I cantieri del Settecento

el porto de Trieste deuna volta, de adesso, le navi che vien e va a Trieste, de una volta e de adesso
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38340
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

I cantieri del Settecento

Messaggio da babatriestina »

Volendo riordinar un poco a storia dei cantieri triestini, go cominciado a orientarme e trovo i primi canyìtieri..
ben più che cantieri iera squeri, dove che i meteva a posto le navi e barche e i costruiva le prime barche.
El più antico noto paressi el antico Squero de san Nicolò, quel che xe anche nel famoso plastico de Trieste.. e che se vedi in qualche vecia stampa:
Immagine
san Nicolò iera anche el patron dei marineri, le cese delel città nordiche gaveva la Nikolaikirche e unacappella de san Nicolò xe in tanti porti...
el iera vizin del mandracchio, più o meno dove che ggi xe el palazzo dela region ex Lloyd. El iera noto anche coem Squero vecchio

Co i ga cominciado a interrar le saline, Carlo VI pensava prima a un Compagnia de comercio con le Indie e po a una flotta de guerra e cussì nel 1719 i ga averto un primo squero ai bordi dele saline interrade, alssado el Squero vecio al suo posto: sarà el Squero Nuovo eghe vegnerà a lavorar, de Rovigno, i primi Panfilli e le deventerà el squero Panfilli no me xe ciaro se xe esattamnet quel del 1719 o un successivo: Odorico Panfilli gaverò sto squero ( nel attual Largo Panfilli ) salvo che i lo sererà nei anni 50 del Ottocento co i farà la strada ferata dela Merdionale

Immagine

per le navi, per tuto el Settecento le grandi i le comissionava fora. la san Carlo ( che ga dado el nome al molo) vegniva de Napoli

A fin settecento i ga fatto un terzo squero (ormai serado quel d e san Nicolò) dove che vegnerà el primo arsenal militar del Lazzeretto san Carlo


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: I cantieri del Settecento

Messaggio da Piereto »

I Panfilli xe vignudi a lavorar al squero novo che po xe sta serà perche nel frattempo la città se gà slargà ocupando quel terren, el teren dove che po i ga fato la casa del logotenente e che po saria diventà el Tergesteo. I Panfilli allora i se gà trasferido nel slargo che ogi porta el nome. Da quel squero i gà varà la nave Civetta con la quale Ressel ga fato i sui esperimenti co l'elica.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38340
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: I cantieri del Settecento

Messaggio da babatriestina »

Grazie, in che punto esattamente iera sto squero nuovo? te disi dove che xe el tergesteo? ma no xe un fiadin lontan del mar? alora i ga serado prima che i fazzi el Teatro Nuovo, po Comunale po Verdi? i ga dovesto imbunir el terren per far el teatro?
No solo i ga fato el Civetta ma ancor a prima el Carolina, me par... legevo de qualche parte che el Carolina e una nave napoletana xe stade le prime navi a vapor in Mediteraneo..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: I cantieri del Settecento

Messaggio da Piereto »

El squero novo i lo ga fato sul terren che iera fora de le mura del mandracchio, cioè fora de la porta rente la ciesa de san Pietro verso el mar. Daltro canto rente el Verdi xe ancora una picia via ciamada dell'arsenale in ricordo del posto .Quel teren iera quel che prima aparteneva a la compania orientale e el doveva esser abastanza grande, sicuro con qualche magazin che prima tiniva le merci che viniva trasbordade da la nave e che falida la compania xe diventà el magazin per tinir i atrezi del cantier. El teren verso el mar el doveva eser in pendenza per varar le barche e sicuramente el xe sta imbunido e consolidado coi materiali che se otiniva lavorando el coston de San Giusto oggi verso el corso, ma lasando sempre verto el canal de la portizza. Solo quando che nei primi anni dell'800 i ga fato la Borsa el canal de la portizza xe scomparso. I gà butado zo i veci magazini del cantier e i gà trasferì el cantier sul novo terren del Panfilli oltre el canal grande, e se gà cusì liberado parecchi terreni , e un de quei xe sta comprà da Faraone Cassis, dove che po se gaveria inalzà el Verdi. Xe alora che i devi aver fato el novo cordolo a mare de la riva , cordolo che po proseguiva verso el canal grande e oltre fino al panfilli dove che el terren iera inveze a pendenza naturale.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38340
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: I cantieri del Settecento

