Vece canzoni triestine (solo testo), sconosude ai più.

dele canzoni triestine ai spettacoli de musica leggera che se tegniva e se tien a Trieste
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
LELA
citadin
citadin
Messaggi: 817
Iscritto il: martedì 3 marzo 2009, 18:32
Località: Sondrio (SO)

Messaggio da LELA » domenica 5 aprile 2009, 0:37

Bonasera Adler, orca pipa rota, se me dispiasi de no' gaver seguido el TG1, comunque te asicuro che - almeno a mi - no' me risulta che ghe esisti altre canzonete popolari intonade sula musica de Parenzo. Ma, indove se svolgeva sta manifestazion de protesta?
Me intereserìa 'sai saver, parché a mi la Musica Folcloristica la me piasi tuta - logicamente quela triestina me piasi de più parchè "son de parte" - comunque ghe ne gò sentide altre, de altre region 'taliane che le gaveva, se no' tuta la musica, almeno qualcosa: o la musica del ritornel, pitosto che l'ataco o altro ancora, che ghe somejava a quele de Trieste, in fin dei conti le note xe sempre e solo che quele e, come sucedi par altri tipi de musica, pol suzeder naturalmente anca che in ste quà salti fora robe come quele a cui te gavevi acenado ti. Perfin quà a Sondrio ghe ne esisti qualcheduna co' ste "prerogative" - infati gò anca tanta Musica Folcloristica de quà: la musica la me piasi tuta, dala Lirica, pasando al Naw Age, a quela Etnica, ala Celtica, ala Musica Legera 'sai vecia e anca qulcheduna de "relativamente più nova" - nel senso che se la senti ancora trasmeter par radio - la musia Sinfonica ecc., nò tuta necesariamente in sto ordine - infati gò 'na racolta de dischi de vinile, de casete e anca de CD pitosto ecletica; l'unica musica che no' me rivo far piaser xe el Jazz, a parte quel de Luis Armstrong: no' lo capiso!
Magari doman i farà veder 'ncora qualcosa de stà menifestazion sindacale e, se son fortunada, proprio el toco che me interesa.
Grazie comunque par l'informazion Adler.
'Naltra roba volevo chiederte: visto che par le canzoni, le rizete e par altri testi un fià longhi, dopro Word e po' el copia /incola e te asicuro che ricontrolo tuto 'sai ben, sia prima, ma soratuto dopo, parché - come te savarà meio de mi - doprando sto metodo xe fazile che qualcosa nel pasagio el risulti cambiado.
Par quel che riguarda i post, me dispiasi se risulta qualche eror, ma pazienza; mentre par quel che riguarda le "canzoni", i "mii pensieri" che qualchedun ciama pomposamente "poesie", stà roba me dispiasi e anca 'sai. Se vedi che in tel breve tragito che i post fà co' fraco l'invio qualcosa se perdi o risulti cambiado; stasera, par esempio legevo ste vece canzoni triestine e in quela intitolada "La biancolina" l'inizio dela prima strofa inveze che de "Zinque gradi soto zero..." disi "Cinque gradi sto zero...", opur in un'altra el ritornel no'l risulta tuto in "corsivo" come che lo gavevo postado mi, ma solo a metà e altri stupidezi del zenere: ma - putropo - son pitosto "pignola" in zerte robe (altro mio difeto che salta fora, pian pian - gò dito mi - salterà fora tuti i mii 1.001 difeti) e me dispiasi no' poderle coreger! Domanda: cosa se pol far?
Se te gà gavudo la pazienza de lezerme fin in fondo te ringrazio de cuor e ancora de più se te poderà darme 'na risposta.

Ciau Adler, con simpatia, Lela.


Il vero "giusto" è colui che si sente sempre per metà colpevole dei misfatti altrui!

Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » domenica 5 aprile 2009, 20:53

A parte el fatto che noi moderatori semo sempre disponibili a modificar testi già scritti, sia su richiesta visibile che su richiesta in messaggio privato, resta el fatto che anche mi quando go de scriver robe 'sai longhe preferisso scriverle "fora del forum" e dopo con un copia/incolla le porto dentro.
El Word ga el problema che spesso el cerca de indovinar cossa te volevi scriver, ma siccome non el parla dialetto el crea un poca de confusion: per questo se devo prepar qualcossa preferisso el "blocco note" o "notepad" de Windows che non ga formatazion o coretor ortografico, per cui scrivi solo quel che te ga realmente scritto ti. :wink:
La manifestazion jera quel dela Cgil a Roma.


Mal no far, paura no gaver.

Avatar utente
LELA
citadin
citadin
Messaggi: 817
Iscritto il: martedì 3 marzo 2009, 18:32
Località: Sondrio (SO)

Messaggio da LELA » lunedì 6 aprile 2009, 0:19

Grazie in finite "par la drita" Alder, te asicuro che no' che gavevo mai pensado, gavendo doprado sempre el PC più che altro come strumento de lavor me faseva comodo che Word cercasi de coregerme le parole che, par erori de batidura, podeva eserghe nel testo.

Rix7ciau, Lela.


Il vero "giusto" è colui che si sente sempre per metà colpevole dei misfatti altrui!

Avatar utente
LELA
citadin
citadin
Messaggi: 817
Iscritto il: martedì 3 marzo 2009, 18:32
Località: Sondrio (SO)

Messaggio da LELA » lunedì 6 aprile 2009, 1:15

Ecove 'na nova "vecia" canzon triestina:

LA RIBOS E MAFFEI
(Canzon popolare)

In piaza San Giovani
xe stado fato un gran delito:
i gà mazado Enrico
la Ribos e Maffei.

La xe rosa de cavei,
petenada ala Duse Chechi (l'attrice Eleonora Duse, maritata a Teobaldo Checchi, suo compagno d'arte)
e davanti la gài rizeti
par comparirghe al suo Maffei.

Lù 'l xe palido de ziera,
el xe biondo de mustaceti
e 'l gà scrito sui coleti
"asasin dela zità".

E Mosetig xe stà invitado,
la ghe ofri la caregheta;
lù ghe disi: "Cara Marieta,
no' la se stìa a disturbar!"

La lo ciapa a brazocolo
la ghe disi do parolete
e framezo le sue piete
la gaveva el rasador...

Mimì Rosa dame un baso
che ala forca mi toca 'ndar!
Ma se ti te me volevi ben
no' te me gavesi abandonà!

No te vedi che l'albero pendi
e le foje le va, le va?
E la Ribos xe 'ndà in galera
e Maffei i lo gà impicà.

E Maffei xe stà impicado
e la Ribos vinti ani:
'sti quà xe i bei guadagni
che ghe toca a la zoventù!

"Questa ballata tipica dei cantastorie, appare in varie versioni e nell'ultima strofa crea una contaminazione con un canto popolare di origine lombarda o veneta ("No te vedi che l'albero pende?").
Il fatto di sangue avvenne nel 1887: Maria Ribos, soprannominata 'Mimì Rosa', e il suo amante Vittorio Maffeiattrassero in casa ed uccisero Enrico Mosettig."

Ciau a fra poco, Lela.


Il vero "giusto" è colui che si sente sempre per metà colpevole dei misfatti altrui!

