Le navi dei Cosulich e l'Austroamericana

el porto de Trieste deuna volta, de adesso, le navi che vien e va a Trieste, de una volta e de adesso
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
muiesan
naufrago
naufrago
Messaggi: 54
Iscritto il: mar 24 ott 2006, 1:11
Località: Muia

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da muiesan »

Mi no go MAI sentì parlar de fumaioli sule barche. I fumaioli xe sule case.
Le barche ga camini,
Forsi la Michelangelo, che xe stada varada come nave,tratandola come nave, gaveva i fumaioli; la Raffaello, che iera una barca dele nostre, gaveva do camini.
:wink:


Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da Piereto »

Caro muiesan te dago ragion perchè in triestin go sempre sentì dir camin.La nave ga el camin. Fumaiolo xe toscan,o se volemo italian nazionale.Per quel ghe xe anche un monte.Per contentar i puristi gavevo proposto un termine novo : el fumariol (che spero nisun dopri).


Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2819
Iscritto il: sab 22 mag 2010, 18:47

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da mandi_ »

Forse ve devo dar ragion anca mi. Dovrei rileggere i diari di viaggio del ritorno in piroscafo dei prigionieri, perchè gli uomini comuni non parlavano di certo in modo forbito, ma popolan e talvolta sgrammaticato(anche se molti erano insegnanti ). Diari di viaggi di marinai non ne ho trovati, che parlassero di camin o fumaiol. Non è facile trovare diari di viaggio, anche non di guerra.Può darsi che il termine sia Italian. Se trovo qualcosa, vi faccio sapere.
Mandi


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38340
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da babatriestina »

un link su Cosulich e Gerolimich abbastanza completo e anche con ricca bibliografia:
http://www.treccani.it/enciclopedia/fam ... rafico%29/

[MOD]Corretto il link che non funzionava[/MOD]


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38340
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da babatriestina »

Sempre dei modellini della mostra ala Central idrodinamica:
Immagine
questa xe la nave Oceania ( una prima Oceania, perchè me par che ghe ne iera anche una seconda nei anni 50)
dela Unione Austriaca di navigazione , più nota come Austroamericana, e che dopo laguerra xe confluida nela Cosulich
anno 1907, costruida a Glasgow in Scozia, durante la guerra la iera diventada nave ospedal e danneggiada de una mina e po finida de una torpedo austriaca a Sabbioncello nel 1918. La sua gemella iera la Argentina

ecco la seconda Oceania del 1951( del Lloyd)

Immagine
anzi me par la terza, perchè me risulta una Oceania e gemella Neptunia del 1933..affondade entrambe durante la ii guerra el stesso giorno

e sempre del Austroamericana, ma no dela mostra, la Kaiser Franz Joseph I
Immagine
anno 1912, cantieri de Monfalcon Dopo la guerra, xe diventado President Wilson La stesa che po xe deventando Gange e Marco Polo


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38340
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da babatriestina »

Piereto ha scritto:.Se decidi anche de costruir un novo vapor pasegeri el più grande de l’Austria e che porterà el nome de l’imperator Kaiser Franz Joseph che vien varà nel 1909,e el suo gemel el Martha Washington . La nave iera longa 152 metri la iera de 12567 ton. e una potenza dei motori de 12800 cavai.
giusto che li postavo, no le iera po tanto gemelle perchè 12567 ton iera el Kaiser Franz Joseph, ma el Martha Washington gaveva solo che 8312 ton. ( ala fin el iera deventado Tel Aviv per el Lloyd Triestino)


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38340
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da babatriestina »

babatriestina ha scritto: anzi me par la terza, perchè me risulta una Oceania e gemella Neptunia del 1933..affondade entrambe durante la ii guerra el stesso giorno
ecco una foto, modesta, della Neptunia II, opera del pittore Klodic, esposta ad una recente asta
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38340
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da babatriestina »

questo xe andado al asta nel 2005
Immagine
el barometro xe quasi preciso de quel de mio bisnonno :-D tuttora funzionante e validissimo ( meno el termometro che xe sotto nel mio, che no funziona più)


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38340
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da babatriestina »

