Le navi dei Cosulich

el porto de Trieste deuna volta, de adesso, le navi che vien e va a Trieste, de una volta e de adesso
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1985
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Le navi dei Cosulich

Messaggio da Piereto » mercoledì 30 marzo 2011, 8:36

Tra le companie de navigazion triestine merita menzion quela dei Cosulich fondada a Lusinpicolo da Antonio Cosulich (1816-1884) nel 1857, e che la se gà trasferì armi e bagagli a Trieste nel 1889. Xe anche una bela storia de una dinastia familiare e de come che le robe marciava soto la defonta. A Trieste la direzion de la compania “Società Cosulich” passa a Callisto nel 1890. Tuto però comincia quando che l’Inghiltera ,cioè el Regno Unito decidi de molar le bariere doganali,e i embarghi dopo la caduta de Napoleon,e questo sprona el comercio nel mediteraneo. I Lusignani che fazeva de sempre barche nei loro squeri,e avendo pochi schei per poder girar coi velieri i se asociava ne la proprietà,e cusì Antonio Cosulich gaveva eredità 2 carati de proprieta de un brigantin Marco,e e sposandose con una Premuda el gaveva oteniù altri 6 carati del brigantin Gloria.Quindi ricomincia i trafici. L’Austria ne la guera de Crimea iera rimasta neutrale,e alora i lusignani ghe gà nolegià a Francesi e Inglesi le navi per poder portar armi e proviste nel mar nero. Marco,el fradel de Antonio ,sposa una Cattarinich,e la sorela de Antonio ,Paola ,sposa un Tarabocchia,e la eredita el brigantin Plot..Con ste unioni familiari aumenta el numero de carati de proprietà e i Bark ,cioè un tipo de nave a tre alberi,a disposizion. I Cosulich fa soldi e i investi ne la costruzion de un bark in comproprietà familiare ,el Fides de 509 ton. Nel 1855 a Lusin se verzi la scola nautica statal,e nei ani 70 nasi anche una societa mutua de socorso e asicurazion in caso de naufragio o perdita dei velieri. Nel 1875 vien varà nel cantier Martinolich a Lusin el veliero Elisabeta de ben 1623 ton.a la presenza de Francesco Giusepe ,de proprieta de un Tarabochia ma con al comando Callissto Cosulich. La Elena Cattarinich vedova Cosulich xe andada a viver a Venezia ,e la ghe xe anche ogi un ramo dei Cosulich. In quei ani se costruisi velieri sempre più grandi, e comincia una crisi dei noli,anche perché i clipper de fero iera preferidi perché più veloci, e l’era del vapor ciapa el sopravento.Cusì Lusin diventa co la fiaca un porto de navi in disarmo.
El bark Fides
El bark Fides
cosul a.jpg (13.73 KiB) Visto 2627 volte
El bark Teresa Cosulich
El bark Teresa Cosulich
cosul B.jpg (15 KiB) Visto 2627 volte
Callisto nasi nel 1847 e quando che el se sposa nel 1872 con una Zar ,ste due familie forma un tutuno. I Zar meti el bark Iperion e la nave Armida de 1098 ton. I Cosulich i bark Tigri,Phison; Gehon. La crisi obliga i armatori lusignani a far rota su Trieste e a sostituir le barche a vela. Cusì Giovani Premuda acuista un vecio piroscafo in inghiltera :el Grazia. Gerolimich compra de seconda man dal Lloyd un vapor ribatezà Bolivar. Anche Calisto coi fradei e parenti,anche quei veneziani,el meti su un capital e el compra un vapor novo la Elena Cosulich de 1197 ton. ,e nel 1889 el se trasferisi a Trieste insieme ai suoi diese fioi. Calisto trova anche aiuto e colaborazion nel amico Clodoveo Budinich fondator dela Agenzia maritima Tarabochia.che esisti ancora ogi. Tuti lavora in fameia: fioi,nipoti,zii, parenti acquisidi,sia comandanti che personale viagiante,che agenti e aministratori maritimi. Nel 1891 i fa un consorzio per l’aquisto de un novo piroscafo, el Antonio Felice Cosulich, al comando de un Nicolich ,anche lu caratista. Una nova legge imperiale a favore de la marina mercantile vien a sovenzionar per 15 ani la costruzion de novo naviglio ,e i Cosulich ne aprofita .Cusì i ordina ben 14 bastimenti tra cui el piroscafo Anna che fazeva rota su Vladivostock.Nel 1895 i ciol due pici piroscafi de seconda man. Ma anche le navi de fero che iera più sicure podeva far naufragio,e cusì sucedi anche per i Cosulich che i perdi el Milizza,el Grignano Le guere coloniali ofri bone possibilità de far afari per le nazioni che no partecipa in armi, e cusì i Cosulich trasporta nela guera anglo egiziana per el Sudan,ne la guera ispano americana a Cuba,ne la guera dei boxer in Cina e nele Filipine, e poi ne la guera dei Boeri. Aumenta le entrate,e le vien subito reinvestide in novi aquisti.
el piroscafo Anna
el piroscafo Anna
cosul C.jpg (10.27 KiB) Visto 2627 volte



