Canzoni triestine

dele canzoni triestine ai spettacoli de musica leggera che se tegniva e se tien a Trieste
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36482
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » martedì 10 ottobre 2006, 7:51

Al canto del cucù

L'inverno è già passato
l'aprile non è più
e magio è ritornato
Al canto del cucù

El cucù-el cucù
el cucù el cucù el cucù
El cucù-el cucù
el cucù el cucù el cucù
( var:te m'à fregà una volta- no te me freghi più)

La bela alla finestra
la guarda su e giù
la spetta el fidanzato
al canto del cucù

El cucù-el cucù
el cucù el cucù el cucù....

E l'ora già s'invola
l'amante non vien più
la bella se consola
la canto de cucù

L'aprile è ritornato
ma tu non torni più
ormai mi son stancato
e non t'aspetto più


Andando zo pel corso

E andando zo pel Corso -ai bai tu me la darai
in contro un bel flon flon- sigusela sigusòn
e mi ghe vado drio-ai bai..
geh pago una porzion- siguesela..
e co ghe pago el conto- ai bai..
la me peta un scarpon- sigusela..
E mi ghe coro drio- ai bai..
la beco in un porton- siguesela
e dopo nove mesi- ai bai-..
xe nato un bel masciòn-sigusela..

Chi è nato in gennaio

chi è nato in gennaio
si alzi, si alzi
chi è nato in gennaio
si alzi, si alzi in piè
e prenda il suo bichiere in man
e bevilo bevilo bevilo
e bevilo tuto d'un fià
( var per ogni mese- con la conclusione
E chi non è mai nato- perchè xe sempre qualchedun che imbroia :-D )
e op-sa-sa e op-sa sa

(xe la traduzion del tedesco
Wer ist in Januar geboren
steht auf steht auf steht auf) )

E chi che toca

E chi che toca - la mia morosa
sarà felice e fortunato

e chi che sposa la mia morosa
el sarà beco e bastonà

De Trieste fin a Zara ( varianti)

De Trieste fin a Pola
go lassà la mula sola

De Trieste fin Ragusa
go tentà, la xe andà sbusa

de Trieste a S Polaj
go impegnà un per de stivai

De Trieste fin a Viena
go lassà la mula piena

De Trieste a Basovizza
go basà la mula rizza

A Trieste con la bora
ti ho baciata per un'ora


e per fin un recente:

De Trieste fin Villesse
Go ciapado l'aidiesse



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36482
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » martedì 10 ottobre 2006, 8:22

El merlo ga perso el beco

El merlo ga perso el beco
come el farà a cantar?
Povero merlo mio
Come farà a cantar?

el merlo ga perso un ocio...
el merlo ga perso un'ala...

( xe la versione nostrana del francese
Alouette gentille alouette..)

El Coroneo ( versi ulteriori)

E la mia casa
Xe el Coroneo
E i Gesuiti xe el mio bel giardin

el piè de porco la fiama osidrica
xe i ernesi del mio bel emstier

El celulare xe la mia auto
el questurin xe el mio bel safèr

Elc oroneo xe la mia casa
e el secondin xe el mio bel guardian


La domenica andando ala messa

La domenica andando ala messa
accompagnata dai mie amatori
hanno saputo i miei genitori
monachella mi fecero andar

Pra adesso che son monachella
m'han rinchiusa fra muri e castelli
m'han tagliato i mie biondi capelli
giovanotti piangete con me

e se son palida

e se son palida
dei mii colori
no voio dotori no voio dotori

e se son pallida
come una strazza
vinazza vinazza e fiaschi de vin !

In un canton

In un canton
del scovazzon
xe l'amor mio

In un canton
del scovazzon
xe l'amor mio
andove sei tu?