Riprendo el argomento, perchè la mostar de sti giorni su Saturnia e Vulcania dedica anche un capitolo, e anche el catalogo collegado, ala società dei Cosulich.
Sule parentele sopratuto a livello lussignan anche i mii che li conosseva un pochi no rivava a starghe drio fra i incroci e matrimoni fra Cosulich, Gerolimich e Martinoli...
mi ricordo personalmente sola la signora Carmen Cosulich, vedova se no sbaglio d e Guido Cosulich( 1887-1962) perchè la xe rivada a quasi zento anni e adesso a far memoria xe sua fia Noretta Cosulich vedova Rossetti ( che a sua volta ga due fioi Rossetti..); ricordo che i velieri Bark ( termine inglese e tedesco) in italian se ciama Brigantino a palo
ma i Cosulich come e el Lloyd mola presto la navigazion a vela per passar ai piroscafi e apunto nel 1904 i compra l'AustroAmericana che deventa Fratelli Cosulich soc anonima. Fratelli per bon, che un de lori gaveva me par 19 fioi..
Intorno al 1900 xe stada un'altra depression economica europea, e tanta gente emigrava in america, a Trieste iera za compagnie tedesche e inglesi che fazeva ste linee.
La prima linea dei Cosulich de Trieste per New york xe stado el Gerty partido el 9 aprile 1904, po seguido dei Giulia e Frieda e nel novembre 1904 i ga comprado el regina elena dela soc Puglia , i lo ga batezzado Georgia, ortando 1156 emigranti a NewYork. I anni po che i attrezzava la Casa del emigrante come in una foto messa sora..
Ovio che no i podeva fra concorenza ale linee che partiva del Europa dei porti atlantici, e che gaveva una navigazion più breve: ma i punti de debolezza se ga trasformado in punti de forza: partindo del Adriatico s epodeva far scali intermedi e anche viaggaitori no eigrati podeva gaver interesse.. po i ga organizzado una liea per i emigranti dela Grecia, de Patrassoe Atene, grazie anche alla colaborazion dei Greghi locali.
Nel 1907 i meteva in linea le navi scozzesi Alice, Argentina, laura , Oceania e nel 1908 i Columbia, Atlanta e el Martha Washington: el primo grande piroscafo, a due fumaioli, e con cabine de prima classe de lusso. Nave costruida quindi ancora al estero, copio de uns ito i dati
Il piroscafo Martha Washington fu costruito nel 1907 dai cantieri Russell & Co. di Port Glasgow, Scozia, per l'Unione Austriaca - Austro American Line di Trieste.

Prua verticale, due alberi, due fumaioli.

Stazzava 8.145 tonnellate. Lunghezza 140,20 metri, larghezza 17,06.

Motori Rankin & Blackmore di Greenock, propulsione a due eliche, velocità 16 nodi.

Poteva ospitare 60 passeggeri di prima classe, 130 di seconda e 2.000 di terza.

Varato il 7 dicembre 1907, il 16 aprile 1908 fece il primo viaggio da Glasgow a New York in zavorra.

Il 23 maggio 1908 fece il primo viaggio con passeggeri sulla rotta Trieste - Patrasso - Palermo - New York.

( che alla fin fine passerà anche al LLoyd)

e in coincidenza con unìaltra cisi finanziaria soprattutto del fiorin austriaco nel 1907, e grazie a una legge incentivante la costruzion de navi in Austria, i ga comprado el comprensorio de Monfalcon inaugirado nel 1908 come Cantiere Navale Triestino.
Che mel 1911 varava el Kaiser Franz Joseph I
Un'immagine del plastico dei Cantieri de monfalcon al Museo del Mare, che per vincoli burocratici no i ga esposto a lla mostra
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38340
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da babatriestina »

babatriestina ha scritto:un link su Cosulich e Gerolimich abbastanza completo e anche con ricca bibliografia:
http://www.treccani.it/enciclopedia/fam ... rafico%29/
bisognerà ritrovarlo, per adesso 404 file not found.. questo xe el problema di link... :(

