Furlan e altre bibite

gavè ricette triestine de condivider? volè parlar de roba che se magna e se bevi a Trieste? zerchè una ricetta che gavè dimenticado? e se ve sbrissa una non triestina.. ve perdonemo, se la xe bona!
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Rispondi
Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7318
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Furlan e altre bibite

Messaggio da sono piccolo ma crescero » mercoledì 17 febbraio 2016, 8:49

Vardando le ricete go visto che la vose bibite xe ancora svoda. E me xe vegnù che de mulo, prima de tornar a casa a zena 'ndavimo qualche volta a cior un aperitivo: el furlan.

Credo che ghe sia diverse ricete per farlo. Perché no provemo a recuperarghene qualcheduna? Mi no poso. Lo go bevù, ma no so come che i lo fazeva.

Me vien in testa anche altre bibite: el gran pampel, el vin brulè, che no xe tipico de qua ma che qua gaverà de sicuro qualche riceta particolar.

Cosa ve par, provemo a ingrumar qualche riceta de meter a l'indirizo sora?


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Nini Naridola
distinto
distinto
Messaggi: 1496
Iscritto il: domenica 10 giugno 2012, 17:32

Re: Furlan e altre bibite

Messaggio da Nini Naridola » mercoledì 17 febbraio 2016, 11:23

Forsi el "furlan" xè el papà del celebre cocktail "American" e probabilmente el vien dal Friul dove iera abitudine bever el vin bianco con un poco de bitter (quel più scarto, no el Campari). Inizialmente qua a Trieste iera come in Friul e dopo el se gà rafinà: vin bianco, martini, selz, bitter Campari e una schizada de gin co la zonta de un stechin con l''oliva verde. Nei anni 60 iera un bareto in via Roma (quasi all'angolo con via Milano) che li fazeva speciali (un noto dotor del pronto socorso in palazzo dele ferrovie gà contribuì, con le sue frequenti visite, a reclamizzar el prodotto).
Po iera el missmass (metà bianco e metà rosso) -minimo misura de un quarto col manigheto: aprezà da tanti portuai.
Sempre nei anni 60, oltre al solito spriz -che no gnente de far col recente spritz Aperol venexian cussì de moda adesso- che iera quasi sempre bianco col sifon, forsi vignù dala bisiacheria o da Gorizia, iera el vin rosso con l'aranciata. A Trieste, la muleria che frequentava l'osteria "Alla mona de fero" (che no iera in via Valdirivo come che xe scrito su un testo famoso, ma in via Torrebianca (vizin de Ponte e Sapienza), i gaveva sopranominà "Stumpf" dalla marca dell'aranciata "Suzzi & Stumpf".
Per el granpampel, il noto "corroborante speleologico", la ricetta dovrebbe esere "segreta", però la se pol trovar anche in internet. Sicuramente dai grottisti triestini se ga diffuso in tuta Italia.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36464
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Furlan e altre bibite

Messaggio da babatriestina » mercoledì 17 febbraio 2016, 12:03

i rampigadori me diseva che missiava vin bianco con sugo de ananas, se ben me ricordo. Go provado anche mi, dopo una gita in Valle, a stomigo svodo: me go sgrafado el parafango sul pal fazendo retromarcia in alegria!
se no i lo gavessi cavado, se vederia ancora el color dela mia machina in quel punto..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Nini Naridola
distinto
distinto
Messaggi: 1496
Iscritto il: domenica 10 giugno 2012, 17:32

Re: Furlan e altre bibite

Messaggio da Nini Naridola » mercoledì 17 febbraio 2016, 14:00

"Rampigadori" me ga fato vegnir in testa el "rampigamuri" che iera una mistura de grapa e de vin bianco!
In montagna, d'inverno" andava assai de moda el "grigioverde" : grappa e menta.
A proposito de menta: una volta, sempre nei ani 60, coi mii amici semo andai al bar del Tergesteo -frequentà dai giovani più à la page- e gavemo ordinà 3 mente calde con l'acciuga. Al barman alibido, ghe gavemo dito:- ma dove la vivi? Al Zucca de Milan xè za de un per de mesi che la bevanda furoreggia. Ghe contemo noi: se meti in un bicer alto un dito de trapa (rigorosamente Nardini bianca!) e sciropo de menta diluì con poca acqua, se scalda,legermente, col vapor dela cafetiera e se guarnisi con un fileto de aciuga sul bordo del bicer ... una roba stomighevole. Gavemo continua ancora per un per de giorni e po se gavemo stufà.
Cominciava l'epoca del boom anche nei aperitivi e nei cocktail ... bloody mary e el "blue sky" che al Torinese i lo fazeva splendidamente.



Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4133
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: Furlan e altre bibite

Messaggio da Ciancele » mercoledì 17 febbraio 2016, 17:33

A proposito de menta e de trapa. Fine ani 40 iera de moda la fiama verde. No iera la guardia de finanza, iera un liquor legermente alcolico (78 gradi!!) che bevevimo noi giovini. Gaveva color verde e gusto leger (ma veramente leger) de m... enta. Trapa con tanta aqua iera de moda d'istà contro la sede. Setembre 1947 - campionati regionali a Udin: diesemila de marcia. Mi son rivà secondo drio Cressevich, el campion e primatista talian. Un sedon de caval. Go bevù una zaia de biceri de un quarto con una trapeta e resto aqua. Iero in bala e sempre 'ncora batù de sede. ;--D



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7318
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: Furlan e altre bibite

Messaggio da sono piccolo ma crescero » mercoledì 24 febbraio 2016, 8:18

Go ingrumà quel che gavè scrito

http://www.atrieste.eu/Wiki/doku.php?id=ricette:xbibite

Diseme
a) se va ben
b) se xe de zontar altro. Sto "American" per esempio xe una roba local o no? E se el xe local, come el xe fato?
c) el "gran pampel" cosa scrivo? Meto un rimando, scrivo che el xe segreto? Conto dove e quando che se lo pol bever? No meto gnente?


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Nini Naridola
distinto
distinto
Messaggi: 1496
Iscritto il: domenica 10 giugno 2012, 17:32

Re: Furlan e altre bibite

Messaggio da Nini Naridola » mercoledì 24 febbraio 2016, 20:18

No so l'origine e el logo dove che xe nato l'american. Gavevo conossù tanti anni fa el barman (adesso me sfuggi el nome) che gaveva el Tartini in via Martiri della libertà: el me gaveva dito che el gaveva lancià un cocktail diventa famoso, ma no me ricordo cossa iera (l'american o el negroni? o qualcossa de altro?).
Per el gran pampel el segreto xe un segreto de Pulcinella, un ingrediente avvolto nel mistero e tramandà sotovose da druido a druido che saria el barman (aiutà dai bubez), vestì da vikingo che intona la preghiera ad Odino (Odino, Odino/ no stane mandar piova/ manda vino!). La prima volta che mi go provà el gran pampel xe stado a casa del futuro e compianto farmacista de Valmaura Fulvio, a casa sua in via Buonarroti che inveze del colino dove se buta el zuchero e el rum. el gaveva un cono de zucchero de un mezzo chilo posà su un aggeggio in inox bucherellato sospeso sora la pignata. Per mi xe sempre sta un mistero dove che el comprava quel pan de zucchero!



Rispondi

Torna a “Ricete”