

un'immagine dell'Helouan in arsenale
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 37749
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: NAVI DEL LLOYD DI TRIESTE

Messaggio da babatriestina »

il Calcutta (1852) in quadro o stampa
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 37749
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: NAVI DEL LLOYD DI TRIESTE

Messaggio da babatriestina »

ancora qualcuna:
il Baron Bruck, 1914, costruito nel Cantiere san Rocco, poi Palatino, finito all'Adriatica e dismesso nel1940. gemello dei Prinz Hohenlohe e Baron Gautsch che però erano del 1908, faceva le linee della Dalmazia
Immagine

e per Mandi ancora il Gablonz
Immagine

Immagine


Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 37749
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: NAVI DEL LLOYD DI TRIESTE

Messaggio da babatriestina »

Se era del Lloyd non lo so, ma devo dire che questo ritratto di ufficiale ottocentesco, anonimo di pittore anonimo, mi colpì molto quando lo vidi dal vivo all'asta, mi ricordò il mio bisnonno ( ma non è lui)
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
spaolina
naufrago
naufrago
Messaggi: 5
Iscritto il: lun 10 dic 2012, 0:18

Re: NAVI DEL LLOYD DI TRIESTE

Messaggio da spaolina »

Ciao, mi sono appena iscritta.
Ho visto sul forum questa interessante discussione e volevo tanto farvi una domanda: sto cercando notizie su una nave del Lloyd, la Espero. Mi risulta essere attiva sul Mar Nero a fine Ottocento.
Avete foto, quadri, notizie?
Grazie!


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 37749
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: NAVI DEL LLOYD DI TRIESTE

Messaggio da babatriestina »

benarrivata, per adesso io trovo solo una silhouette, dai tabelloni esposti alla Centrale idraulica del Porto Vecchio nella mostra sulle navi a Trieste. Credo che sia stata l'associazione Aldebaran che le ha postate, ma intanto, per cominciare
Immagine.
Il mio bisnonno aveva navigato su navi simili, e non mi sorprende il mar Nero, visto che a casa c'è un samovar con una scritta in cirillico..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
oli1939
distinto
distinto
Messaggi: 1448
Iscritto il: mer 22 giu 2011, 12:33
Località: Trieste - Rozzol

Re: NAVI DEL LLOYD DI TRIESTE

Messaggio da oli1939 »

Andava a vela, vista l'alberatura?oli.


Il colore e' il mio mestiere
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 37749
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: NAVI DEL LLOYD DI TRIESTE

Messaggio da babatriestina »

se guardi le foto delle navi postate più sopra , nonostante l'elica, conservavano gli alberi e sembrerebbe che aggiungessero la forza del vento a quella delle macchine. Un po' come fecero le petroliere ai tempi della crisi petrolifera, se ricordi. guarda le immagini della Pandora.
Del mio bisnonno, so che incominciò con le vele e concluse coi motori, me lo raccontò papà che lo aveva saputo dal nonno o dalla bisnonna


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
oli1939
distinto
distinto
Messaggi: 1448
Iscritto il: mer 22 giu 2011, 12:33
Località: Trieste - Rozzol

Re: NAVI DEL LLOYD DI TRIESTE

Messaggio da oli1939 »

Dovevano essere molto veloci e imponenti, con velatura e camini. E ci voleva anche molta bravura nel condurle manovrando con due tipi di propulsione.


Il colore e' il mio mestiere
spaolina
naufrago
naufrago
Messaggi: 5
Iscritto il: lun 10 dic 2012, 0:18

Re: NAVI DEL LLOYD DI TRIESTE

Messaggio da spaolina »

Splendido!!! Grazie! Siete proprio esperti e stupendi!


Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2791
Iscritto il: sab 22 mag 2010, 18:47

Re: NAVI DEL LLOYD DI TRIESTE

Messaggio da mandi_ »

Qui si rischia di imbarcarsi nella consueta avventura che ben conosciamo , ormai.
Anche il nome "Espero" fu piuttosto diffuso come denominazione di una nave.

