PENSIERINI DI UN OTUAGENARIO

El SOLO e UNICO logo indove che se pol ciacolar de tuto cuel che pasa per la testa :-) ... a proprio ris'cio e pericolo ;-D
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy. in italiano.
Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4152
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: PENSIERINI DI UN OTUAGENARIO

Messaggio da Ciancele » mercoledì 7 dicembre 2016, 17:15

babatriestina ha scritto: Però te parli dei bucai metallici o smaltai. Perchè iera quei più de lusso de ceramica o adiritura porcelana che ve go postado la foto nela colezion de Fulvia Costantinides, esposta al Museo Morpurgo. In bagno, naturalmente. E quei inveze no andava ben come elmi e se rompeva sempre i manighi. Ma i li ga riciclai per i vasi de fiori.
Come che go dito mi o pintosto Lavoisier: Nulla si crea e nulla si distrugge. :clapping_213:



Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4152
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: PENSIERINI DI UN OTUAGENARIO

Messaggio da Ciancele » domenica 25 dicembre 2016, 12:00

Natale bianco
Natale bianco o Natale verde? That’s the question. No neviga, tempo un poco mus, ma no fredo. Una volta a Nadal nevigava puntualmente. Se se podeva fidar. De diversi ani a ‘sta parte neviga a partir dala fine genaio, specialmente in febraio, co’ nisun no ga più festa. ‘lora Natale verde? Più de un me dirà: Ara, Ciancele, che se disi “al” verde. El governo disi de no, le statistiche disi de sì. A cosa devo creder de più? A quel che i me conta o a quel che vedo? Grasie par el consilio.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36547
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: PENSIERINI DI UN OTUAGENARIO

Messaggio da babatriestina » domenica 25 dicembre 2016, 12:10

Mi neve per Nadal no la go mai vista. ve ben che a Trieste co neviga neviga orizzonta e no ciapa quasi mai.
A Viena ga nevigado ma ga squaiado tuto.
In mi a terazza fiorissi le rose e le rose de Nadal cressi ma no fiorissi ancora. E i passeri vedo che rosiga le piante grasse. Come se no bastassi le balete de grasso e semi che ghe meto


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4152
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: PENSIERINI DI UN OTUAGENARIO

Messaggio da Ciancele » domenica 25 dicembre 2016, 12:57

babatriestina ha scritto: Mi neve per Nadal no la go mai vista. Va ben che a Trieste co neviga neviga orizzonta e no ciapa quasi mai.
A Viena ga nevigado ma ga squaiado tuto.
In mia terazza fiorissi le rose e le rose de Nadal cressi ma no fiorissi ancora. E i passeri vedo che rosiga le piante grasse. Come se no bastassi le balete de grasso e semi che ghe meto.
Anca de noi i alberi meti fiori prima del tempo. La natura xe almeno do setimane più avanti. Qua gavemo qualche uselto e tanti meti balete o semenze. Ma gavemo anca un mucio de colombi e i pagnaroi no vien parchè i colombi xe più grandi. Ne toca sempre scazarli via. Gaveimo cornachie e 'lora i colombi no vigniva. Ma adeso le se tute in ferie. Te conti che i pagnaroi te rosiga le piante grase. Anca lori i magna a casa (balete de graso e semenze), ma ogni tanto i va a magnar fora, in bufè (piante grase).



Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10912
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: PENSIERINI DI UN OTUAGENARIO

Messaggio da Nona Picia » lunedì 26 dicembre 2016, 10:14

Mi sti giorni in un per de giardini qua intorno go visto forsitie fioride....


