Dialeto strento

Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7680
Iscritto il: ven 11 mag 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Dialeto strento

Messaggio da sono piccolo ma crescero »

mandi_ ha scritto:Mi viene in mente, sempre in dialetto trentino per confronto, anche "mat patoc" cioè completamente matto, del tutto matto, riferito a qualcuno che fa cose un pò strane.... :wink:
No se dis anche "Triestin patocco"? Mi sembra che in questo caso il patocco voglia dire...beh, spiegatelo voi, va là...che io mi confondo.
Penso che si tratti di due parole con etimologia, oltre che con significato, completamente diversa.

Triestin patoco vuol dire triestino vero, ma è una parola diversa. Basta pensare che una è diffusa persino in Emilia e Toscana, ha la o finale che forse poi ha persa perché esiste anche la forma patoc. La sua etimologia doverebbe essere incerta. L'altra che esiste solo nella forma patoc è sicuramente di origine slovena. E' un poco come se volessimo cercare l'origine comune della parola burro in italiano ed in spagnolo (l'asino in spagnolo si dice burro perché il burro si fa col latte e l'asina produce un latte molto pregiato ;-) )!


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)
Avatar utente
Nona Picia
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 10959
Iscritto il: ven 20 gen 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: Krapfen

Messaggio da Nona Picia »

babatriestina ha scritto:
Le luganighe de Viena se ciama Frankfurter ;

Vedo ogi el discorso dele luganighe,me ricordo che co iero in Austria i me ga dito che le "Vienna" se ciama anche "Frankfurter" dal nome de chi le ga "inventade". E me ricordo anche che a Graz i le ciamava tranquillamente "Wienerwuerstel" e i crafen "Krapfen".


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....
Avatar utente
Elisa
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3559
Iscritto il: dom 10 feb 2008, 17:27
Località: Argentina

Re: Dialeto strento

Messaggio da Elisa »

sono piccolo ma crescero ha scritto: E' un poco come se volessimo cercare l'origine comune della parola burro in italiano ed in spagnolo (l'asino in spagnolo si dice burro perché il burro si fa col latte e l'asina produce un latte molto pregiato ;-) )!
Permetti SPMC? :-D
Rebus, questo, degno dello stupore ed anche dell' invidia della Real Academia de la Lengua Española! :shock: :roll: :-D


"Todo lo bueno me ha sido dado"
Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7680
Iscritto il: ven 11 mag 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Krapfen

Messaggio da sono piccolo ma crescero »

Nona Picia ha scritto:Vedo ogi el discorso dele luganighe,me ricordo che co iero in Austria i me ga dito che le "Vienna" se ciama anche "Frankfurter" dal nome de chi le ga "inventade". E me ricordo anche che a Graz i le ciamava tranquillamente "Wienerwuerstel" e i crafen "Krapfen".
Chissà perché de certi prodotti fati de carne masinada nessun vol esser el papà? Forsi ga ragion mio suocero che, per riassunto li ciamava ... "milite ignoto" visto che, masinando tuto, no se sa cosa che ghe xe dentro.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)
Avatar utente
Elisa
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3559
Iscritto il: dom 10 feb 2008, 17:27
Località: Argentina

Re: Dialeto strento

Messaggio da Elisa »

OT:
Ciao Sonopiccolomacrescero, amante di tutto ciò che riguarda i numeri: stamattina ho osservato che l' ultima visita al tuo precedente messaggio è numerata con un numero palindromo (11311) che secondo certi è
bellissimo, affascinante e portafortuna!
Io non sono superstiziosa ma se l' evento riesce a portar fortuna....a chi ha scritto per ultimo
o a chi legge....benvenuta fortuna !!!! :-D :-D :-D :-D :-D :-D


"Todo lo bueno me ha sido dado"
Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7680
Iscritto il: ven 11 mag 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Dialeto strento

Messaggio da sono piccolo ma crescero »

