Pagina 4 di 6

Inviato: venerdì 31 ottobre 2008, 19:20
da babatriestina
Lassè pur che i canti e i subi- 1890 ( o 1893)
Parole di Giulio Piazza , pseudonimo Macieta musica di Silvio Negri.
la canzone venne presentata ad un concorso di canzoni popolari triestine al Politeama Rossetti ed ebbe gran popolarità, ovviamente soprattutto presso gli irredentisti.. :wink: :-D

Ma veniva ripresa per la melodia spesso anche nelle canzoncine del Campanon, ed è da là che la conosco, mentre il testo originale mi è stato insegnato in famiglia.

Al putel appena nato
A dir mama se ghe insegna
No'l sa gnente , ma el se inzegna
Mama, mama a borbotar

Se papà no basta o mama
el ghe agiungi vin e pan,
e co 'l pianzi opur co 'l ciama
sempre 'l parla in italian!

Lassè pur che i canti e i subii
E che i fazzi pur dispeti;
nela patria de Rossetti,
no se parla che italian!

Po sui banchi dela scola
scienze e lettere 'l impara
nela lingua la più cara
che se possi imaginar.

E una volta grando e forte,
la bandiera el spiegarà
per salvar fin ala morte
sta preziosa eredità.

Lassè pur che i canti e i subi..

Post subject

Inviato: sabato 8 novembre 2008, 7:03
da Coce
Ve ricorde' sta qua?
Ma perche, ma perche, ma perche
Amor mio non pesi a me?

Ma perche ma perche ma perche
Amor moi non pensi a me.

Te go dito tante volte, che no voio el fior in testa
Che quel giorno sia de festa, o de giorno de lavor

Ma perche ma perche ma perche
Amor mio non pesi a me?

Ma perche ma perche ma perche
Amor mio non pensi a me.

A tempo de Valzer Ciao Coce :-D

Re: Post Subject

Inviato: giovedì 25 giugno 2009, 22:22
da AdlerTS
babatriestina ha scritto: La brava Bamboschek la xe anche ela d’acordo come significato filosofico ma la disi che la canzoneta la xe del 1945.
Liliana Bamboschek presenta e libro "Carneval no stà 'ndar via" all'Orto Botanico venerdì 31 luglio 2009.

Inviato: giovedì 10 dicembre 2009, 13:00
da AdlerTS
Nel sito antiwarsongs.org tale Lorenzo Masetti ga avudo la bona idea de salvar el testo ed i commenti che gaveva fato el buon Kasteliz sul ns. vecio forum de Trieste Mia a proposito della version triestina de Lili Marlene:
Riprendo il testo di questa canzone triestina (da cantare sull'aria di Lili Marleen) dal forum del sito Trieste mia dove si trova anche questo commento, naturalmente in dialetto, di "Kasteliz".

«Come che te vedi la xe una canzon dei ani dela fame, ‘sai poco romantica.
Ai triestini sempre ‘sai ghe ga podudo le luganighe col cren...

A proposito de questo piato soprafino, tanto che zercavo le parole de Lili Marleen ala triestina, go trovado una cartuza con altri verseti germanico-triestini, con la data 1973, sarà stà de carneval, mi calcolo:

Ich bin die frische Lola
genannt Dietrich Marlen
mir smaecht ja Coca Cola
e luganighe col cren.

Ich bin l’Angelo Azuro
von dreissig jahre fà
und halte ancora duro
fin che la va, lava.

Ich bin in Televisore
jeden mercoledì
und mit del profesore
canto kirikiki.

Questa ultima strofa la xe un poco ermetica, chisà mai perché la cantavimo cusì. Che programa i dava ogni mercoledì? Boh.»

Quando che i tedeschi
Xe rivai a Rojan,
de le nostre tesere
ne ga cavado ‘l pan,
e no se trova più fasoi,
poveri noi,
cosa farem?
De fame morirem…
Con te… Lilì Marleen !

Soto la Defonta
Se stava tanto ben,
se magnava ovi
e luganighe col kren;
‘deso che i gnochi xe rivai
se magna poco
e squasi mai.
Lerai, semo fregai!
Con te… Lilì Marleen!

Prima dela guera
Stavimo ‘sai ben,
magnavimo capuzi
e luganighe col kren,
inveze adeso a lavorar
ne toca andar
senza magnar,
cusì ne morirem
con te… Lilì Marleen!