In Piazza grande

In Piazza Grande
ghe xe un monumento
a Carlo Sesto
del Milleseicento ( eròr! el xe del 700)
Sufia el vento
sufia la bora
tuti i colombi geh svola de sora

( cussì mia mama: var ghe c*ga de sora- più realistico)

In Piazza Grande
caffè d ei Speci
xe quatro veci
che bevi el cafè

E co xe inverno
e sufia la bora
tuti i colombi ghe c*ga de sora

Se tuti i bechi
portassi un lampion
oh che magnifica illuminazion
Bechi de quà bechi de là
se no i xe bechi a Trieste no i sta

Hoila lerì loilalerà
senza la evla òa barca no va
( var: Femo l'amore che mama no sa)

Am sonntag am Prater
wo trinkt man viel Bier
es gibt schoene Maedchen
che fan divertie
Man isst Wiener Wuerstel
mit Send und mit Kren
Man tanzt follemente
man tanzt propio ben

Française midinettes
aui vont au boulevard
sont belles coquettes
che fan delirar
Mais del Apaches
tu dois faire attention
Che se i te beca
i te dà un stramuson

( la version ungherese no la so ben e poderia scrive spropositi:
Magyari Budapest
kora lihida ( o almeno sonava cussì)
Se te parli ungherese
te vien la pivida
Tokai....
po zradany. po znar ( sempre a orecia :?: )
se no te capissi va a farte spiegar
( imagino una variante più colorita qua)


Per la corida in Ispagna
i xe come mati
in mancanza de tori
i copa anca i gati
Torero don Diego
se fa mucho amar
perchè nol fa altro
che sbudellar

Quando mio pare
pestava mia mare
piattie careghe svolava per aria
E mi credendo che fussi alegria
in compagnai svolavo anca mi



refolo

canzoni triestine

Messaggio da refolo » martedì 10 ottobre 2006, 11:34

NESSUN!!!!!!!!!!! a Trieste, ga' presenta' o rapresenta' la citta', per le sue canzonette triestine e montagnare come el famoso..

CORO de ANTONIO ILLSBERG DI TRIESTE!

Maria aka Refolo



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36482
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » martedì 10 ottobre 2006, 11:41

Femo un topic aposta sui cori triestini?
te ne conti un poco de più del Coro Illesberg? el ghe xe ancora?
Mi go seguidi el coro de l'Alpina dele Giulie ( canti de montagna e canzoni triestine, un per de membri vegniva in gita e zo cantade in pullman- ma nei ultimi anni go avudo la sensazion che le cantade in pulman stia diminuindo) Un per dele canzoni che go riportado le gavevo sentide apunto nele gite CAI ( Alpina delle Giulie e XXX Ottobre).



Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » martedì 10 ottobre 2006, 12:33

babatriestina ha scritto:I Gobi ( original- prima dela variante "seconda guerra")

Gobo su pare, goba su mare...
e goba anche qualcossa de su sorella, me par che jera :-D



Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10912
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Messaggio da Nona Picia » martedì 10 ottobre 2006, 14:00

AdlerTS ha scritto:
babatriestina ha scritto:I Gobi ( original- prima dela variante "seconda guerra")

Gobo su pare, goba su mare...
e goba anche qualcossa de su sorella, me par che jera :-D

Disemo che iera" la fia de su sorela" come che se diseva ai miei tempi!
Ciao ciao :wink: :wink:



Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10912
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Messaggio da Nona Picia » martedì 10 ottobre 2006, 14:03

babatriestina ha scritto:Femo un topic aposta sui cori triestini?
te ne conti un poco de più del Coro Illesberg? el ghe xe ancora?
Mi go seguidi el coro de l'Alpina dele Giulie ( canti de montagna e canzoni triestine, un per de membri vegniva in gita e zo cantade in pullman- ma nei ultimi anni go avudo la sensazion che le cantade in pulman stia diminuindo) Un per dele canzoni che go riportado le gavevo sentide apunto nele gite CAI ( Alpina delle Giulie e XXX Ottobre).
Che mi sapio, el Coro Illesberg esisti ancora.
Ciao ciao



refolo

altre canzoni triestine

Messaggio da refolo » martedì 10 ottobre 2006, 15:12

Go' un disco unico..."intitola' TRIESTE CUSSI'COCOLA.

""Trieste ha una scontrosa grazia. Se piace.""
e come un raazaccio aspro e vorace, con gli occhi azzurri e mani troppo grandi
per regalare un fiore; come un amore per gelosia.
UMBERTO SABA.

Antonio Illsberg della societa' Alpin delle Giulie (CAI) di Trieste.

