parole de portuali

el porto de Trieste deuna volta, de adesso, le navi che vien e va a Trieste, de una volta e de adesso
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Nini Naridola
distinto
distinto
Messaggi: 1496
Iscritto il: domenica 10 giugno 2012, 17:32

Re: parole de portuali

Messaggio da Nini Naridola » sabato 8 marzo 2014, 23:46

Danilo: anche in triestin se disi un bic' per dir un pochetin (me par che vegni dal tedesco ... ma no so de più) .
Mola un bic';
Te meto una corezion de trapa nel cafè? - Meti proprio un bic'
Cussì: vira,. maina un bic'
In veneto "BICE" no go mai sentì (piutosto: "un fià")



Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2753
Iscritto il: sabato 22 maggio 2010, 18:47

Re: parole de portuali

Messaggio da mandi_ » domenica 9 marzo 2014, 8:32

Deso me par de aver capì molto meio. Però go dovesto iutarme col vocabolarieto triestin, co parole come "pignata" che no centra col dialeto portual. Sugerisco de render pu acesibile el vocabolarieto. Pecà che in tanti musei del mare no se pol fotografar. Go na meza idea per Pasqua de far en giro en vari musei del mare. Tra l'altro ieri ridevem co me marì, perchè l me ga contà che da giovane voleva andar en marina. Come primo giorno i lo ga meso a ramazzar el coridoio lungo de l'arsenal de Venezia. Dopo 3 giri xe girà e xe tornà a casa :-D .
Deso xe en terragnolo. :lol:


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7390
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: parole de portuali

Messaggio da sono piccolo ma crescero » domenica 9 marzo 2014, 11:26

Oltre ai termini che xe stai spiegai, se volemo meterli nel vocabolario, me dovè spiegar qualche altro termine o espression. Le go segnade in rosso. Perdoneme la mia ignoranza (son fio de contadini e no de marineri :-D qualche parola segnada la conossso ma penso con significati diversi)
Zuf ha scritto: “Ah! Meno mal! Alora, Sior Giudice, xe ‘ndà cussì: gavevimo verto ne la bocaporta due, tre campi verso pupa e iera ora de seràr, anche in coridòr.
Metemo a segno i feri in coridòr e un in coverta; el primo verso la pupa. La vitima scominzia a meter a segno le bocaporte del primo campo. Ghe digo de no, che el speti, che dovemo meter i do sbai. Metemo el secondo e lu torna a stricàr e bàter le bocaporte sul primo...”

In sto momento el Giudice el se sbassa i ociai sul naso, el slonga el colo, attentissimo.

“…alora gavemo inganzà el terzo sbaio, che el iera in coverta, e lo meto a segno, ma de una parte el va in scassa subito e, de l’altra el me se incugna…”- va avanti el mantier sempre preciso, iutandose con pochi moti. “Al gruista ghe fazo moto de tornar maia maia, per refar el stif, ma el giogolin se incattivissi soto del sbaio. L’Omo torna sul primo campo per serar vanti – de novo lo mando via, e el va…”

El Giudice slonga el colo sempre de più, el se cava i ociai, li lustra…

“Alora fazo moto de virar un dente a la volta; el giogolin scapola ma el mante va in lavor de colpo, proprio in quel amen l’Omo torna in pie sul primo campo – el sbaio fa carampena sul secondo fero, za a segno, e lo buta fora. Sbaio, bocaporte e Omo in coridòr! Sior Giudice! Anche se provemo far de novo domila volte, no pol vignir fora un caso preciso: pegola nera – disgrazia – ghe digo mi”

Silenzio de tomba.

El Giudice se torna a meter i ociai, lo guarda, sbassa la testa a misciar un per de carte, alza la testa de novo, pian, e el ghe disi:

“Non ho capito assolutamente nulla della Sua deposizione, ma Le credo sulla parola.”


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Nini Naridola
distinto
distinto
Messaggi: 1496
Iscritto il: domenica 10 giugno 2012, 17:32

Re: parole de portuali

Messaggio da Nini Naridola » domenica 9 marzo 2014, 20:01

Alora, spetando l'illuminato traduttor dell'ateneo "Alla Locanda", zerco de spiegar la manovra: i boccaporti (portelloni sul ponnte a chiusura delle stive iera in più moduli ed i poggiava sugli sbagli (travi, putrelle longitudinali) e i vegniva aperti in uno o più campi a seconda dell'ingombro del carico. "Andar in scassa" vol dir che va nel suo alloggiamento in stiva o sui paramezai (l'albero, el scalmo ga la sua scassa).
incativirse de solito parlando de funi che si impigliano (anche l'àncora impigliata, incativada) oppur due robe incastrade (no libere de esser movimentade in maniera separada. Infin scapolar vol dir sfuggir, evitar, andar fora dal testa del perno, dela bitta da lì el termine studentesco far scapola e non zonto altro per non incorrer nelle zigade antiche ...



