Teatri che no xe più

teatri, spettacoli teatrali non musicali: prosa, varietà ...el Politeama Rossetti, la Contrada... la prosa de una volta.. anche Cechelin
Regole del forum e norme sulla privacy
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.

Re: Teatri che no xe più

Messaggioda babatriestina » giovedì 24 luglio 2014, 6:29

L'orchestra filarmonica triestina, e qua ghe vol Piereto che sa meo de mi per confermar, iera una emanazion dela orchestra del Verdi.
Mi de picia ghe andavo a un cineforum cattolico con film tipo La passione di Cristo o La madonna di Lourdes, e anche una volta ghe go balado per un saggio de danza classica.. legio sui articoli che i camerini xe nel seminterrato, no me ricordavo, e che i doveva esser nati per un possibile.. cripta per tombe de gerarchi fascisti! :shock:
"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
 
Messaggi: 32031
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 20:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Teatri che no xe più

Messaggioda Piereto » giovedì 24 luglio 2014, 8:43

Quanti ricordi del teatro de tor bandena. El mio primo concerto co l'orchestra del Verdi direta da un giovine Muti (iera concerti tipo Martini e Rossi cioè lirico sinfonici che se tiniva de autuno prima che cominciasi la lirica) fin ale ultime registrazioni che se ga fato per i CD de le Generali nei ani 90, al limite de la agibilità che no saria più stada concesa. Penso ai tanti spetacoli de prosa. Comunque da le foto de ogi vedo che el teatro el xe sta canibalizado e che le mace sul sofito per spandimenti le xe ancora, enedemiche a la costruzion. Certo el iera nato per tinir riunioni del PNF, e adatado dopo dal GMA. Mi ogi lo vedesi sai ben come garage de la questura o poligono de tiro.
L'orchestra filarmonica triestina la nasi precedentemente a quela del Verdi, cioè quando che el Verdi iera comunale e el fazeva una attività stagionale e quindi la gestion veniva afidada a un impresario, e alora se ricoreva a questa istituzion privata. Che per altro in altri periodi la fazeva attività autonoma. Diventà el Verdi un ente eutonomo parastatale la filarmonica orchestrale triestina xe sta asorbida a formar l'orchestra lirico sinfonica del teatro G.Verdi. La orchestrale filarmonica per tanti ani la gaveva la sede sociale nel steso edificio del Verdi sora el CCA dove che anche ghe iera el Schmidl, precedentemente soto la defonta la iera in Via Imbriani. Ogi esisti anche una orchestra filarmonica del Teatro Verdi quando che la orchestra del Verdi fa atività autonoma all'Ente, sai de rado perchè manca i schei.
Piereto
distinto
distinto
 
Messaggi: 1610
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Teatri che no xe più

Messaggioda babatriestina » giovedì 24 luglio 2014, 9:18

Piereto ha scritto: La orchestrale filarmonica per tanti ani la gaveva la sede sociale nel steso edificio del Verdi sora el CCA dove che anche ghe iera el Schmidl, precedentemente soto la defonta la iera in Via Imbriani.
qua capisso poco.
Mi el Schmidl me ricordo che ghe accedevo durante i spetacoli del Verdi, de una portisina nel corridoio dei palchi de primo ordine, a man sinistra vardando verso el palcoscenico. El CCA gaveva sede al Ridotto del Verdi..
in via Imbriani iera fin poco fa la sede del Schmidl co i lo ga sfrattado del Verdi, dove che xe el museo de storia patria, sotto del Morpurgo. Dove e cossa ghe iera soto la Defonta?
"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
 
Messaggi: 32031
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 20:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Teatri che no xe più