A la Patoca,
La mia bella se ciama Sofia
La vecia de L' Apalto
La povera Roseta
La strada ferata
Rosina
Dighe de no'!
Marinaresca
El Brustolin
Inno dei mati
El Mulo RICHELE!
che corrispondi al nome di Riccardo, l'indiavolato monello, ladruncolo, disturbatore di vecchie e velocita' olimpiche.
Incluse le vicende della mula dei oci de Sepa- il fatto di sangue di Antonio
Freno- e la smania di lusso de Gigeta Lampo!
Questo disco lo go' fatto vegnir dall'Italia in onor del coro vegnu' in Australia nel lontan 1967, fra cui ghe xe el fradel de Maria Flego, una nostra triestina del Club SAN GIUSTO -ALABARDA!
Xe una version alquanto de notevole importatnza, se senti el slancio de un brio euforico triestin.

Maria ak Refolo




Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36482
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » martedì 10 ottobre 2006, 15:19

AdlerTS ha scritto:
babatriestina ha scritto:I Gobi ( original- prima dela variante "seconda guerra")

Gobo su pare, goba su mare...
e goba anche qualcossa de su sorella, me par che jera :-D
credo che sia nela version postada de rofizal, mi no go riportado perchè sa tuti, ormai.
Però xe de distinguer do varianti: secondo mia mama , come la mama de nona Picia, xe sempre
Goba la fia dela sorella
e el ritornel comincia con Gobo su pare, goba su mare, nel senso che vol dir che tuta la famiglia iera gobba.
nel disco de Pilat, che ga fato storia nela canzon triestina, el ritornel sona:
Gobo tu' pare-goba tu'mare-goba la **** de tu'sorella
quindi no xe più una descrizion ma una forma de invettiva



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36482
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » venerdì 13 ottobre 2006, 10:06

E se le guardie..
( prima dela prima guerra- la cantava papà)

E se le guardie no vol che cantemo
noi cantemo, noi cantemo
E se le guardie no vol che cantemo
noi cantemo per farle arabiar

Cantemo, cantemo
e noi cantemo
e noi cantemo

Cantemo, cantemo
e noi cantemo
e noi cantemo per farle arabiar


Su una melodia molto simile, dei tempi de mia mama (anni 30)

E val meo..

E val meo la panza piena
che la morosa che la morosa
E val meo la panza piena
che la morosa
sul canapè



Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » venerdì 13 ottobre 2006, 12:53

babatriestina ha scritto:nel disco de Pilat, che ga fato storia nela canzon triestina, el ritornel sona: Gobo tu' pare-goba tu'mare-goba la **** de tu'sorella quindi no xe più una descrizion ma una forma de invettiva

Me son sempre domandado se voleva dir:

Goba quela stupida de tua sorella

oppur

Tua sorella ga la "cosina" gobba :-D :-D :-D :-D

tuti e due ga senso :P



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36482
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » venerdì 13 ottobre 2006, 13:17

Mi gavessi interpretado la seconda variante, visto che po continua con "iera goba anche quella iera goba anche quella", e quindi in quela famiglia i xe gobi anche de dentro! :-D



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36482
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » venerdì 4 maggio 2007, 9:35

e qualchedun se ricorda quela del re dei Cinesi?
la cantavava mama mia..

<mi me ricordo che la cominciava con

El re dei Cinesi gaveva un bel codin
...........
ma po el ciapa la piova e col torna col codin tuto bagnà- el ga ciapado le forbici e el se lo ga taià.

( A mi sto povero re dei Cinesi me fazeva assai passion che el ga dovudo taiarse el codin..:'-( )

No xe nela prima metà del secolo scorso che i se ga taiado el codin?



serenutis
naufrago
naufrago
Messaggi: 68
Iscritto il: giovedì 27 settembre 2007, 15:28
Località: Verona

Messaggio da serenutis » giovedì 8 novembre 2007, 10:20

fantastica sta racolta de canzoni triestine, zerte me ga fato tornar a mente bei momenti de cuando iero muleta.