Avatar utente
Elisa
notabile
notabile
Messaggi: 3443
Iscritto il: domenica 10 febbraio 2008, 17:27
Località: Argentina

Re: parole de portuali

Messaggio da Elisa » lunedì 10 marzo 2014, 14:39

danilo43 ha scritto:Ciao Mandi, domenica scorsa ho fatto un passaggio rapido dalle tue parti, sempre affascinanti!
Non sono Mandi ma dalle medesime parti e...Da sentimentale, affermo che questa valutazione mi produce una carezza al cuore! :-D


"Todo lo bueno me ha sido dado"

Zuf
naufrago
naufrago
Messaggi: 34
Iscritto il: martedì 25 febbraio 2014, 23:08

Re: parole de portuali

Messaggio da Zuf » mercoledì 12 marzo 2014, 23:49

No xe fazile spiegar tuto a chi no ga mai visto l’operazion de chiusura de una bocaporta de una volta, cusì go perso tempo a zercar qualche pupolo che podessi render l’idea ma senza tanta fortuna. Anche in youtube, dove che se trova de tuto, no go trovado gnente.

Incomincio con Nini

campi: per chiuder la bocaporta bisogna prima meter zo i sbai mobili, travi de aciaio che se poza trasversalmente sula bocaporta, el spazio tra due sbai se ciama campo. Ogni campo vien chiuso con le bocaportele de legno (quartieri, in lingua) che le vien posade lungo nave sui due sbai contigui, el numero dele bocaportele xe relativo ala grandezza del boccaporto.

Metemo a segno: significa meter qualcossa nela posizion prevista, in questo caso vol dir meter la testa del sbaio proprio sora dela scassa, dove che la doverà incastrarse.

Scassa: Un suporto a “U” saldado sula mastra lateral del bocaporto dove che va a posarse la testa del sbaio

El giogolin se incattivissi: El giogolin (molinello, in lingua) xe generalmente un cilindro de aciaio de dove che parti el scurton de cadena col ganzo. La cadena la xe ciapada dentro del giogolin in modo che la possi girar liberamente, senza inverigolar el mante. Sto giogolin, con tuto che el ga la testa smussada, qualche volta el se incastra (se incativissi) soto roba che sta in fora, nel nostro caso un altro sbaio. Per disincastrarlo se devi mainar un poco el mante in modo de farlo scapolar virando in su de novo un poco più in là.

Scapolar: Disincastrar

Far carampena: Per far scapolar el giogolin i ga virà tropo forte e cusì el xe vignù su de scato e el sbaio che iera imbragà de soto el xe vignudo su de colpo, oviamente andando su e zo violentemente (zitolo-zotolo).

Un pupolo de bocaporto:
H.jpg
H.jpg (9.12 KiB) Visto 1407 volte
1- Sbaio mobile, la freceta a sinistra la mostra la scassa
2 –Mastra de bocaporto ma anche el campo fra due sbai
3- Bocaportele / quartieri
4-Telon che coverzerà tuto

El sbaio, tignudo de due braghe tacade a un anel con giogolin., el vien calado nele scasse, una per estremità, Nel nostro caso el sbaio, saltando su de scato el ga tocado el sbaio vizin, fazendolo cascar.
h1.JPG
h1.JPG (132.74 KiB) Visto 1407 volte

‘Ste robe no se usa più, questo xe un dei primi imbarchi de container, co’ qua de noi no esisteva ancora né le navi specializade né le gru aposite, ma comunque podè farve una idea: se vedi le scasse su le mastre, le braghe de cavo ciapade su un anel, el giogolin, ecc.

Per Ciancele: el triestin a mi me lo ga insegnado mamaci e papaci insieme a tuta la tribù de noni e zii ma sta atento, el testo che go postado, no’l xe mio ma el xe del Nònimo Portual che ga scrito quel belisimo libreto che ve invito de novo tuti a leger.