Avatar utente
LELA
citadin
citadin
Messaggi: 817
Iscritto il: martedì 3 marzo 2009, 18:32
Località: Sondrio (SO)

Messaggio da LELA » lunedì 6 aprile 2009, 1:40

E mi vado 'vanti:

DIMELO, DIMELO, DIMELO
(Canzon popolare)

"Dimelo, dimelo. dimelo,
di che contrada sei?"
"Son de la Madonina
son dela Madonina"
"Dimelo, dimelo, dimelo,
di contrada sei?"
"Son dela Madonina
numero ventisei."
Pim, pum, pa,
lasa là,
ladra de la zivola!
Pim, pum, pa,
lasa là
ladra de bacalà!
Brava la sesolota,
brava de far paneti,
brava de far corneti,
brava de far l'amor!
Brava de lavorar,
brava de sopresar,
brava de lavorar,
brava de far l'amor!
La xe bela, la xe bona,
la se sposarà,
oilalalila, oilalalà
La xe bela, la xe bona,
la se sposarà
Oilalalilalà!
Pim, pum, pa,
lasa là,
ladra de la zivola!
Pim, pum, pa,
lasa là,
ladra del bacalà!

Ri-ciau a presto, Lela.


Il vero "giusto" è colui che si sente sempre per metà colpevole dei misfatti altrui!

Avatar utente
LELA
citadin
citadin
Messaggi: 817
Iscritto il: martedì 3 marzo 2009, 18:32
Località: Sondrio (SO)

Messaggio da LELA » lunedì 6 aprile 2009, 2:08

De sta canzon - che forsi la sarà un fià più nota dele altre - ghe ne esisti diverse versioni, comunque stà quà xe la version originale, subito dopo metarò 'naltra verson solo de poco più "moderna":

A LA "MADALENA"
(Canzon popolare)

(Tute le strofe le và ripetude do volte)

E sono entrata in ospedale
co'l furgone municipale,
e la sortita la voglio fare
co' l'impresa del capelan.

La prego tanto, signor dotore,
ma de dirme la malatia!
Il tuo male, picina mia,
il tuo male è la tebecè.

La prego tanto, signor dotore,
de cambiarme la medicina,
e che le sponte le me rovina...
Fero-china me fà 'sai ben!

E ma prima de la mia morte
voglio fare una rica zena,
invitar tuta la "Madalena",
l'infermiere e anche lei, dotor!

"Dialogo tra un dottore del noto ospedale ed una giovane ricoverata affetta da tubercolosi e prossima a morire. La 'tebecè' è la TBC, la tubercolosi; il 'fero-china' è un liquore tonico."

Ciau, son de novo quà "imediampresto", Lela.


Il vero "giusto" è colui che si sente sempre per metà colpevole dei misfatti altrui!

Avatar utente
LELA
citadin
citadin
Messaggi: 817
Iscritto il: martedì 3 marzo 2009, 18:32
Località: Sondrio (SO)

Messaggio da LELA » lunedì 6 aprile 2009, 2:17

Come ve gò dito prima, esisti più versioni dela canzon che gò postado prima de questa; un’altra version in mio poseso xe stà quà e ve la riporto:

A LA MADALENA

(Tute le strofe de stà canzon le và ripetute 2 volte)

Ma la prego, signor dotore,
el mio male, che male xe?
Si dia coraggio, mia signorina,
il suo male è tebezè.

Grazie tanto, signor dotore,
dela sua sinzerità,
E gnente, gnente, signorina,
devo dire la verità.

E la prego signor dotore,
de cambiarme la medizina,
perché le sponte le me rovina,
fero-china me fa ‘sai ben.

Il mio male va sempre grave,
pei dolori sono sfinita,
e a fianco al prete che mi asiste
io mi tocherà morir.

E avanti di morire
Voglio fare ‘na grande zena
E invito tuta la Madalena
E anche lei, signor dotor!

Ri-ciau, a presto, Lela.


Il vero "giusto" è colui che si sente sempre per metà colpevole dei misfatti altrui!

Avatar utente
LELA
citadin
citadin
Messaggi: 817
Iscritto il: martedì 3 marzo 2009, 18:32
Località: Sondrio (SO)

Messaggio da LELA » lunedì 6 aprile 2009, 2:31

'Ncora un'altra canzon, mi speto sempre che qualchedun me disi se ne riconosi almeno qualcheduna:

SPUNTA IL SOLE
(Canzon popolare)

Spunta 'l sole a la matina,
il tamburo l'è già suonà.
Bela, non piangere se parto via,
al mio ritorno ti sposerò...