cualchedun me iuta a ricostruir el testo de "Cavana" per favor? se la canta su la musica de Diana de Paul Anka, me par de ricordar che la storia conta de uno che rimorchia una prostituta in Cavana e sul più bel se rendi conto che xe sua mama...("...mola tuto, tira el sleif/e la luce go impizà/sì, sì, te son ti mia mama...")
una canzonaccia insomma, ma no priva de una sua ironia.

grazie
serena


"I get up. I walk. I fall down. Meanwhile, I keep dancing." - Rabbi Hillel

Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » giovedì 8 novembre 2007, 13:00

Me xe vignuada in mente una canzoneta de "una veciaza che se voleva maritar": chi se ricorda sta canzon ? :roll:



Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal » domenica 11 novembre 2007, 6:17

Stavo per rispobderte ma... la gavevo za mesa nela pagina precedente! :wink:

Comunque la version riportada la xe incompleta. Infati me ricordo che dopo se parlava anche dei denti che zinzola (ghe toca el primo, ghe zinzolava, toca el secondo, el scantiva.... ma no me la ricordo tuta).



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7322
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Messaggio da sono piccolo ma crescero » domenica 11 novembre 2007, 11:50

E ghe iera una veciazza ueh (2 volte)
la se voleva a maridar (2 volte)

E la va del sior curato ueh (2 volte)
perché 'l la possi a maridar (2 volte)

El ghe fa la visita in boca ueh (2 volte)
e 'l ghe trova tre denti sol (2 volte)

El toca el primo, el zinzolava ueh
toca el secondo, el scantinava ueh
el toca el terzo, 'ghe resta in man (2 volte)

Va via de qua bruta veciazza ueh (2 volte)
che gnanca 'l porco no te vol più (2 volte)

Se mi son una veciazza ueh (2 volte)
gnanca ti giovine no te son più. (2 volte)

Le parole xe quele che me ricordo mi e che cantavimo de muli. Go anche la musica, ma con parole un poco diverse. Se a qulchedun ghe interessa, che me fazi un fis'cio e meto l'imagine tirada su col sanner.



Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » domenica 11 novembre 2007, 13:45

Cussì la volevo leger ;--D



Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » mercoledì 19 dicembre 2007, 12:41

E STI MULI ARSENALOTI Canzon de fine ‘800

E sti muli arsenaloti
se pretendi machinisti,
l’altra sera li go visti
portar sachi de carbon
E le mule sartorele,
che le marcia in tachi alti
e ‘la sera le fa salti
de la fame che le ga!
E sti muli arsenaloti
i voria le sartorele,
ma co piovi no i ga ombrele
per poderle acompagnar

:-D


Mal no far, paura no gaver.

Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » sabato 29 marzo 2008, 22:26

rofizal ha scritto:
LA BORA
(La Nova Bora)
(Popolare)

I.

E anche el tram de Opcina
xe nato disgrazià:
vignindo zo per Scorcola
'na casa 'l ga ribaltà.
Bona de Dio
che iera giorno de lavor
e drento no ghe iera
che '1 povero frenador!
Savemo tutti che esisti numerose varianti zontade anche in tempi successivi alla canzon. Non gavemo mai parlado del testo in sloven, anzi, in sloven de Opcina per l'esattezza: mi un paio de parole le capisso, ma le righe che stago per scriver xe proprio dialettali. žlajfo xe el fren, e capisso che "Tone z Jerjevice" che saria el "povero frenador" el ga visto la morte in faccia (je vido bliz'k smrt). Uazo dovessi esser el ghiaccio (el suono "uo" xe molto ricorrente a Opcina).
Se qualchidun xe in grado de tradurlo nella sua interezza, sarà el benvignudo:

Jn t'de tramvaj uop'nske
ni žlajfo zmjer'm prou
je uazo duol po Škorkole,
je r'zdro an vogau
Tone z Jerjevice
je t'kr't u'sto hmale trd
ke žlajfe nejso primle,
je vido bliz'k smrt.

Nej piha ta burja,
nej žvižga naprej !
Če n's nej uodneslo,
nas ne bo še zdej.
Je pihalo zmj'rm
u't useh str'ni:
še zmj'rm smo ljete
jn še b'mo ble.


Mal no far, paura no gaver.

Rispondi

Torna a “Musica legera”