Dialeto strento

Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
sum culex
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 5945
Iscritto il: ven 20 gen 2006, 15:45
Località: Trieste - Rozzol

Messaggio da sum culex »

Ogi no go podù, anche se con un certo magon (altra parola, me par, mai citada) far de meno de comprarme el 'VOCABOLARIO GIULIANO' de Enrico Rosamani, Ed. LINT 1990-1999 per controlar la question dela 'k'.
Cuc no xè, ma cucar e derivati, xè tuto cola ' c'; Parole cola iniziale cappa (k) no esisti gnanche una, nemmeno su sto vocabolario qua. Me dà l'impression che la lettera 'k' in triestin proprio no la esisti, almeno sui quatro vocabolari che go cità.

Un'altra roba: La esse p.es. de casa, vien scrito con 's'. la esse de cassa vien inveze scrita con el simbolo 'ƒ' e no col simbolo grego (o tedesco = scharfessess)) 'ß'.

Inveze sul Doria i scrivi: la esse de casa con una 's' con soto una cediglia (sto simbolo no lo go trovà), inveze la doppia esse de cassa i la indica con una esse sola.

Qual xè el più giusto?

Gnanche la 'x' esisti nel nostro dialeto (sempre dal Rosamani) se non per certi nomi (Nino Bixio) o parole tipo uxoricidio. E' suono di 'ƒ' che per tradizione scriviamo con 'x' , cioè xe, per la terza pers. ind. pres. del verbo essere.

ciao
sum culex


ffdt
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3630
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 0:15
Località: Trieste

Messaggio da ffdt »

go anca mi el rosamani pero` el ga un difeto che xe cuel de volerghe far parlar talian a i giuliani ... come a dir che 'l ga la strada a senso unico e no a dopio senso ;-)

isteso xe vero che la "x" la xe doprada solo che per "xe", pero` anca de NinoBixio in liguria i dixi che in origine se lo legeva co' la s sonora ... a mi me par comodo de gaver un simbolo per cuel suono la` e cusi` me ciogo la licenza de doprarlo in cuel modo, tanto "ics" poso scriverlo anca per longo ;-D


Avatar utente
sum culex
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 5945
Iscritto il: ven 20 gen 2006, 15:45
Località: Trieste - Rozzol

Messaggio da sum culex »

sum culex ha scritto:
AdlerTS ha scritto:con le straleche come la metemo ?
Dal vocabolario del dialetto triestino di Mario Doria:
Straleca sf. - randellata, busse, grandinare di colpi. // attestato anche ad Alb. col signif. di «burrasca, turbine» e cfr. friul. Stralecche «id.».
Nel chiogg. straleca vale «disavventura, dispiacere» e anche «tempaccio», nel bellun. rust. «improvviso cambiamento di tempo», parola d'etimo non chiaro. Da 'astella' «bastone» (Prati) oppure stra- «molto» più leccare, col signif. antifrastico di «bastonare», Benincà (cfr. C. Marcato, RELV, p.154).

ciao
sum culex
Zonto su sta parola quel che disi el 'Rosamani' che go ciolto ogi:
Straleca = burrasca, turbine - «Punti de stela, sete, diƒisete e vintisete marzo, suzede qualche straleca» (Luciani) Frl. -leche (tùrbine con piggia o gràndine). Vedi: bissaboba I, stravento.

ciao
sum culex


ffdt
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3630
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 0:15
Località: Trieste

Messaggio da ffdt »

sum culex ha scritto:[...]parola d'etimo non chiaro.[...]
come tute ;-D ... isteso se te legi el pianigiani el da` una spiegazion che la par anca acetabile ;-)


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 37917
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

ffdt ha scritto:go anca mi el rosamani pero` el ga un difeto che xe cuel de volerghe far parlar talian a i giuliani ... come a dir che 'l ga la strada a senso unico e no a dopio senso ;-)
a mi me par che te ghe vol insegnar el triestin ai vocabolari triestini.. :-D perchè no te scrivi ti un?
per la k, son contenta che le ricerche de Sumculex conferma la mia ipotesi :-D


ffdt
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3630
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 0:15
Località: Trieste

