Fiumi e acquedotti

Grotte e similia, a Trieste e dintorni no manca, anzi salta fora ogni tanto una nova!
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » sabato 11 marzo 2006, 23:34

Molti pensa che l'acqua che bevemo vien dal Timavo, inveze da almeno 30 ani bevemo acqua del'Isonzo, pescada a 150 metri de profondità. La riva con una tubatura sotomarina de 1 metro e 30 de diametro che parti dal Villaggio del Pescatore e viagia a 20 metri de profondità fino a rivar a Montebello. Un'altra tubazion, più picia, segui la strada costiera e riva a Gretta. El Carso ga una linea indipendente.
Tra i motivi che ga spinto alla scelta del secondo fiume, tra i altri, iera alcune beghe tra Stato italiano ed aziende inquinanti dell'ex Federativa Yugoslava con le quali non iera facile dialogar.
L'acqua del Timavo rivava dal celebre Acquedotto del Randaccio a San Giovanni di Duino, ma in realtà el ga picolissime sorgenti anche a S. Dorligo, ale Noghere, ad Aurisina e Guardiella. Ancora ogi el Timavo vien utilizado in casi straordinari.



giuli
ixolan
ixolan
Messaggi: 198
Iscritto il: venerdì 13 gennaio 2006, 13:48
Località: Trieste
Contatta:

Messaggio da giuli » domenica 12 marzo 2006, 9:10

Grazie Adler per le interessanti info! :wink:


http://triestenelcuore.splinder.com

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36143
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » martedì 14 marzo 2006, 7:46

AdlerTS ha scritto: Molti pensa che l'acqua che bevemo vien dal Timavo, inveze da almeno 30 ani bevemo acqua del'Isonzo, pescada a 150 metri de profondità.
L'acqua del Timavo rivava dal celebre Acquedotto del Randaccio a San Giovanni di Duino, ma in realtà el ga picolissime sorgenti anche a S. Dorligo, ale Noghere, ad Aurisina e Guardiella. Ancora ogi el Timavo vien utilizado in casi straordinari.
Tutto ben, solo che me par che el acquedotto Randaccio sia el novo, quel con l'acqua dell'Isonzo.
Un per de link:
http://www.marecarso.it/territorio_ambitolitorale.htm
http://www.acegas-aps.it/vis_articolo.a ... _21&ids=21
Nei pressi del parco del acquedotto Randaccio xe anche una villa romana
http://vodnik.kras-carso.com/vizitka.ph ... 1&vsebina=

In epoca romana ghe iera el acquedotto roman, quel che xe visibile in Val Rosandra e in vari punti nel suo percorso
Immagine
e po nel Setecento xe stado quel de Maria Teresa
A Proposito, chi iera Randaccio?
la risposta qua:
http://www.chieracostui.com/costui/docs ... sp?ID=2085
e xe un sito che ve racomando per tante informazioni



Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » martedì 14 marzo 2006, 12:36

babatriestina ha scritto:Tutto ben, solo che me par che el acquedotto Randaccio sia el novo, quel con l'acqua dell'Isonzo.
Proprio dai tuoi link mi capisso che el Randaccio iera pre-esistente e xe stado in un secondo tempo collegado con l'aquedotto dell'Isonzo.



ffdt
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3630
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 0:15
Località: Trieste
Contatta:

Messaggio da ffdt » mercoledì 22 marzo 2006, 23:51

babatriestina ha scritto:[...]In epoca romana ghe iera el acquedotto roman[...]
Go un poche de foto de cuela parte de 'l acuedoto roman che se vedi a borgo S. Sergio. El xe in te le cantine de un per de condomini che i ga fato in cuela zona e cuesta xe la parte de fora, in giardin:
Immagine



ffdt
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3630
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 0:15
Località: Trieste
Contatta:

Messaggio da ffdt » mercoledì 22 marzo 2006, 23:53

Sto cua el xe un toco de condutura che 'l xe dentro in te 'l muxeo ... che 'po fusi in te la cantina :-)
Immagine



ffdt
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3630
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 0:15
Località: Trieste
Contatta:

Messaggio da ffdt » mercoledì 22 marzo 2006, 23:54

Cuesta xe una piantina co' 'l percorso ch e'l fazeva ...

Immagine



ffdt
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3630
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 0:15
Località: Trieste
Contatta:

Messaggio da ffdt » mercoledì 22 marzo 2006, 23:55

E cua ghe xe un pozeto de ispezion ... e con cuesta go finido la mia scorta de "acuedoto" ;-D

Immagine



giuli
ixolan
ixolan
Messaggi: 198
Iscritto il: venerdì 13 gennaio 2006, 13:48
Località: Trieste
Contatta:

Messaggio da giuli » giovedì 23 marzo 2006, 9:16

Belle foto,Franco!
Grazie :wink:


http://triestenelcuore.splinder.com

refolo

l'ambiente ipogeo

Messaggio da refolo » sabato 27 maggio 2006, 6:31

La cugina de mia mamma la stava a Barcola proprio difronte le seconda fontanella......
Scuseme, ma mi son vecia , non so' se esisti ancora ste fontanelle dove se davimo appuntamenti.
Sara' circa un cinquecento metri dopo la famosa viletta stile Bizantino.

