Caffè a Trieste

gavè ricette triestine de condivider? volè parlar de roba che se magna e se bevi a Trieste? zerchè una ricetta che gavè dimenticado? e se ve sbrissa una non triestina.. ve perdonemo, se la xe bona!
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

Caffè a Trieste

Messaggio da rofizal » giovedì 7 dicembre 2006, 7:51

Dal vecio forum, topic de data 19 settembre 2005.

AdlerTS :
Un elemento distintivo de Trieste xe sempre stado el caffè, che da noi ga usi e nomi diversi che in Italia. In bar Tergesteo i ga esposto una bella tabella, realizada con la collaborazion della Hausbrandt, completa de foto, con tutte le varietà locali della nota bevanda:

parti con el "ristretto", a sua volta disponibile anche gocciato oppure macchiato;
quindi "nero", a sua volta anche gocciato o macchiato;
poi "lungo", suddiviso anche in gocciato o macchiato;
non pol mancar el "Capo", che se pol aver chiaro o scuro;
nonché el "caffelatte", ovviamente chiaro o scuro.

De tuti questi poi estisti la version decaffeinato "deca" ed in bicchiere "in Bi".

Completa la lista l'americano, al pepe, corretto, viennese, shakerato, latte macchiato (chiaro o scuro) , monte bianco, marocchino e irish coffee , tutti deca e non.

Totale 67 varietà. Buon caffé a tutti

Per la cronaca, la storia racconta che alla fine dell'800 ogni famiglia acquistava e brustolava le bacche ancora verdi de caffè secondo le proprie necessità. El Comandante Hermann Hausbrandt, austriaco de nascita, ma triestin d'adozion, fonda però nel 1892 la "Prima Tostatura Triestina di Caffè" col progeto de commercializzar el cafè già torrefatto e pronto de usar. Una novità possibile grazie all'innovazion tecnologica dell'utilizo dei primi macchinari a motor elettrico, con l'esclusivo sistema "Grevenbroich" per ottener una perfeta tostatura, e l'ideazion de un sistema de raffreddamento per la conservazion dell'aroma del caffè appena tostato. (dal sito uficiale Hausbrandt)
Macondo :
Un caffé de sibariti e libidinosi xe el caffe turco. Caffé macinato finissimo insieme a semi de cardamonio, boido con molto suchero nele caratteristiche cafetiere de oton. Servido in tazine senza manigo, e lasado riposar fin che se deposita el café...Robe de Mille e una notte!!

Babatriestina :
Parlemo de caffè turco, che de mi se lo fa ancora: el doveria esser masinado in casa con el masinin de oton che ve meto nela foto soto, xe una foto picia perchè xe un particolar de una foto dela mia cusina, ma adesso se lo trova pronto al Cremcaffè, xe consigliabile la qualità Minas e i lo vendi za pronto, masinado fin, per cafè turco.

Ve meto anche la foto dele chicherette, anche quele de mia bisnona, in realtà adesso tuti dopra le chichere normali, che se no coi fondacci se impignissi meza chichera. Qualchedun lo vol molto dolce e qualchedun quasi amaro. El cardamomo no xe la version classica del caffè turco, ma la version araba, lo go bevudo soto la tenda de beduini in Siria, bonissimo!

In tuti i Balcani xe usado el caffè turco, ma xe una gaffe tremenda domandar un caffè turco, i te varda 'sai de bruto, in Grecia se devi domandar un caffè grego!! E in Serbia co una ga domandado un cafè turco i ghe ga dito "quel no xe cafè turco, questo xe un cafè e basta!!!"
E po, se se lassa i fondacci, ala fine se gira la chichera, se la rivolta sul piatin e chi che sa , legi i fondi de cafè. I me ga dito che qua a Trieste le legidore de fondi de cafè se fa pagar ben, come le butacarte!!
continua...
Allegati
macinin.jpg
macinin.jpg (7.95 KiB) Visto 3404 volte
coppettecaffeturco.JPG



Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal » giovedì 7 dicembre 2006, 8:12

Lucio Coceani :
Ma a Trieste, a casa almeno, se magna ancora caffe con le sope?
Babatriestina :
Mi le sope no me piasi, ma ala matina bevo cafè de cogoma, cola Melitta col filtro ala tedesca, e missiado con Miscela Leone. El tuto slongado col late.
Sariandola :
Mio papà ogni matina per colazion el magna sope e l'usa un mix de cicoria Franck e malto Kneipp (de picia me divertivo sai se sul fornel ghe ndava oltre).