Messaggio da ffdt »

babatriestina ha scritto:[...]a mi me par che te ghe vol insegnar el triestin ai vocabolari triestini[...]
la mia xe solo che una ricerca de grafia ... se te vardi ben cuei pochi che i zerca de scriver el dialeto (che 'l xe fondamentalmente una lingua parlada e no scrita) i ga la sielta tra ricorer a la grafia taliana o a la grafia xlava

no ghe xe gnente de xbaliado in nisuna de le due ma de cuel che me par a mi nisuna xe cuela giusta per el semplice fato che 'l triestin no 'l deriva in linea direta de nisuna de le do lingue

anca se 'l ga avesto importanti contributi de tute do el deriva principalmente de cuel misiot de dialeti veneti che se ga formado in te i ani de 'l porto franco ... se a cuelchedun ghe par che no sia cusi` che 'l me xmentisi e son pronto a cambiar idea ... pero` per adeso resto de l'idea che 'l triestin el xe un sotoinsieme de i dialeti veneti co' una parlada piu` neutra e parole comuni (co' la zonta de tante altre nate in altro modo e cuindi sue tipiche)

porto a sostegno de sta texi el fato che se te giri pe' 'l veneto parlando intriestin i te varda come se te vignisi de marte ma i te capisi tuti ... e inveze no xe dito che ti te li capisi a lori ;-) ... e cuesto me sugerisi che 'l triestin sia un sotoinsieme ... un minimo comune multiplo

e no stame dir che 'l veneto el deriva de 'l italian, perche` 'l italian che dopremo ogi el xe una lingua finta che se no iera la televixion co' 'l fis'cio che cualchedun la gavesi mai parlada ... difati c'o i lo ga costruido i ga meso dentro tute le forme verbali de tute le lingue italiche (adeso se ghe dixi dialeti)

el veneto ga dado (in tute le sue sfumadure) contributi sai importanti a 'l italian ma no 'l deriva de 'l italian ... e se xe vero che 'l deriva in bona parte de 'l latin xe anca vero che oramai sta oservazion la ga un valor che 'l xe limitado a la sfera de l'etimologia ma no a cuela de la grafia, che xe cuel che me interesa a mi :-)

a leger i dialeti veneti me par che no i se mazi de fadiga per doprar la "q" e che i sia trancuili in te 'l meter la "c" un poco per tuto ... a mi la "q" no la me ga fato gnente de mal, pero` gnanca mi no ghe devo gnente a ela e cusi` me sento libero de no doprarla se cuesto me fa eser piu` a rente de cuela che xe la lingua de origine de cuela che parlo de solito :-)

per la "x" xe inveze una roba mia ... che anca la` go trovado trace de un suo eser doprada come che la dopro mi ... isteso no solo no me par che la crei problemi ma adiritura che la ghe ne risolvi un importante: la fa finalmente una distinzion tra la s sibilada e la s sonora ... e cuindi mi la dopro

se dopo el doprar ste do letere (perche` a cuesto se riduxi tuta la mia apostaxia) xe diverso de come che ga scrito Carpinteri e Faraguna no me par che sia un delito e francamente, visto che no ghe go mai dito gnente a nisun per come che 'l scrivi, me par anca che 'l continuar a tazar l'anima su come che scrivo sia un pochetin el simbolo de l'incapacita` de andar oltra de cuel che ga fato cuei che i xe vignudi ieri e cuindi de l'imposibilita` de costruir cualcosa de novo doprando el patrimonio cultural za consolidado come un trampolin per andar oltra - e de cua a 'l "no se pol" el paso el xe per bon sai curto

go obligado cualchedun a scriver come mi? no me par ... existi un'academia de scritura triestina che ga definido, in maniera sistematica e scientificamente giustificabile, cual che sia el modo giudto de scriver in triestin? no me par .... existi cualchedun che sta fazendo un lavor compagno e mi stago parlando mal de lori? no me par ... e alora?

che per do leter che dopro in modo diverso ga de vignir fora sto condoto che va avanti oramai de cuaxi tre ani alora per bon no xe ne' de meraviliarse se la cita` la xe mal ridota come che la xe e sopratuto no xe de lamentarse, perche` se come tristini no semo boni de pensar serenamente a un che dopra do letere in modo diverso de come che fa i altri alora no steme parlar de progeti economici ne' politici ... se no semo boni de far no ocori gnanca farse rider drio ...
babatriestina ha scritto:[...]perchè no te scrivi ti un?[...]
perche` xe un lavoron e perche` credo che no sia utile che lo fazi un solo ... gavevo proposto un do ani indrio de far una roba compagna, ma varda ti che strano nisun ga avesto voia de zontar cuel che 'l saveva ... anca la`: critiche ghe ne go ciapade tante ma contributi nisun ... cuindi no stemose sconder drio de un dedo ... a trieste "no se pol" perche` "guai" ... cusi` xe e cusi` resta ... no me fa piazer ma no xe gnanca utile far finta che no sia cusi`

babatriestina ha scritto:[...]per la k, son contenta che le ricerche de Sumculex conferma la mia ipotesi :-D
la "k" fusi grafia tedesca, indiferente se rivada drita o se tramite altra lingua confinante ... forsi la ghe iera in te 'l tergestin, in te 'l triestin no de sicuro