Comunque noi mulete giogavimo dei brutti gioghi, spettavimo el treno e col rivava andavimo contro vento! contro la potenza della locomotiva.
se non save' cossa che intendo? xe assai pericoloso.

El Canal dell'acqua vegniva zo dal monte? non me proprio ricordo come chei lo ciamava, ma l'acqua ogni settimana, d'estate la vegniva sciarida dalle impurita', i ghe metteva un inchiostro rosso, e noi mulette spettavimo de veder quando che vegniva fora sto' color.

Sfortunatamente in una giornada de caldo sofficante, l'uficio dell'Igiene ga dito? fermeve....qua' xe qualcosa che non va'.
Sta sorgente che doveva rigettar sta volta non la xe rivada a dar nessun risultato.

Dopo due settimane el color se ga' fatto veder, i pensa che ghe iera una sezion de profondita' canalifere che ritegniva el color per alimentar la roccia calcarea. Che per solito se la vedi piuttosto rossastra a rispetto alle altre.

Non go' mai savudo cossa che xe sucesso, ma mi credo che ghe devi esser un canal lungo alquanto differente, del shape de una pissa.....
che devi andar a zig-zag... altrimenti non se pol stabilir sto fenomeno, che da quel che go' capido dai veci, succedi ogni 3-5 anni.

Maria aka Refolo



Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » lunedì 23 ottobre 2006, 13:08

Nel corso della realizzazion del tratto carsico della “meridionale”, una importante costruzion xe stada quella dell’acquedotto de Nabresina (o Aurisina )del quale Babatriestina ga za messo le foto della torre.
Trovade per caso delle polle de acqua dolce che sgorgava a livel del mar (ed anche più sotto), i ga subito pensado de costruir l’acquedotto per rifornir la ferrovia e la città. Grazie anche all’interessamento del ministro Von Bruck, vien fondada una S.p.A. con capitale sociale de 660.000 fiorini, presieduta da lui stesso, che se ciol cura della realizzazion.
Allegati
CIMG2099.JPG



Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » lunedì 23 ottobre 2006, 13:09

Le sorgenti le xe stade convogliade in un castelletto costruindo un serbatoio scavado nella roccia, dove le macchine a vapor della viennese Sigl pompava l’acqua fino ad Aurisina tramite condutture de ghisa. Tutto el progetto jera curado da Carl Junker.
Allegati
CIMG2105.JPG



Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » lunedì 23 ottobre 2006, 13:10

Nel luglio 1857 entra in funzion la conduttura verso Grignano e Trieste lungo el pian della ferrovia, mentre in ottobre dello stesso anno quella de Aurisina: in 24 ore tirava su 6000 mq d’acqua. L’approvigionamento del carbon per le macchine avveniva via mar.
Allegati
CIMG2096.JPG



Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » lunedì 23 ottobre 2006, 13:14

Sul posto ghe xe un cartel del toponimo Brojenca.
Allegati
CIMG2113.JPG



Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » lunedì 23 ottobre 2006, 13:15

L'ultima ...
Allegati
CIMG2115.JPG



Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » lunedì 23 ottobre 2006, 22:00

El stesso castelletto in una stampa d'epoca.
Allegati
nabresina.jpg



Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » giovedì 7 dicembre 2006, 22:53

AdlerTS ha scritto:Sul posto ghe xe un cartel del toponimo Brojenca.
Sempre da "La Costiera triestina - storia e misteri di una strada", (MGS press) una serie de toponimi da Castelregio verso Trieste: Botanjek, Kut, Hrvati, Barkadela, Gradezan, Kemer Gjezde, Dve Sestri, Sestrence (la zona dell'Hotel Europa), Pri Tubi, Rogac (manca una cluca, la zona delle Ginestre), Biankadura, Kovacevica (con la cluca sulla prima c) e Pri Cupah. Sotto la galleria naturale xe Spelen Kamen.

Brojenca non i lo metti :roll:



Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » martedì 12 agosto 2008, 21:57

babatriestina ha scritto: In epoca romana ghe iera el acquedotto roman,
Non gavamo mai messo la foto della targa per la fonte Oppia, in via dell'Istria.

Immagine


Mal no far, paura no gaver.

Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » lunedì 22 dicembre 2008, 22:40

babatriestina ha scritto:In epoca romana ghe iera el acquedotto romano, quel che xe visibile in Val Rosandra e in vari punti nel suo percorso

Parlando dell'acquedotto roman el Kandler scrivi che zo per San Michele ghe fussi lo sbocco de uno dei rami dello stesso, presso il fontanone di Cavana: nel 1805,duranti i lavori a via Madonna del mare, i ga scoperto una porzion de canal sotterraneo praticabile, lungo 130 klafter, fornido de tombini per la discesa, che i suoi contemporanei ga ciamado Galleria romana.


Mal no far, paura no gaver.

Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » martedì 23 dicembre 2008, 12:47

Con riferimento al messaggio qua sora:
macondo ha scritto:Mi go el libro "i sotterranei di Trieste" e lo podé scarigar qua;

http://www.atrieste.eu/FotoMacondo/sotterranei.pdf
Se te ga la version con le foto, te rivi a veder se xe questo qua:
Ramo terminale dell'acquedotto di Bagnoli, Trieste, San Vito, foto e rilievo a pag 58
??


Mal no far, paura no gaver.

Rispondi

Torna a “L' ambiente ipogeo”