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1985
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da Piereto » mercoledì 30 marzo 2011, 9:26

Nel proseguio de la storia bisogna dir do parole sui commercianti che tanto gà fato per Trieste. El commerciante no xe come un botegher, el conosi le zone dove che el pol trovar le materie prime,e anche le necesità de le zone dove che el andarà a vender. El devi comunque aver un capital a disposizion,e tante volte el se lo fa imprestar,da parenti o da una banca. El nolegia una nave,el ga un magazin a Trieste ,e el pol anche far el spedizionier in altre parti de la monarchia, come anche el pol trasformar le materie prime in prodoti lavorati.Eco che alora a Trieste se svilupa anche la industria. Gavemo ancora ogi toponimi come via dell’industria,via de la fornace, via del molin a vapore ,a vento, etc. E tuti i nomi importanti de la vecia Trieste : Carciotti,Revoltella, Necker,Hirshel,Minerbi, Reyer,Renelt,Cassis, Sartorio,Economo,Ralli,Sebastopulo,,e poi spedizionieri come Parisi,Exner ,Gondrand, Anche a Viena ghe xe spedizionieri come i Schenker che i decidi un bel momento de diventar armatori ei lo fa nel 1895 a Trieste fondando la Austro americana per i collegamenti de Trieste con le Americhe. Nel capitale de la società che xe la società de spedizioni Schenker ,cioè :August Schenker, Gotfried Schenker-Angerer ,un inglese Wiliam Burrell&Sons. La società ga quatro navi ,e la colega Trieste con Charleston ,Birmington,Brunvwick,e Neuport. Sto Burrel però,el decidi de molar,forsi su presioni inglesi,e cusì subentra i Cosulich ne l’Austro americana. Bisogna saver che el comercio atlantico iera un afar inglese ,american e gnoco,e l’austria iera fora de sti gioghi.Con l’Austro americana partecipa anche Trieste,e quindi se fa acordi e aleanze e se sburta Viena a intervenir con sovenzioni e legi a dar una man.
Quindi tra el 1896 e 97 i Cosulich entra nell’Austro americana d’acordo coi Schenker,e i meti insieme i propri vapori arivando nel 1902 a manovrar 18 piroscafi e un velier de fero. La sede de la compania se trasferisi a pianotera del palazo de le ferovie,visavì de le poste. Per aumentar el capital i decidi de far un consorzio e trasformarse in un unico ente sociale. Cusì nasi a Trieste la “Società Anonima Austriaca di Navigazione” già “Austroamericana e Fratelli Cosulich” nel 1903,che po anche in seguito venirà ciamada Austroamericana. Dentro in sta nova società ghe iera anche la Wiener Bank Verein . Ora xe de saver che a fine 800 el trafico pasegeri tra Europa e America aumenta in modo vertiginoso,no solo omini de afari e turisti,ma sopratuto emigranti. Per entrar in sto afar e quindi portar emigranti dal mediteraneo verso le Americhe, xe sta strategico meterse d’acordo col Nord Deutscher Lloyd e con la Hamburg America Linie tedesche, per contrastar la concorrenza inglese de la Cunard e dela P & O . Oscar Cosulich fio de Callisto va a NewYork a seguir i afari per un ano ,e po el se iscrivi al’università de Viena. Nel 1905 entra in servizio 5 nove moderne navi de carigo,comprade e costruide in inghiltera, e con 7 translatlantici per pasegeri se colega Trieste con le Americhe .Do vapori pasegeri iera novi : el Francesca e el Sofia Hohenberg. La Austroamericana se meti anche d’acordo col governo italian per imbarcar a Palermo e a Napoli i imigrati italiani. Ora a Trieste comincia a rivar un saco de gente ,e in atesa de partir se trova per lori un alogio ne la casa del’ ospizio marino, che ogi saria la scola de Via Svevo.