[MOD]Corretto il link che non funzionava [/MOD]

dovè googlar Treccani Cosulich perchè se copio el nome del a pagina no el la trova
ma mi copioalmeno in aprte:
COSULICH, famiglia. - Originaria di Lussinpiccolo (odierna Mali Lošinj) - cittadina dell'isola di Lussino (Lošinj) allora sotto dominio veneziano, nel golfo del Quarnaro (Kvarner) - appartiene a quel gruppo di casati che, dediti da varie generazioni all'attività marinara, seppero cogliere e nello stesso tempo provocare i momenti di crescita economica e tecnica della marineria lussignana prima, e poi triestina e fiumana. I C., divenuti armatori, sono da considerare tra i pionieri della navigazione mercantile adriatica; furono poi parte cospicua della navigazione austriaca (e, dopo la prima guerra mondiale, della navigazione italiana) specie quando, trasferita verso la fine dell'Ottocento la base delle loro intraprese a Trieste, riuscirono in brevissimo tempo a svilupparle in un importante complesso navale e industriale, conservando però sempre quel costante carattere di "corporazione familiare" che fa corrispondere, al di là delle individuali vicende, la biografia della famiglia con la storia delle imprese.
Iniziatore delle moderne fortune familiari fu il capitano marittimo AntonioFelice, nato il 16 maggio 1816 a Lussinpiccolo da Marco e Antonia Ivancich, penultimo di otto figli, e lì poi morto nel 1884. Il 18 sett. 1843 aveva sposato Teresa Premuda (1815-1886), di una ricca famiglia di capitani e di armatori, e dopo essersi unito ai fratelli Marco (terzogenito, capitano, nato nel 1806 e morto nel 1864), e Gaspare (l'ultimo, nato nel 1818 e morto nel 1886), nel 1854 risultava proprietario di 14 carati distribuiti sui velieri "Elena" di 352 t, costruito a Fiume due anni prima (e proprietà anche dei cugini che si trasferiranno a Venezia), "Gloria" di 308 t, e "Marco" di 336 t, costruiti a Trieste il primo nel 1840 e il secondo nel 1841.

Le vicende e le tensioni politiche e belliche dell'ultimo ventennio avevano creato nuove possibilità di profitto con traffici straordinari. Un ulteriore incentivo fu rappresentato dalla guerra di Crimea, che venne ad influire in modo notevole sul potenziamento del naviglio.
sulla scelta del trasferimento a Trieste
nfine, il cambiamento congiunturale verificatosi a partire dal 1873 aveva accresciuto la divaricazione delle vocazioni, o meglio delle condizioni strutturali e geoeconomiche, tra l'Istria e la Dalmazia, e Trieste in corso di trasformazione da emporio in porto di transito. Prendendo come riferimento l'indicatore dato dal rapporto tra il numero dei contribuenti iscritti al pagamento dell'imposta personale sul reddito e il totale della popolazione (F. Leiter, Die Verteilung des Einkommens in Oesterreich, Wien 1907, p. 33;cit. in Matis, La rivoluzione industriale..., p. 280), nel 1898, a fronte della media nazionale del 2,79%, la Dalmazia presentava l'1,16% e l'Istria l'1,79%, contro l'8,30% di Trieste; e nel 1904, rispetto alla media nazionale del 3,42%, la Dalmazia calava all'1,39%, l'Istria saliva al 2,54%, mentre Trieste raggiungeva la media più alta dello Stato con l'11,77%.
una curiosità:
La Lega dei capitani ed ufficiali della marina mercantile austro-ungarica in Trieste - che nel 1913 raccoglieva oltre 640 ufficiali brevettati - dopo aver imposto miglioramenti contrattuali, denunciava (La ufficialità mercantile austriaca di fronte allo Stato ed agli armatori, Trieste 1913) varie esosità della compagnia. Tra queste, la nomina a comandanti dei figli dei titolari, scavalcando l'anzianità degli altri ufficiali.
incentivi e scelta di Monfalcone
Lo spazio per lo sviluppo dell'attività imprenditoriale era offerto ai C. dall'esser Trieste il maggior porto mercantile e di transito della monarchia asburgica, cioè di una grossa entità statale ed economica di circa 60 milioni d'abitanti, e il punto di partenza di un flusso migratorio in cui convenivano anche paesi finitimi, come l'area balcanica. Si aggiungano poi vantaggi come l'unità del sistema ferroviario austro-ungarico, e l'ottima organizzazione del suo servizio per celerità, regolarità e abbondante disponibilità di vagoni; le tariffe ferroviarie concorrenziali; i dazi differenziali (una serie di articoli coloniali pagavano un dazio minore se introdotti via Trieste o Fiume); le sovvenzioni, per cui lo Stato austriaco interveniva a sostegno dei servizi del porto di Trieste con circa 25 milioni annui di corone. Il commercio del porto si occupava essenzialmente di rifornire il mercato dell'Austria-Ungheria, e di esportarne i prodotti. Nel 1913 il tonnellaggio netto delle navi in arrivo fu di 5,48 milioni, con 2,3 milioni di t di merci sbarcate e 1,14 milioni di merci imbarcate, con un traffico ferroviario di 2,7 milioni di t per 269.700 vagoni.