Dammi un riccio d'i tuoi capelli,
che portarli li voglio con me;
e allora io mirerò quelli,
quando lontano sarò da te.

Forse tu piangi la mia patenza,
e notte e dì non ti scorderò!

"In questa canzone, scritta quasi totalmente in lingua italiana risulta evidente la contaminazione con qualche canzone popolare di altra regione."

Ancora ri-ciau, mi no' son 'ncora stufa par stanote e voi?
Be', se se proprio stufi fè un saltin a lezer qualcosa de altro, Lela.


Il vero "giusto" è colui che si sente sempre per metà colpevole dei misfatti altrui!

Avatar utente
LELA
citadin
citadin
Messaggi: 817
Iscritto il: martedì 3 marzo 2009, 18:32
Località: Sondrio (SO)

Messaggio da LELA » lunedì 6 aprile 2009, 2:48

Mi continuo come promeso:

TUTE 'STE NOTI
(Canzon popolare)

E tute 'ste noti che vado cercando,
che vado cercando, morosa inocente!
Guai se ti trovo con qualche studente:
e giù dale mura io ti voglio getar!

Ma quel fazoleto che mi te gà dà,
moreta, lerà, tu lo devi pagar!
Lo devi pagare con sangue e sudor,
moreta d'amor, tu lo devi pagar!

E se volè vederle,
le xe sul puntal de Rena.
Le xe tute senza zena,
no le fa che criticar.

E ciumbalerilelà,
in malora lo gò mandà!
E ciumbalerilolaileile!
E ciumbalerilelà,
in malora lo gò mandà!
E ciunlalarilolalà!

Ciau, ciau, Lela.


Il vero "giusto" è colui che si sente sempre per metà colpevole dei misfatti altrui!

Avatar utente
LELA
citadin
citadin
Messaggi: 817
Iscritto il: martedì 3 marzo 2009, 18:32
Località: Sondrio (SO)

Messaggio da LELA » lunedì 6 aprile 2009, 2:59

Par stasera stà quà se l'ultima, po' ve laso in pase:

VADO IN GAIRDIN
(Canzon popolare)

Vado in giardin,
trovo el piacer:
faccio l'amore
col giardinier!

"O giardinier,
non mi tradir!
Son verginella,
posso a morir!

Posso a morir,
posso a restar..."
"Tre ani in carcere
me toca far!"

Come se pol fazilmente notar anca in stà canzoneta se trova diverse "contaminazioni".

Bona note a tuti, con simpatia Lela.


Il vero "giusto" è colui che si sente sempre per metà colpevole dei misfatti altrui!

Avatar utente
LELA
citadin
citadin
Messaggi: 817
Iscritto il: martedì 3 marzo 2009, 18:32
Località: Sondrio (SO)

Messaggio da LELA » martedì 7 aprile 2009, 2:54

Stasera ghe ne meto 'ncora qualcheduna: ve ricordè quala che e la mia speranza?

NEVIGA LE MONTAGNE
(Canzon popolare)

Neviga le montagne,
cade la biancolina,
l'inverno s'avicina,
no' se pò travaiar (lavorare, dal francese travailler).

Co' le catene ai piedi
me trovo incarcerato.
Vojo a dimandarghe altro:
se questo è 'l mio sofrir,
in carcere morir.

Son soto i tui balconi,
son distirà sui sasi.
Butime zò i stramazi,
che dormirò più ben!

Ciau, torno fra un poco, Lela.


Il vero "giusto" è colui che si sente sempre per metà colpevole dei misfatti altrui!