L'ospizio marino prima del'aquisto de l'Austroamericana.
L'ospizio marino prima del'aquisto de l'Austroamericana.
01.jpg (33.93 KiB) Visto 2622 volte
L’ospizio marino vien aquistado da l’Austroamericana ,ingrandì e sopraelevà de do piani trasformandose in “Pensione emigranti”. Anche el setor merci se svilupa enormemente specie verso l’america del sud,rivando l’Austroamericana nel 1913 a sostener el 95% del movimento commerciale austriaco verso l’atlantico, e dale 200.000 tonelate iniziali se paserà un milion de tonelate in pochi ani. El capitale sociale che nel 1903 iera de 2 milioni de corone,pasa a 24 milioni nel 1908 con 35 navi per una staza lorda complessiva de 140.000 tonelate. L’Austroamericana diventa la prima compania de navigazion Austriaca. Trieste logicamente risenti de de tuti sti aumenti de trafici e quindi la se avia a diventar la terza cita del’impero. El porto ga comincià come banchine e retrotera a eser insuficiente per cui nel 1902 se comincia a costruir un secondo punto franco a la radice de la punta de sant’andrea. Per far sto porto e imbunir el baso fondal fin le banchine se gaveva doprà sabia e ghiaia provenienti da la la baia de Panzan. Monfalcon quela volta gaveva pochi abitanti in parte agricoltori e pescadori,ma anche per lori le robe cambierà ,perché le industrie trasformatrici triestine avendo bisogno de spazio,le penserà de costruir a Monfalcon. Se geta le basi de la grande Trieste. Scavando a Panzan i materiali ,se crea do bacini abbastanza profondi e in comunicazion col mar. I lusignani da sempre ga costruì navi,e i scali triestini :l’arsenal,el san marco e el san roco, iera tuti pieni de lavor ,e anche comprar in inghilera iera una bela spesa. Ne la bisiacheria ghe iera po manodopera a baso costo,e sti do novi bacini a panzan. Bon nel 1907 se compra el teren per 3 milioni de corone e se da avio a la costruzion del Cantiere Navale Triestino. I soci fondatori iera Callisto e Alberto Cosulich con 8156 azioni de dozento corone l’una. 1500 azioni iera del’Austroamerticana,1500 azioni de la Banca Commerciale Triestina,1000 azioni de la Wiener Bank Verain,1844 in man de azionisti del litorale,e 1000 azioni in man de italiani.
El novo cantier navale triestino a panzan
El novo cantier navale triestino a panzan
panzan.jpg (31.08 KiB) Visto 2622 volte
Callisto Cosulich xe el diretor de la societa Austroamenrican, el fradel Alberto,el secondo diretor , se ocupava de aministrazion e anche insieme al fradel fausto el ramo assicurativo. El terzo diretor Augusto Schenker Angerer el tiniva i contati vienesi ,anche co la Wiener Bank Verein. Nel 1908 se fa una conferenza del mediteraneo ne la quale entra anche l’Austroamericana a dir la sua. Nel capitale del Cantiere Navale Triestino entra anche un prestito de 4 milione de corone del governo de Viena,e in un ano se costruisi el novo cantier. Nel 1908 se vara a monfalcon la prima nave : el vapor Trieste per la società de navigazion Dalmatia che gaveva sede a Zara.Se decidi anche de costruir un novo vapor pasegeri el più grande de l’Austria e che porterà el nome de l’imperator Kaiser Franz Joseph che vien varà nel 1909,e el suo gemel el Martha Washington . La nave iera longa 152 metri la iera de 12567 ton. e una potenza dei motori de 12800 cavai.
El piroscafo Kaiser Franz Josef
El piroscafo Kaiser Franz Josef
cosul E..jpg (21.44 KiB) Visto 2622 volte