Ciau
Zuf



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7390
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: parole de portuali

Messaggio da sono piccolo ma crescero » giovedì 13 marzo 2014, 8:12

Grazie dele spiegazioni sia a Nini che a Zuf. Spero de ver interpretà giusto per meterle ne vocabolario. No go meso scassa perché la go trovada anche sul vocabolario de italian.

Grazie sopratuto per verme mostrà un mondo che per mi iera sconosudo.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
oli1939
distinto
distinto
Messaggi: 1434
Iscritto il: mercoledì 22 giugno 2011, 12:33
Località: Trieste - Rozzol

Re: parole de portuali

Messaggio da oli1939 » mercoledì 9 aprile 2014, 18:08

Per caso me trovo su sti post dele parole de portuali e vedo mandi, che saludo, dir farsorin.... Noi se usava farsora e farsorin come padella e padellin per frizzer. Anche adesso noi disemo, a proposito de una presentatrice de vendite in tv.... eco la siora con la sua ... farsora. Bel scherzo. No. Mah! Oli.


Il colore e' il mio mestiere

Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2753
Iscritto il: sabato 22 maggio 2010, 18:47

Re: parole de portuali

Messaggio da mandi_ » mercoledì 9 aprile 2014, 20:04

Ciao da la Mandi, che da en pò latita per...lavori en corso,come na vecia nave en riparazion, ma che segue sempre el Forum con pasion!


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry

Avatar utente
oli1939
distinto
distinto
Messaggi: 1434
Iscritto il: mercoledì 22 giugno 2011, 12:33
Località: Trieste - Rozzol

Re: parole de portuali

Messaggio da oli1939 » mercoledì 9 aprile 2014, 20:29

ciao mandi dai fatte viva, te ne manchi! Ara che Trieste te speta, in sta stagione la xe proprio bela. Oli. :-)


Il colore e' il mio mestiere

Nini Naridola
distinto
distinto
Messaggi: 1496
Iscritto il: domenica 10 giugno 2012, 17:32

Re: parole de portuali

Messaggio da Nini Naridola » mercoledì 9 aprile 2014, 20:32

Ogi, passando per el porto go sentì due che diseva:- "Ogi Ucio no xe vignù a lavorar: ieri el se ga incarigà come un mus! Ale sie el gaveva una mina indosso che fazeva paura! Espressioni che se pol mete sul dizionarietto ... anche se, nel gergo portualin podessimo far una Treccani sull'argomento!



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7390
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: parole de portuali

Messaggio da sono piccolo ma crescero » giovedì 10 aprile 2014, 6:17

Mi la meto, ma prima te me la devi tradur...


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Nini Naridola
distinto
distinto
Messaggi: 1496
Iscritto il: domenica 10 giugno 2012, 17:32

Re: parole de portuali

Messaggio da Nini Naridola » giovedì 10 aprile 2014, 7:20

Traduzione: "El se ga incarigà come un mus" : aveva bevuto a dismisura.
Gaver una mina: aver la balla, la ciocca



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7390
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: parole de portuali

Messaggio da sono piccolo ma crescero » venerdì 3 giugno 2016, 6:06

Nini Naridola ha scritto:Legendo un libro ("Una storia europea di liberi commerci e traffici - Il porto franco di Trieste) che me ga imprestà un mio amico -cola racomandazion de tornarghelo!- go trovà parole del gergo portual:
...
Cogoi - filo di ferro piegato ad uncino per facilitare l'uso delle braghe nello scarico dei colli (el detto "Caro Cogoi semo cagai" vien de qua?)
...
Nini, o chi ch sa: Cogoi "per fero piegato ad uncino" xe un plurale o un singolare? Insoma esisti un "cogol" plurale "cogoi" o xe cogoi che xe singolare?


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Nini Naridola
distinto
distinto
Messaggi: 1496
Iscritto il: domenica 10 giugno 2012, 17:32

Re: parole de portuali

Messaggio da Nini Naridola » venerdì 3 giugno 2016, 6:25

Lo trovo anche sul Doria -Zeper: "Cogoi" sm. inv- (gergo port.) lungo ferro dotato di gancio per afferrare le fasce delle imbracature e farle passare sotto i bancali (pallet). // etimo oscuro, cfr. eventualm. grad. cogoi tipo di barca o grad. e capod. cogol, "cogollo, rete per pescare le anguille".



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7390
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: parole de portuali

Messaggio da sono piccolo ma crescero » venerdì 3 giugno 2016, 6:47

Perfeto! Grazie!

Mi e ti sempre de guardia de matina bonora!


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Rispondi

Torna a “El porto e le navi”