Il porto e noi

el porto de Trieste deuna volta, de adesso, le navi che vien e va a Trieste, de una volta e de adesso
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
oli1939
distinto
distinto
Messaggi: 1448
Iscritto il: mer 22 giu 2011, 12:33
Località: Trieste - Rozzol

Re: Il porto e noi

Messaggio da oli1939 »

babatriestina ha scritto:Si dice Trieste è un tutt'uno col porto, con le sue navi...
ecco, mi piacerebbe invitare i forumisti a raccontare se nella propria famiglia ( senza far nomi, ovviamente!) ci sono o ci sono state persone che hanno avuto a che fare col porto di Trieste.
Incomincio io, col dire che attualmente della mia famiglia e parenti nessuno ha a che fare col porto, tranne forse un lontano cugino che non vedo da anni e che aveva intrapreso la carriera di marittimo.
Se risalgo invece all'indietro, trovo il bisnonno capitano del Lloyd nell'Ottocento, un prozio che aveva navigato col Lloyd in Oriente negli anni Trenta ed un secondo cugino capitano di macchina con l'Adriatica negli anni Sessanta.
Nessuno con lavori collegati a porto, commerci portuali, cantieri..
e voi?
El zio de mio papà navigava sulle navi del LLOYD forsi nel 39 e siccome noi stavimo in via dei Porta (adesso via Burton), mia zia la vedeva rivar la nave in porto dal'orto de casa e la correva incontro al marì da S.Luigi. Gavevo anche mio zio che navigava sull'Andrea Doria nel viaggio del naufragio. L'equipaggio gà salvà tanti passeggeri, e lui el ga perso tuto, ma la vita iera salva. Andando più indrio anche el zio de mia mama el navigava sul Conte Rosso e purtropo el xè morto nel naufragio della nave. Noi, mio marì e mì gavemo ripreso l'attività marinara meno aventurosamente, nel'aministrazion del Lloyd, se gavemo conossù sul lavoro e sposà nel 1960. Semo stadi entrambi assunti nel 1957 con regolare - ed unico - concorso pubblico.
Ecco un poco dela vita dei triestini ligadi ala navigazion. Mi iero su tante navi ed anche sula portaconteiners Lloydiana, proprio in alto sul castel de poppa e sembrava de esser in ciel. Pecà che quel mondo xè finì e noi dovemo parlar solo de ricordi.
Trieste cità de mar per tanti ani senza porto, senza comerci e senza crociere. Qualchedun dirà che xè sempre le stesse lagne, ma veder sparir dal'ogi al domani navi come Galilei, Da Vinci, Raffaello. Provare per credere! Saluti a Baba e a tuti. Oggi la me gà tirà proprio per i cavei. Oli1939.


Il colore e' il mio mestiere

Torna a “El porto e le navi”