Pagina 2 di 2

Re: Riflessioni e domande

Inviato: giovedì 3 settembre 2015, 9:02
da Piereto
I me ga domandà (smpc) perchè xe l'oboe a dar el la all'orchestra. E mi parto de lontan per spiegarvelo. La ricerca de una intonazion comune almeno all'inizio de la sonada, xe dovuda ai diversi materiali impiegadi ne la costruzion dei strumenti che i se dilata causa le differenze de temperatura, e de umidità dell'ambiente. Mi son violinista, e al Verdi gaveimo adotà per intonarse ,tanti ani fa,e lo fazeimo un per un,un grosso diapason de metallo fisado su una cassa armonica. Po se doprava el la del oboe una volta entradi in sala. Comunque ogi ognidun pol accordarse ciolendo un la eletronico de riferimentodado da una machineta eletronica. Vedè i archi de una orchestra pol tirar su e zo l'intonazion de una corda sai facilmente mentre i fiati no. I tubi de cui i xe fati i ga una lunghezza prefisada. L'unica roba che permetti delle picole variazioni cioè disemo un la calante o crescente xe dada dal fatto de poder mover per i fiati legni l'ancia (qualche milimetro) e per i fiati de metallo de spostar el bochin. L'oboe xe sta scelto tra i fiati perchè xe un strumeento ad ancia molto antico. Se ciol come nota de riferimento el la, perche xe una nota centrale nell'estension del strumento. I fiati quando che i xe soli i preferisi cior el si bemolle per intonarse . Se volemo xe una picolezza più in su del la e xe una verità fisica che quando che i strumenti xe caldi , i fiati tendi a emeter suoni crescenti e i archi suoni calanti rispeto ad una nota de riferimento, e i esecutori xe ciamadi a coregerse.

Re: Riflessioni e domande

Inviato: giovedì 3 settembre 2015, 9:05
da sono piccolo ma crescero
Grazie.

Vita dura, insoma, per andar d'accordo. Come sempre co se xe in tanti.

Re: Riflessioni e domande

Inviato: giovedì 3 settembre 2015, 12:14
da babatriestina
un poco de profana... prima che entri el diretor, apunto, se senti i singoli de l'orchestra che come che sentivo dir" acorda i strumenti". po riva el diretor, aplauso, e taca maestro.
Ma ai concerti co no xe orchestra ma solo gruppi de solisti, che no riva el diretor, a volte, co i sona zerti pezzi moderni, no sempre noi profani capimo co i ga finido de acordarse e co ga cominciado el pezzo.. :cheezy_298:

Re: Riflessioni e domande

Inviato: venerdì 16 dicembre 2016, 8:31
da Piereto
Qualche giorno fa , per el gazetino rai, i gà fato propaganda sul fato che casa Ricordi gà averto on line el suo archivio. Mi me son dito : iera ora. Adeso ghe dago una ociada e forsi se pol scarigar qualcosa. Illusione :( perchè Ricordi xe una casa editrice musicale ede fogli musicali scarigabili nianche l'ombra. Solo per alcuni autori e in campo operistico una opera de scanerizzazion de tanti manifesti, figurini, scenografie de poder ammirar. Un bel catalogo de oltre 40000 partiture musicali drio autor o titolo dai inizi de casa Ricordi (qualchidun xe de fine 700) fin ai giorni nostri. No credo perciò che i gabi scanerizado ste 40000 partiture e anche se i gà el copyright su musiche de autori morti in sti ultimi 70 anni, e el copyright su nove ristampe, i fa un bruto favor alla diffusione e conoscenza musicale, lasando in cassaforte opere de autori morti prima de settanta annifa. Molte de ste opere po le xe stade mese in cassaforte per no farle circolar e farghe ombra ad altri autori.
L'archivio storico xe depositado alla biblioteca braidense de Milan e se ghe pol acceder solo de persona riempindo modulo e specificando el scopo de la consultazion e su appuntamneto. Niente on line.
Mi son in possesso de una partitura stampada da Ricordi de Raimondo Tominz fio del pittor, che el iera un bon pianista e anche compositor, ma che nol xe presente sul catalogo. Quindi no xe proprio tuto.
http://www.ricordicompany.it/