Avatar utente
LELA
citadin
citadin
Messaggi: 817
Iscritto il: martedì 3 marzo 2009, 18:32
Località: Sondrio (SO)

Messaggio da LELA » martedì 7 aprile 2009, 3:07

Ecome quà de novo, ve gò dito che tornavo!

TE GO' DITO TANTE VOLTE
(Canzon popolare)

Te gò dito tante volte
che no' vojo fiori in testa,
sia de zorno, sia de festa,
sia de zorno de lavor!

Ma che colpa ghe n'ò mi,
se son bela par natura,
se do rizi par figura
me li fazo tuto 'l dì?

Te gò dito tante volte
che no vojo fiori in testa!
Tuto 'l zorno a la finestra,
sempre a far chichirichì!

Cara mama compatime
ma stavolta ve rispondo:
la più bela roba al mondo
maridarse al suo piazer!

Ciau, ciau, Lela.


Il vero "giusto" è colui che si sente sempre per metà colpevole dei misfatti altrui!

Avatar utente
LELA
citadin
citadin
Messaggi: 817
Iscritto il: martedì 3 marzo 2009, 18:32
Località: Sondrio (SO)

Messaggio da LELA » martedì 7 aprile 2009, 3:25

Stà quà xe l'ultima par stanote e, forsi, qualchedun la conoserà:

LE MULE DE MODIANO
(Canzon popolare)

Le mule de Modiano
e le se senta su la colona,
e le bastema la madona
e dela fame che le gà.

Ritornel:

Va in maloron,
va in maloron le sartorele! (queste prime due righe vanno ripetute tre volte)
Va in maloron, va in maloron,
va in maloron de tu' paron!


Le mule de Modiano
e le se senta sul mureto
e le se varda in t'el speceto
che bel buseto che le gà.

Ritornel.

Le mule de Modiano
e le pretendi de eser bele
e le destuda più candele
che no' el nonzolo su l'altar!

Prima de tuto chiedo scusa par la tersa riga dela prima strofa, d'altro canto la canson la disi cusì e po' volevo farve notar la maliziosità de sta canzoneta, sempre cantada da mule che lavorava.

No' ve saludo 'ncora, gò pensado ben de meterghene ancorauna, Lela.


Il vero "giusto" è colui che si sente sempre per metà colpevole dei misfatti altrui!

Avatar utente
LELA
citadin
citadin
Messaggi: 817
Iscritto il: martedì 3 marzo 2009, 18:32
Località: Sondrio (SO)

Messaggio da LELA » martedì 7 aprile 2009, 3:46

Xe suserio l'ultima:

O MEIN LIEBER AUGUSTIN
(Canzoneta popolare)

O mein lieber Augustin (mio caro Agostino)
'ndo' te va co' l'ombrelin?
In der Luft (in aria) ohne Paprika! (senza peperone)
Paradais (Paradiesapfel = pomodoro) ghe tiremo sul capel!
O che bel!

"Rielaborazione popolare del 'Fliegermarsch' (Marcia dell'Aviazione) di Hermann Dostal."

Basta, basta, no steve a tapar le rece, fin a doman dopo mezogiorno ve laso in pase! Parola di "Piccola Guida".
Ciau a tuti sempre con simpatia, Lela.


Il vero "giusto" è colui che si sente sempre per metà colpevole dei misfatti altrui!

Avatar utente
LELA
citadin
citadin
Messaggi: 817
Iscritto il: martedì 3 marzo 2009, 18:32
Località: Sondrio (SO)

Messaggio da LELA » mercoledì 15 aprile 2009, 1:37

Ciau ciau a tute/i xe del 7 de april (parciò 'na setimana) che quà no' meto gnente, alora stasera zerco d rimediar.

VOJO 'NDAR SUL'ALTE MONTAGNE

Vojo 'ndar sul'alte montagne
a sentir cantar i usei,
canarini e po' fringuei,
Ogni speze de qualità!