Messaggioda Piereto » giovedì 24 luglio 2014, 19:44

El Verdi de prima del ultimo restauro. Al museo Schmidl se acedeva dal coridoio dei palchi de primo pian (quei de sinistra), opur se acedeva da piaza del teatro co un rampa longa de scale che po se divideva; a sinistra el schmidl e a destra el CCa. El CCa gaveva un aceso anche in via san carlo per la sala del ridoto , ma po se podeva pasar sul steso pian diretamente al bar del circolo e po al circolo steso. El ridoto del CCA i lo gà ciamà adeso sala DeSabata La rampa de scale del ridoto la proseguiva coi pianerotoli in alto e sul penultimo ghe iera un aceso per andar su la balaustra de ridoto co una volta sonava la orchestrina de balo, e po un pianerotolo dove dopo che per un periodo dava acesso ala abitazion del custode e che po' xe diventada le sede sociale de la filarmonica. Se devi saver che i spazi all'interno del teatro Verdi ga cambià parechio col restauro nei ani del 1880 fata dall'architeto Geiringer con la creazion de novi vani scale interne e la eliminazion del quinto ordine de palchi e la creazion del logion che peraltro gaveva una comunicazion con sue scale personali in via dellarsenale. (Iera veniù fora una nova normativa antincendio per i teatri austrungarici dopo el disastroso incendio del teatro de Spalato). Altimetricamente i coridoi dei palchi iera e xe rimasti basi e questo perchè el livel de tuta la sala teatrale xe più baso de quel stradale ieri come ogi. E anche el sofito del vecio Schmidl iera baso per seguir le alteze dei palchi.
La Filarmonica orchestrale triestina gaveva sede in Via San Giovanni al n°9 che poi se gà ciama Imbriani. Gà cambià le robe ,ma credo che doveva eser el porton dove che deso xe la libreria.
Piereto
distinto
distinto
 
Messaggi: 1610
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Teatri che no xe più

Messaggioda babatriestina » giovedì 24 luglio 2014, 20:06

Mi tuti sti passaggi no conossevo, se no le scale del loggion per el pubblico. E anche del Ridotto conossevo solo el salon che i fazeva conferenze del CCA e co iero assai picia balli de carneval de beneficenza per fioi dela Croce Rossa.
"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
 
Messaggi: 32031
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 20:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Teatri che no xe più

Messaggioda Ciancele » venerdì 25 luglio 2014, 6:54

babatriestina ha scritto: Mi tuti sti passaggi no conossevo, se no le scale del loggion per el pubblico. E anche del Ridotto conossevo solo el salon che i fazeva conferenze del CCA e co iero assai picia balli de carneval de beneficenza per fioi dela Croce Rossa.

Baba Triestina, bongiorno, anca se xe nuvolà. Te sa che mi son purista e par questo te consilio de meter le tre parolete "dela Croce Rossa" tra CARNEVAL e DE par evitar malintesi su l'origine dei fioi. ;--D
Ciancele
notabile
notabile
 
Messaggi: 3168
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Teatri che no xe più

Messaggioda Piereto » venerdì 25 luglio 2014, 8:12

A completamento per BT esisti ogi come ieri ancora un altra picia portisina sempre sul lato sinistro al secondo pian dei palchi che meti in comunicazion con la sala del CCA, e CCA che ogi come ieri el gaveva un suo aceso anche dai ufici aministrativi. Una volta se accedeva a sti ufici dal porton sul davanti lato mare del teatro . Ogi i ga fato in via San Carlo una porta ingresso artisti con scale e ascensor che te porta a ufici , camerini, palcoscenico, CCa, sala prove. Insoma se el municipio vien ciamado palazo cheba el Verdi veniva dito "la caponera" a causa dei suoi ambienti pici e angusti e da labirinto.
Piereto
distinto
distinto
 
Messaggi: 1610
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Teatri che no xe più

Messaggioda babatriestina » venerdì 25 luglio 2014, 8:51

go percorso i novi ingressi lato mar una volta che una delle ballerine del corpo di ballo ( in smembramento) ne ga portado a veder la sala dove che le fazeva lezion. Me ga colpido che le iera tute brave, ma ogniduna studiava un poco per conto suo, insomma no el corpo de ballo che dovessi esser tuti precisi..
"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
 
Messaggi: 32031
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 20:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Teatri che no xe più