Ci fu un piroscafo da carico Espero costruito nel 1882 nei cantieri di Glasgow in Scozia, con prua verticale, due alberi, un fumaiolo.
Ci fu un piroscafo Espero del Lloyd Austro - Ungarico, varato nel 1869 e attivo fino al 1908.
Ci fu il cacciatorpediniere Espero, che si trovava a Fiume con i legionari di D'Annunzio nel settembre 1920.

Insomma, ce n'è da perdersi...e se la memoria non m'inganna mi ritrovo una nave Espero sulla via di Vladivostok...


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry
spaolina
naufrago
naufrago
Messaggi: 5
Iscritto il: lun 10 dic 2012, 0:18

Re: NAVI DEL LLOYD DI TRIESTE

Messaggio da spaolina »

Penso che quello che cerco sia proprio il piroscafo Espero del Lloyd Austro - Ungarico, varato nel 1869 e attivo fino al 1908 (cito)
Nel 1883 aveva effettuato un viaggio da Varna (Bulgaria) a Costantinopoli. Non so se faceva linea o se fu un'occasione. Mi piacerebbe saperlo e avere qualche immagine.


Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2192
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: NAVI DEL LLOYD DI TRIESTE

Messaggio da Piereto »

Il Lloyd Austriaco espletava una linea tra Costantinopoli e Varna. La comunicazione tra Vienna e Costantinopoli da parte del Lloyd Austriaco poteva avvenire sia lungo l'Adriatico, e nel 1908 abbiamo presenti tre linee che ne fanno capo partenti da Trieste ( linea del levante, linea greco orientale, e linea di Tessaglia ),sia utilizzando la linea sul Danubio che arrivava a Galatz ,e poi dal 1860 si potè utilizzare il treno per il trasbordo sulla sponda del Mar Nero e successivo collegamento per raggiungere Costantinopoli la capitale Turca. Non sempre le condizioni politiche hanno favorito l'utilizzo della via danubiana in quanto l'altra sponda del fiume apparteneva alla Russia, per cui si costruirono dei tratti ferroviari a partire da località molto a monte del fiume come Czernavoda o Ruzstuk ,che non dover proseguire da Galatz verso la foce del fiume a Sulina ,e poi da li verso Costantinopoli. Nel 1860 si apre un tratto ferroviario tra Czernavoda e Kustendie ( Costanza) e nel 1868 il tratto tra Ruzstuck e Varna .Il Lloyd copre con tre linee a vapore le coste del Mar Nero a partire almeno dal 1850 Kustendje è un porto di arrivo e poi di transito verso quello di Odessa, poi esiste una linea dapprima collegante Costantinopoli con Burgas e Varna. Coll'arrivo della ferrovia a Varna tale linea è diretta con Varna. Poi esiste il collegamento tra Costantinopoli e la sponda orientale del Mar Nero sino a Trebisonda e sino al 1914 si arriva a Baku. Nel 1902 vennere immessi su questa rotta del levante e del Mar nero piroscafi come il Praga, il Baron Beck, Palacky, Bregenz, Bruenn di 3850 ton. Con molta probabilità l'esperus venne radiato e demolito perchè non poteva più garantire una velocità superiore agli undiici nodi e mezzo , come previsto.
Scan-121211-0001.jpg
Scan-121211-0001.jpg (31.58 KiB) Visto 2712 volte


Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2791
Iscritto il: sab 22 mag 2010, 18:47

Re: NAVI DEL LLOYD DI TRIESTE

Messaggio da mandi_ »

Penso a certe navi che sono state protagoniste della Storia e di un'epoca. Vivere lunghi mesi su una nave poteva essere affascinante, ma anche pericoloso. La robustezza, la qualità del legno, degli altri materiali e degli strumenti erano indispensabili alla sopravvivenza. Non dimentichiamo poi le figure dei Comandanti, dalle cui decisioni e avvedutezza dipendeva ogni cosa...a quei tempi... :oops:

Ogni nave ha avuto la sua storia, perchè la caratteristica di quell'imbarcazione galleggiante che vediamo spesso in fotografia immobile come in un ritratto in posa, è quella di muoversi nel mare e di essere un giorno in un luogo, un altro in un mare o un porto totalmente diverso.