Qua in Austria i dopra el cafè fato col filtro che a mi me par come una sciacquatura de cafetiera (scusa, Betta... de gustibus...) . Nei locali te trovi una dozina de varianti diverse da cafè, ma quasi tute me xe tropo fiape. Alora preferisso bever el café che fazo mi con la moka - se son in vena de lussi, metto l'Illy, che però qua costa el dopio che in Italia.

Certo che Vienna xe la patria del caffé (nel senso del locale). Però tanti dei caffé storici se ga ridoto a semplici mete turistiche dove te entri e te trovi solo giaponesi ecc. E poi andar in caffè xe un lusso: qua no te trovi un espresso o un capo per 80 centesimi. Per un caffè te spendi sui 2 euro.
Tirabaralla :
Fora de casa... mi bevo sai volentieri macchiato, capuccino (el vostro caffelatte) e marocchino... In casa bevo ala matina Nescafè... el fato xe che mia mama bevi quel e una volta bituadi, quel de la cogoma el te sembra sempre acido...
(Nota a latere: caffè e cacao xe do prodoti che ga e sopratuto gaveva sai bele confezioni de lata, che potendo xe sai bel ingrumar per mercatini)
Ursus :
Co abitavo in Germania, a Stocarda, Ludwigsburg, Eßlingen, insoma de quele parti, ghe ne jera tanti de quei " Kaffeestüble - Konditoreien", postisini bei, e squisitamente decoradi, come saloti, dove che se sentava e se gustava una cogometa de cafe e una "Obsttorte", le torte de fruti che in Baden/Würtenberg le xe asolutamente famose e, come arte nel farle, inasalibili.
Gnanche là no se li trova più. Mozart Konditorei, in Schloßplatz in Stocarda, el posto de ritrovo per tuti, ghe ga dado posto a quela cadena de cafè svizera (Möwenpick). Una volta che te ga visto un de quei cafè te li ga visti tuti. I ga tuta l'atmosfera de un centro comerciale.

Solo a Ludwigsburg ghe ne go trovado un. Se pol sentarse solo in una ventina al masimo. Un cafè delizioso, le torte fora de sto mondo e i te porta perfin el giornal rodolado sula steca de legno.

Ma no ghe conto a nesun dove che el xe. Me lo tegno per mi e la mia dolce metà.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 33821
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » giovedì 7 dicembre 2006, 9:07

MOD el cafè turco sarà miteluropeo? mi go idea che no tuti lo leggi qua, i caffè triestini no ga serado dopo el 1918, el caffè turco lo fa ancora tanti ciolendo el Minas de Cremcaffè, quindu per mi el andassi o soto industrie e commerci, se pensamo ai caffè come locali, o sotto cusina, se pensemo ala rizetta.MOD



Avatar utente
rofizal
notabile
notabile
Messaggi: 3396
Iscritto il: domenica 1 gennaio 2006, 18:56
Località: Terra

Messaggio da rofizal » giovedì 7 dicembre 2006, 10:34

Fa come te preferisi. :wink: Mi lo go meso qua perché el topic originale iera stado verto proprio soto la simile sezion "Mitteleuropa".



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 33821
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » giovedì 7 dicembre 2006, 23:24

rofizal ha scritto:Fa come te preferisi. :wink: Mi lo go meso qua perché el topic originale iera stado verto proprio soto la simile sezion "Mitteleuropa".
go letto e riletto, mi lo sposto in cusina, dove che se tien el cafè ( magari po se lo pol bever.. in salotin! :-D )



refolo

caffe' Trieste

Messaggio da refolo » sabato 9 dicembre 2006, 8:32

Hei !
questa non xe una battuda xe solo un confronto, perche le citazioni vedo che le xe piu' o meno due anni vecie.
Prima de tutto el Frank esisti ancora in qualche negozietto Slavo, o Croato per esser precisa.

El caffe', per esempio a Vienna, mia fia, la lo ga' bevudo anche col limon, i disi chei lo metti per el mal de panza, qua' i lo metti al posto del zucchero.
Lucio beveva o magnava con le sope, mi me dovevo contentar quel de cogoma, e beverlo col sal, perche' non iera zucchero.

de quando che xe vegnu' Illy, col suo caffe' el ga' anche nomina' ""LATTE"", niente da far col latte solo, ma nome al posto del macchiato, tutto un zuf, nomi cambiadi per metter piu' caos nei Espresso Bar .