Messaggio da babatriestina »

Comunque con Carolina e Civetta rivemo za al Ottocento...
cossa i ga fatto nel settecento? sti cantieri statali .. el san Carlo i lo ga ciolto a Napoli.. me par de gaver letto de un "Primogenito"... perchè trafico no mancava nel setecento, xe pien de stampe che mostra navi a vela: i gaverà fato un poche qua?


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38340
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: I cantieri del Settecento

Messaggio da babatriestina »

Lo go trovado, el squero novo, arsenal ( per poco) el xe nei pupoli de Kandler!
Immagine
invece el Primogenito xe roba del Ottocento...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: I cantieri del Settecento

Messaggio da Piereto »

Fora dell'arsenal se vedi trateggiado el molo che gà ciapado el nome de San Carlo, cioè dove che iera ancorado el SanCarlo. Una burrasca nel 1741 lo gaveva fatto affondar e sicome che no se podeva ricuperarlo i gà pensa de far un molo longo quanto el relitto, disemo a meta 700. Po su la fine del 700 i lo gà slongà. Ma i Asburgo gaveva fatto far anche una altra nave gemela del San Carlo, per aver un legame più stretto col granducato de Toscana che nel 1737 iera in man de Stefano III che poi gaveria sposado Maria Teresa. Penso che le navi che iera stade varade nel squero San Nicolò e po nel squero arsenal iera imbarcazione picie in lunghezza e in tonellaggio perchè i commerci nell'Adriatico doveva ancora sotostar alla volontà de la Repubblica Veneta.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38340
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: I cantieri del Settecento

Messaggio da babatriestina »

Sti pupoli de Kandler xe bei e didattici, an hese non contemporanei, perchè i mostra come che saria deventado dopo, e cussì el mostra el futuro molo san Carlo. Carlo VI gavea in progetto prima un Compagnia Oriental de comercio, un poco come quele che gaveva i Olandesi, i Britannici, i Francesi, che gaveva fatto l eprime colonie. e che solo nel Otocento passserà soto i domini dele varie corone. Ma no la andava e alora el ga pensado a una flotta de guerra, anche perchè i trattati d epase dela guerrase duccession spagnola ghe gaveva proibido di farsela nei Paesi Bassi austriaci ossia el atual Belgio . No dimentichemo che Carlo VI in origine no doveva regnar sui domini asburgici 8 che iera za suo fradel Giuseppe I) e lu ramo cadetto i lo gaveva prosposto come successori in Spagan: ma co le ga ereditato i domini de famiglia el resto del Europa al idea che se ricostiruissi el impero de Carlo V ga fato fronte comun con petendente Borbone per la Spagna.. ben bon el ga proado a farse sta prima flotta militar, ma le navi el le ga ordinade a Napoli. E no la ghe ga servido assai , se el sanCarlo xe affondado per mancanza de manutenzion.. i me ga mostrado una riproduzion de un quadro, una pupa decorada magnifica!
per la navigazion, no dimencichemo che nel 1717 sempre Carlo VI ga proclamado la libertà d e nabvigazion i Adriatico. tegnudo conto che speranze atlantiche nol gaveva più e che Venezia nel settecento se stava avviando al un lento declino, xe stada una mossa facile e no constrastada.. ma la vera crescita dela flotta in Adriatci i la ga avuda co i ga ciapado Venezia col suo Arsenal e po per impulso prima de Massimiliano e ala fin de Francesco Ferdinando


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38340
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: I cantieri del Settecento

Messaggio da babatriestina »