Fora se la caserma
Stemo ad aspetar,
co’la pignata
un poco de magnar.
Gnanca ai soldai
No i ghe la dà più
E li fa star
Sempre a digiun,
cusì ne morirem
con te… Lilì Marleen!

Quando a mesogiorno,
stanco del lavor
mi torno a casa,
i me canta el "Trovator",
per zena monto in tranvai
e vadu su
de i sfratai
con te… Lilì Marleen!
Con te… Lilì Marleen!

Se sero i oci
Me par de magnar
Come una volta polenta e bacalà,
ma co li verso vedo che
no ghe xe più
gnanca ‘l cafè,
la guera vinzerem!?!
Con te… Lilì Marleen!?!


:-D :-D :-D

Inviato: sabato 12 dicembre 2009, 22:32
da Elisa
.......mica malvagia! :lol: :lol: :lol:

Magneremo Zuf

Inviato: domenica 24 gennaio 2010, 11:07
da ernesto93
questa xe la versiòn che me xe rivada a mi:

Cara mamma semo riciamadi
per la TODT ne tocca lavoràr
semo come cani bastonadi
e i gnocchi i ne farà marciàr

magneremo zuf

ein zwei!

carote e pomidori
dimagriremo noi
come tanti bacalà

oili oilà

moriremo, nein!
vivaremo, ja!

fin che i gnochi
anderà a farse ciavàr

guasi se no

la marcia tedesca che vien parodiada, xe "englandlied", per chi no se ricorda la musica: http://www.youtube.com/watch?v=RxtaT9jDWF0

la vigniva cantada dai triestini che lavorava per la Todt e anche da quei dela guardia civica, quando che i se trasferiva de un posto a un altro, perchè ai gnochi ghe piaseva che la gente catassi quando che i marciava. Solo che no i se acorzeva che i muli li ciolèva pel cùl.

Re: Post Subject

Inviato: giovedì 30 maggio 2013, 15:43
da babatriestina
babatriestina ha scritto:
Coce ha scritto:Perusando le canzoni Triestine go osserva' che ghe mancava la famosa
VIVA LA' E PO BON. Qualchedun ga dito che sta canzon provien da
Carpinteri-Faraguna nei ani 70, ma mi son sicuro che Angelo Cechelin la ga presentada al publico nel mezo dei ani 40, mi iero un assiduo frequetator al Filodramatico in quel tempo e me ricordo ben quanto popolare la canzon xe vegnuda imediatamente. Ciao Coce :-)
go domandado a un esperto esterno al forum su sta canzon, e el me ga dado le seguenti informazioni, che riporto, ringraziandolo tanto:


xe due le canzonete dove che se canta el verseto ….e viva là e po’ bon…

1)

E viva là e po’ bon:
xe questo ‘l moto triestin.
Che la vadi ben,
che la vadi mal,
sempre alegri, mai pasion
viva là e po’ bon.

La mia biondina me ga lasà
Oh che pecà, oh che pecà!
La xe telada senza saver:
la xe andà star con un vecio baloner…

E viva là e po’ bon:

El bon Sancin el scrivi: “ E’ una canzone che sta nella leggenda, non molti sanno che è stata composta nel 1949 da Gigi Borsatto. Tanta popolarità ha conquistato nel frattempo, che le varianti, sia nella melodia che nel testo, non si contano più. Ciò spiega l’identità ideologica tra il testo di questo brano e la visione di vita di molti triestini. In questi versi sembra racchiusa tutta la filosofia dei triestini. Ecc. ecc.”

de le Segnalazioni del Piccolo de tempo fa, la nipote de l'autor scrivi:
Immagine

Re: Canzoni triestine dal vecio forum

Inviato: giovedì 11 settembre 2014, 13:52
da babatriestina
eresuta da un blog

TERESUTA


Xe gavèmo incontrado per fatal combinaziòn
mi imbriago ela disfàda nel giardin dela staziòn.
Dopo un mese la sposai , me ricordo un venerdì
su dei frati sèmo andai mi imbriago ela in candì.

Pena fora dela cièsa in gostilna sèmo andai
la sera mi e Teresa, tuti carighi e disfài.
Oh, Teresuta ti te ieri un miragio
l'ocio de vetro e la gamba de fagio,
altri difeti ti no te gavevi
ma te bevevi, ma te bevevi.