Elisa ha scritto:OT:
Ciao Sonopiccolomacrescero, amante di tutto ciò che riguarda i numeri: stamattina ho osservato che l' ultima visita al tuo precedente messaggio è numerata con un numero palindromo (11311) che secondo certi è
bellissimo, affascinante e portafortuna!
Io non sono superstiziosa ma se l' evento riesce a portar fortuna....a chi ha scritto per ultimo
o a chi legge....benvenuta fortuna !!!! :-D :-D :-D :-D :-D :-D
Il numero è relativo alle visite complessive, quindi se orta fortuna la porta a tutti i visitatori e postatori.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)
Avatar utente
sum culex
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 5945
Iscritto il: ven 20 gen 2006, 15:45
Località: Trieste - Rozzol

Re: Dialeto strento

Messaggio da sum culex »

SPEREMO!!!!!
Per adesso son l'ultimo.
ciao
sum culex


Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4364
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: Dialeto strento

Messaggio da Ciancele »

Soto El nostro dialeto xe una infinità de sub topic sul dialetto triestin. Bisognaria leger ben quel che ga scrito Baba Triestina ma sopratuto i post de ffdt. Par esempio, mi no son ‘ndà in asilo e iero a casa fina a sie [sei] ani. El dialeto lo go imparà a casa, ma anca dei coinquilini. I genitori del mio compagno di giochi, el gaveva un ano più de mi, iera cesoti (oriundi di Chioggia). No xe escluso che mi gabi ciapà anca qualche espresion de quela parte. Co’ i me lasava ‘ndar zo in strada iera anca misto. No so de dove che i iera, ma tuti fii de operai. El dialeto no iera ‘ssai finoto, anzi. Ma no voio ripeter quel che go imparà, parchè se no ciapo una difida scrita dai aministratori. In qualche famiglia di origini meno umili se gavarà dito: una volta. Noi diseimo: Un colpo. Un colpo son ‘ndà in cine. Diverse espressioni iera slave (slovene o croate), altre austriache. Co’ me vigniva la rabia, me ciapava una futa. No so de che etimologia xe. Lo spelling se ciamava sillabare. A scola i me insegnava che la cappa (K) no esisti in talian. L’unica parola taliana, taliana per modo de dir, xe KAISER. Difati la capa no servi: ca cu co aca no, che chi aca sì. La “scharfes S” (quela come una beta) xe ciamada anca eszet (essezeta) perché in vecio gotico se scrivi una “S” normale con tacada una “z”. Se la tastiera no ga questa letera se scrivi una dopia S. In tedesco la S sibilante no esisti, se pronuncia come la S de rosa. La S de savon la gavemo in inglese: soap, soup ecc. I tedeschi co’ parla inglese i ga problemi co’ ‘sta S e con la TH. Gnanca in talian no me par che ghe sia una S sibilante. Mi la conosco solo dele lingue slave. La cediglia no la go mai vista in talian, solo in francese. In tute le lingue xe parole che in un’altra lingua ga un significato diverso. Esempio: Gift in tedesco xe velen, in inglese xe regalo. Ma anca in tedesco ‘ssai vecio voleva dir regalo. Scie in francese vol dire sego, in qualche altro dialeto talian sicuramente qualcosa de diverso. Dopo la guera se contava la storia de quel cabibo che xe ‘ndà in America e el ga dito: Mamma mia, questi americani. Alle vie larghe le chiamano stritte. Alle donne ci dicono uommene e li ragazzi li chiamano buoi. Le polpete xe stade sempre un mistero. In tedesco i le ciama Geheimnisträger (portatrici di segreti). Me ricordo che nel 1954 nei ristoranti italiani de Francoforte i gaveva comincià a ofrir i caneloni. El paron, un napoletan, ma un bon mato, squasi triestin honoris causa, me diseva che una volta la setimana i fa i caneloni e i meti drento tuto quel che no i vol butar via. Te butavi sora origano e copava qualsiasi gusto. Adeso costa de meno comprarli za fati: convenience food. Iera come le fishcakes in tela cusina inglese de Piaza Oberdan. Venerdì iera fishcakes-day. I meteva drento tuti i vanzumi dela settimana. La salsina de pevere fazeva de indormio (anestetico), ma chi che gaveva ancora qualche soldo ‘ndava ala NAAFI a magnar. La vereta iera la rincela dele coltrine. De putei la usaimo come anel de matrimonio. Co’me go fidanzà (mi avevo sie ani e ela quatro) ghe go dà l’anel de l’ovo de pasqua che costava 50 centesimi. Un patrimonio a quei tempi. Anche la question dei crafen e dele luganighe dipendi dala region. Le Frankfurter xe un poco diferenti dele luganighe de Viena, perché le xe fumigade e quele de Viena no. In Baviera xe diferente che da noi a Francoforte. I panini noi li ciamemo Brötchen (piccolo pane), ma a Monaco i li ciama Semmel. Se te domandi Brötchen i te guarda come se te vignisi dela luna. Insoma, se no te pol mostrar col dito, te ga bisogno de un interprete o de un vocabolario, perché la panzeta nostra noi la ciamemo Dörrfleisch (carne suta), a Monaco Wammerl, el schinco de porco xe Surhaxe. La stesa roba xe tra tedesco e austriaco. Solo in testi normali no xe diferenza, ma nel magnar (generi alimentari) e testi giuridici, come anche col talian svizzero. No te pol tradur, te devi scrivere: corrispondi a l’incirca a ... Per NAGANA basta far www.google.it e po’ Nagana. Vien fora parfina el significato in triestin. Mi conosevo el termine de sempre e par mi voleva sempre dir indormenzà. El buro per noi iera butiro. Noi cantaimo: No se trova più late, no xe gnaca più butiro, me par fina imposibile con tante v.... in giro. Bisognaria che qualchedun se ciapi la briga de copiar tuti i termini dei post e meterli in ordine alfabetico. Go la bruta impresion che gavè ‘sto qualchedun za in peto.