Piereto ha scritto: Ma i Asburgo gaveva fatto far anche una altra nave gemela del San Carlo, per aver un legame più stretto col granducato de Toscana che nel 1737 iera in man de Stefano III che poi gaveria sposado Maria Teresa.
Stefano del Lorena ga perso la Lorena e ga ciapado la Toscan nel 1737 ala morte del ultimo Medici. No che el fussi contento d eperder el ducato ereditario de famiglia ( che ghe xe andado al polacco pare de Maria Lesczynska vita natural durante per po passar ala Francia) ma iera la condizion per sposar el arciduchessa.. con el conseguenze.
Ma perchè te disi che iera un legame con la Toscana? i ga ordinado navi a Livorno o dove? mis avevo che le vegniva de Napoli..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: I cantieri del Settecento

Messaggio da Piereto »

Go leto de qualche parte che le navi xe sta ciolte a Napoli perchè anche Napoli iera fin al 1734 sotto el dominio dei Asburgo ,ma le xe servide per far un collegamento co la Toscana dove che i Lorena xe duradi de più. Comunque go trovà una altra foto de la zona fore de le mura che comprendi l'attuale piazza de la borsa fin al mar.
foto proveniente da altro articolo
foto proveniente da altro articolo
04b.jpg (58.79 KiB) Visto 2599 volte
El rettangolo col buso in centro xe el palazzo de la dogana dove che al secondo pian ghe iera l'appartamento del governator. Alla sua sinistra se vedi el posto dove che i costruirà la borsa in tinta più ciara, e la sara edificata proprio sora el canal de la portizza. El palazzo de la dogana vinirà demolido e al suo posto sorgerà nel 1840 el tergesteo. Sotto la dogana in tinta ciara xe el posto dove che se farà el teatro novo (ciamado po grande , comunale e alla fine Verdi). Quindi tuto el spazio che va dalla dogana al mar iera l'area ocupada da la compania delle indie orientali e po dal cantier arsenale . Sotto la borsa se vedi ancora el tratto de canal piccolo che vinirà imbunido e se formerà una piazzetta che sarà ciamada mercanti. che oggi saria piazza Tommaseo. Se vedi anche ben el molo de 95 metri dove che sotto ghe xe el relitto de la nave san carlo, collegado alla terraferma da un pontisel de legno. Vedè anche la scritta mandracchio che nel 1822 vinirà imbunido e che co la demolizion del teatro San Pietro e de la locanda grande permettera de aver el grande spiazzo libero de piazza grande poi unità.


Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: I cantieri del Settecento

Messaggio da Piereto »

Per quanto riguarda i cantieri, l'Austria ciapando Venezia, se gà inacorto che le navi le saria diventade più grandi e che trovandose Venezia al centro de una laguna dove che i fondai xe bassi saria sta impossibile varar navi de grosso tonellaggio e quindi pescaggio. Ecco che allora se gà scelto Trieste che ga i fondai più alti per costruir navi in un novo arsenal che iera dapprima el cantier Panfilli. Ciò gà comportado anche una migrazion de maestri d'ascia e operai da Venezia a Trieste (tra cui anche i mii antenati). E quando che el Panfilli se ga viniù a trovar nel novo borgo teresiano se ga deciso de spostarse in altra zona utilizzando i terreni degradanti de Sant'Andrea nel vallon de Muia.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38340
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: I cantieri del Settecento

Messaggio da babatriestina »

come xe i fondai in zona S Andrea? digo noa desso el Molo VI ma quei dei cantieri?
ma el arsenal de Venezia me par che l'Austria lo ga ben che doprado del 1797 almeno fin al 1848. El gaveva una tradizion pluricentenaria ( vedi Dante) .
Dopo i se ga fidado de meno dei veneziani..
Oviamente se parlemo de l'Austria se riferimo o ala flotta de guerra ( statal) o a flotte de società più o meno statali. Ma imagino che ghe iera una committenza comercial privata...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: I cantieri del Settecento

Messaggio da Piereto »

Metto una carta del francese L.Cassas sul porto e citta de Trieste del 1782 in cui se vedi robe sai interessanti come sulla sinistra sora la base del zucco ( dove che vinirà edificada la lanterna) , xe due vascelli cioe navi moderne dal grosso tonellaggio e pescaggio e sulla destra co le vele triangolari le navi che girava ancora per l'adriatico tipo galera veneziana dal ridotto tonellaggio nonchè pescaggio. L'arsenal de Venezia el gà continuà a far barche de poco pescaggio per tutto l'ottocento a fondo piatto perchè costruido in mezzo a la laguna. El commercio moderno inveze esigeva grosse navi. Al centro dell'immagine spicca la torre dell'orologio cioè la torre co sotto la porta che menava dal mandracchio in piazza nova, ciamada dopo l' abbattimento e l'eliminazion del mandracchio, piazza grande. Davanti ghe xe le mura a protezion del madracchio e che podeva portar batterie de canoni, e subito a destra se vedi una nave messa sul squero per le, riparazioni. El squero xe quel primitivo de San Nicolò che oggi venisi a star proprio dove che sorgi epl palazzo del LLoyd - Regione
Stampa del Cassas del 1782.jpg
Stampa del Cassas del 1782.jpg (148.01 KiB) Visto 2580 volte


Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: I cantieri del Settecento

Messaggio da Piereto »

Per quanto riguardi i fondai, da San Bartolomeo fino a Santa Crose (litoral italian) gavemo terreni arenacei del quaternario che degrada abbastanzea velocemente co la possibilità quindi de spiaggia de sabbia. Za a venti metri da la riva gavemo 4 metri de aqua. Incontremo però anche la penisola de calacare che xe la punta de miramar e el scoio del zucco. In certe zone però la spiggia gaveva poca pendenza per cui za ai tempi dei romani se ga sfrutà sta caratteristica fisica per far le saline. El borgo teresiano iera una salina, la valle maura sotto servola gaveva saline come anche al sbocco de la rosandra.


Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: I cantieri del Settecento

Messaggio da Piereto »

Metto una altra carta del 1782 de Carlo Dini che iera el proto dele fabbriche regie. In quei anni se fazeva vari progetti de ampliamento del porto e vedè che ghe iera pasà per la testa de sviluppar el porto in te la sacheta con un prolungamento del molo San Carlo a serar el mar verso el zucco co anche un calcolo de quanti bastimenti ghe podeva star. Al lato sinistro e al lato destro de la carta se vedi el novo lazareto de Santa teresa Roian e el lazareto vecio arsenal de la marina militar. Xe sai interessante veder come i pensava de trasferir el cantier San Nicolò squero per le barche grosse che iera rente a destra del mandracchio, piu in là in una zona marcada G grosso modo tra el albergo Savoia e la radice del molo de la maritima. Iera previsto inveze proprio sul sito del futuro cantier panfilli un bacino marcado O per el scarigo del legname e squero de le barche piccole.
carta dini 1872.jpg
carta dini 1872.jpg (135.44 KiB) Visto 2579 volte


Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: I cantieri del Settecento

Messaggio da Piereto »

Ve posterò ancora una ultima carta del 1769 in cui se vedi come proseguiva la costruzion del borgo teresian e l' andamento de novi isolati. Xe interessante l'idea che i gaveva de utilizar no solo el canal che xe rivà fin a i giorni nostri, utile per el scarigo de le merci ma anche de costruirne un altro con un bacino interno. Se vedi anche sai ben l'incanalamento del torrente chiave prolungamento del settefontane e suo sbocco. Altre note interessanti xe al centro de la carta a sinistra sul bordo el belvedere (odierna piazzetta belvedere) e su in alto de la carta, una zona triangolare dove che finisi le case del borgo teresian cioè la piazza de la legna che termina con un edificio rente el torrente settefontane , che saria la barriera vecia (corso Saba). Al bordo destro de la carta su la penisola de sant'Andrea xe segnado el sito de la ciesetta de Santa Andrea. Molto probabilmente la carta xe stada traciada da Massimiliano Fremant ai vertici de le reggie fabbriche.