I farà la rota per Brasile e Argentina trasportando merci e pasegeri. Nei ufici del sud america vien mandà Antonio Cosulich e lo sostituisi a Trieste come secondo diretor Augusto Hreglich. Ora a Trieste ghe vol un novo uficio pasegeri che el vien verto al pianotera del’Hotel da la ville. Nel 1910 l’Austroamericana xe el vetor uficiale de la posta de la monarchia verso el nord e el Sudamerica,e el governo austriaco sovvenziona la linea Trieste- Rio de Janeiro -Santos -Buenos aires. El 1913 vedi un acordo con la Canadian Pacific e se imposta nel cantier de Monfalcon una nave pesegeri ancora più grande la Keiserin Elisabeth che se comincia a costruir per fermarse a causa de lo scopio de la guera.La nave saria stada più grande con una stazza de 15500 ton.
cosul D.jpg
cosul D.jpg (28.36 KiB) Visto 2622 volte



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1985
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da Piereto » mercoledì 30 marzo 2011, 12:51

Al termine del conflito l’Austroamericana vien rinominada “Unione di Navigazione S.A. ,ridota a diese navi,e po nel 1919 i Cosulich riva a rastrelar el intiero pacheto azionario ,e cusì la diventa “Cosulich Societa Triestina di Navigazione”. Al cantier navale triestin de Monfalcon se ricostruisi i edifici distrtuti da la guera e vien demolidi i resti de la Kaiserin Elisabeth ancora sul scalo, e se comincia de novo a far navi.Le navi de la Cosulich ga ricomincià a navigar de novo verso le americhe.El primo dopoguera europeo ,nonstante la vitoria italiana,xe un periodo de crisi e el va avanti tra alti e basi fin a la seconda guera. El tonelagio del naviglio italian radopia incorporando quel ex austroungarico,e comincia una crisi dei noli.Comunque i Cosulich se da de far ,e nonostante l’incorporazion de la banca commerciale triestina in quela Italiana ,i riesi a ricuperar i capitai che ghe permeti de impostar nel 1925 e de far entrar in linea nel 1929 la Saturnia con la gemela Vulcania,de 23970 ton., longhe 180 metri e con una potenza de 25000 cavai ,che ghe permeteva una velocità de 19 nodi. Ste navi segna un novo modo de costruir in Italia. El governo de Roma pensa de darghe una drita a risolver la crisi dei comerci e de la marineria e de le costruzioni navali,e nel 1930 vien istituì el CRDA, osia i cantieri riuniti dell’adriatico ,una società per azioni,che asorbi el cantiere navale triestino de Monfalcon insieme al stabilimento tecnico triestino. Onde evitar uleriori falimenti e licenziamenti, el CRDA entra a far parte nel 1933 del’IRI cioè del Istituto per la Ricostruzione Industriale. Ma anche per le companie de navigazion i tempi xe dificili,e alora el 2 genaio del 1932 la Cosulich insieme al Lloyd sabaudo e ala Navigazione Generale Italiana entra a far parte de la “Italia Flotte Riunite”.Ma anche sto aseto no va ben, e nel 1937 la Italia flotte riunite cambia no solo nome in Società Italia di navigazione,ma le vien cusì nazionalizade. Ai Cosulich ghe resta solo una agenzia maritima. Saria triste se no fusi che ogi la sede legale de la Cosulich xe ancora a Trieste, ela base operativa a Genova e, xe de un per de ani ,che la Cosulich xe tornada ad aver sue propie navi che le va per mar.
i lavori per el I° punto franco (el porto vecio)
i lavori per el I° punto franco (el porto vecio)
cosul F.jpg (42.78 KiB) Visto 2617 volte
i lavori per el II° punto franco el porto Franz Josef
i lavori per el II° punto franco el porto Franz Josef
cosul G.jpg (33.81 KiB) Visto 2617 volte
la Vulcania de la Cosulich
la Vulcania de la Cosulich
cosul H.jpg (32.28 KiB) Visto 2617 volte
Saturnia e Ursus
Saturnia e Ursus
cosul I.jpg (23.71 KiB) Visto 2617 volte



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7351
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da sono piccolo ma crescero » mercoledì 30 marzo 2011, 14:43

Vardando la ricchissima documentazion che te sta mettendo (a proposito se xe andà perso qualcosa con l'interruzion, rimetti tutto per favor, ma me par che te lo ga fatto) me xe vegnù de far una riflession estetica. Quando se parla de estetica se va nel soggettivo, ma volevo farla lo stesso e veder se xe idee solo mie o anche de altri.