Di questo piroscafo Espero mi piace ricordare solo un frammento di diario di viaggio tratto da un articolo di un giornalista dell'epoca, Edmond About (1828 - 1885) , corrispondente francese del " XIX siècle". Fu una delle penne più eclettiche e pungenti dell' epoca.

Edmond About era stato invitato nel 1883 all'inaugurazione della mitica ferrovia Orient Express. C'era del ritardo nel completamento dell'opera e lo scrittore era impaziente perchè la linea non era ancora completata, e l'ultima parte del viaggio si doveva compiere navigando prima sul Danubio con dei battelli, poi si doveva risalire su un treno e poi si procedeva sul Mar Nero.

La descrizione del viaggio sull'Orient Espress è molto dettagliata e colma di meraviglia, ma a noi possono interessare i riferimenti alla nave su cui salì About per percorrere il tratto Danubio- Mar Nero : si trattava della nave Espero del Lloyd.
"Da De Pontoise à Stanbul, 1883

...Lo sbarco avvenne con qualche ritardo a causa della sosta di uno di quei grandi battelli austriaci che sembrano arche di Noè e che faranno concorrenza alla ferrovia ancora per molto tempo tra l'Ungheria meridionale e la foce del Danubio...

Cinque o sei grandi chiatte vigorosamente manovrate da greci ci caricano con i nostri bagagli e ci trasportano sul mare oleoso fino al battello del Lloyd, l'Espero, dove sono state riservate per noi le migliori cabine.

"Il ponte è pieno di persone che indossano costumi pittoreschi, le persone hanno i volti fieri e nobili e mostrano profonda afflizione e disperazione ..."

Ed eccoci finalmente a Costantinopoli. E il primo colpo d'occhio, il profilo delle colline, lo stagliarsi di cupole e minareti sul cielo azzurro, il colore caldo e variato degli edifici piccoli e grandi, l'andirivieni delle navi e dei caicchi sul Bosforo e sul Corno d'Oro, la mirabolante varietà di tipi e di costumi. Il viaggiatore abbastanza fortunato o abbastanza coraggioso da attenersi alla prima impressione, si estasierebbe per un quarto d'ora e poi tornerebbe a casa senza chiedere altro; e farebbe assai bene. Ma la nave del Lloyd ci aspetta, e i nostri bagagli sono già a bordo. Scuotiamoci e destiamoci da un sogno troppo bello; perderemo le nostre illusioni. Sbarchiamo alla cancellata di Top-Hané, che è la fonderia imperiale di cannoni. Otto o dieci landò di ottimo aspetto, con cocchieri gallonati, ci attendono con gli interpreti a cassetta; i nostri bagagli ci seguiranno sulla schiena degli hammal o facchini turchi, che sono bravissima gente.
La "Espero"era affollata di famiglie turche espulse dopo la prima guerra balcanica.
L' orario Hendschel del Telegraph del 1856 indica i tragitti percorsi dal Lloyd : Trieste - Pireo - Smirna (Izmir) - Dardanelli - Costantinopoli, Costantinopoli - Burgas - Varna e Costantinopoli - Trabzon. A Galati il Lloyd era collegato con battelli a vapore del Danubio.

 

Ah che bei tempi ruggenti....mi piace la definizione" Arca di Noè" riferita alla Espero...mi piacciono la descrizione di Costantinopoli e quella (che mi sono riletta) dei tempi dell'Orient Espress...

