Vocabolarietto Triestin-Italian

Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36853
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da babatriestina » martedì 8 ottobre 2019, 12:31

ammezzato xe italian. Noi disevimo mezzanin senza la o finale in triestin. Piano ammezzato se legi ancora adesso sule targhe dei piani nele case


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4190
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da Ciancele » mercoledì 9 ottobre 2019, 8:08

babatriestina ha scritto:
martedì 8 ottobre 2019, 12:31
Ammezzato xe italian. Noi disevimo mezzanin senza la o finale in triestin. Piano ammezzato se legi ancora adesso sule targhe dei piani nele case.
SÌ, ma mi me ricordo solo che "quela volta" par talian se diseva mezzanino. Sicuramente co' l'andar del tempo i ga preferi dir piano ammezzato che sona più tecnico-



Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 2022
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da Piereto » mercoledì 9 ottobre 2019, 10:22

Mezanin xe veneto, e ammezzato co tute le doppie xe cabibo, forsi anche tecnico.



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7390
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da sono piccolo ma crescero » martedì 15 ottobre 2019, 5:52

Ciancele qua viewtopic.php?f=46&t=7505&start=31 ga scrito
Me imagino mio papà cola sua barca a fondo piato. :cheezy_298: Ma a vela el iera bravo. Qualche volta, se iera tropo vento, el gaveva i terzarioi par far più picia la vela e qualche volta el se spostava par bilanciar meio la barca. Mi iero pisdrul, meza menola, e quei grami che pesavo no contava.
Penso che te gabi piaso 'ndar a vela.
Ciancele te ga ciotado una parola che me par che no sia nel vocabolario: terzariol- Te me spieghi cosa che xe? Mi credo che la go sentida sempre in ambiente no nautico con "daghe una man de terarioi", ma no me ricordo cosa che i intendeva dir.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36853
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da babatriestina » martedì 15 ottobre 2019, 8:00

In italian terzaruoli, o terzaroli xe el punto dove che con dei dei "spagheti" a circa un terzo dela randa , te la tiri un poco zo e te la lighi, cussì la xe ridotta a circa un terzo. Adesso vedo che i la pol anche rodolar per un terzo dentro el boma.
Immagine

(10/13)presa di terzarolo, presa di mura, presa di scotta, presa di drizza 15/16 - relinga; 17 - ; 18 - ferzo (striscia di tessuto); 19 - terzarolo; 20 /21 - matafioni.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4190
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da Ciancele » martedì 15 ottobre 2019, 17:11

Grazie a Baba Triestina che ne ga spiegà ‘sai meio de mi, gavemo savù cosa che xe i terzarioi. Se ben me ricordo, la forma dela vela dela barca iera come quela mostrada de Baba Triestina. Co’ iera poco vento, sufiaimo noi, ma sensa suceso. Qualche volta papà meteva davanti un fioco per poder ciapar più vento. Vento? Gnanca ventisel. Ma spiego tecnica de barca. Co’ iera tropo vento, mio papà rodolava un toco dela vela e ingropava i terzarioi. El gaveva do file: una fila par gaver do terzi e una fila in alto par gaver un terzo dela vela. Sempre in dipendenza dela forza del vento. Sicome che la barca iera a fondo piato, la se podeva ribaltar facile. Cosa che vol dir andar a vela ga spiegà Son Piccolo Ma Crescerò. Andar a vela vol dir anca bordizar. ‘sto bravo putel me ga mandà una volta una foto del canal con una barca che ghe somiliava a quela che gavevimo noi. Ogni tanto la vardo: Regina 894. De solito andar a vela voleva dir solo no vogar e caminar cola vela. Mio papà gaveva la barca par pescar, par ciapar pesi, ma qualche volta, co’ ghe ciapava, el bordizava. Par quel digo, e disi anca Son Piccolo Ma Crescerò, che bisogna eser più bravi dei altri.
Qua xe un modo de dir: Besser schlecht gefahren als gut gelaufen. In dialeto se podaria dir che xe meio farse portar, anca se se xe un poco strenti, che farla longa a pie ben. Quela volta gavevimo solo la sielta: O te voghi (e te va pian) o te va a vela, anca pian ma sensa fadiga. Qualche volta ‘ndaimo a vela e papà me lasava ‘ndar in aqua e mi nudavo drio la barca. Una volta, el giorno dopo el me fa che i ga visto cagnize (pescicani piccoli) e che iera pericoloso par mi. Pericoloso par mi? che nudavo come Tarzan? (Tarzan de vecio artritico, naturalmente!). Nel 45 iero tornà dela Tot (Todt) e col mio metro e otanta remavo diversamente de un ano prima. Papà fazeva solo de timon con un remo. E timona, timona, timona rivavimo in canal. Soto el ponte verde bisognava qualche volta fracar la barca par poder pasar. Se distiraimo in barca a schienada e coi brazi fracaimo contro el ponte la barca soto aqua. Qualche volta se ‘iutaimo tra pescadori. Bisognava eser in do – un davanti e un de drio - e chi che iera solo no rivava a far pasar la barca. Iera come in tei film de Ridolini, ma se pasava. Se no bisognava spetar fora le famose sie ore e tre quarti, che rivi la basa marea. Mio papà, vecio mariner, conoseva le maree e semo sempre pasai.
Mi son sicuro che mio papà no gavesi sfigurà ala Barcolana. Naturalmente no cola nostra batana, ma con una barcheta a vela. E son sicuro che el saria ‘ndà ogni ano par le alte a vardar col canocial.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36853
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da babatriestina » martedì 15 ottobre 2019, 17:53

ma soto del ponte verde te passi solo che senza albero... una volta me ga portado un amico, ma in gomon a motor. Se contava de amici che bordizava nel canal de Leme. Altri fazeva la gara, i andava tuti verso una diga e vinzeva quel che virava per ultimo prima de scincarse sora.
Una dele mie prime esperienza traumatizanti: i me ga mandado in barca e tegnir el floco e el timonier tegniva timon e randa. ma el iera un bubez anca lu e un zerto momento el me fa " ara che casco in acqua" el xe cascado in acqua lassandome in barca che no savevo cossa far e lu no rivava più a ciaparme per tornar suso. go tentado de tignir tuto- che inveze gavesso dovudo lassar che el floco sbati,- e la barca ga ciapado anda e ga cominciado a filar drita contro un molo. A sto punto a un per de metri del molo, me xe rivado el comando " buta el timon tuto de una parte". go fato e me go ben scufiado ma almeno la barca no ga ciapado el molo..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36853
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da babatriestina » martedì 15 ottobre 2019, 17:55

Nb gavemo el vocabolario de barca? me pareva che gavessimo messo a suo tempo... purtropo i circoli nautici fa lezuion in italian per evitar che la gente se confondi e cussì el gambetto xe grillo e simile..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4190
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da Ciancele » martedì 15 ottobre 2019, 19:00

La tua esperienza cola barca me ricorda la mia aventura con un elevatore (forklift) primavera 1948, in porto vecio, coi americani. Stavimo fazendo lavoreti de fiducia: scovar el magazin. E là iera un elevatore. Un mio amico me disi: Ciapilo e portilo via. Mi, senza patentin, son montà. In prima, in seconda. E po vien el mar. Go fato anca mi una virada con tre riode. La quarta iera za fora. Forsi iera anca i mii sesanta chili (sesantado coi stivai) butai tuti sula sinistra che me ga salvà. Un miracolo. Go fermà, son smontà e ‘ndà avanti a pie. Par fortuna che savevo nudar. Nisun se ga inacorto e cusì la me xe ‘ndada franca. El mio pasato de nonzolo me ga ‘iutà a farme la crose.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36853
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da babatriestina » mercoledì 16 ottobre 2019, 22:55

oviamente gavemo paion. forsi podemo zontar la locuzion " andar a paion" per andar a dormir e anche el generico " sul paion" che vegniva spesso zontado in fondo a ritornei de canzoni.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36853
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da babatriestina » venerdì 18 ottobre 2019, 13:14

Mi è venuto in mente un termine, che usava la nostra colf: " degnevole" Si riveriva ad una persona alla mano, che appunto non si dava arie di superiorità e mostrava cortesia ovviamente nei suoi confronti. Era un complimento. L'opposto penso fosse del tipo " altero" "che sta sule sue" .


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36853
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da babatriestina » giovedì 24 ottobre 2019, 19:56

Altro termine : Zinzin
Mi è venuto nella locuzione " quela là xe propio un zinzin" nella fattispecie un tantino precisa ma anche puntigliosa. E l'espressione di mia mamma " va là va là zinzin, che tuto te va ben" per incoraggiare


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7390
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da sono piccolo ma crescero » giovedì 24 ottobre 2019, 21:06

El Doria me dà tuto altri significati per zinzin, uno no proprio adatto a una mama che parla co la fia :oops: . El Kosovitz concorda col Doria per Carambice. Mi no la go mai sentida se non come equivalente a cincin, un pocheto. Alora se te vol che meto la parola te me devi dar la definizion giusta giusta.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36853
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da babatriestina » giovedì 24 ottobre 2019, 21:19

al di là degi eufemismi,usatissimi per chi vezzeggia i propri organi sessuali, trovo zizinin per pochino.
Essere un tipo zinzin era usato a casa mia per persona puntigliosa, pungente, pignola.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4190
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da Ciancele » venerdì 25 ottobre 2019, 9:41

babatriestina ha scritto:
giovedì 24 ottobre 2019, 19:56
Altro termine : Zinzin
Mi è venuto nella locuzione " quela là xe propio un zinzin" nella fattispecie un tantino precisa ma anche puntigliosa. E l'espressione di mia mamma " va là va là zinzin, che tuto te va ben" per incoraggiare.
Me misio anca mi e zonto la mia.
Zinzin, deto anca sinsin, iera par noi un inseto, tipo porco de santantonio, ma più picio. Mio fradel saveva anca el nome par talian. Cosa fa un sinsin? El cori drito intuna direzion. Altro no so. No credo che el fazeva del mal come simisi, pedoci e pulisi. . Forsi se podaria saver come che se comporta i sinsin e po far derivar modi de dir.

Organi sesuali? No sinsin. Forsi cicin e cicinin, anche in senso de quantità. Un cicin o un ninin, una punta, de sal o de sucaro.



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7390
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da sono piccolo ma crescero » sabato 26 ottobre 2019, 18:09

babatriestina ha scritto:
giovedì 24 ottobre 2019, 21:19
al di là degi eufemismi,usatissimi per chi vezzeggia i propri organi sessuali, trovo zizinin per pochino.
Essere un tipo zinzin era usato a casa mia per persona puntigliosa, pungente, pignola.
Varda qua https://www.atrieste.eu/Wiki/doku.php?id=dialetto:z e dime se go meso ben.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36853
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da babatriestina » sabato 26 ottobre 2019, 18:35

diria de sì almeno nel senso che go sentido mi. Se altri lo conossi in altro modo...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36853
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da babatriestina » sabato 26 ottobre 2019, 19:42

Legio una notizia de aluni tipi che "twerkano". devo andar a zercar la descrizione: xe gente che balla su una musica agitando il sedere, .. ma insoma xe una version provocante del nostro sculetar - che manca nel vocabolario
Il realtà anche una donna pol sculetar caminando sopratuto su tacchi alti..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7390
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da sono piccolo ma crescero » sabato 26 ottobre 2019, 20:33

Sculetar no xe perché in italian xe sculettare. QUando le prime 5 letere iera compagne no metevo. Dopo un poco go allentà la regola. Se ve par che vadi meso, me dise e lo meto.

Una roba no go domandà zinzin xe con la z dolce come zampa o aspra come zata?


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36853
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da babatriestina » sabato 26 ottobre 2019, 20:37

sono piccolo ma crescero ha scritto:
sabato 26 ottobre 2019, 20:33


Una roba no go domandà zinzin xe con la z dolce come zampa o aspra come zata?
come zampa


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Rispondi

Torna a “El nostro dialeto”