I velieri che te ga messo anche in ste pagine li trovo bellissimi. Poi vien le prime navi a vapor, co sti camini longhi; le trovo veramente brutte. Trovo bellissime poi le motonavi fatte tra le due guerre e nell'immediato dopoguerra (la Michelangelo e la Raffaello za me piasi de meno). Le navi che i fa adesso, quella specie de condominio galeggiante le trovo orribili.

Xe una mia idea o la xe anche de altri?


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

VetRitter
distinto
distinto
Messaggi: 1165
Iscritto il: martedì 13 ottobre 2009, 16:25
Località: Piacenza (provincia)

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da VetRitter » mercoledì 30 marzo 2011, 16:01

sono piccolo ma crescero ha scritto:Xe una mia idea o la xe anche de altri?
me asocio a l'idea.



Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10912
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da Nona Picia » mercoledì 30 marzo 2011, 16:10

La penso anche mi cussì, anche se la Michelangelo e la Raffaello le me piaseva. Inveze ste navi moderne me da l'impression de enormi padelle galleggianti.....


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1985
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da Piereto » mercoledì 30 marzo 2011, 20:13

Per mi parlemo de estetica. Xe una roba sogetiva,ma xe anche una question de abitudine a veder le robe.Xe tuto un giogo de proporzioni, e nel caso de una imagine bidimensionale come una foto,xe anche un giogo de luci e ombre.L'ocio se posa su quel che sta in primo pian e po sorvola su quel che sta de drio. Per esempio la foto qua soto dell'imperator,la nave de cui go meso i piani in un altro topic,pur esendo una nave col camin la xe proporzionada.Una prua,una popa de le stese dimensioni e un centro più groso co de sora un camin. Probabilmente lungheza e alteza se inscrivi ne le proporzioni auree. Dita cusì se perdi però tuta la poesia.
05.jpg..jpg
05.jpg..jpg (12.28 KiB) Visto 2600 volte
Per mi la Eugenio Costa che xe sta varada nei ani 70 a monfalcon ,e che me ricordo de eserghe salido a bordo coi la ga presentada a la stazion maritima,no xe proporzionada perchè la ga una prua tropo longa
03.jpg
03.jpg (37.12 KiB) Visto 2600 volte
Xe come per i auti,che ogi se vedi poche berline a tre volumi, e tuti ciol un monovolume, perchè el xe pratico per carigar roba.E anche le familiari giardinete va de meno. Cusi la foto qua soto de una nave taiada de popa co la manera
06.jpg
06.jpg (14 KiB) Visto 2600 volte
Inveze stranamete questa nave de la Disney ,che de noi in mediteran no la gavemo mai vista, ga popa e prua de le stese dimensioni ,ma per mi la parte centrale xe tropo longa e se vedi ne do camini finti una selva de tubi de stua.
02.jpg
02.jpg (13.95 KiB) Visto 2600 volte



Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2751
Iscritto il: sabato 22 maggio 2010, 18:47

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da mandi_ » mercoledì 30 marzo 2011, 21:31

Piereto sei un grande!Grazie di aver mostrato questo ben di Dio di navi e di tutte le informazioni!
Bello il paragone con le automobili! Xe n piazer veder le navi!
Mandi


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry

Avatar utente
Elisa
notabile
notabile
Messaggi: 3429
Iscritto il: domenica 10 febbraio 2008, 17:27
Località: Argentina

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da Elisa » giovedì 31 marzo 2011, 5:39

Stimola la curiosità questa interessante esposizione di navi di tanti tipi ed epoche.
Fuori dal contesto delle navi descritte in maniera specialistica, metto in ballo delle navi che non sono né "belle" né forse triestine (o chissà…!), ma che sicuramente rivestono moltaa importanza.
Sono queste le navi di diversi aspetti che solcano il fiume Paraná davanti a casa, che si possono osservare con lo zoom della macchina fotografica (e fotografate), che si direbbero barconi (?) e che comunque sono navi da carico.
Si assomigliano appunto a quelle due grandi imbarcazioni di colore ruggine e con il castello bianco, apparse oggi sulla testata del forum al centro e a destra dell' immagine.
Chissà se questi specifici transatlantici menzionati da me hanno qualcosa di "triestino" e casomai se saranno degni di inserimento e di menzione in questo thread…..

Ed a proposito della Eugenio Costa, triestina di nascita, io ho potuto fare un ben ricordato viaggio -anni 60- sulla sorella predecessora Federico C., splendida, però di identità genovese.