Non te vedi che l'albero pendi
e le foje le casca zò? (sta strofa me ricorda una
dela canzon "La Ribos e Maffei")

Per contentar ste femine
ghe vol la zoventù!

Come bala ben quela là sul sofà! (altra strofa che
ricorda 'naltra canzon)

Ancora quatro salti,
le suste in malora andarà.

Torno dopo, Lela.


Il vero "giusto" è colui che si sente sempre per metà colpevole dei misfatti altrui!

Avatar utente
LELA
citadin
citadin
Messaggi: 817
Iscritto il: martedì 3 marzo 2009, 18:32
Località: Sondrio (SO)

Messaggio da LELA » mercoledì 15 aprile 2009, 1:41

No' ghè gò meso tanto, xe vero?

QUANDO EL MORETO

Co' el moreto
a la sagra lù 'ndava,
e la pistoleta
in scarsela 'l portava.
Ma lù se zirava,
ma lù se voltava
e dela paura
ma di eser tradì.
Co' el moreto
me vien a trovr,
e tuto 'l mio sangue
se jaza in te le vene.
O cara mama,
me trovo 'sai in pene
co' el moreto
lù el me vien abrazar!
Indove xe ogi
che mi no lo vedo?
Sarà morto de fredo
e in qualche canton?
Ma lù sarà a Muja
che 'l zoga le carte:
e sta qua xe l'arte
e che lù ga imparà!

Ri-ciaux2, Lela.


Il vero "giusto" è colui che si sente sempre per metà colpevole dei misfatti altrui!

Avatar utente
LELA
citadin
citadin
Messaggi: 817
Iscritto il: martedì 3 marzo 2009, 18:32
Località: Sondrio (SO)

Messaggio da LELA » mercoledì 15 aprile 2009, 1:47

Meto 'ncora un par, po' ve prometo che smeto par adeso.

JERA 'NA PICOLA BAVISELA

Jera 'na picola bavisela,
sventolava i sui biondi cavei:
jera rizi e biondi e bei,
che i me fazeva inamorar.

E la dormiva sui mii brazi,
ogni tanto la se svejava,
dele sue pene la me contava
e po' tronavasi a indormenzar.

Le undizi e meza xe zà sonade,
se avizina la mezanote.
Cari siori, felizi noti!
E noi andemose a riposar!

"Canzone che ricorda i versi della celebre "Biondina in gondoleta":'Una sola bavisela/sventolava i so cavei.../La dormiva su sto brazo,/mi ogni tanto la svegiava/ma la barca che ninava/la tornava a indormenzar'."

Xe vedemo fra un momento par l'ultima, Lela.


Il vero "giusto" è colui che si sente sempre per metà colpevole dei misfatti altrui!

Avatar utente
LELA
citadin
citadin
Messaggi: 817
Iscritto il: martedì 3 marzo 2009, 18:32
Località: Sondrio (SO)

Messaggio da LELA » mercoledì 15 aprile 2009, 1:53

E par finir:

OGI UN ANO A VALLE LONGA

Ogi un ano a Valle longa
senza fliche, senza pagnoca,
senza una cica
nemeno per fumar!
Ein Garaus!
farghe la guardia
a quei quatro muri,
a ciò che de note i Cici
no porti via i scuri!
Numero uno:
no pasa mai nisuno,
numero due:
deposito rochete,
numero tre:
xe pien de vache e armente...
El posto ch 'l xe là,
el ghe ziga: - Alberdà!
E a bordo la "Belona"
i disi dale brande:
-Nostrome de la paura
se la ga fa' in mudande!
Chirlie, chirlie!
chirlie, no son chirlie!
Chirlie, chirlie,
chirlie i sòn!
E a bordo la "Radetzky"
xe nata una confusion:
condiva le patate
co' l'oio del cnon!
Ei Garaus!
Ogni ano i ghe ne fano,
sia di mare sia di tera...
Eviva la bombardiera,
Canoni in quantità
Ei Garaus!

