Museo della speleologia in Grotta Gigante

Grotte e similia, a Trieste e dintorni no manca, anzi salta fora ogni tanto una nova!
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Rispondi
Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Museo della speleologia in Grotta Gigante

Messaggio da AdlerTS » sabato 21 gennaio 2006, 22:19

La struttura espositiva, che è stata appena inaugurata dopo una radicale ricostruzione, espone reperti paleontologici e preistorici rinvenuti nelle migliaia di cavità naturali dell'altopiano triestino.

Collocata in prossimità del secondo ingresso della cavità - scoperto nel 1890 - la struttura ospita anzitutto degli ''speleo-manichini" muniti delle varie attrezzature necessarie all'esplorazione delle grotte - come lampade al carburo, bussole, corde, caschi, antichi moschettoni e dotazioni ad alta tecnologia - che testimoniano come, dall'improvvisazione dei tempi eroici di fine Ottocento, la speleologia si sia via via affinata verso la massima professionalità, sulla scia del progresso scientifico e tecnologico.
Un'altra sezione - corredata da reperti ossei, calchi, schemi, plastici e foto - è dedicata ai diversi momenti storici della ''frequentazione'' delle cavità carsiche, che servirono come vere e proprie ''tane'' per gli animali preistorici (orsi, soprattutto), ma anche come successivi luoghi di riparo per l'uomo, dall'Età della Pietra in poi.
Sono esposti resti di pasti risalenti al Paleolitico e al Mesolitico, cuspidi di frecce, vasi e pendagli del Neolitico e dell'Età del Bronzo e - ancora - coltelli, lucerne, fibbie e brocche che portano fino all'Età dei Castellieri e a quelle Romana, Medievale e Moderna.

el sito uficiale xe:

http://www.grottagigante.it/frameset001.html



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36861
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » sabato 21 gennaio 2006, 22:25

Da una visita al museo, tanti anni fa, mi ricordavo soprattutto le vetrine con le vipere vive!



Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Re: Museo della speleologia in Grotta Gigante

Messaggio da AdlerTS » venerdì 16 marzo 2012, 12:33

Questa jera su ebay
Allegati
grotta.jpg
grotta.jpg (90.72 KiB) Visto 750 volte


Mal no far, paura no gaver.

Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7390
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Museo della speleologia in Grotta Gigante

Messaggio da sono piccolo ma crescero » venerdì 16 marzo 2012, 12:59

Due osservazioni de natura diversa:

la prima: go visto anche in altri scritti triestini dell'epoca la parola Viglietto per Biglietto. Credo che sia dovù al fatto che tute e due le parole le deriva dal spagnol Billete che se scrivi co la B e se legi co la V;

la seconda: me ricordo che de picio (penso anni '50) mio papà me ga portà dentro ala grota Gigante e go ancora nel naso l'odor nauseante de le lampade a carburo. Magari ghe sarà ancora qualchedun che lo rimpianzi, mi no.


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
Elisa
notabile
notabile
Messaggi: 3443
Iscritto il: domenica 10 febbraio 2008, 17:27
Località: Argentina

Re: Museo della speleologia in Grotta Gigante

Messaggio da Elisa » venerdì 16 marzo 2012, 18:28

Inverto: due pareri a Due osservazioni de natura diversa:
La seconda. Questa pratica della speleologia, estesa attività sportiva che offre l' emozione delle grandi avventure tra profonde cavità, labirinti, in un isolamento dove perdendo l' orientamento temporale e nella certezza di trovarsi lontano dall' uscita, puo produrre effetti psichiatrici indesiderati a chi non è fermamente preparato, .... nemmeno a me suscita entusiasmo! ;--D
Magari l' illuminazione nei tempi odierni è "moderna", non so. Comunque quell' odore che emanavano le lampade a carburo anch' io l' ho ben conosciuto e sopportato nel rifugio antiaereo anni 42-45.

La prima. Biglietto (sì, Billete in spagnolo) scritto con "V" iniziale, più che dallo spagnolo
mi sembra che derivi dal.....napoletano. Ma non potrei entrare in discussione, comunque. :?
Questo sì è certo: nello spagnolo parlato in Argentina (ignoro in quanto a quello parlato in Spagna) esiste una stretta coesistenza tra la V e la B. La grammatica obbliga ad osservare quando si usa la B e quando la V nello scrivere, ma parlando.....è di consuetudine la pronuncia a piacere di ambedue.
Nonostante, gli unici che pronunciano queste consonanti correttamente siamo noi, gli stranieri. :-)


"Todo lo bueno me ha sido dado"

Rispondi

Torna a “L' ambiente ipogeo”