Ciao da Mandi
 


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 37749
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: NAVI DEL LLOYD DI TRIESTE

Messaggio da babatriestina »

mandi_ ha scritto:
"Da De Pontoise à Stanbul, 1883


"Il ponte è pieno di persone che indossano costumi pittoreschi, le persone hanno i volti fieri e nobili e mostrano profonda afflizione e disperazione ..."



La "Espero"era affollata di famiglie turche espulse dopo la prima guerra balcanica.

 
fammi capire nel 1883 quale prima guerra balcanica era, perchè io credevo che le due guerre balcaniche fossero quelle del1912 e del 1913.. o si tratta di due viaggi diversi?


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2791
Iscritto il: sab 22 mag 2010, 18:47

Re: NAVI DEL LLOYD DI TRIESTE

Messaggio da mandi_ »

No, io ho tratto le informazioni in calce all'articolo citato, del 1883 . No so de che guerre si tratta. Se troverò un pò de tempo cercherò meglio. A me interessava riportare le citazioni sulla nave Espero...a Costantinopoli...Scuseme...


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry
spaolina
naufrago
naufrago
Messaggi: 5
Iscritto il: lun 10 dic 2012, 0:18

Re: NAVI DEL LLOYD DI TRIESTE

Messaggio da spaolina »

Grazie a Piereto e a Mandi!
E' proprio nel libro di About che ho trovato notizia della Espero. Volevo approfondire, son curiosa.
Sulle guerre balcaniche non so tanto ma la Romania si era autoproclamata Stato indipendente nel 1877 e la Bulgaria nel 1878 si era staccata dall'Impero Ottomano. Non è stato un processo indolore. Penso ci si riferisca a questo nella citazione dei passeggeri.
Ciao
spaolina


Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2192
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: NAVI DEL LLOYD DI TRIESTE

Messaggio da Piereto »

Confeso la mia ignoranza, e me ga incuriosì sta storia de le guere balcaniche, per cui go scoperto che ghe ne xe stada una durada un mese, propio nel novembre del 1885 tra Serbia e Bulgaria, e che quindi riguarda l'episodio dela nave espero. Conclusa sta guera con l'incorporamento della Rumelia orientale ( nominativo de zone aministrade dall'impero otoman), nella Bulgaria e quindi col passaggio de la cità de Plovdiv in Bulgaria. La guera iera nata come una storia de confin mal tracià, e daprima i serbi gaveva marcià su Sofia e po se gà capovolto la situazion coi Bulgari che iera entradi in teritorio serbo. L'Austriaungheria gaveva minacià de entrar ela in guera al fianco dei serbi, anche se ghe dava sai fastidio qualsiasi cambiamento de confini ne la zona balcanica no soportando de restar fora da una eventuale disgregazion dell'impero otoman, roba che xe poi suceso co le guere del 1912 1 1913 nei balcani, e se volemo con la continuazion de la prima guera mondiale.


Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2192
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: NAVI DEL LLOYD DI TRIESTE

Messaggio da Piereto »

Visto che la storia de la Espero xe del 1883 ,la xe precedente la guera Serbo Bulgara e la riguarda certamente la guera Ruso Turca del 1877 - 78 che ga portado ala creazion de novi Stati e al spolpamento del'impero otoman. Tuto comincia nel 1875 in Bosnia e in Erzegovina, teritori che ancora fa parte del'impero otoman. I Inglesii asicura de restar neutrali in un conflito se la Rusia no occupa Costantinopoli. Anche l'Austria disi de eser neutrale,ma la vol in cambio la Bosnia e l'Erzegovina. El 3 marzo 1878 se fa pase, e la carta geografica vien cambiada. Ai Turchi resta l'Albania e la Tracia. Nasi i novi Stati de Serbia, Montenegro, Romania e Bulgaria. la Rusia se ciol la Besarabia, e l'Austriaungheria la Bosnia e l'Erzegovina. Quindi a Varna nel 1883 se pol imbarcar anche tanta gente scampada e che ga patido per sta guera.


Torna a “El porto e le navi”