Mi me metto la sniapa, non alla mattina, ma alla sera, specialmente se fazo robette pesanti de magnar. Adopero assai sta macchina elettrica. La mia amica Maddalena, mezza turca, per bever el caffe' come che disi Macondo, se metti prima el zucchero in boca e dopo el caffe', ma va' a finir che chi che non pol beverlo zuccherado ghe resta la bocca de velen.

Maria aka refolo



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 33821
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » venerdì 7 settembre 2007, 7:44

molto gradito a Trieste ( e dintorni) xe el caffè col bicerin de panna vizin:
Immagine



Avatar utente
Tirabaralla
citadin
citadin
Messaggi: 950
Iscritto il: lunedì 2 gennaio 2006, 16:49
Località: Firenze
Contatta:

Messaggio da Tirabaralla » sabato 8 settembre 2007, 3:11

YumYum...devo provare...qui la panna va DENTRO il caffè...questa cosa chic del bicchierino non l'ho mai vista ^_^


[color=crimson][b][i]...it's not easy to be me...[/b][/i][/color]

[url]http://tirabaralla.splinder.com[/url]
[url]http://polaris7.splinder.com[/url]
[url]http://www.fotolog.com/tirabaralla_0/[/url]

Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » sabato 8 settembre 2007, 21:33

Ogi passavo per Muja e me son fermado a bever un caffé in bar in piazza Marconi e, a parte el dispiazer de veder che un altro Caffé che gaveva bei arredamenti in stile se ga conformado al nippo-moderno :? , go scoperto una marca de caffé che non gavevo ancora visto in giro, Antica Tostatura Triestina. Andando però sul loro sito, questi disi de esser gli eredi Hausbrandt !

www.attcaffe.com



Avatar utente
Tirabaralla
citadin
citadin
Messaggi: 950
Iscritto il: lunedì 2 gennaio 2006, 16:49
Località: Firenze
Contatta:

Messaggio da Tirabaralla » domenica 9 settembre 2007, 12:39

AdlerTS ha scritto:Ogi passavo per Muja e me son fermado a bever un caffé in bar in piazza Marconi e, a parte el dispiazer de veder che un altro Caffé che gaveva bei arredamenti in stile se ga conformado al nippo-moderno :? ...
Davvero?
Che tristezza...questa omologazione ad un presunto stile international minimal...mi fa uno squallore :\ Come se ci fosse bisogno di ulteriore uniformarsi alle mode! Bah.


[color=crimson][b][i]...it's not easy to be me...[/b][/i][/color]

[url]http://tirabaralla.splinder.com[/url]
[url]http://polaris7.splinder.com[/url]
[url]http://www.fotolog.com/tirabaralla_0/[/url]

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 33821
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » domenica 9 settembre 2007, 19:45

AdlerTS ha scritto: Antica Tostatura Triestina. Andando però sul loro sito, questi disi de esser gli eredi Hausbrandt !

www.attcaffe.com
vedo la firma de un Alessandro Hausbrandt.
Ala mostra Alberi genealogici iera anche el albero dei Hausbrandt, ma la riproduzion sul catalogo xe rimpicciolida e no se ariva ben a leger. Certo che i eredi del vecio Hermann Hausbrandt, bisnonno de sto Alessandro, xe tanti! Alcuni eredi per via femminil li gavevo conossudi in Stiria.



duralex
naufrago
naufrago
Messaggi: 64
Iscritto il: lunedì 10 dicembre 2007, 12:08

Messaggio da duralex » mercoledì 12 dicembre 2007, 16:41

Tanti ani fa son andà in Yugo con dei amici de Roma, in campegio. Uno de questi (che dopo el xe diventà un medico aprezado) el iera un tamaron incredibile. No solo, el saveva tuto lui. Un giorno se trovemo in un paeseto in mezo al niente, entremo in un bareto e, a gesti, chiedemo un cafè. Ne porta due tazine, senza cuciarin e zuchero. Mi riconosso subito che xe cafà ala turca e ghe dico al mio amico che no xe bisogno ne de metter zuchero. Lui me varda come se fossi un moscon su una caca e dise al tipo drio del bancon che vol zuchero. Quel porta e mi ghe digo, no metere, no girar. Lui meti, gira, e bevi de un fià. A distanza de ani (dovessi esser stato nel 77 o 78 ) ancora godo quando penso che el ga dovudo bevere mezo litro de acqua per netarse la boca e spegner il bolor del cafè. Vedè in che mani xe la sanità in Italia?



