Veronica jacquinii

Flora carsica o che comunque se vedi a Trieste e dintorni
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38411
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Veronica jacquinii

Messaggio da babatriestina »

Domenica passeggiando, vedo questo fiore dal colore azzurro simile al lino, ma non è lino!
Si tratta di una Veronica, il nome varia a seconda dei testi consultati , quello sulla flora della val Rosandra la dà come Veronica jacquinii Baumg ma si trova pure come
Veronica austriaca L subsp jacquinii Baumg Watzl

dalla pagina Dryades La veronica di Jacquin è una specie a distribuzione sudest-europea, presente con certezza solo in Friuli Venezia Giulia (le segnalazioni per la Lombardia sono dubbie, la specie non è stata ritrovata in tempi recenti in Veneto ed è stata segnalata erroneamente per la Liguria). La distribuzione regionale è di tipo alpico-carsico; in Carso la specie è abbastanza diffusa ma non molto comune, rarefacendosi nei colli del Muggesano. Cresce negli orli aperti di boschi maturi, su suoli argillosi calcarei piuttosto profondi e ricchi in composti azotati, con optimum al di sotto della fascia montana superiore. Il nome generico è di etimologia molto incerta: secondo alcuni deriva dalla leggenda della Veronica, la donna che pulì il volto di Cristo con un fazzoletto prima della crocifissione, alludendo alle venature più scure nella corolla presto caduca di alcune specie o al fatto che molte specie fioriscono precocemente, durante la settimana santa, altri invece pensano che sia legato a legato a Santa Veronica da Binasco (1445-1497). La sottospecie è dedicata al botanico viennese N.J. Jacquin (1727-1817). Forma biologica: emicriptofita scaposa. Periodo di fioritura: aprile.giugno

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine
Trovata sul sentiero n1 presso il Monte Spaccato


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Torna a “La flora”