Riflessioni e domande

a Trieste ghe xe un teatro Comunal che de oltre 200 anni fa opere, balletti, concerti... e altri teatri che fa spettacoli musicali de tipo classico: contene storie vece e resoconti de spettacoli attuali..
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7323
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Riflessioni e domande

Messaggio da sono piccolo ma crescero » giovedì 30 gennaio 2014, 17:43

Ieri vardavo (e scoltavo) su Rai 5 una sinfonia; scoltavo la sinfonia e vardavo sto direttor, inquadrà con primi piani che di solito in teatro no se vedi, e me domandavo: "ma se bisogno che el stia la a diriger?"

Non meto in dubio che el gabi una funzion de istruir i orchestrali su come che el vol che i soni, su cosa che per lui vol dir pianissimo, cosa che vol dir andante, sempre per lui; perfin mi me inacorzo de quanto pol eser diverse due esecuzioni, stessa orchestra e direttori diversi. Ma una volta che el ghe ga spiegà, in fase de concerto, el servi? I orchestrali lo varda? A mi me pareva che i fusi tuti intenti a leger el spartito e che, de conseguenza i andasi avanti de soli.

E tuta quela gestualità un poco teatrale che i diretori fa la ghe servi ai orchestrali? Una volta dà l'attaco el servi ancora? Son profano e quindi me poso sbagliar, ma un poco go l'impression che, almeno in parte, sia una messa in scena. In definitiva anche in teatro de prosa el regista vien fora anche lui, ala fine a ciaparse i applausi, ma durante la recita no se lo vedi. Ocori veramente che el stia là a sbrazarse per tuto el concerto metendose el dito sula boca per dir che i devi sonar pian pian o la man sul cuor per dir che i ghe devi meter passion in quel che i sona e cusì via?

Questi xe i pensieri profondi de un profano che vardava un concerto per television... :-D :wink:


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10912
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: Riflessioni e domande

Messaggio da Nona Picia » venerdì 31 gennaio 2014, 17:56

Iera una domanda che me fazevo anche mi......Po' qualchedun de esperto me ga dito, parlando del'orchestra del Verdi, che la poderia andar avanti benisimo anche senza diretor....E penso che più o meno sarà cussì per tuti. Anche se, co cambia el diretor, la diferenza de direzion el più dele volte se la senti.


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36482
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni e domande

Messaggio da babatriestina » venerdì 31 gennaio 2014, 20:02

te dirò una roba: sarà un'ioression, ma una volta iera al Verdi un e co ala replica ga diretto un altro per mi se sentiva diferente..

invece me domandavo sempre: e el sugeritor? no so se el xe ancora, no go più badado, ma iera sta busa del sugeritor ( Maestro rammentatore) con una specie de speceto retrovisor per veder el diretor de orchestra.. che a sua volta ghe dava el segnal ai cantanti.. e nele registrazioni spesso e volenteri se sentiva la vose de sto sugeritor che alcuni secondi prima de un'aria diseva le prime parole .. e po tacava el cantante. come se i se dimenticassi?


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Nini Naridola
distinto
distinto
Messaggi: 1496
Iscritto il: domenica 10 giugno 2012, 17:32

Re: Riflessioni e domande

Messaggio da Nini Naridola » venerdì 31 gennaio 2014, 20:18

Quando no gavevo ancora el televisor a casa andavo coi mii a veder "Lascia e raddoppia" in una trattoria in via Udine: là se trovava un per de giornalisti, un due ingegneri e un pochi professori del Tartini che iera là vizin; a mi, mulon, me dava fastidio l'ignoranza de sti musici in qualsiasi campo. I se stropava le orecie perchè del balon de la Bolognani, no i ghe interessava per gnente ... ma anche col "controfagotto" famoso, nisba! Alora, un giorno go dito che per mi una brava dattilografa pol esser facilitada a far la pianist! Inorididi! Un'altra volta me son permesso de dir che el maestro podeva esser utile nella concertazion e nele prove e po nol serviva più durante le esecuzioni ... e che i me disi che cenno speciale ghe fazeva al sonador del triangolo co'l doveva tacar a far din.
Mio papà, melomane, me ga pregà de star zito.