Avatar utente
basilico51
naufrago
naufrago
Messaggi: 66
Iscritto il: giovedì 3 gennaio 2008, 17:13
Località: Napoli

Messaggio da basilico51 » martedì 8 gennaio 2008, 16:09

Il buon Adler mi ha ricordato un curioso modo di dire di mio nonno E.:
lui beveva, di mattina ma non solo, un bel bicchiere di latte bianco freddo e zuccherato. :-)

Lo chiamava "all'imperiale".

Immagino si riferisse alla giubba bianca dei militari nell'impero austroungarico.

Ho ereditato da lui quest'uso per tutta l'infanzia. Ancora adesso non amo il latte caldo. :roll:


chi insiste e resiste, raggiunge e conquista

Avatar utente
basilico51
naufrago
naufrago
Messaggi: 66
Iscritto il: giovedì 3 gennaio 2008, 17:13
Località: Napoli

Messaggio da basilico51 » mercoledì 9 gennaio 2008, 10:07

Beh, avrai notato che sono napoletano. E qui pure non scherzano con il caffè e con le sue decine e decine di variazioni.
D'altronde, saprai che l'uso del caffè si diffuse a Vienna dopo l'assedio dei Turchi che abbandonarono questi semi in città, quando si ritirarono. Un "traditore" turco spiegò ai viennesi cosa si faceva con quei semi, una volta tostati. Questo ha reso Vienna (e Trieste che ne era il porto naturale) la capitale europea del caffè e dei caffè, intesi come locali dove si sorbisce la bevanda, si legge, si studia, si passa la giornata.
Una mia amica romana, quando viene a Napoli, si ostina a chiedere un caffè "corto": i baristi la guardano con aria interrogativa, perchè il caffè è già minimo. Penso sempre che le servano delle gocce di caffè con il contagocce...
Personalmente, poichè ho avuto un avvelenamento da caffeina quando avevo vent'anni e ho sviluppato una sensibilizzazione fastidiosa, bevo orzo solubile, l'Orzoro, con il latte o sciolto in acqua calda.
Certo poco napoletano e poco triestino... :oops:
Mi piacerebbe una bella cioccolatteria-libreria con anche il caffè turco. :roll: Chissà se esiste una cosa del genere a Trieste?
Non sono mai stato a Trieste, lo confesso. :oops:


chi insiste e resiste, raggiunge e conquista

Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » mercoledì 9 gennaio 2008, 12:28

Siamo incredibilemente fuori tema :offtopic: rispetto alla ricerca delle origini, però volevo risponderti che caffè " alla turca", cioè fatto in un pentolino anziché con la moka, a Trieste non se ne vede. Me l'hanno offerto qualche volta in Croazia e devo dire che preferisco quello nostro .


Mal no far, paura no gaver.

Avatar utente
basilico51
naufrago
naufrago
Messaggi: 66
Iscritto il: giovedì 3 gennaio 2008, 17:13
Località: Napoli

Messaggio da basilico51 » mercoledì 9 gennaio 2008, 13:02

Già, immaginavo di essere OT, mi spiace.


chi insiste e resiste, raggiunge e conquista

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 33821
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » mercoledì 9 gennaio 2008, 14:21

Volè che stacchemo i post sul caffè e li metemo nela sezion gastronomica, dove che ghe xe za un topic sul caffè? :-D ( per Adler: nei bar no i servi el caffè ala turca, ma de Cremcaffè el Minas masinado fin, che se dopra per quel, va forte..)


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
basilico51
naufrago
naufrago
Messaggi: 66
Iscritto il: giovedì 3 gennaio 2008, 17:13
Località: Napoli

Messaggio da basilico51 » mercoledì 9 gennaio 2008, 14:44

Con piacere, al caffè ciò che è del caffè... :-)


chi insiste e resiste, raggiunge e conquista

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 33821
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » mercoledì 30 gennaio 2008, 20:02

sempre per i caffè, eccovi un'immagine del "Capo in b." ossia cappuccino ( alla triestina) in bicchiere:
Immagine
in realtà la foto non è scattata proprio a Trieste, ma non lontano..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » mercoledì 30 gennaio 2008, 20:08

babatriestina ha scritto:in realtà la foto non è scattata proprio a Trieste, ma non lontano..
Za a Monfalcon non i sa cossa xe :-D


Mal no far, paura no gaver.

Rispondi

Torna a “Ricete”