L'insufficienza dei cantieri giuliani a soddisfare le richieste dell'armamento, costretto perciò a ricorrere per le navi a vapore di grosso tonnellaggio all'estero, ma principalmente i provvedimenti che la nuova legge per le sovvenzioni marittime - approvata poi nel febbraio 1907 - stabiliva a favore delle navi costruite in territorio austro-ungarico con materiali nazionali, stimolavano l'investimento capitalistico nei cantieri. Fu questa la nuova svolta della famiglia Cosulich. I fratelli Callisto e Alberto decisero di creare un grande cantiere moderno, e promossero nel 1906 una apposita società, il cui statuto fu approvato con decreto della Luogotenenza il 9 nov. 1907. Stabilito che la zona migliore era il lido a ponente del porto di Monfalcone, acquistarono i lotti di terreno occorrenti, e iniziarono i preliminari lavori di sondaggio e dragaggio, quindi quelli d'impianto sotto la direzione di specialisti inglesi.
no iera 19, iera 20 i fioi!
Callisto, oltre al figlio Oscar, immetterà nei vari compiti ed imprese della "corporazione familiare" anche altri dei suoi venti figli. Di questi compariranno in posizioni predominanti il secondogenito capitano marittimo AntonioNicolò (nato a Lussinpiccolo il 16 febbr. 1875, sposatosi con Maria Anna Gerolimich l'8 sett. 1902, morto a Trieste il 9 nov. 1957), il quartogenito capitano Augusto (nato a Lussinpiccolo il 13 marzo 1877, sposato con la nobile Gilda de Petris, morto a Trieste il 5 maggio 1949), l'undecimogenito capitano Guido (nato a Lussinpiccolo il 27 sett. 1887, sposato con Carmen Vidulich, morto a Trieste il 26 ott. 1962), il dodicesimo figlio capitano Giuseppe (nato a Lussinpiccolo il 9 ag. 1888, sposato con Margherita Sussich poi con Silvia Raimondi, morto il 23 sett. 1960), e il quindicesimo figlio Alberto (detto anche Albertino; nato a Trieste il 28 sett. 1891, sposato con Lucilla Gladulich, e morto a Trieste il 28 giugno 1973).


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38340
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da babatriestina »

babatriestina ha scritto:
babatriestina ha scritto: anzi me par la terza, perchè me risulta una Oceania e gemella Neptunia del 1933..affondade entrambe durante la ii guerra el stesso giorno
ecco una foto, modesta, della Neptunia II, opera del pittore Klodic, esposta ad una recente asta
Immagine
più o meno simile, nelle foto regalade del Piccolo anni fa, indubbiamente de Klodich

Immagine


in genere, sia i proprietati che le societàa rmatrici faceva far quadri dele loro navi, anche a scopi propagandistici, dele loro navi, ghe xe cartoline dela Franz joseph I e dela Martha Washington piturade de Grimani
Ricordo che per Saturnia e vulcania e la loro longa storia ligada a Trieste ghe xe un
e tipo de camin, più curto rispetto ai primi, xe stado aposta scelto per Saturnia e Vulcania, Col tempo e le successive modifiche , quel dela Saturnia iera un fià diferente e questo consentiva de riconosserle subito


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38340
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da babatriestina »

Una bella foto del Martha Washington
Immagine

Cantieri di Monfalcone: dopo la quasi totale distruzione della prima guerra mondiale riaprono appena possibile ( risolti i problemi politici legati alla posizione del naviglio mercantile ex AU) ; 1921, al centro la ex Kaiser Franz Joseph I, ribattezzata President Wilson; a sinistra ancora un veliero...
Immagine

Società Cosulich fra le due guerre: logo disegnato da Argio Orell, con la concessione di usare il nodo Savoia ( e il "blu Savoia" ora "azzurro della nazionale")
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38340
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da babatriestina »

Alla fine della guerra ( prima)... le navi mercantili e passeggeri austroungariche facevano un po' gola a tutti: la Martha Washington poi, a New York all'inizio della guerra ( o dell'ingresso statunitense?) venne bloccata con tutto l'equipaggio, incluso il comandante Roberto Stuparich ,lussignano, primo comandante futuro della Saturnia
il Comandante in una successiva foto della mia famiglia, in visita a Lussino nel 1939..
Immagine

La nave, come pure l'ex Franz Joseph I , opportunamente ribattezzato President Wilson, contribuì al rimpatrio negli USA dei militari reduci dalla guerra. Passò poi al Lloyd col nome di Gange e poi Marco Polo e come Marco Polo finì all'Adriatica.verrà affondato nel 1944 a La Spezia.
Nel frattempo tutti gli alleati richiedevano le navi triestine, una prima divisione, al trattato di pace di Versailles, assegnava il 77% della flotta.. alla Gran Bretagna.. proteste degli altri fra cui Italia, Francia, Jugoslavia, nel frattempo la Banca commerciale italiana si dava da fare per acquisite società e banche ex AU... e così appena nel 21 la maggior parte delle navi passarono al nuovo Lloyd Triestino e Cosulich line ormai italiane: per la Martha Washington si dovette attendere il giugno 1923.
ancora un'immagine trovata in rete della Martha Washington
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38340
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da babatriestina »

babatriestina ha scritto:Alla fine della guerra ( prima)... le navi mercantili e passeggeri austroungariche facevano un po' gola a tutti: la Martha Washington poi, a New York all'inizio della guerra ( o dell'ingresso statunitense?) venne bloccata con tutto l'equipaggio,
cercando in rete vedo che vennero bloccate- internete- all'inizio della guerra e incamerate all'ingresso USA in guerra: per le navi dell'Austroamericana dei Cosulich si è trattato di:

Alice del 1907 bloccata nel 1914 in Brasile, presa dal Brasile nel 1917, rinominata Asia e passata nel 1919 ad una compagnia francese


Anna ( II) del 1915, bloccata a New Orleans nel 1916, restituita alla Cosluich nel 1919, passò poi alla Lauro come Anna C

Clara (I) internata a Newport nel 1914 e poi passata come Krakow ad una società polacca nel 1919

Columbia del 1908 internata nel 1915 in Spagna e passata poi sotto bandiera italiana

Erny II del 1914 internata a Boston nel 1917 incamerata dagli USA e passata poi alla Polonia come Warszawa

Eugenia del 1906 invece venne affondata da un U boot nel 1917 al largo dell'Irlanda

Federica del 1903, internata in Spagna far il 15 e il 19 e poi restituita alla Cosulich


Ida (I) del 1906 bloccat ain USA nel 1915 e incamenrata nel 1917, nel 1920 passò alla Polonia e poi finì al Giappone

Laura (I) del 1907 bloccata in Brasile nel 14 incamerata nel 17 e poi nel 19 ceduta alla Francia

Oceania del 1908 saltò su una mina e venne fatta affondare per evitare di eser catturata nel 1918 al alrgo dell'istria

teresa I del 1905, bloccata in USa 1914, confiscata nel 17 passò a d una compagnia americana

Virginia del 1906 idem

Le più note Neptunia e Oceania del 1932 e 33 per la Cosulich passarono subito all'Italia navigazione e vennero affondate entrambe mentre trasportavano truppe nel 1941

Come sempre i numeri aggiunti non sono il nome ufficiale della nave, ma uno aggiunto, oltre all'anno di costruzione, per identificalerle, come ad esempio due Oceania