Avatar utente
macondo
notabile
notabile
Messaggi: 2663
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 18:54
Località: London, UK

Re: Dialeto strento

Messaggio da macondo »

Ciancele, dove iera esatamente el NAAFI? E te se ricordi de un local frequentado dai soldai inglesi che gaveva dei afreschi sul muro con uno che diseva 'in vino veritas'?


Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4364
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: Dialeto strento

Messaggio da Ciancele »

Caro Macondo, mi no son mai sta ala NAAFI, mi iero in Piaza Oberdan. La NAAFI no iera ‘ssai lontan, penso in Via Coroneo dove che prima iera la Casa del Soldà tedesca (Deutsches Soldatenheim), e dopo la guera l’istituto tedesco Goethe. Quela volta (1946) sentivo parlar ‘ssai del Gato Nero (Black Cat). No so dove che xe (o che iera) perché gavevo poco (anzi nisun) contato coi inglesi. Ma i gaveva sicuramente anche altri locai. Co’ xe vignù i profughi iera un local a San Saba dove che vigniva le mule e iera pien de soldai inglesi. Se vigniva americani o civili a romper (disturbare), iera tonchio (baruffa) Apena un ano dopo, xe vignù novi giovini e nel fratempo parlavo meio inglese, go comincià a trovarme la sera per una bireta o un cafè. Mi sburtavo ancora casete. Dopo el 1948 son ’ndà in uficio e alora me trovavo più speso, ma no ala NAAFI. Andaimo in un cafè (per soli inglesi e ospiti) sule rive, dove che beveimo tè. Chi che te pol dar forsi informazion xe Larry, che iera a Trieste, e anca Ron. Tuti e do i xe amici del forum. Larry xe anca in una altra asociazion dei veci del BETFOR (British Elements Trieste Force) che ga un sito in internet. Te tiri sicuro fora qualcosa. Saluti da Ciancele.


Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7680
Iscritto il: ven 11 mag 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Dialeto strento

Messaggio da sono piccolo ma crescero »

Ciancele ha scritto: La “scharfes S” (quela come una beta) xe ciamada anca eszet (essezeta) perché in vecio gotico se scrivi una “S” normale con tacada una “z”.
Me riferiso al tuo messaggio privato: saria questa ß ? Te rivi a scriverla adesso? Ma no la iera stada abolida una ventina de anni fa? No i gaveva fato una revision dela grafia soto de Kohl me par de ricordarme?
Ciancele ha scritto:Bisognaria che qualchedun se ciapi la briga de copiar tuti i termini dei post e meterli in ordine alfabetico. Go la bruta impresion che gavè ‘sto qualchedun za in peto.
Nel forum ghe iera, fin a giovedì scorso, 146.058 parole diverse (per diverse vol dir che scola e scole xe due parole). Te le mandemo, te tiri via quele che no xe del dialeto triestin, e te resta le parole del dialeto... ma 146.058 xe un bel numero... :-D :wink: Ah sì, se proprio te vol per l'ordine alfabetico te le metemo noi... :wink: :-D


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)
Avatar utente
mandi_
notabile
notabile
Messaggi: 2799
Iscritto il: sab 22 mag 2010, 18:47

Re: Dialeto strento

Messaggio da mandi_ »

E perchè no tacar anca i modi de dir, no solo le parole, dato che siete così bravi? :wink:

Mandi


"E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa, che ha fatto la tua rosa così importante"

Antoine de Saint-Exupéry
Avatar utente
macondo
notabile
notabile
Messaggi: 2663
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 18:54
Località: London, UK

Re: Dialeto strento

Messaggio da macondo »

Ciancele ha scritto:Caro Macondo, mi no son mai sta ala NAAFI, mi iero in Piaza Oberdan. La NAAFI no iera ‘ssai lontan, penso in Via Coroneo dove che prima iera la Casa del Soldà tedesca (Deutsches Soldatenheim), e dopo la guera l’istituto tedesco Goethe. Quela volta (1946) sentivo parlar ‘ssai del Gato Nero (Black Cat). No so dove che xe (o che iera) ..... Chi che te pol dar forsi informazion xe Larry, che iera a Trieste, e anca Ron. Tuti e do i xe amici del forum. Larry xe anca in una altra asociazion dei veci del BETFOR (British Elements Trieste Force) che ga un sito in internet. Te tiri sicuro fora qualcosa. Saluti da Ciancele.
Questa iera una vecia discusion che gaveva cominciano Ron. Infati nol se ricordava de dove jera e gavevimo tratado de iutarlo.
Go anca paura che te ricordi mal. La Deutches Soldatenheim, se no me sbajo, iera nel Conservatorio Tartini in via Ghega/Piaz Dalmazia. Iera la che i gaveva messo una bomba che gaveva mazado dei gnochi. E dopo iera stada la rapresalia e lori i gaveva impicado piu de 70 prigionieri e li gaveva esposti per le scale. Dopo la guera jera la mensa dei inglesi, credo.
L'Istituto Goethe in via Coroneo iera stado inanzituto la residenza oficial de Globocnick per qualche mese, dopo el jera andado a abitar nela Vila Modiano in via Romagna. L'Istituto Goethe gaveva ospitado el responsabile del partito nazista, piu una specie de delegazion diplomatica tedesca, e credo anca una representazion dela RSI. I la usava assai (i gnochi) per eventi uficiai (go qualche foto).
La NAAFI, gavevimo pensado, la gavessi podudo esser nel ristorante La Posta, dedrio dela fermata del tran de Opicina, per dopo moverse in via Coroneo nel Istituto Goethe.
El Gato Nero podessi esser stado quel ristorante/tratoria in via Ginastica. El jera ancora verto una ventina de anni fa col stesso nome e mi lo gavevo frequentado abastanza. Assai bon ed economico de tipo familiar.
E te se ricordi ndove jera la YMCA? Che Ron diseva che i ghe lavava e stirava le camise?
Ron jera uno de quei che i jera rivadi nel 1945 e Larry inveze circa 1949-50, quando tanti posti i gaveva za cambiado.


Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4364
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: Dialeto strento

Messaggio da Ciancele »

La question dela riforma xe dificile de spiegar senza far un romanzo e senza far una lezion de gramatica tedesca. El problema xe specialmente le parole composte che in talian esisti poco. Tipo capostazione. In talian se usa ‘ssai el genitivo: Capo del governo, Presidente della Repubblica Prima no se podeva ‘ver più de do consonanti, adeso tre se una parola finisi con due e l’altra comincia con la stesa consonante. Esempio: Metalllegierung (lega di metalli) xe Metall e Legierung. Prima se diseva con due ele: Metallegierung. E cusì avanti. Certe parole che prima se scriveva minuscole, adeso le xe maiuscole. Ringraziare (dire grazie) = danksagen. Adeso diviso: dank sagen (dire grazie). Siccome che dank xe un sostantivo, alora maiuscolo: Dank sagen. Co’ la scharfes S xe un problema a sé, squasi come la S in triestin. La nostra S in triestin xe quela de savon. In triestin la se senti qualche volta dopia anca se no la xe. Kuss (prima: Kuß) se pronuncia S longa (dopia), alora se scrivi con due esse. Weiß = bianco, se pronuncia con la S curta. Se scrivi come prima con la scharfes S. No i ga abolido gnente, e la riforma no xe stada uficialmente acetada. Ma se scrivi sempre più de frequente come nela riforma.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 37935
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Dialeto strento

Messaggio da babatriestina »

macondo ha scritto:[dopo el jera andado a abitar nela Vila Modiano in via Romagna.
In via Romagna no iera Vila Ara? e Vila Modiano drio de via Rossetti?

Ps Larry se ga recentemente roto una caviglia, i ghe la ga rimessa a posto en el xe in convalescenza a casa.
( semo sempre in Dialeto strento?? :shock: :shock: :shock: )


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4364
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: Dialeto strento

Messaggio da Ciancele »

Macondo ga ragion. La Deutsches Soldatenheim iera in via Ghega, squasi davanti al sboco de via Roma. El Gato Nero, adeso che te me disi, me ricordo anca mi de via Ginastica. La YMCA la go sentida per la prima volta qua in Germania nei ani 60, dove che andavo qualche volta a magnar durante la setimana. A Trieste no te so dir. Mai savù. Dubito che la NAAFI sia stada in piaza Oberdan, perché al tempo dele famose fishcakes mi lavoravo nel museo del risorgimento, dove che iera una cusina inglese. A ogni pasto, naturalmente meno che venerdi sera, iera circa 250 soldai. Mi andavo a cior el giornal a l’edicola che iera ala fermata del tran de Opcina. Gavaria visto la NAAFI. Fina a agosto del 1953 la NAAFI esisteva de sicuro a Trieste. Mi go trovado el sito www.betforassociation.org e ti che te son in paese forsi te sarà più facile far una domanda. Me meraviglio che Larry no sia sta bon de trovar, lui che se missia ancora con el BETFOR. Me dispiasi che no te poso dir de più. Saluti da Ciancele.


Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7680
Iscritto il: ven 11 mag 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Dialeto strento

Messaggio da sono piccolo ma crescero »

babatriestina ha scritto:In via Romagna no iera Vila Ara? e Vila Modiano drio de via Rossetti?
Se villa Ara xe quela de adesso, la xe in via monte Cengio, tacada all'ex ospedal militar.

http://it.bing.com/maps/?v=2&cp=rm8k8rj ... orm=LMLTCC


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 37935
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Dialeto strento

Messaggio da babatriestina »

sono piccolo ma crescero ha scritto:
babatriestina ha scritto:In via Romagna no iera Vila Ara? e Vila Modiano drio de via Rossetti?
Se villa Ara xe quela de adesso, la xe in via monte Cengio, tacada all'ex ospedal militar.
No , gavemo za parlado con Macondo che la villa Ara che digo mi xe che i ga butado zo per far i condomini rosa ai numeri 34-36 o simili. E che mi go ancora visto de putela un poco prima che i la buti zo


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
macondo
notabile
notabile
Messaggi: 2663
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 18:54
Località: London, UK

Re: Dialeto strento

Messaggio da macondo »

Si, scuseme la confusion.
Ciancele, semo andai fora tema. Magari continuemo in un altra parte e te manderó un mesagio privato.


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 37935
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Dialeto strento

Messaggio da babatriestina »

Ciapar, taiar e spostar al posto giusto...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Torna a “El nostro dialeto”