El dialeto triestin e la lingua spagnola

Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Rispondi
claudio bonifacio
naufrago
naufrago
Messaggi: 43
Iscritto il: giovedì 12 febbraio 2009, 16:44

El dialeto triestin e la lingua spagnola

Messaggio da claudio bonifacio » venerdì 13 febbraio 2009, 14:09

Go constatà che in spagnol esisti un mucio (per esempio, in spagnolo mucho, che se pronuncia mucio, vol dir molto) de parole molti simili al triestin. Ricorderò per esempio:
el (il en talian)
de (di in talian)
dedo (dito)
mojar (smojar en triestin)
paja (paglia en talian)
pero el colmo dei colmi xe stà quando iero a Lima (Perù) de dove che xe nata mia miglie, e sento do (due en talian, dos en spagnol) che ghe disi:
te he chiapado (te go becà, o come se diseva o se disi en dialeto ciapar = becar. Insoma, penso che saria interesante savr perchè esisti sti nesi col spagnol. Come savè, TS xe stada spagnola durante zirca 40 ani, pero no credo che sia stà suficiente per influenzar de sto modo el dialeto.
Un bason a Trieste



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36666
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » venerdì 13 febbraio 2009, 14:21

i mii genitori, una volta che in Spagna i se parlava fra de lori in triestin, se ga sentido domandar se forsi.. no i iera catalani, che i parlava una lingua che par spagnol ma no iera propio spagnol! :-D


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7374
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Messaggio da sono piccolo ma crescero » venerdì 13 febbraio 2009, 15:33

Ma molte dele parole citade no xe triestine ma piutosto venete, e credo che la somiglianza sia dovuda per lo più ala comun origine neolatina. Te ga dimenticà altre parole, per esempio masa, mas in spagnol, che però vien diretamente dal latin magis.

Xe vero poi che le due parlade le se somiglia, però noi triestini dovemo star sai atenti a no doprar el burro a colazion la matina; invece podemo meter tranquilamente bastanza aceite su l'insalata perché no la vien tropo garba :-D



Avatar utente
serlilian
distinto
distinto
Messaggi: 1697
Iscritto il: sabato 10 maggio 2008, 21:03
Località: T.L.T.
Contatta:

Messaggio da serlilian » venerdì 13 febbraio 2009, 21:20

"El" se disi anche in arabo.
Per "chiuso" disemo "seràdo" e in spagnol xe "cerrado", con la C che se pronuncia quasi come una S.


[i]Liliana[/i]
- . - . -
[size=75][i]"Quando comincia una guerra, la prima vittima è la Verità.
Quando la guerra finisce, le bugie dei vinti sono smascherate,
quelle dei vincitori, diventano Storia."
(A. Petacco - La nostra guerra)[/size][/i]

Avatar utente
Elisa
notabile
notabile
Messaggi: 3437
Iscritto il: domenica 10 febbraio 2008, 17:27
Località: Argentina

Messaggio da Elisa » venerdì 13 febbraio 2009, 21:55

sono piccolo ma crescero ha scritto: dovemo star sai atenti a no doprar el burro a colazion la matina; invece podemo meter tranquilamente bastanza aceite su l'insalata perché no la vien tropo garba :-D
è vero, el burro è meglio lasciarlo tranquilo nella stalla.....e adoperare el aceite indispensabile per condire l`insalata. :lol: :lol: :lol:
Tanti verbi in spagnolo sono uguali al nostro dialetto:
caminar, dormir, pasar, cantar....


"Todo lo bueno me ha sido dado"

claudio bonifacio
naufrago
naufrago
Messaggi: 43
Iscritto il: giovedì 12 febbraio 2009, 16:44

E la parola "payaso"

Messaggio da claudio bonifacio » sabato 14 febbraio 2009, 3:00

Payaso vol dir in spagnol lo steso che in triestin.
Inveze in portoghese chicara vol dir anche taza. Strano pero vero !!



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7374
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Messaggio da sono piccolo ma crescero » sabato 14 febbraio 2009, 7:50

Comunque cicara, in italian chicchera, deriva proprio dal spagnol jicara che a sua volta lo ga ciolto dal azteco (scodeleta per bever la ciocolata)



Avatar utente
serlilian
distinto
distinto
Messaggi: 1697
Iscritto il: sabato 10 maggio 2008, 21:03
Località: T.L.T.
Contatta:

Messaggio da serlilian » sabato 14 febbraio 2009, 11:16

Certe parole vien de ssai lontan, nel tempo e nel spazio.

Per esempio "fio", in sloven se disi "sin", in inglese "son" e in tedesco "Sohn"...
e in sanscrito se diseva "sin".

Anche "mama", "mati" in sloven", "mother" in inglese, "Mutter" in tedesco, "mater" in latin.... e "mata" in sanscrito.


[i]Liliana[/i]
- . - . -
[size=75][i]"Quando comincia una guerra, la prima vittima è la Verità.
Quando la guerra finisce, le bugie dei vinti sono smascherate,
quelle dei vincitori, diventano Storia."
(A. Petacco - La nostra guerra)[/size][/i]

Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Re: El dialeto triestin e la lingua spagnola

Messaggio da AdlerTS » sabato 14 febbraio 2009, 16:35

claudio bonifacio ha scritto: Come savè, TS xe stada spagnola durante zirca 40 ani
Cioè ??