"Strofette che ricordano i tempi in cui i triestini prestavano il servizio militare a Pola e sulle navi da guerra Ausro-Ungariche. 'Ein Garaus!': Mi venga un colpo! -'Alberdà!': storpiatura di Alt! Wer da? (Alt! Chi va là?) - 'Chirlie isòn: 'Kirie eleison' (Signore abbi pietà!); questa canzone ha almeno un'altra simile, in una versione solo di poco più moderna."

Ciau ciau, sempre con simpatia, Lela.


Il vero "giusto" è colui che si sente sempre per metà colpevole dei misfatti altrui!

Avatar utente
LELA
citadin
citadin
Messaggi: 817
Iscritto il: martedì 3 marzo 2009, 18:32
Località: Sondrio (SO)

Messaggio da LELA » martedì 21 aprile 2009, 2:48

Ecome quà de novo dopo sìe zorni che nò ghe ne metevo più, gò controlado par ben tute quele che go zà meso par nò meter "dopioni" e ogi ghe ne metarò qualcheduna.
Poso solo dirve 'na roba? Vardando i numeri parerìa che qualchedun almeno ghe dàghi 'n'ociada, magari nò a tute parché el se scocia prima, parò ogni tanto, rizever un comentin - anca solo che de do parole - me farìa sài piazer e, inoltre, me savarìa dir se continuar a meterghene o a fermarme quà.
Parciò, se pasè de ste parti e gavè 1 minuto de perder, par favor diseme qualcosa, ad esempio se gavè riconosuda qualcheduna, o se la ve ricorda qualcosa. 'Ndar 'vanti cusì no' gà senso, me par solo de scriver "un libreto de canzonete" e co gò scuminziado, no' jera questo el mio intento.
Ve chiedo scusa in anticipo se questa ve par 'na pretesa e provo a meterghene 'ncora qualcheduna sperando in ben.

E TI CO' LA BARCHETA
(Tute le strofe de sta canzon le và ripetude do volte)

E ti co' la barcheta
e mi col timonzel
andaremo a pian, bel belo
là sule rive del mar

Là sule rive de mar
ghe xe un ponte de pasar;
varda de no' cascar,
che l'aqua la fa morir!

E l'aqua la fa morir
e 'l vin fa alegria!
Bevemo in compagnia!
Bevemo in sozietà!

"Sta canzon, se vardè ben ben la prima strofa, la xe 'na canzon a "sfondo erotico!"

Ciau ciau, torno tra un momento, Lela.


Il vero "giusto" è colui che si sente sempre per metà colpevole dei misfatti altrui!

Avatar utente
LELA
citadin
citadin
Messaggi: 817
Iscritto il: martedì 3 marzo 2009, 18:32
Località: Sondrio (SO)

Messaggio da LELA » martedì 21 aprile 2009, 2:51

Ecome quà co' 'n'altra:

CHI VINCE LA PARTITA

Portè le camice bianche,
fiochi dela nazione!
Portè le camice bianche,
fiochi de la nazion!

Portè un mazo de carte,
che noi dovemo a zogare!
Portè un mazo de carte,
che noi dovemo a zogar!

Chi vince la partita
xe un bravo giocatore,
chi vince la partita
xe un bravo giocator.

Mi go zogado set'ani
per guadagnare l'amore,
e mi go zoga set'ani
per guadagnare l'amor.

"Anche di questa canzone, come per la precedente, non si può dire che sia prettamente in dialetto. Ricorda il canto narrativo noto come "Il marinaio" o "Tre marinai", nel quale un marinaio, per aver in sposa la ragazza i cui si è innamorato (la figlia dell'ostessa), deve giurare di non toccarla per sette anni."

Ciau ciau, torno, Lela.


Il vero "giusto" è colui che si sente sempre per metà colpevole dei misfatti altrui!

Rispondi

Torna a “Musica legera”