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38340
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da babatriestina »

le nuove Neptunia e Oceania in un cartellone pubblicitario firmato Klodic
Immagine

e Saturnia e Vulcania in un cartellone, esposto pure ala mostra, vincitore di un concorso pubblicitario, autore A Dondoli
Immagine

ma già prima della guerra le navi da croriera come la Martha Washington erano pubblicizzate in cartolie dipinte nientepopodimeno che da Guido Grimani
( una copia trovata in rete, altre alla mostra)
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38340
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da babatriestina »

il dopoguerra portò alcuni cambiamenti nella scelta del tipo di viaggi, in parte iniziati già prima:
la partenza da Trieste consentiva di toccare alcuni porti intermedi, tipo Ragusa, Patrasso, il passaggio dello Stretto di Messina.. e già prima della guerra avevano l'autorizzazione ad imbarcare ulteriori emigranti italiani in sicilia. Ovviamente le classi, dalla prima alla quarta classe, differivano parecchio in comodità, fra crocieristi e immigrati.. diminuita l'emigrazione verso gli Stati Uniti per la maggior chiusura, e tenuto conto appunto delle tappe intermedie, le navi si dedicarono a viaggi di trasporto-crociera, pubblicizzando l'aspetto confortevole del viaggio. per questo le prime e seconde classi diventarono sempre più simili ad alberghi di lusso... con piscine, dapprima interne, perchè l'abbronzatura allora era caratteristica dei lavoratori manuali all'aperto.
caratteristiche che furono fatte proprie anche dalle società concorrenti degli anni trenta, la Navigazione Generale italiana ed il Lloyd sabaudo, costruttrici della navi da crociera Roma, Duilio, Augustus e i Conti ( Conte Biancamano, Conte Grande, Conte Rosso, Conte Verde). Poco dopo la fusione delle società nell'Italia navigazione..
in q uesto clima nei cantieri di Monfalcone, vennero costruite la , che ebbero una storia particolare in quanto superarono la guerra e continuarono la loro attvità fino agli anni Sessanta, epr esser sostituite dagli utlimi transatlantici... ormai abbandonati come trasporto a favore dell'aereo.. e dalla attuali mega. navi da crociera in cui sembra quasi che la crociera in se stessa superi la scelta della meta


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38340
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da babatriestina »

Presidente Wilson
Immagine

Immagine

una Giulia finita male affondata ( ce e fu una seconda)
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38340
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da babatriestina »

Stella d'Italia
Immagine

pubblicizzata da Orell
Immagine

una Argentina di cui poco trovo..
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38340
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da babatriestina »

ancora la Stella d'Italia
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38340
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Le navi dei Cosulich

Messaggio da babatriestina »

Sti giorni andando per mostre se ga riparlado dei Cosulich:
a proposito dei idrovolanti.
Una foto de famiglia dei Cosulich, con la zaia de fioi
Immagine

Il Franz Joseph po President Wilson, 9 settembre 1911 a Monfalcon in attesa del varo

Immagine

I Cosulich gaveva nasado el afar co i ga ciolto i territori a Monfalcon, per farse el cantier: che nonostante che tanti triestini consideri Monfalcon quasi come estero, se ciamava C N T Cantiere Navale Triestino con la direzion a Trieste. I ga fato po fra le due guere un villaggio operaio, case per i dirigenti, un teatro...

durante la prima guera i cantieri de Monfalcon xe stai ciapai in mezzo e praticamente distrutti, con le navi in lavor. Ma dopo la guera i ga profittado de rifarli e a nzi i ga zontado una nova attività, quela dei idrovolanti. Che alora iera comodi perchè no gaveva bisogno de areoporti con piste come le atuali, ma solo de acqua e oviamente una picia stazion per montar e smontar.. cussì i ga ciamado Widmer e i ga cominciado col idea de trasportar i clienti del loro albergo a Portorose ( attuale Portoroz) Po i ga fato una scola de volo a Portorose e de cosa nasce cosa un a fabrica de idrovolanti. Che de CNT i ga zontado una a eufonica e xe vegnuda la serie dei CANT

Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Torna a “El porto e le navi”