Messaggioda babatriestina » venerdì 14 novembre 2014, 19:51

iera ieri ala Minerva una conferenza sul Auditorium, la storia e la tesi de un ingegner che sugerissi una possibile ripresa...
alcuni dati dela storia che me ga ciarido alcuni punti.
El edificio, atual questura, in origine Casa del fascio ( ga durado solo un per de anni, perchè i l ga finide nel 1943..) ga stranamente go sempre pensado mi el ingresso principal su una stradina un poco strozzata: in realtà i pensava de butar zo la scola e de crear una piazza Littoria su ci far affacciare el edificio. Con al de fora un edificio per le riunioni fasciste. Po no i ga fatto e questo auditorium i lo ga fatto dentro del edificio, e come che scrivevo sora, efettivamente ai camerini se accedeva andando in zo per una strana rampa de cemento, una roba insolita per un teatro: doveva esser la cripta per seppellir i gerarchi defunti! in realtà xe defunto prima e l regime...
e cussì xe deventado teatro, adesso i disic he bastassi refat el tetto, zontar un pochi de servizi e de uscite de sicurezza, una scala in più e tornassi agibile..
un per de vece imagini, come che le go ciapade, dela vecia sala, ma anche se i le data tutte al 1962, no rivo a capire se xe le vece sedie de legno o le poltroncine messe dopo..
el foyer"
Immagine

la sala ( c'era anche una galleria)

Immagine

e i conferma che i fazeva prove del orchestra del Verdi fra el 1990 e el 1996. Le qualità acustiche bine le gaveva definide D'Osmo direttor del Stabile nel 1962.
"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
 
Messaggi: 32031
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 20:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Teatri che no xe più

Messaggioda babatriestina » mercoledì 4 novembre 2015, 13:18

con riflessi, perchè dietro il vetro, una foto dell'Armonia, ma chiaramente indicato come teatro Goldoni anno 1906
Immagine
"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
 
Messaggi: 32031
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 20:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Teatri che no xe più

Messaggioda babatriestina » martedì 16 febbraio 2016, 15:55

Il teatro Mauroner, il 13 settembre. Doveva esser una visita importante...

Immagine
"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
 
Messaggi: 32031
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 20:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Teatri che no xe più

Messaggioda Piereto » lunedì 17 ottobre 2016, 10:44

Go trovà una foto dell'interno del teatro Mauroner che el xe andado brusado nel 1876 e al suo posto i ga fato el teatro Fenice.
De notar la differenza tra una foto e una stampa in cui l'autor falsa la prospettiva e le dimensioni

Mauroner .jpg
Mauroner .jpg (100.91 KiB) Osservato 1758 volte
Piereto
distinto
distinto
 
Messaggi: 1610
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Teatri che no xe più

Messaggioda babatriestina » lunedì 17 ottobre 2016, 12:24

ben, i due xe de punti de vista a 90° un de l'altro, un verso el palcoscenico e un de lato.

Invee i me segnala una pagina del Piccolo dove che un giornalista,che come sempre fa un bel caos ( malinformazione mediatica :lol: ) e scrivi che el Mauroner iera.. dove che i ga fatto el Policlinico! ossia la casa più in là al canton de via Carducci. E oviamente tuti a copiancollar e spiegar che xe propro cussì. Che el Fenice ossia el usel che nassi dele propie ceneri sia al posto de un teatro brusado, no ghe sfiora el anticamera del zervel...
"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
 
Messaggi: 32031
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 20:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Teatri che no xe più

Messaggioda Piereto » venerdì 10 febbraio 2017, 11:11

Forsi ai teatri che no ghe xe più ghe doveremo zontar la sala Tripcovich che xe un teatro a tutti gli effetti. Qualchidun altro scriverà la storia, ma per mi che ghe go lavorado dal inizo fin al 2008 sarà come perder una cara persona. El problema xe che el xe sta fato, nonostante el miliardo de lire tirado fora da De Balfield, in economia. L'ingegner Malgrande che xe sta l'artefice della trasformazion della stazion delle corriere ga penà tantissimo rampigandose per i speci per otener autorizzazioni e permessi de agibilità, una lotta contro la burocrazia per verzer un teatro sostitutivo al Verdi che se serava. Ogi quel che iera a norma o in deroga venti ani fa, no va più ben. El problema xe che xe una sala funzionante,acusticamente valida e con un palcoscenico, e certamente i spazi per chi che ghe lavora dentro xe sai streti, ma la xe anche centrale e co un postegio vizin. Quindi se no ghe xe i soldi per adeguarlo, ghe xe i bori per costruir un novo teatro? Xe el progetto de farne un novo all'interno del silos ferroviario in ristrutturazion dove che dovesi vinir un supermarket pagado dalle coop, un Hotel forsi della catena Hilton, e sto teatro che però me risulta sia za stado ridimensionà a sala auditorium. Inveze xe de baterse perchè se fazi el progetto originale col palcoscenico. De sale e salette ne gavemo tante. Torno a ripeter ghe sarà i bori? La ristruturazion del porto vecio porterà via tuti i bori e l'interesse nel silos ? (Prima puntata).
Piereto
distinto
distinto
 