Mal no far, paura no gaver.

Ursus Canadiensis
ixolan
ixolan
Messaggi: 371
Iscritto il: venerdì 16 gennaio 2009, 19:04
Località: BC, Canada

Messaggio da Ursus Canadiensis » sabato 14 febbraio 2009, 19:03

Nei circoli dei phd, dotori e altrimenti poveri mortali comuni interesadi dela linguistica, xe ancora un labirinto de opinioni divergenti de come e quando se ga svilupà lingue e in paralel dialeti. Xe facile, er esempio, darghe la colpa al Spagnol de ctante parole triestine, ma el fato xe che la ligua spagnola no la xe più vecia dela lingua popolare veneta, dela quale el Triestin xe un derivado. (Infati saria più giusto ciamar el Veneto una lingua, perchè el se ga svilupà ben prima che la lingua italiana nela region nostra).Senza dubio certe parole xe stade importade dale tere lontane tali l'America, però – e qua denovo semo un tantin acecadi dala magnifica storia greco-romana, che zerchemo de trovar le origini dela nostra (i.e. Ocidentale) linguistica odierna solo la e, sodisfadi de gaver trovado la radise de una parola, la se fermemo. In verità, l'influenza asiatica, sanscrita, babilonese ecc. xe pen più ala base dele stese lingue greca e romana e dunque el termine mama se pol rintraciarlo fin ale montagne del Tibet, tanto per dir.



Xe altri aspeti culturali che anche no xe indigeni ala civilità ebrea, greca o a quela romana, anche se, come che go dito prima, come abitudine noi noi se fermemo sempre la. Ad esempio, i percursori del giudeismo xe i zaraustri, i primi a crear una religion monoteista.

La materia xe semre afascinante, comunquesia e trovo che qualsiasi tema de discusion che se volgi e partir de ela diventa tantopiù apasionante quanto che sia el fato che prima o dopo, co' la panzeta xe stada frita e el struto scolado, la crostola che resta xe inevitabilmente più una question de opinion che de material scientifico.

Arnie


If at first you don't succeed, try reading the instruction manual.

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36666
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » sabato 14 febbraio 2009, 19:20

mi credevo che tuti savessi che grego e latin xe lingue indoeuropee e che le xe lontane parenti del sanscrito. Però no so se le deriva del sanscrito stesso o le ga in origine comun una lingua preesistente.
Go provado anche a cior in man una grammatica sanscrita, ricordo del papà de un mio amico che gaveva affrontado sto studio, ma.. me son arenada a pagina 2 :oops:
e i vari poemi indiani sanscriti me li legio in traduzion.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
serlilian
distinto
distinto
Messaggi: 1697
Iscritto il: sabato 10 maggio 2008, 21:03
Località: T.L.T.
Contatta:

Messaggio da serlilian » sabato 14 febbraio 2009, 22:54

Go praticado yoga per una ventina de anni e a un certo punto go avudo el periodo filosofico. Legevo certi matoni incredibili, dove la magior parte dei termini iera in sanscrito. La prima volta che i usava un termine, i spiegava el significato, ma dopo un poco no me lo ricordavo più. Cussì go ciolto una rubrica e go comincià a farme un vocabolario. :lol:

Quela letura me rilassava. Adesso penso che, alla terza riga, el libro svoleria fora dela finestra. :lol:


[i]Liliana[/i]
- . - . -
[size=75][i]"Quando comincia una guerra, la prima vittima è la Verità.
Quando la guerra finisce, le bugie dei vinti sono smascherate,
quelle dei vincitori, diventano Storia."
(A. Petacco - La nostra guerra)[/size][/i]

potter
naufrago
naufrago
Messaggi: 49
Iscritto il: martedì 3 marzo 2009, 21:00
Località: trieste
Contatta:

El nostro dialeto

Messaggio da potter » martedì 17 marzo 2009, 16:39

per caso me xe capita' tra le man un libro de " Mario Doria" -Storia del Dialetto Triestino. Dove el dividi el dialeto in epoche cioe' fino al 1830 se parlava una variante del Furlan ciamado "antico Tergestino"o " Tergestino"
mentre i patrizi parlava el Veneziano Illustre o Coloniale.Dopo el diventa piu' simile a quel de ogi ma con due rami uno parla' da la clase media che se trova scrito nei giornai umoristici dell'epoca e una variante plebea ciamado "negron" riportadi in un dei primi dizionari del dialeto scrito da Ernesto Kosovitz pien de parole slave e tedesche che dura fin ala prima guera circa.Tra le due guere ghe xe un altro filtro e a meta circa sparisi el negron.Dopo la seconda guera semo rivadi a quel che se parla adesso in pratica sula base dei testi trovadi esisti el triestin standard o patoco, el triestin negron ( estinto) el triestin slavazzado che saria l'italian triestinizzado. Concludendo no ghe xe nissun periodo che lo lighi co la lingua SpagnolA ,puro caso. Mejo de questo libro forse xe un altro scrito dal Dott. Giuseppe Vidossich della fine del 1800 con grammatica ,da consultare.
Cordialita'
John Paul Potter


...guera jera ,poco se magnava, Francesco Giuseppe Imperator e dopo de lu solo pajazi !
(Manlio Malabotta)

Rispondi

Torna a “El nostro dialeto”