Stagioni liriche al Verdi: 1987-88

a Trieste ghe xe un teatro Comunal che de oltre 200 anni fa opere, balletti, concerti... e altri teatri che fa spettacoli musicali de tipo classico: contene storie vece e resoconti de spettacoli attuali..
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Rispondi
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 34782
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Stagioni liriche al Verdi: 1987-88

Messaggio da babatriestina » sabato 7 maggio 2011, 8:55

Immagine
Immagine
Dalla Carmen inaugurale, diretta da Soudant, in francese ( ma non ricordo se coi recitativi o coi parlati) ricordo soprattutto il debutto in una delle due contrabbandiere ( Mercedes mi pare) di Nicoletta Curiel, mezzosoprano triestina, la figlia dello scomparso direttore Galuco, che abbiamo spesso incontrato successivamente. Oltre che una bella voce, una stupenda ragazza, soprattutto allora. ve ne mostro un'immagine un po' anteriore al suo debutto, in una riunione fra amici e capirete cosa intendo
Immagine

L'amico Fritz diretta da Pidò, Cristina Rubin di cui non ricordo nulla, pietro Ballo che allora era abbastanza noto. Rcirodo più che altro il noto Duetto delle ciliegie, famoso nell'interpretazione di Beniamino Gigli
la figlia del reggimento, un'opera che mi piaceva tantissimo dir Carlo Rizzi protagonista Lucian serra- non posso dire che mi colpisse motlo
I balletti di Marsiglia ritornano in un Angelo azzurro di cui non ho memorie
Un Faust diretto da Argiris protagonista burke, non ne ricordo nulla, nemmeno come risolsero la notte di Walpurga
Ariadne auf Naxos sempre Argiris, in tedesco credo di non esserci stata
Il ritorno di Casanova di Girolamo Arrigo ( a me sconosciuto) Nuova per l'Italia dir Giovaninetti non c'ero
la Bohème dir Severini
e finale Aida dir Saccani e qui scrivo regia Virginio Puecher scene e costumi William Orlandi Nuovo allestimento del Verdi
protagonisti RoarkStrummer/Garbi, Baglioni/Toczyska, Malagnini/BIni, Cassis.. perchè se non mi sbaglio fu la prima delle regie "alla moda" al Verdi: Amneris entra in scena in costume da amazzone ottocentesca, e così via... il pubblico non lo gradì per nulla.
Non era un'idea originale, le aveva incominciate se non altro Luca Ronconi alla Scala nel 1974 con una Walkiria in costumi ottocenteschi e i cavalli delle walkirie tipo grandi cavalli di cartapesta , poi un Nabucco del 1977 con costumi ottocenteschi e un teatro nel teatro: l'idea voleva sottolineare l'epoca in cui era stata composta l'opera e non quella in cui era ambientata la vicenda: grandi lodi degli intellettuali e prime scelte protagonistiche del regista, in realtà si parla soprattutto di scene e costumi, perchè i cantanti poi in scena si muovevano come al solito..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1830
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Stagioni liriche al Verdi: 1987-88

Messaggio da Piereto » sabato 7 maggio 2011, 12:11

Xe una stagion de cui go pochi ricordi.Carmen co la Nicoleta Curiel,una bela vose che se ga fato strada e la ga cantà anche con Karaian; el fradel Emilio gaveva cantà nel 84 nel Pelleas e melisande.Poi vien un Amico fritz,sotto la bacheta de un giovine diretor Evelino Pidò (sopranominado P2) .Altro giovine Rizzi che ga direto la Figlia del regimento,e el tenor doveva eser bon perchè in una sua aria el devi petar tuta una sfilza de do,un drio l'altro. (ghe xe anche un personaggio che se ciama pierotto). Poi el Faust de Gounod e la sucesiva Arianna al Nasso dirette da Arghiris.No coment. Un Casanova de Arrigo direto da Giovanninetti che no gà lasà nisun segno,per fortuna. Anche la Boheme diretta da Severini. E dopo xe vignuda la Aida diretta da Saccani in costume coloniale vittorian. Se volemo se podeva far teatro nel teatro,ma el drama lasarlo all'epoca dei faraoni,inveze iera una roba che no stava in pie. E xe cascà anche el tenor che el devi subito cantar al'inizio celeste Aida,che xe una aria impegnativa per via del fià e nel registro acuto.La parte iera stada dada a Carlo Bini che gaveva una vose abastanza squillante ,ma iera un tenor de opereta,e a la fine de celeste Aida quasi nisun aplauso e una vose dal logion ghe gà zigado : "Sei finito". Oto recite a star a scoltarlo sperando che el ghe la fazesi.Pecà perchè per le operette andava ben e el gaveva el fisico del ruolo. In quel 1988 se ga fato una turnè a Messina portando l'Amico Friz diretto da Rizzi e Boheme diretta da Masini con oto recite complesive.



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1830
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Stagioni liriche al Verdi: 1987-88

Messaggio da Piereto » sabato 7 maggio 2011, 12:43

Me se ga tacà una pagina con l'altra e a messina gavemo fato anche la Figlia del reggimento questa si diretta da Rizzi,mentre l'amico Fritz iera direto da Bellini.In totale 12 recite per una turnè voluda da Lanza Tommasi che iera un omo de teatro abastanza conosudo,sovrintendente de vari enti lirici, e quela volta diretor del teatro messinese.



Rispondi

Torna a “Musica clasica”