Messaggi: 1610
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Teatri che no xe più

Messaggioda babatriestina » venerdì 10 febbraio 2017, 13:09

per mi se i l abuta zo sarà un dolor de cuor.
Comicemo che anche come staziond el coriere de fora iera ben o mal un'opera de Umberto Nordio, e adesso i sprezza ancor al'architettura anni Trenta, vederè che fra un per de decenni i la rivaluterà..
dentro xe unbel teatro e come che te disi con bona acustica. Meiod el Rossetti, per dir.. cossa che no sia anorma me piaseria saver. Sì i camerini xe modesti e roba de slum esterno..
Ma cossa no xe a norma? adesso i se inacorzi?
in realtà no i se insogna de far un novo teatro, perchè i " botegheri" disi che a Trieste teatri xe anche tropi, per quel che i ghe va lori, voleria dir. Iera un altro gruppo che spiegava anni fa che la sala Tripcovich andava riconvertida in discoteca, roba per i "ggiovini " insoma.
El hotel Hilton al Silos? diese ani che i ghe parla e xe solo che i paioni dei clandestini...
no so chi che xe interessando a butar zo la sal Tripcovich ma me viene l idea che ghe devi esser qualchedun. per no parlar del sciafo a una famiglia che tato ga dado a Trieste: la sorella de Raffaello ieri sul Piccolo iera inorridida..
"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
 
Messaggi: 32031
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 20:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Teatri che no xe più

Messaggioda Piereto » venerdì 10 febbraio 2017, 15:52

Vien de domandarse anche che fine che farà el progeto del Silos un edificio el cui accesso xe in una via a fondo cieco (Via Flavio Gioia). Meio se se ga soldi andarlia spender in un dei magazini del porto vecio con strade larghe e vizin del mar. L'Hilton serado in un parco ferroviario, ma va la. Per el silos mi gavesi l'idea de farlo tornar ad un uso ferroviario. Trieste podesi tornar a esser terminal de treni navetta co auto al seguito. Un gnoco del nord o un danese o olandese che vol andar in istria o dalmazia, o a Lignan, ciapa el treno e smonta a Trieste. Nel silos lato Via Gioia se ghe faria le rampe de accesso ai vagoni navetta.
Ma per el Tripcovich no ghe xe speranza. E pensar che el iera anche nato per far una doppia attività musicale. Al Verdi opera e operetta e al Tripcovich sinfonica e concerti. Un progetto mai andà in porto per la cronica mancanza de soldi. Oggi come oggi dai 102 professori de orchestra stabili del 2000 semo pasadi ai 60 come agli inizi dei anni 1970. Sempre più Trieste se gà specializado ad eser una cità de retromarcia.
Piereto
distinto
distinto
 
Messaggi: 1610
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Teatri che no xe più

Messaggioda Piereto » sabato 11 febbraio 2017, 13:14

Comunque ieri el sindaco ga spiegado a tele4 che no ghe xe i bori per meterlo a norma (amianto, piovi dentro, container per i camerini che no sepodeva più tinir, spese de riscaldamento per tuto l'anno a fronte de 45 spettacoli annui) , e che prima de butarlo zo passerà tanti ani perchè da propieta della fonadazione Verdi el dovesi tornar in man del comun e po el nulla osta della sovrintendenza. La Fondazion Verdi po perdessi una parte del capitale immobiliare meso nell'attivo che fa de controaltar a le uscite, e quindi i bilanci saria in rosso. Una sola roba digo, no xe che el teatro sera perchè el fa soli 45 spettacoli, el podesi farghene de più se ghe fusi i bori, e anzi el iera sta pensado proprio per allargar la produzion. Ma come al solito se no xe soldi te devi serar. E per questi 45 spettacoli un aiuto vinirà dai altri teatri triestini : el Bobbio e el Rosetti. Ma el Bobbio xe cisto de camerini e el palcoscenico xe più curto e streto del Tripcovich, e anche el Rossetti come camerini nol sta ben.
Piereto
distinto
distinto
 
Messaggi: 1610
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Precedente

Condividi

Torna a Teatri di Prosa a Trieste

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite