Giani Stuparich

Autori triestini famosi e no famosi, poesie, anche le vostre...
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 37218
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Giani Stuparich

Messaggio da babatriestina »

No gavemo mai parlado de Giani Stuparich, autor de diversi libri, famoso ( in TV) per Un anno di scuola che ii gaveva fatto anche un sceneggiato cola storia dele prime mule al Ginnasio. Un dei scrittori che gaveva partecipado a La Voce a Firenze, filoitalian ( volontario de guerra e medaglia de oro) ma in opposizion ale posizioni estremiste de Timeus, imprigionado ala Risiera e liberado par grazie al intervento de Santin, el xe morto a Roma nel 61 o 62. El gaveva sposado l'amica de Slataper, Elody Oblath.
Ve consiglio, dei sui tanti libri, Trieste nei miei ricordi
Ma el me xe vegnudo in mente oggi, che sfogliavo articoli de riviste storiche, cossa che xe nato al momento che ai professori del Dante, co i ga resentado i cognomi, i ghe ga proposto de italianizar el proprio : Stanich e Szombathely, ga scritto che i prendi atto del consiglio e par che no i ga fatto gnente, Stuparich par che ghe gabi scritto Cari signori, el mio cognome xe quel de due medaglie de oro, la mia e de mio fradel, i ghe ga dedicado un per de vie e un per de scole, no me gnanca insogno de cambiarlo!( iera riportada la lettera)



ffdt
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3630
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 0:15
Località: Trieste

Messaggio da ffdt »

In t'un post che gavevo fato tempo fa me riferivo proprio a "Trieste nei miei ricordi", anca se no lo go dito ciaro :-)

ciau :-)

Franco



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 37218
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

riprendo qua Stuparich, per ricordar due sui libri sulla guerra , Ritorneranno e Guerra del 1915.
No go trovado finora el testo completo della lettera sul cognome, ma el riassuntin che fa la rivista qualestoria febbraio 1983 sulla base della lettera del suo preside:
" Il prof Stuparich ritiene di non poter rinunciare a un nome consacrato da due medaglie d'oro ( la sua e quella del fratello Carlo, caduto); dalla intitolazione di due istituti scolastici, di un cimitero di guerra (Asiago), di una caserma ( Roma), di una via (Trieste); dalle opere letterarie pubblicate tanto da lui che dal fratello."
Ovviamente del cambiamento de cognome no se ga parlado più :-D :-D :-D


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 37218
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

Go letto el libro Guerra del 15, val la pena de legger per aver una descrizion de prima man. Stuparich no xe mai stado un retorico e le sue descrizioni xe molto pacate e realistiche, insomma el contrario de un D'Annunzio: el conta i primi giorni de guerra nel 15 co el va volontario a Monfalcon , con suo fradel Carlo e con Slataper, che dopo un poco vien ferido e vien portado in ospedal. El guarda verso Trieste come che vardemo noi in gita, el pensa alla mamma e alla sorella là, ogni tanto el se domanda : ma go fatto ben a andar in guerra? e po el se rispondi che ghe pareva el suo dover.. e el se preoccupa per el fradel. No xe lotte, battaglie, ma pulisi, zimisi, compagni de trincea, dove lavemo la biancheria, dove xe le latrine, come iera el rancio in gamela?
come i vien accolti i volontari? la maggior parte li accogli ben, ma xe anche un che li guarda con diffidenza, chissà sti triestini, xe de fidarse de lori?
alla partenza i iera stadi accompagnai al treno de Gigetta e Elody: una iera la moglie de Slataper, l'altra la sposerà lu ( vedi el post sulle tre amiche dei vociani) dopo la guerra. Quel che però pensavo iera che lu ga pubblicado dopo la guerra sti sui appunti-che copri solo i primi tempi- e el parla de lu, el fradel e Scipio, e alla fin solo che lu tornerà a casa, e dopo un periodo de prigionia.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: dom 1 gen 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal »

babatriestina ha scritto:Stuparich ... el va volontario a Monfalcon , con suo fradel Carlo e con Slataper
Tuti ben conosudi e onoradi. Senza cavarghe niente (no xe questa la mia intenzion :wink: ), me domando se saria stado lo steso se i se gavesi schierado dala parte de l'Austria inveze che da quela de l'Italia.


[i]Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera[/i]
[S. Quasimodo]

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 37218
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

rofizal ha scritto: Tuti ben conosudi e onoradi. Senza cavarghe niente (no xe questa la mia intenzion :wink: ), me domando se saria stado lo steso se i se gavesi schierado dala parte de l'Austria inveze che da quela de l'Italia.
saria come domandarse se saria stado istesso se Franz Josef gavessi deciso de no dichiararghe guerra alla Serbia o de regalarghe Trieste al Italia come che el ghe gaveva regalado el Veneto ( attraverso la Francia) nel 1866.
O se te preferissi, se ti e Adler ve decidessi a meterve sul sgabel el ritratto de Mazzini e Garibaldi.
insomma, del tipo se mia nona gavessi le riode.. scusime tanto...
Sicuramente no saria stado istesso, perchè i li gavessi mandadi in Galizia , probabilmente no i saria morti due su tre e Carlo no gavessi dovudo suicidarse per no vegnir fatto prigionier e de conseguenza impiccado.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 37218
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

eccolo qua: da Qualestoria n 1 del 1985
Immagine
NB Stanich e Szombathely prendi atto e se tien anche lori el proprio cognome. :-D :-D


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 37218
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Giani Stuparich

Messaggio da babatriestina »

Oggi il Corriere della Sera ricorda che nel 1948 alle Olimpiadi tenute a Londra venne associato un premio letterario "competizioni d'arte": una medaglia d'oro venne aggiudicata a Giani Stuparich per il racconto La Grotta.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 37218
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Giani Stuparich

Messaggio da babatriestina »

Un pensiero riverente a Giovanna Stuparich, figlia di Giani, morta oggi. R.I.P.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 37218
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Giani Stuparich

Messaggio da babatriestina »

Itinerari letterari triestini:
ci sono gli approfondimenti autore er autore e quello s u Stuparich oltre a metterci le solite foto mette anche gli indirizzi di casa, una in via Monte Cengio
Tra il 1920 e il 1940 circa Stuparich vive qui con la moglie Elody e i tre figli. Qui riceve spesso gli amici Giotti, Saba, Pancrazi, Debenedetti e Carocci. In questi anni scrive Guerra del ‘15 (1931), Donne nella vita di Stefano Premuda (1932), Ritorneranno (1941).

Nel suo lavoro narrativo ritorna spesso, in forme differenti, il ricordo dell'esperienza traumatica della Prima Guerra Mondiale: in essa Giani, ufficiale dell'esercito italiano, ha ricevuto una medaglia d'oro al valor militare ma ha perso il fratello Carlo e l'amico Scipio Slataper, caduti entrambi sul Carso.

ed una di in via Trento 12, dove non c'è ancor a ombra di cartellino:
Immagine
"In questa casa, Stuparich vive con la madre e la moglie Elody Oblath fino alla nascita dell’ultimo dei tre figli nel 1925, quando si trasferisce alla casa di via Monte Cengio sul colle di Scorcola. Ritorna qui negli anni '40 dopo la rottura del suo matrimonio e l'inizio della relazione con Anita Pittoni.

Dopo esser stato internato alla Risiera di San Sabba ed aver fatto parte del Comitato di Liberazione Nazionale, nel dopoguerra Stuparich si dedica alla scrittura: giornalismo, memorialistica, narrativa. Nel 1946 fonda il Circolo della Cultura e delle Arti, sodalizio molto attivo tutt'ora in attività."
doveva fargli comodo, visto che frequentò e insegnò al Dante che allora era adiacente

Il mio primo ricordo su Stuparich risale all'aprile 1961, morì il giorno 7 e credo fu il giorno 8 - era un sabato ricordo- a scuola la nostra insegnante dlel medie ce lo commemorò, era stata sua alunna.

Una foto nota di Stuparich assieme alla madre dai musei civici
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Torna a “Autori e poesie”