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 37917
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

no go sufficienti competenze tecniche de linguistica per sostegnir sta discussion in maniera suficientemente argomentada, però fazzo un suggerimento: zerchemo de meter insieme i post sull'ortografia triestina con un titolo più preciso de dialetto strento?


ffdt
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3630
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 0:15
Località: Trieste

Messaggio da ffdt »

babatriestina ha scritto:[...] meter insieme i post sull'ortografia[...]
liberta` a i popoli ;-D fa pur ;-D


Avatar utente
Coce
citadin
citadin
Messaggi: 689
Iscritto il: dom 5 feb 2006, 11:24
Località: Australia

Riflesion

Messaggio da Coce »

Trovo divertente questa vostra preocupasion col dialeto Triestin, come go acenado prima, credo che sia una bataglia persa. Prima de tuto ve devo dir che
no credo che sia uno de voi che parla el Triestin Patoco come che i parlava soto l"Austria o nei ani '30- 40- 50- e forsi anche i ani '60. Questo xe per via del grado colturale che gave', piu' coltura, piu' profonda l'influensa nel vostro modo de esprimerse divergendo sempre de piu' da quel che se podaria definir come Patoco Triestin.
Giusto per darve qualche esempio:
CHIEDER PER DOMANDAR
PRENDER
PER CIOR
MEDUSE
PER BOTE MARINE
Podesimo continuar per ore, ma credo che tuti capi' el problema.
Me dispiasi anche a mi, ma xe inevitabile. Ciao Coce :-D


La vita
Piu' che la pendi
Piu' la rendi
angiolina

Re: Riflesion

Messaggio da angiolina »

Coce ha scritto:Trovo divertente questa vostra preocupasion col dialeto Triestin, come go acenado prima, credo che sia una bataglia persa. Prima de tuto ve devo dir che
no credo che sia uno de voi che parla el Triestin Patoco come che i parlava soto l"Austria o nei ani '30- 40- 50- e forsi anche i ani '60. Questo xe per via del grado colturale che gave', piu' coltura, piu' profonda l'influensa nel vostro modo de esprimerse divergendo sempre de piu' da quel che se podaria definir come Patoco Triestin.
Giusto per darve qualche esempio:
CHIEDER PER DOMANDAR
PRENDER
PER CIOR
MEDUSE
PER BOTE MARINE
Podesimo continuar per ore, ma credo che tuti capi' el problema.
Me dispiasi anche a mi, ma xe inevitabile. Ciao Coce :-D
E si adegua anche Il Piccolo, che nel sito rinnovato parla di "cassonetti". Mi ricordo ancora un titolo di qualche anno fa: "Ai Topolini mancano i bottini", una specie di rebus per i foresti se non leggevano l'articolo per intero (anche le "scovazze" davano da pensare per un momento) :wink:


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 37917
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

mia nona iera nata a Trieste nel 1871 (!) e la diseva prender e no cior. No xe solo question de passaggio del tempo, ma de ambiente, famiglia, rion... credo che ela cior la lo gavessi definido ordinario
chieder inveze in famiglia nostra no se ga mai sentido, co se parlava dialeto, E ti te disi Bote marine, ma papà diseva Pote marine...


Avatar utente
Nona Picia
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 10959
Iscritto il: ven 20 gen 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Messaggio da Nona Picia »

Anche mio papà , che voleva insegnarne a parlar ben,anche per mia mama che iera austriaca, el ne diseva prendere inveze de cior come che disevimo noi, mama compresa,e annafiatoio inveze de sbrufador e ancora altre parole. Per fortuna inveciando no l ne ga più obligado a parlar "forbito"anche se lui con noi fioi el continuava a farlo. :lol:


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....
ffdt
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3630
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 0:15
Località: Trieste

Re: Riflesion

Messaggio da ffdt »