Ghe pasavo un bon mensile che la fazi de magnar
ma sta bruta imbriagona la me andava zò a ciuciar.
Dopo averme sbagazàdo per trincar anche el paion
con un altro petesèr la xe 'ndada a Monfalcon.

Una sera te la trovo proprio in zima del canal,
distirada iera in tel molo, soto el lume de un feràl.

Ghe gò ligado una piera sul colo
la gò butada a 3 metri dal molo,
là in te l'acqua un cocàl la pareva
e la beveva, ssai la beveva.

Iera tuta la contrada a quel tristo funeral,
iera el sinter de Gropada co la banda comunal,
proprio in zima del corteo iera 4 papagai
che cantava a squarciagola l'ino dei alcolizai.

Mi contrito dal dolore me gò fato un biberon
con dò litri de verona pò me son ficà in paion.

Oh, Teresuta, ti te son in paradiso
più non vedrò il tuo angelico viso
e pel dolor bevo come un imbuto
ma bevo nero perchè son in luto.

Pel dolor e pel rimorso mi no bevo squasi più
e se anca bevo un sorso sento un gropo che vien su
no poder andar de trita me fa come un crepacuor
per saver una de drita son andado del dotor.
Dopo averme visitado per davanti e per da drè
el dotor me gà ordinado de contar fin 33.

"Su giovinoto contatemi tuto"
mi fa e mi dice il dotor Canaruto
"ogi la scienza ogni mal la rimedia."
Ghe gò spiegado la mia tragedia.

Ma col tempo tuto pasa e pasà xe anche el dolor
diese giorni iero in cassa e torna son sul lavor.
Son un giorno capitado per fatal combinazion
imbriago e anche disfado nel giardin dela stazion.

Distirada sul mureto, chi te vedo, la Flonflon
el mio amore de muleto, co no iero imbriagon.
Ghe gò butado i brazi sul colo
e a far l'amor semo andadi sul molo
e da quel giorno no son più nervoso
e bevo bianco perchè me sposo.

Re: Canzoni triestine dal vecio forum

Inviato: giovedì 11 settembre 2014, 15:43
da Piereto
Le parole de Teresute xe proprio sai azecade, ma pecà che no la gà avù una grande difusion discografica a causa del copyright su una canzon proprietà de altro autor e con altro testo.

Re: Canzoni triestine dal vecio forum

Inviato: giovedì 11 settembre 2014, 15:57
da babatriestina
in effetti la musica xe de "Come pioveva"

Re: Canzoni triestine dal vecio forum

Inviato: giovedì 11 settembre 2014, 18:07
da Nini Naridola
La canzon "Come pioveva" ga più o meno un cento anni: i ghe xe un copyright per tuto sto tempo?
... e za che parlemo de piova ... rispondo qua a Mandi (o Elisa?) su la canzon dei alpini "La sentinella" (era una notte che pioveva...):- anche quella gga un zento anni però no so se la xe trentina (sicuramente la xe de la prima guera)

Re: Canzoni triestine dal vecio forum

Inviato: giovedì 11 settembre 2014, 19:31
da babatriestina
Nini Naridola ha scritto:La canzon "Come pioveva" ga più o meno un cento anni: i ghe xe un copyright per tuto sto tempo?
se xe 70 anni dela morte del autor..

Re: Canzoni triestine dal vecio forum

Inviato: giovedì 11 settembre 2014, 19:45
da Piereto
Pol eser anche più de 70 ani, perchè nel fratempo la pol eser stada aquistada da l'editor che rinova el suo copyright. Per esempio molighe el fil che svoli, che saria wien bleibt Wien de Schrammel pur esendo una composizion de prima del 900, se te la soni te devi pagar la SIAE.

Re: Canzoni triestine dal vecio forum

Inviato: giovedì 11 settembre 2014, 19:49
da Piereto
Per far una altro esempio ghe xe tante bele canzoni dei ani trenta che rientra tra i evergreen de cui l'autor xe morto e stramorto da più de 70 ani, ma i diritti de autor xe pasadi all'editor, e nol le mola perchè se te le soni te devi posar. Po ogni tanto se sveia qualchidun e el fa le sue variazioni o e le riorchestra e eco che la canzon vecia diventa come sua e te devi pagarghe i diriti. Eh la SIAE.

