Copa i zimisi col martel!

Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Renzo
naufrago
naufrago
Messaggi: 3
Iscritto il: lun 28 mar 2016, 11:53

Copa i zimisi col martel!

Messaggio da Renzo »

Buongiorno.
Premetto di essere veneto, ma di conoscere da una vita i canti popolari triestini. Per gioco ho cantato al mio nipotino "El tram de Opcina" e ho scoperto che lo diverte e gli suona molto orecchiabile ...
C'è però una una rima (forse una frase idiomatica) di cui non mi ero mai chiesto il significato, ma che ora suscita la mia curiosità: "Copa i zimisi col martel"! Cosa vorrebbe dire, non in senso letterale ovviamente, ma nel contesto della canzone?
I miei conoscenti triestini non hanno saputo darmi chiarimenti soddisfacenti, per cui ho pensato di rivolgermi al Forum nella speranza di avere una risposta più pertinente.
Ringrazio in anticipo per l'attenzione e porgo cordiali saluti.
Renzo


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 37917
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Copa i zimisi col martel!

Messaggio da babatriestina »

mah, io l'avevo interpretata come queste ragazze, che si danno tante arie e hanno il nasetto all'insù, in realtà in casa abbiano scarsa igiene ( a causa di appartamenti o rioni assai popolari ed insalubri) e pertanto devono andare a caccia grossa di cimici


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4360
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: Copa i zimisi col martel!

Messaggio da Ciancele »

Ciao Renzo,
un benvenuto anca de mi. Scrivo in triestin parchè el mio talian xe ‘sai povaro. Pensa che in altre lingue so scriver più meio.
Se te son nato dopo la guera no te pol saver come che iera prima dela guera. Specialmente i ani dopo el trenta fina forsi al 34 o 35 iera ‘sai caligo (erano difficili). I testi de canzonete i vigniva cambiai a seconda del tema. Su l’aria de chitara romana cantaimo Lungotevere dorme mentre el lais (pidocchio) me camina. Mi me grato cusì, xe un solievo par mi. Oppure Vivere: Xe morto el cogo no xe più fogo no xe cosa magnar. Mi co’ go fame son come un toro e tunchio la mularia (picchio i figlioletti). Zimisi (Cimici) se rampiga pai muri, bacoli (scarafaggi) me rosiga i scuri e de pulisi (pulci ghe ne xe pien el paion (è pieno il letto). Parfina le pantigane (I ratti) i ga fato el nido intel armeron (nell’armadio).
Mi son un vecio veceto dela quarta età e uno dei pochi che te pol ‘ncora contar come che iera. Chi che stava in case vece, iera quasi imposibile che no’l gabi ‘vudo zimisi, bacoli e pantigane. Pulisi e pedoci forsi no. O pochi. Co’ te rivavi a casa de note, te impizavi la luce e te vedevi i bacoli che i scampava. E no serviva stropar (turare) i busi col geso de presa. Discalzi (Scalzi) meio no, ma con clonzi (scarponi pesanti) te li mastruzavi (schiacciavi) più che se pol. I zimisi iera specialmente, o quasi solo, nei leti. De estate se piturava i leti col sugo de tabaco. Quei che no moriva o i finiva in bucal (vaso da notte), e sicome che no io saveva nudar i moriva squasi tuti negai, o te li copavi col martel. Un martel de 5 chili e pan pan. Meio iera quei dei calighieri (calzolai) che i gaveva la testa più larga. Se te gavevi fortuna te copavi tre o quatro al colpo. Me par de gaver leto par talian che zimisi ga un elevato tasso di natalità. No so cosa che vol dir e spero de gaver copià giusto. Par quel forsi la stagion de zimisimachia durava tanto.
Copar zimisi col martel no ga un significato speciale, ma solo quel che go dito. Preparati anticimici o no esisteva o i costava tropo. L’unico mezo a portata di mano de tuti iera apunto el martel. E no’l costava gnente.
Me auguro de gaver sodisfà la tua sete di sapere. Sani (Un cordiale saluto).


Renzo
naufrago
naufrago
Messaggi: 3
Iscritto il: lun 28 mar 2016, 11:53

Re: Copa i zimisi col martel!

Messaggio da Renzo »

Grazie Babatriestina per l’interpretazione e grazie Ciancele per la contestualizzazione storica.
Le vostre esaurienti spiegazioni mi hanno fatto cogliere appieno la simpatia con cui la canzone ironizza sulla voglia di emancipazione delle “mulete”… anteguerra.
Un cordiale saluto, Renzo


Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4360
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: Copa i zimisi col martel!

Messaggio da Ciancele »

Grazie pai ringraziamenti. A proposito de emancipazione, conto altre do strofete che cantaimo de muli.
Le mule de Trieste, le xe come grande dame, le va su e zo pal corso e le xe carighe de fame.
Le mule de Trieste, le va tute al liston, co’la struza soto el brazo e ogni tanto un rosigon.



Renzo
naufrago
naufrago
Messaggi: 3
Iscritto il: lun 28 mar 2016, 11:53

Re: Copa i zimisi col martel!

Messaggio da Renzo »

Eh, lo spirito triestino non si smentisce...
(Naturalmente ho dovuto ricorre al vocabolario per "liston" e "struza").
"Sani"!


Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4360
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: Copa i zimisi col martel!

Messaggio da Ciancele »

Se il vocabolarietto potesse parlare, direbbe: E par cosa son qua.


Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7678
Iscritto il: ven 11 mag 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Copa i zimisi col martel!

Messaggio da sono piccolo ma crescero »

Veramente nel nostro vocabolario me par che liston (passeggiata festiva per le vie del centro) manchi. Coremo a zontarla.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Torna a “El nostro dialeto”