"Todo lo bueno me ha sido dado"

Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da AdlerTS » giovedì 31 marzo 2011, 12:41

Piereto ha scritto:Inveze stranamete questa nave de la Disney ,che de noi in mediteran no la gavemo mai vista, ga popa e prua de le stese dimensioni ,ma per mi la parte centrale xe tropo longa e se vedi ne do camini finti una selva de tubi de stua.
Scuseme l' :offtopic:
El camin posteriore xe vero, xe quel davanti che xe finto e contien un bar. Mi me piasi sai la linea che la ga.


Mal no far, paura no gaver.

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36547
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da babatriestina » giovedì 31 marzo 2011, 12:58

AdlerTS ha scritto: El camin posteriore
camin? Fumaiolo!! ga ciapado la filada mia mama de un ufficial de marina.. xe vero che In mezzo al mar -ghe xe un camin che fumano..
per bon in triestin i lassa dir camin?


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1985
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da Piereto » giovedì 31 marzo 2011, 18:32

El camin,latino caminus,grego Kaminos xe el condotto per lo scarico dei prodotti gassosi. El fumaiolo xe la parte terminale del condotto di scarico,cioè del camin.Ora nelle navi el fumaiolo xe un rivestimento esterno dentro al quale pol passar più camini. Se no xe sopa ,xe pan bagnà. Solo che in triestin sona meio camin che no fumaiolo.Un fumaiol no go mai inteso e nol xe nianche sul Doria.Comunque xe giusto ciamarlo fumaiolo.



Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2751
Iscritto il: sabato 22 maggio 2010, 18:47

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da mandi_ » giovedì 31 marzo 2011, 18:43

Mi son montanara, ma n'tuti i diari e libri che ho leto , ho sempre sentito parlare di fumaioli.
Per me sono importanti per riconoscere le navi, tanto più che spesso le navi avevano un nome uguale. Spesso si trova la foto di una nave a vapore che si cerca, ma devono corrispondere per me (e non solo) almeno la Compagnia, la data del varo,il numero dei fumaioli (i primi che se nota) e la data di quando è stata ritirata dalla navigazione (affondamento o "vecchiaia").
Mandi


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36547
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da babatriestina » giovedì 31 marzo 2011, 18:50

Piereto ha scritto:.Un fumaiol no go mai inteso e nol xe nianche sul Doria
Difatti, me domandavo se no esisti magari un preciso altro termine triestin.. ma ghe dovevo sta correzion ala memoria de povero Giuliano che se no se rivolta nella tomba.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7351
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da sono piccolo ma crescero » giovedì 31 marzo 2011, 19:02

Certo non fa testo come uso della lingua italiana però... :wink: :-D
Come porti i capelli bella bionda, tu li porti alla bella marinara,
tu li porti come l’onda, come l’onda in mezzo al mar.
In mezzo al mar ci sta un camin che fumano,
In mezzo al mar ci sta un camin che fumano,
In mezzo al mar ci sta un camin che fumano,
saran de la mia bella che si consumano

Come porti i capelli bella bionda, tu li porti alla bella marinara,
tu li porti come l’onda, come l’onda in mezzo al mar.
E i miei non vol e i suoi non è contenti
E i miei non vol e i suoi non è contenti
E i miei non vol e i suoi non è contenti
ci sposeremo imparimenti!

Come porti i capelli bella bionda, tu li porti alla bella marinara,
tu li porti come l’onda, come l’onda in mezzo al mar.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36547
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da babatriestina » giovedì 31 marzo 2011, 19:09

babatriestina ha scritto:.. xe vero che In mezzo al mar -ghe xe un camin che fumano..
per bon in triestin i lassa dir camin?
era il verso che avevo citato sopra e che mi hai completato ( Cochi e Renato)... e appunto non mi sembrava assai tecnico, per non parlare della concordanza fra singolare e plurale


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2751
Iscritto il: sabato 22 maggio 2010, 18:47

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da mandi_ » giovedì 31 marzo 2011, 19:50

Ma dico, Triestini cari, volete levare ogni poesia ! Sant'Iddio, va ben che l'mare lo avete fuori dallo zerbino, ma per favore....
ma che camini, fumaioli si dice! :arf2_140:
Quelli che fumano, che sbuffano... Quelli che vedevano quelli che stavano a bordo...per piacere oppure per sognare...
Fumaioli, mi ostino a dire... Ma dove sono finiti i Triestini di una volta? In montagna? :doh_143:
Mandi


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1985
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da Piereto » venerdì 1 aprile 2011, 8:21

Per quanro riguarda el camin singolare col fumano plurale xe una question de metrica e de ritmo per la musica.Se el verso finiria con fuma ,saria tronco e mancasi una nota. :cheezy_298: Anche le locomotive vaporiere gaveva el fumaiolo. Mi propongo al posto de fumaiol ,de ciamarlo fumariol ...,gavemo za un bavariol :clapping_213: Visto che semo in april.