Avatar utente
nonna ivana
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 5343
Iscritto il: lunedì 18 febbraio 2008, 22:55
Località: prov Bologna
Contatta:

Re: Riflessioni e domande

Messaggio da nonna ivana » venerdì 31 gennaio 2014, 20:48

Non so se gradirei un concerto senza direttore...io lo trovo bene lì con la sua bacchetta, a dare la sua interpretazione del pezzo o della sinfonia, se ci penso, sto proprio più attenta a lui, perché è come se fosse l'autore stesso dell'armonia, dell'andamento...e viene quasi spontaneo, noi stessi, muovere la mano o solo un dito, a imitarlo...seguo i gesti del capo, il rivolgersi al gruppo di strumenti per poi passare ad altri, e mi sembra che loro siano in attesa del suo cenno...è il coordinatore, il conduttore di un insieme eterogeneo, che però si amalgama per merito suo, anche perché ogni gruppo di strumenti, o i solisti, in fondo, sono solo una parte, che intervengono a chiamata in causa, e da soli non darebbero il senso globale dell'opera...
O forse sono io che ho bisogno di questo mediatore tra autore e musici!
Naturalmente è anche la rappresentazione di un rito e di un costume, con gesti e particolarità, che fanno appartenere queste esecuzioni a un mondo d'arte molto diverso da un concerto di big della canzone che si esibiscono negli stadi.


ivana

la curiosità è il colore della mente

Avatar utente
Elisa
notabile
notabile
Messaggi: 3417
Iscritto il: domenica 10 febbraio 2008, 17:27
Località: Argentina

Re: Riflessioni e domande

Messaggio da Elisa » venerdì 31 gennaio 2014, 21:42

Sonopiccolomacrescero, da profana assoluta ma che con buona volontà, informandomi bene, potrei esaudire la tua richiesta, vorrò
far riferimento al paragrafo quarto del tuo infrequente svolgimento. :-)
E pensar che mi gò 'na gran deboleza per quei gesti espresivi e persuasivi
adotadi dai diretori (alcuni, certi) de orchestra -si legga- maschili! :shock: :lol:


"Todo lo bueno me ha sido dado"

Avatar utente
Elisa
notabile
notabile
Messaggi: 3417
Iscritto il: domenica 10 febbraio 2008, 17:27
Località: Argentina

Re: Riflessioni e domande

Messaggio da Elisa » venerdì 31 gennaio 2014, 21:52

Nini Naridola ha scritto:Quando no gavevo ancora el televisor a casa andavo coi mii a veder "Lascia e raddoppia" in una trattoria in via Udine: là se trovava un per de giornalisti, un due ingegneri e un pochi professori del Tartini che iera là vizin; a mi, mulon, me dava fastidio l'ignoranza de sti musici in qualsiasi campo. I se stropava le orecie perchè del balon de la Bolognani, no i ghe interessava per gnente ... ma anche col "controfagotto" famoso, nisba! Alora, un giorno go dito che per mi una brava dattilografa pol esser facilitada a far la pianist! Inorididi! Un'altra volta me son permesso de dir che el maestro podeva esser utile nella concertazion e nele prove e po nol serviva più durante le esecuzioni ... e che i me disi che cenno speciale ghe fazeva al sonador del triangolo co'l doveva tacar a far din.
Mio papà, melomane, me ga pregà de star zito.
Qui da lontano, tra svariate rimembranze mi viene alla mente quel programma televisivo piuttosto vecchio che offriva la possibilità di lasciare oppure continuare nel gioco nella possibilità di raddoppiare il premio. "Lascia o raddoppia"? Non sono sicura però! :-)


"Todo lo bueno me ha sido dado"

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4137
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Riflessioni e domande

Messaggio da Ciancele » venerdì 31 gennaio 2014, 21:58

El diretor de l'orchestra xe come al maestro del coro. Anca lu el sta là solo par far lumaro. Mi credo però che sia par sicureza.
Se qualchedun dormi e no sta atento, el maestro xe là. Nel coro el canta a boca verta, spalancada, ma te ga l'impresion ch'el sugerisi le parole che te ga dimenticà.



Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10912
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: Riflessioni e domande

Messaggio da Nona Picia » domenica 2 febbraio 2014, 11:45

babatriestina ha scritto:
invece me domandavo sempre: e el sugeritor? no so se el xe ancora, no go più badado, ma iera sta busa del sugeritor ( Maestro rammentatore) con una specie de speceto retrovisor per veder el diretor de orchestra.. che a sua volta ghe dava el segnal ai cantanti.. e nele registrazioni spesso e volenteri se sentiva la vose de sto sugeritor che alcuni secondi prima de un'aria diseva le prime parole .. e po tacava el cantante. come se i se dimenticassi?
Anni fa che iero a veder L'Adriana Lecouvrer, per un poco son stada in atrio perchè stavo poco ben e parlando con le maschere i me gadito che per ovviar l'acustica scarsa del Verdi rinnovado i gaveva messo altoparlanti nascosti in giro per el teatro e microfoni nascosti sui cantanti. Penso che, se la storia xe vera, i gaverà avù anche auricolari per el sugeritor...


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Avatar utente
alastair
naufrago
naufrago
Messaggi: 18
Iscritto il: domenica 17 marzo 2013, 15:14

Re: Riflessioni e domande

Messaggio da alastair » domenica 2 febbraio 2014, 14:12

Non son un musicista però so questo:
Nei spartiti ghe xe le note con la loro durata e le pause con la loro durata.
La durata va misurada in battute che un membro dela orchestra mentalmente ed automaticamente conta co' legi la musica.
Le battute se ciama cusì perchè a loro volta corrispondi a un battito de metronomo, però el metronomo pol eser tarà entro un certo intervallo per cui anche la durata de una batuda non ga un valor de tempo asoluto.

E qua sta e punto: un esecutor legi la musica sul spartito, ma quando inizia un periodo el speta el gesto del diretor che de fato sincroniza i musicisti dando tempo (e la velocità, se volemo ciamrla cusì) ai vari movimenti dela sinfonia.
Questa xe una dele funzioni del diretor de orchestra.



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1964
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Riflessioni e domande

Messaggio da Piereto » domenica 2 febbraio 2014, 16:06

Da ex sonador ve digo che el diretor xe meso sul podio perchè el devi ogni tanto dar una drita a tuti quei che sona. Come esecutor , guardando la musica che te ga difronte sul legio te te fa una idea de la velocità e del modo de sonar, ma xe el diretor che ghe disi a tuti come sonar quel particolare punto e con che velocità. E dopo el gà el compito de ligar insieme i tanti pici tochi de cui xe composto el brano che se sona. Xe per quel che esisti tanti diretori e tante interpretazioni. Xe anche vero che se una orchestra xe ben afiatada e la conosi perchè la gà sonà tante volte un brano, la pol far a meno del diretor. Anzi qualche volta el xe de intrigo. Me ricordo de aver sonà una Manon direta da Schippers( che iera un diretor de grosso calibro) a Spoleto, e po' dopo un per de setimane la stesa Manon a Trieste ma direta da Bartoletti. Beh, nonostante che Bartoletti se fazesi in quattro nol rivava a diriger come che el pensava lu, e ala fine el ga dovesto venirne drio a noi, che gavevimo ancora fresco el ricordo dei tempi e del modo de sonar che voleva Schippers. Per quanto riguarda el gesto de diretori, el xe utile quando che se xe un poco distrati e se ga perso el segno e se lo guarda, ma qualche volta xe meio far finta de no vederlo.



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7323
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Riflessioni e domande

Messaggio da sono piccolo ma crescero » domenica 2 febbraio 2014, 16:38

Grazie dela risposta. Ribadiso: me rendo conto che el diretor ghe dà a tuto una impostazion de base in sede de prove, ma go sempre vu l'impression che i fazi un poco de teatro. Prova ne sia che dopo un poco che go fato el primo post, go visto e scoltà un concerto per violin e orchestra direto da Ughi che sonava anche el violin e che no dirigeva l'orchestra se non in rarissimi momenti.

