Linum narbonense o tommasinii?

Flora carsica o che comunque se vedi a Trieste e dintorni
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38557
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Linum narbonense o tommasinii?

Messaggio da babatriestina »

Almeno credo sia questo un lino azzurro diverso da quello già presente in forum. Prati intorno al Monte Nevoso.
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38557
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Linum narbonense

Messaggio da babatriestina »

penso sia un errore e si tratti del Linum Tommasinii

Il lino di Tommasini è un'entità appartenente a una specie delle montagne dell'Europa meridionale, presente in Emilia-Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia, e in tutte le regioni dell'Italia centrale e meridionale (manca in Sicilia e Sardegna). La distribuzione regionale si concentra sul Carso triestino alle spalle di Trieste, con pochissime stazioni anche sul Carso goriziano. Cresce in pascoli aridi e in prati a carattere steppico, su substrati normalmente calcarei, dalla fascia submediterranea a quella montana. Il nome generico deriva dal greco 'linon' (filo) per la fibra di lino ottenuta da alcune specie (soprattutto L. usitatissimum) e usata per produrre tessuti; la sottospecie è dedicata a uno dei maggiori botanici di Trieste, Muzio de' Tommasini (1794-1879), che ne fu anche podestà. Forma biologica: emicriptofita scaposa. Periodo di fioritura: giugno-luglio.

Immagine

Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38557
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Linum narbonense o tommasinii?

Messaggio da babatriestina »

Oggi in quel di Basovizza, due tipi di Linum azzurro e non saprei il nome esatto, aspetto spiegazioni da chi ne sa più di me
Immagine

Immagine

e questo altro
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38557
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Linum narbonense o tommasinii?

Messaggio da babatriestina »

dopo consultazioni e controlli, il Linum Tommasinii è quello coi petali arrotondati. Come sempre i botanici gli danno nomi diversi, alcuni dicono che il Linum Tommasinii è una sottospecie del Linum austriacum
il cartellino è esplicito, si trova nella zona della landa carsica, che grazie al sole ha un'ampia varietà d i fiori in primavera
Immagine
eccolo in due foto fatte con due macchine diverse per questioni di avvicinamento o meno al fiore
Immagine


Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38557
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Linum narbonense o tommasinii?

Messaggio da babatriestina »

Per l'altro qualcuno suggerisce alpinum. ma non so..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38557
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Linum narbonense o tommasinii?

Messaggio da babatriestina »

Per il linum più noto, vi metto l'immagine del Mezzena, Flora del Carso 1965 e una parte della descrizione
Immagine
Una dele entità più interessanti del genere Linum del Carsotriestino è il Lino glabro, scoperto dal nostri illustre botanico Muzio de Tommasini ed illustrato da Reichenbach. E' pianta perenne , munita anche di getti sterili, e porta racemi arenati e pendenti unilateralmente.I suoi fiori sono blu- azzurre, coi sepali del calice ovato-lanceolati, acuminati a margine scarioso. Il Lino glabro che secondo Pospichal farebbe arte del ciclo specifico del Linum austriacum, rappresenta uno degli incontri primaverili più festosi offerti all'escursionista, dalle fitocenosi pratensi del nostro Altipiano. fiorisce in maggio e giugno


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Torna a “La flora”