Vocabolarietto Triestin-Italian

Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36305
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da babatriestina » lunedì 20 maggio 2019, 11:34

Ciancele ha scritto:
lunedì 20 maggio 2019, 11:28
In ordine alfabetico:
Burcio = Mai sentì e mai usà. Noi gaeimo una caseta de legno pal carbon.
la cassetta gaveva manigo? ( immagino cassetta e non una picia casa) ? con cossa lo trasportavi ?


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7290
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da sono piccolo ma crescero » martedì 28 maggio 2019, 21:31

Go dà una scorsa al libro de Giotti, Colori. In fondo el ga un vocabolario. Go vardà le letere A e B.

Acherle, che noi gavevimo come "Uncinetto" pareria che sia anche el lavor fatto a uncinetto.

Bozèl (mai sentida) che sta per piccola carrucola. La ve risulta sta parola?


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36305
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da babatriestina » martedì 28 maggio 2019, 22:14

Acherle no me sona novo ma me a par una version triestinizzada de qualche altra lingua. del tedesco
https://de.wikipedia.org/wiki/H%C3%A4keln

Bozel xe el bozzello che se dopra in barca
"bozzèllo s. m. [der. di bozza2]. – Dispositivo, di legno o di metallo, per il rinvio di funi, del tipo della carrucola, costituito da una puleggia (b. semplice), o due (b. doppio), o più, alloggiate in una cavità (cavatoia) variamente ricavata in una cassa che porta un gancio o un occhiello di sospensione. Nell’attrezzatura velica, ha varie forme e dimensioni a seconda delle funzioni: b. a violino, formato da due bozzelli semplici di dimensioni diverse disposti uno sotto l’altro; b. a mulinello, girevole su cuscinetto a sfere, eventualmente collegato a uno strozzascotte nel governo delle vele."


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7290
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da sono piccolo ma crescero » venerdì 31 maggio 2019, 15:58

Stago zontando qualche parola del libro Colori de Virgilio Giotti. Se xe parole che no xe stade segnalade mi ghe meto vizin un rferimento (Giotti).

La parola PATO=pianerottolo, però, pur non essendo stata segnalata e pur risultandomi sconosciuta, ho l'impressione che potrebbe essere conosciuta da qualche forumista. Se è così tolgo il riferimento a Giotti.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2747
Iscritto il: sabato 22 maggio 2010, 18:47

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da mandi_ » venerdì 31 maggio 2019, 17:57

Mia suocera veneta (veronese)usava dirne de metter la scopa nel pato de la scala, intendendo il pianerottolo. Come dialetto trentino non ho mai sentito, né usato. Mia mamma usava la parola "balaòr" per dire ballatoio in dialetto.
Però altri di famiglia (nonne, zie, papà) usavano forse, come sona nela me testa, riferirsi al solaio con finestroni aperti.
Sono ancora in dubbio: balaor/balador= ballatoio o solaio. Pato no me sona trentin.


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1952
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da Piereto » sabato 1 giugno 2019, 8:08

Adesso me son ricordado che mia zia gaveva un burcio, ma sicome la lo doprava come portaombrele e el gaveva un manigo , no la me lo ga mai ciamado col suo nome, per cui el termine burcio el me se sconosudo. Un dubio per el termine Pato, mai inteso, ma che el sia in qualche modo colegado col termine patio ?



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36305
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da babatriestina » sabato 1 giugno 2019, 9:26

per mi pato xe decisamente novo.. però no me vien una parola precisa per pianerottolo


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7290
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da sono piccolo ma crescero » sabato 1 giugno 2019, 12:53

Sempre per colpa de Mandì ;-) :D che ga citado Giotti, go leto qualche sua poesia. E trovo PIASESTO. Mi gaveria scrito PIASÙ o PIASUDO o PIASSO. Xe giusto dir che ste forme in ...ESTO xe orami in disuso? E quai verbi fa el participio passato in ...ESTO. Mi ve ne scrivo quachedun, ma no trovo una regola.

DOVESTO
PIASESTO (no lo gaveria mai scrito cusì, ma se lo scrivi Giotti...)
PODESTO
VOLESTO

Ve vien in testa una regola per dir quai verbi permeti sta forma e quai no?


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36305
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da babatriestina » sabato 1 giugno 2019, 15:13

me sona veneto. ma guai a dir che el triestin xe in fondo un dialetto affine al veneto


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7290
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da sono piccolo ma crescero » sabato 1 giugno 2019, 15:27

Anche a mi me sona istro-veneto, ma lo dopra Giotti...