Coce ha scritto:[...]piu' coltura, piu' profonda l'influensa nel vostro modo de esprimerse divergendo sempre de piu' da quel che se podaria definir come Patoco Triestin[...]
xe vero ... te va a scola, i te parla in t'un'altra lingua e pian pianin te se dimentichi la tua ... pero` dopo xe sempre la posibilita` de riscoprirla :-)

no me ricordavo piu` de le "bote marine" pero` a pensarghe (adeso che te me lo ga dito) me ricordo che de mulo iera cualchedun che le ciamava ancora cusi` ... :-) ... e son contento che te me lo gabi ricordado :-)

grazie :-)


ffdt
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3630
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 0:15
Località: Trieste

Messaggio da ffdt »

voi che gave` i dizionari a man pode` cucar cos' che i dixi? xe "bote" o "pote" marine? ... mi zercasi ma no me xe facile de sti periodi :-)

grassie :-)


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 37917
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Riflesion

Messaggio da babatriestina »

Coce ha scritto:Trovo divertente questa vostra preocupasion col dialeto Triestin, [..], piu' profonda l'influensa nel vostro modo de esprimerse divergendo sempre de piu' da quel che se podaria definir come Patoco Triestin.
Eco Coce, co legio la tua "preocupasion" e l'"influensa" a mi me sona alquanto sul veneto, anche se me fa vegnir in mente la vicina dela mia amica che ga dito "Che spussa de capussi"- e noi ne ga fato de rider perchè in casa nostra spussa forsi, ma i capuzzi li gavemo sempre ciamai capuzzi e no capussi.


Avatar utente
Nona Picia
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 10959
Iscritto il: ven 20 gen 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Messaggio da Nona Picia »

ffdt ha scritto:voi che gave` i dizionari a man pode` cucar cos' che i dixi? xe "bote" o "pote" marine? ... mi zercasi ma no me xe facile de sti periodi :-)

grassie :-)
Potamarina sta per [/i]medusa, pottamarina. Dal Rosamani.


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....
ffdt
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3630
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 0:15
Località: Trieste

Messaggio da ffdt »

Nona Picia ha scritto:[...]Potamarina sta per [/i]medusa, pottamarina. Dal Rosamani.
ma varda la` ... "potta", etimologicamente, vien de 'l latin "puta" che vol dir sia pignata che vulva ... cuesto secondo sior Diez, citado de sior Pianigiani :-) cuindi pota marina fusi "pignata de mar" :-) vista l'etimologia no go dubi che in antichita` se scrivesi "pota marina" e che le do parole le sia stade tacade insieme 'pena in t'un secondo momento ... chi sa cuando :-)

isteso xe interesante de scoprir ste robe :-)

grassie :-)

ciau


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 37917
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

esattamente come che disi Franco :oops: , forsi per quel el termine Pota marina, come che giustamente diseva papà, e che mi go sempre pensado come do parole distaccade, xe andado un poco in desuetudine :-De mi go evitado in genere de doprar


Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS »

domandeghe in Lombardia cossa xe la Pota Marina e i ve parlerà de donne nude in spiaggia :oops:


Avatar utente
Coce
citadin
citadin
Messaggi: 689
Iscritto il: dom 5 feb 2006, 11:24
Località: Australia

Metamorfosi

Messaggio da Coce »

babatriestina ha scritto:mia nona iera nata a Trieste nel 1871 (!) e la diseva prender e no cior. No xe solo question de passaggio del tempo, ma de ambiente, famiglia, rion... credo che ela cior la lo gavessi definido ordinario
chieder inveze in famiglia nostra no se ga mai sentido, co se parlava dialeto, E ti te disi Bote marine, ma papà diseva Pote marine...
Beta come acenado prima tute le lingue xe in metamorfosi e le continua, e questo includi el nostro dialeto solamente che ogi con i moderni mesi de comunicasion el fenomeno ga' acelerado imensamente.
Anche in tute le eta' gavemo sempre avudo gente elitista, e questi de solito xe i primi a implementar cambiamenti de usi e de espressioni, percio'el fato de tua Nona no me meraviglia. Co iero muleto specialmente durante l'estate quasi ogni giorno andavimo a nudar e pescar lungo tuta la costa de Trieste-Muia, e Bote Marine ne go viste tante, mi gavevo bone orecie e go sempre sentido e pronuncia' BOTE e no POTE. Te disi che mi pronuncio ala veneta, e te ga' ragion perche' questa xe la parlada original de Trieste nel periodo che go descrito qua' avanti, e xe anche la ragion che el nostro mondo xe conosu' come "VENESIA GIULIA" Ciao a tuti Coce :-D


La vita
Piu' che la pendi
Piu' la rendi

Torna a “El nostro dialeto”