Quanto a Schippers, me riferivo proprio a lui quando go dito che anche un ignorante come mi riva a distinguer tra un'interpretazione e un'altra. Nel 1970 go sentì al Verdi la sua IX de Beethoven e, confesso, la go sentida cusì diversa dale altre che proprio no la me ga piasso (opinion de un ignorante). Pace all'anima sua, comunque.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36482
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni e domande

Messaggio da babatriestina » domenica 2 febbraio 2014, 17:20

sono piccolo ma crescero ha scritto:
Quanto a Schippers, me riferivo proprio a lui quando go dito che anche un ignorante come mi riva a distinguer tra un'interpretazione e un'altra. Nel 1970 go sentì al Verdi la sua IX de Beethoven e, confesso, la go sentida cusì diversa dale altre che proprio no la me ga piasso (opinion de un ignorante). Pace all'anima sua, comunque.
Piazza del Duomo, Spoleto
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1964
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Riflessioni e domande

Messaggio da Piereto » domenica 2 febbraio 2014, 19:28

Anche i diretori, come i solisti quando che i sa ben a memoria la loro parte, i tendi a far i atori e a esagerar, a far i esibizionisti. El diretor dopra la bacheta che xe una estension de la sua man, e qualche volta el la movi a sproposito per far scena. Gesti ampi , opur legnosi (come se el gavesi in man una siba) e anche co no cori, e a le volte el se movi ondegiando fazendote venir el mal de mar. Cusì co se gà capì con chi che se gà a che far, xe meio no guardar co se sona.



Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2749
Iscritto il: sabato 22 maggio 2010, 18:47

Re: Riflessioni e domande

Messaggio da mandi_ » domenica 2 febbraio 2014, 19:31

Me piase tantissimo el violin. Ho notato che quasi sempre (o sempre) il direttore d'orchestra stringe la mano del "primo violino", come per congratularsi. A volte all'inizio del concerto, di solito al termine.


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36482
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflessioni e domande

Messaggio da babatriestina » domenica 2 febbraio 2014, 19:37

Piereto ha scritto:e a le volte el se movi ondegiando fazendote venir el mal de mar.
c'erno anche quelli che saltavano sul podio.. o danzavano quasi, Celibidache...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1964
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Riflessioni e domande

Messaggio da Piereto » domenica 2 febbraio 2014, 19:43

Oren, Bernstein. Ghe iera anche de quei che no se sbraciava, sai castigai. De solito i diretori cher dirigeva Wagner, no credo per una question de musica quanto de durata.



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1964
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Riflessioni e domande

Messaggio da Piereto » domenica 2 febbraio 2014, 19:45

Quanto al sugeritor, qualche volta el ghe xe ancora ogi solo che el xe drio le quinte, pronto a darghe el sugerimento al smemorà de turno.



Nini Naridola
distinto
distinto
Messaggi: 1496
Iscritto il: domenica 10 giugno 2012, 17:32

Re: Riflessioni e domande

Messaggio da Nini Naridola » domenica 2 febbraio 2014, 19:54

El mio (illustre) antenato Giuseppe Scaramelli ga scrito nel 1811 el "Saggio sopra i doveri di un primo violino direttore d'orchestra". Che no go letto. Mi, ne la mia ignoranza musicale, go sempre pensà che la bacchetta del diretor derivi dall'archetto del primo violin che una volta iera lui a diriger.



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1964
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Riflessioni e domande

Messaggio da Piereto » lunedì 3 febbraio 2014, 10:56

Verità dita giusta (la bacheta deriva dall'archeto), ma xe una prolunga de la man. El diretor col bati, se ghe disi che el solfegia, cioè el fa capir al esecutor dove che el se trova all'interno de una misura. Per i profani la misura xe una porzion de rigo musical serada da do lineette suddividibile in raggruppamneti de note ciamadi movimenti. Eco el diretor bati i movimenti (xe una de le robe basilari che el devi saver far). Sicome che una volta i diretori rivava l'ultimo momento ( nel 1700 e fin a metà dell'800) , ieri el primo violin, dito anche de spalla, che el preparava l'orchestra. El maestro al cembalo preparava i cantanti. Ghe xe bachete curte come matite e bachete longhe. Me ricordo la bacheta de Aronovich, che iera un diretor russo sai bravo, longa una quarantina de centimetri. Quindi i gesti che el fazeva i iera per forza pici perchè sinò el se stancava o el podeva restar indrio col tempo. Xe anche diretori senza bacheta che preferisi diriger co la man destra, ma dopo un per de metri no se vedi più cosa che i combina, e per quel se pol diriger co le man picoli grupi musicali o i coristi.



Rispondi

Torna a “Musica clasica”