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Piereto
eximio
eximio
Messaggi: 1952
Iscritto il: venerdì 24 settembre 2010, 19:38

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da Piereto » domenica 2 giugno 2019, 10:44

Aiuto,.... xe una parola istro veneta. Fatto (fato) diventa fasto e in furlan fastu....Aiuto.
Xe un triestin un poco antiquà per un participio passato, ma in poesia xe tuto concesso per salvar la metrica e la rima. Gavevo un amico che iera de Vicenza e co parlavo con lu, gavesto e volesto che diventava anche vuto, e podesto li dopraimo sai o massa.



Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4098
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da Ciancele » domenica 2 giugno 2019, 20:25

sono piccolo ma crescero ha scritto:
sabato 1 giugno 2019, 12:53
Sempre per colpa de Mandì ;-) :D che ga citado Giotti, go leto qualche sua poesia. E trovo PIASESTO. Mi gaveria scrito PIASÙ o PIASUDO o PIASSO. Xe giusto dir che ste forme in ...ESTO xe orami in disuso? E quai verbi fa el participio passato in ...ESTO. Mi ve ne scrivo quachedun, ma no trovo una regola.

DOVESTO
PIASESTO (no lo gaveria mai scrito cusì, ma se lo scrivi Giotti...)
PODESTO
VOLESTO

Ve vien in testa una regola per dir quai verbi permeti sta forma e quai no?
Xe la regola dei verbi iregolari. :cheezy_298: Ai mii tempi a Trieste se diseva cusì. Sesantasie ani fa.
Adeso fazemo barufa se el triestin ghe somilia al veneto o se el veneto ghe somilia al triestin. Col veneto staria 'tento, de no confonder veneto con Venesia. Par mi el triestin ga più col padovan (o vicentin?) che col venesian. O graesan (di Grado). Mi conoso un padovan che el parla come mi. El venesian inveze se senti subito de dove che el xe. Podesimo ciamar vet che sta a Vicenza e domandarghe a lu se xe vero quel che digo.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36305
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da babatriestina » domenica 2 giugno 2019, 21:16

Mi so che co legio le comedie de Goldoni in venezian me sento a casa...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2747
Iscritto il: sabato 22 maggio 2010, 18:47

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da mandi_ » domenica 2 giugno 2019, 21:26

Detto tra noi, anche in Trentino usiamo in dialetto i participi passati nei modi da voi indicati. Solo che togliamo la o finale. Go dovest nar en botega. Me marì ga volest comprar crauti e codeghin. No go podest pagar col bancomat. I crauti no i m'è piasesti (o piasui), m'è piasest (o piasù) la polenta, el codeghin e i fasoi co le scodeghe.


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4098
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da Ciancele » martedì 4 giugno 2019, 9:02

sono piccolo ma crescero ha scritto:
sabato 1 giugno 2019, 12:53
Sempre per colpa de Mandì ;-) :D che ga citado Giotti, go leto qualche sua poesia. E trovo PIASESTO. Mi gaveria scrito PIASÙ o PIASUDO o PIASSO. Xe giusto dir che ste forme in ...ESTO xe orami in disuso? E quai verbi fa el participio passato in ...ESTO. Mi ve ne scrivo quachedun, ma no trovo una regola.

DOVESTO
PIASESTO (no lo gaveria mai scrito cusì, ma se lo scrivi Giotti...)
PODESTO
VOLESTO

Ve vien in testa una regola per dir quai verbi permeti sta forma e quai no?
No so se xe una regola o un puro caso. Un fato xe che mi go studià tute le gramatiche fin de picio. Co' studiavo gnoco (gavevo 8 ani) i me ga contà dei verbi modali che saria potere, volere, dovere. I ga dito anca che par talian no i esisti, o no come in altre lingue cosidete anglosason, che saria gnoco e inglese. Ma anca par talian i ga la stesa costruzion. Forsi i se ciama altrimenti. Dovesto, podesto, volesto xe dela seconda coniugazion, verbi modali. Altri verbi no modali dela seconda i fa el participio in modo diverso. Vedi sapere (che no fa sapesto :cheezy_298:). Piasesto no me ricordo de gaver dito. Pol darse.
Se go intivà, diseme che son inteligente e bateme una man sula spala.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36305
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da babatriestina » martedì 4 giugno 2019, 10:05

Che i sia modali, no dubito, anche in italian. ma che i gabi per questo una coniugazion diferente, ma fa strano. vederemo de aprofondir.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7290
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da sono piccolo ma crescero » martedì 4 giugno 2019, 14:04

Anche mi pensavo che fusi una carateristica dei verbi servili (o modali). Ma piasesto me ga sconcertà.

Quanto a sapesto, no no lo go mai sentido, ma savesto sì de sicuro.

Comunque a mi me par forme istro-venete piuttosto che triestine.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4098
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da Ciancele » martedì 4 giugno 2019, 19:06

babatriestina ha scritto:
martedì 4 giugno 2019, 10:05
Che i sia modali, no dubito, anche in italian. ma che i gabi per questo una coniugazion diferente, ma fa strano. vederemo de aprofondir.
Non ho detto che i verbi cosiddetti modali abbiano una coniugazione diversa. In un certo senso sono irregolari, per lo meno nell'indicativo presente, nel passato remoto e nel participio. Ho detto che hanno una costruzione diversa, cioè non prendono la particella A o DI. Sono contento DI andare. Sono costretto AD andare. Ma io POSSO VOGLIO o DEVO andare. Senza particella. In inglese I must be. Ma I have TO be. In tedesco: Ich Soll gehen. Ich WILL gehen. Ma: Ich habe ZU gehen.
Sapesto ho messo con la faccina. Logicamente non esiste. Savesto sì, ma è dialetto. E qui si parla dei verbi in dialetto e non in lingua.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36305
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da babatriestina » martedì 4 giugno 2019, 20:06

difatti è quel che dicevo, i verbi modali hanno le loro funzioni in certe lingue, ma la loro funzione non dovrebbe avere alcun collegamento con la loro coniugazione e con la formazione del loro participio né in lingua e nemmeno nei dialetti.

Una citazione da unso studio del dialetto veneto
"Secondo Marcato (1986) nel veneziano questa formazione non si estende mai al di là
dell’ambito delle coniugazioni in -ere, ed è limitata a pochissimi verbi, precisamente tazésto
‘taciuto’, savésto ‘saputo’ e credésto ‘creduto’; tuttavia, tra le varietà dell’estuario e della
terra ferma, incontriamo il morfema -sto anche nelle coniugazioni in -ire, oltre alle
coniugazioni in –ére: il confronto con il veneziano attesta che questa forma si è originata nella
seconda coniugazione, e si è poi estesa alle altre coniugazioni. Nella varietà di terraferma
orientale è accettato l’affisso -sto anche nella prima coniugazione, con vocale tematica -é-,
cioè come diceva Ascoli (1878) “a patto che il participio traligni ad altra coniugazione che
non sia quella del suo infinito”, come ad esempio magnésto ‘mangiato’ da magnar
‘mangiare’. La presenza della forma legésto ‘letto’ negli scritti del grammatico Virgilio5
, fa
pensare che l’origine della desinenza participiale -ésto sia tardo-latina.
La fortuna del participio in -ésto nel dialetto veneto è dovuta alla sua adozione in
alcuni verbi del veneziano del XVI secolo, da cui si estese, per il prestigio di questa lingua,
alle aree circostanti"

"Si riscontra l’utilizzo della desinenza -ésto anche oltre i confini veneti, nel trentino -
realizzato come -ést - e nel bresciano - realizzato come -òst. Rosa (1857) scrive che nelle zone
del lago d’Iseo si usano antiche forme in -ost, ad esempio volòst ‘voluto’ e podòst ‘potuto’,
così come nella provincia di Bergamo, dove queste forme sono frequenti con i verbi
metereologici (piovòst ‘piovuto’ e fiocòst ‘nevicato’)."

"Confrontando ed analizzando le forme participiali delle varietà venete, si osserva una
particolare caratteristica: i paradigmi di alcuni verbi possono disporre di più forme di
participio passato. I participi forti, ad esempio, molto frequenti nei paradigmi di II
coniugazione, sono spesso affiancati da altre formazioni participiali deboli, come nel caso del
verbo pjanzer ‘piangere’, che in veneziano dispone di un participio forte, pjanto, e di uno
debole, pianzesto. Il participio in -ésto, dove compare, può alternare con l’altra forma debole
(più diffusa) in -ùo, come nel caso di créder ‘credere’, che dispone di due forme deboli
credùo/credésto nelle varietà parlate a Noale e nelle località limitrofe. Si è soliti definire
questo fenomeno con il termine di sovrabbondanza morfologica, di cui si parlerà nel prossimo
paragrafo"

Piasesto? mai sentito?


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36305
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Vocabolarietto Triestin-Italian

Messaggio da babatriestina » giovedì 6 giugno 2019, 9:11

Pantigana. Ovviamente non manca nel dizionario, ma manca un significato " fa veder le pantigane" non è solo un invito a mostra ratti, ma a evidenziare i bicipiti del braccio, così denominati per l'aspetto, se sono ben gonfi


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Rispondi

Torna a “El nostro dialeto”