Re:

Inviato: lunedì 15 dicembre 2014, 19:50
da babatriestina
babatriestina ha scritto:
serlilian ha scritto: Pecà no gaver tuta la canzon.
la troveremo, ghe xe anche una ultima strofa a lieto fin, dopo Teresuta el ritrova el primo amor
finalmente go trovado quel che gaveva fato un filmeto al riguardo e diseva che gaveva zontado lu el final.
Argeo Bozzi, del ircolo cinematrografico triestino.
E go trovado anche el filmetto,s u youtube

http://youtu.be/w8nOjWlEp_4


Re: Canzoni triestine dal vecio forum

Inviato: mercoledì 17 dicembre 2014, 8:51
da Piereto
Brava BT, no conosevo l'ultima strofa, e el filmato ne fa veder scorci de una Trieste dei ani 70, resti del diurno, canal senza molo curto, inail de farneto come ospedal.

Re: Canzoni triestine dal vecio forum

Inviato: venerdì 17 aprile 2015, 17:09
da Giulia scorcolana
Bentrovadi a tuti quanti.

Passo poco de qua e me dispiasi 'ssai perché reputo questo un dei più bei forum che ghe sia.

Me scuso inanzitutto per esserghe raramente, fazo i complimenti de cuor e sinceri per le canzoni e canzonete postade fin qua, se grandi, certe strofe no me le ricordavo e però son vignuda a zercar una canzon vecia vecia, che gaveva vinto el festival dela canzon triestina nel 1896, e fra queste che gavè postà no la go vista.

Me piaseria trovar el testo intiero de qualche parte perché mi no me lo ricordo tuto:

SI SI... TRIESTE...

Ghe go dado una piada ala tavola,
go roto el bicer e la cichera,
la iera tropo picola,
la iera tropo picola,
ghe go dado una piada ala tavola,
go roto el bicer e la cichera,
la iera tropo picola...
...per far l'amor con mi.

Si...si... Trieste, mi te amo sempre,
amo i tui fiori e li go sul cuor,
qua go la cuna, qua go la tomba,
viva Trieste tera d'amor.
Si...si... Trieste, mi te amo sempre,
amo i tui fiori e li go sul cuor,
qua go la cuna, qua go la tomba,
viva Trieste tera d'amor.

:doh_143: (e qua me perdo per la seconda strofa purtropo)

De San GIusto in Rena vecia...
.....
...quatro muri de forteza circondava la cità
....
...ma el fior fior dela beleza mai nissun ne ruberà... :doh_143:

Si...si... Trieste, mi te amo sempre,
amo i tui fiori e li go sul cuor,
qua go la cuna, qua go la tomba,
viva Trieste tera d'amor.
Si...si... Trieste, mi te amo sempre,
amo i tui fiori e li go sul cuor,
qua go la cuna, qua go la tomba,
viva Trieste tera d'amor.


Xe qualchedun che se la ricorda o la scrita de qualche parte?
Me piaseria tanto trovar el testo intiero.

Grazie anticipà a tuti. :clapping_213:

Re: Canzoni triestine dal vecio forum

Inviato: venerdì 17 aprile 2015, 19:15
da sono piccolo ma crescero
Anche Roberto Starec nel suo Canzoniere triestino ed. Italo Svevo riporta solo quel che te scrivi ti. No porta una seconda strofa.

Però no'l la dà come de autor e vincitrice de un festival: el scrivi "Raccolta da Noliani, informatore anonimo".

Re: Canzoni triestine dal vecio forum

Inviato: venerdì 17 aprile 2015, 19:44
da Giulia scorcolana
Ecolo, e mi me la ricordo propio dai tempi de scola, che ne la gaveva insegnada Noliani che gavevimo per maestro de musica.

Dopo la gavevo anche su un lato de un disco a 45 giri cantada da una cantante triestina famosa ma no me ricordo el nome 'desso qua su do pie.

Per questo la conossevo ben, ma no me ricordo la seconda strofa, me stago strucando el zervel da stamatina, che tra un poco el vegnerà fora tipo come dal strucapatate pronto per far gnochi.

Re: Canzoni triestine dal vecio forum

Inviato: venerdì 17 aprile 2015, 20:22
da babatriestina
doveria provar a zercar su quel canzoniere triestino che gaveva regalado el Piccolo tanti anni fa...