Immagine


Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: I cantieri del Settecento

Messaggio da Piereto »

Scrivendo dei fondai ogni tanto salta fora la proposta de far una spiaggia de sabbia lungo la riviera de barcola ( idea anche del povero Primo Rovis). Come gavemo dito la profondità dei 4 metri riva sai presto dall'attuale riva. Disemo che dove che oggi xe el marciapie lato monte del viale miramare, la rivava el mar, con una riva con ciotoli de arenaria e sabbia de fondo. Ma po se gà imbuni per far la strada portandoghe via una ventina de metri de spiaggia. Quindi se oggi se volessi imbunir con altra sabbia ghe volessi qualche milion de tonellate, e la marea e le mareggiate de scirocco e de libeccio portasi via tuto, e comunque saria de meter dei frangiflutto che no so quanto che tinissi.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38340
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: I cantieri del Settecento

Messaggio da babatriestina »

mi el solo punto de fondal bastanza basso a Barcola che me ricordo xe el Excelsior ( ex) i gaveva forsi messo sabbia, ma butandome a piron del trampolin rivavo a tocar el fondo sabbioso. El resto xe velleità de gente che se credi a Dubai e de gaver i bori de Dubai.. e po cola sabia l'acqua deventa torbida..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: I cantieri del Settecento

Messaggio da Piereto »

Odorico Panfilli proto nel cantiere San Nicolò, ottiene di edificare nel 1779 un nuovo squero nella zona nord delle ex saline al limite del borgo Teresiano .Le saline arrrivavano fin sotto le pendici del colle di Scorcola e poi seguivano l'arco costiero arrestandosi un po' prima del Belvedere, una,sorta di promontorio arenaceo a livello della spiaggia che poi proseguiva pianeggiante sino al rio martesin. Quindi tutta l'odierna piazza della stazione era ancora mare e tutte le case odierne che prospettano sulla piazza poggiano in realtà sulla ex spiaggia. Quindi il mare arrivava all'inizio di Via Sant'Anastasio. I torrenti che scendevano al mare (Cumano che confluisce nel Settefontane) vengono incanalati nel 1700 in un nuovo alveo quando ricevono il Torrente San Giovanni e ultimo il torrente che scende per l'attuale via Fabio Severo un rettilineo che ora è coperto sotto via Carducci , e aggirano le saline costeggiando poi le pendici di scorcola disegnando un curva , ora coperta in parte sotto le case di Via Ghega. Questo canale lambisce il lato nord del cantiere Panfilli . Nell' edificazione del cantiere si incorpora anche lo squero Nocetti che era direttore delle costruzioni navali. Quando si procederà alla creazione della piazza della Stazione ed all'allargamento della riva del porto vecchio , il canale coperto del torrente subirà un ulteriore angolo per uscire nella zona dell'idroscalo. Nel 1851 il cantiere Panfilli cessa la sua attività in considerazione dell 'aumento delle dimensioni delle navi. Nel 1853 il comune acquisterà in parte i terreni lato mare in modo da costruire la strada che porta alla piazza della Stazione e così pure il prolungamento di via della geppa e della pesa.
varo della goletta Illiria al Panfilli 1844.jpg
varo della goletta Illiria al Panfilli 1844.jpg (48.45 KiB) Visto 2499 volte


Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2290
Iscritto il: ven 24 set 2010, 19:38

Re: I cantieri del Settecento

Messaggio da Piereto »

Ve meto una foto de quando el cantier Panfilli gaveva smesso de far navi. Xe i anni de la costruzion de la ciesa evangelica.
vista verso il panfilli e chiesa evangelica.jpg
vista verso il panfilli e chiesa evangelica.jpg (56.3 KiB) Visto 2465 volte
Odierno Panfilli lato mare.jpg
Odierno Panfilli lato mare.jpg (67.02 KiB) Visto 2465 volte
Odierno panfilli lato città.jpg
Odierno panfilli lato città.jpg (99.44 KiB) Visto 2465 volte


Torna a “El porto e le navi”