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1985
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da Piereto » venerdì 8 aprile 2011, 16:14

Noso se se riva a leger el testo che alora ve riporto.
"Da parecchi anni si è accentuato il movimento dei passeggeri per i paesi del Mediterraneo e transoceanici attraverso la città di Trieste,il grande emporio dell'Adria. Gli splendidi e moderni piroscafi della AustroAmericana adibiti al servizio per le due Americhe offrono un mezzo di trasporto comodo e dilettevole anche a chi intende visitare i porti del mediterraneo rinomati per il classicismo di cui sono improntati ,per il delizioso paesaggio di cui sono circondati e per il clima salubre di cui godono.Il punto di partenza di questi piroscafi in tutto conforme alle esigenze dei viaggiatori anche più raffinati ,è Trieste,primo porto mercantile dell'Austria,a cui si può accedere in pochissimo tempo dalle più importanti città dell'Europa centrale.Chi desidera godere di un panorama di rara bellezza deve recarsi con l'elettrovia a Opicina da dove l'occhio domina tuttto il magnifico golfo di Trieste.
perforum04.jpg
perforum04.jpg (14.1 KiB) Visto 2533 volte
Ancora qualche foto del Kaiser Franz Josef. Cambia le bandiere e cambia anche i nomi,ma la storia va avanti isteso. Cusì dal 1912 fin al 1919 xe el piroscafo Kaiser Franz Josef,ma dal 1919 fin el 1930 el se ciama Presidente Wilson,e po dal dal 1930 fin al 1936 col pasa soto la navigazione Italia , el diventa "Gange" ,e po i ghe lo rifila al' Adriatica che i lo ciama Marco Polo.
perforum01.jpg
perforum01.jpg (14.74 KiB) Visto 2533 volte
se pol notar sora el vano scale el ritrato de Francesco Giuseppe
se pol notar sora el vano scale el ritrato de Francesco Giuseppe
perforum.jpg (16.92 KiB) Visto 2533 volte



Avatar utente
Elisa
notabile
notabile
Messaggi: 3429
Iscritto il: domenica 10 febbraio 2008, 17:27
Località: Argentina

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da Elisa » mercoledì 27 aprile 2011, 20:34

Piereto ha scritto:
Per mi la Eugenio Costa che xe sta varada nei ani 70 a monfalcon ,e che me ricordo de eserghe salido a bordo coi la ga presentada a la stazion maritima,no xe proporzionada perchè la ga una prua tropo longa
L’allegato 03.jpg non è più disponibile
Conservo anch' io una cartolina illustrata della nave Eurgenio C. dei Costa Armatori genovesi, ma... nata appunto nel bellissimo Golfo di Trieste!
"La EUGENIO C è stata, in assoluto, la più grande nave passeggeri realizzata in Italia per l'Armamento non sovvenzionato e rappresentava, nello stesso tempo, l'ultimo colosso di questo tipo uscito dal Cantiere di Monfalcone nell'ambito dei C.R.D.A. che, con questa nave coronarono un periodo particolarmente felice che li aveva visti realizzare, nel giro di soli cinque anni, ben cinque grandi e lussuosi transatlantici (RAFFAELLO al San Marco di Trieste e GALILEO GALILEI, GUGLIELMO MARCONI, OCEANIC ed EUGENIO C a Monfalcone).
Brevi cenni cronologigi
Viaggio inaugurale 31.08.1966 (Genova, Lisbona, Rio de Janeiro, Montevideo, Buenos Aires) conquistò il record della traversata Lisbona - Rio alla velocità di 27,5 nodi."
Allegati
TNEugenioc copy.jpg
TNEugenioc copy.jpg (105.96 KiB) Visto 2502 volte


"Todo lo bueno me ha sido dado"

Rispondi

Torna a “El porto e le navi”