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36547
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: PENSIERINI DI UN OTUAGENARIO

Messaggio da babatriestina » lunedì 26 dicembre 2016, 11:12

Nona Picia ha scritto:Mi sti giorni in un per de giardini qua intorno go visto forsitie fioride....
sicuro che no sia gelsomino giallo? perchè quel fiorissi abitualmente in egnnaio, 'pena che el beca un poco de sol


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4152
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: PENSIERINI DI UN OTUAGENARIO

Messaggio da Ciancele » lunedì 26 dicembre 2016, 11:14

Ogi stavo zercando in internet una roba. Mi trovo sempre tuto. Meno quel che zerco. Cusì inveze dela riceta sul peto di anatra in youtube son capità al pedocin. E go visto che iera video no solo in triestin ma anca in altre lingue. Ala television spagnola i lo ciamava el pedocin, in quela francese e belga le pédocin, in quela austriaca das Petotschin. In american forsi the Pedochin. Po go visto altri video su Trieste: italiana o no? Qualche oservazion iera normale, ma altre no. No solo dal punto de vista politico, ma anca de l’educasion. Ognidun ga la sua opinion e par ognidun la sua xe la giusta. Chi non è con me è contro di me. In ‘sti casi se usa dir qua che la m...da xe sicuramente bona: due miliardi di mosche non possono errare. Diversi xe de l’opinion che l’Italia no ga bisogno de Trieste, anzi che Trieste rompi. Andar co’la Slovenia? Se i me domanda a mi, digo de no. Se i ghe domanda a un drio de Opcina, forsi el disi de sì. Gavemo altri paeseti indipendenti. San Marino, Liechtenstein, Andorra. Persi e circondai da paesi più grandi no i fa concorenza a nisun. Forsi San Marino par via dela piada, ma i altri? De Danzica se sa che fine che la ga fato. L’unica che gaveva interese a Trieste iera l’Austria. Ma setanta ani fa. Al nord gavemo fiumi navigabili: Reno, Danubio diretamente, altri (Weser, Elba) squasi davanti. Par conto mio ogi de meno interese, parchè nel fratempo la se ga rangià. Quel che xe in barca xe in barca e no fazemose sangue cativo. Tanto no servi.



Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10912
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: PENSIERINI DI UN OTUAGENARIO

Messaggio da Nona Picia » lunedì 26 dicembre 2016, 12:58

babatriestina ha scritto:
Nona Picia ha scritto:Mi sti giorni in un per de giardini qua intorno go visto forsitie fioride....
sicuro che no sia gelsomino giallo? perchè quel fiorissi abitualmente in egnnaio, 'pena che el beca un poco de sol
Sicuro sì perché quele de solito xe forsitie


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36547
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: PENSIERINI DI UN OTUAGENARIO

Messaggio da babatriestina » lunedì 26 dicembre 2016, 14:15

Ciancele ha scritto: Ala television spagnola i lo ciamava el pedocin, in quela francese e belga le pédocin, in quela austriaca das Petotschin. In american forsi the Pedochin.
che po mi el nome Pedocin lo go discoverto pochi anni fa. Adesso pedocin de qua pedocin de là. A casa mia tuti lo ciamava la Lanterna


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
Elisa
notabile
notabile
Messaggi: 3429
Iscritto il: domenica 10 febbraio 2008, 17:27
Località: Argentina

Re: PENSIERINI DI UN OTUAGENARIO

Messaggio da Elisa » lunedì 26 dicembre 2016, 18:15

Ciancele ha scritto: In american forsi the Pedochin.
Ecco che anche in american-argentino qualcuno ha eseguito un analisi molto carino. Ha dedicato (in spagnolo-argentino) a questa spiaggia una oggettiva descrizione che mi piace anche perchè si dilunga con l’ argomento “filosofico” immancabile. :-D

Pedocin: l’ ultima spiaggia che separa gli uomini dalle donne. Si trova al Nord Italia, a Trieste, balneario costruito nel 1903 che conserva ancora la parete divisoria che separa i bagnanti per sesso. I turisti, solitamente, lo credono soltanto quando lo vedono. All’ entrata del balneario “Alla Lanterna” si eseguisce la separazione: a destra entrano gli uomini ed a sinistra le donne ed i bambini sotto i 12 anni. E’ atipico, nell’ epoca attuale, sentire che l’ assenza di persone dell’ altreo sesso possa essere sinonimo di libertà. Effectivamente molte persone assicurano sentirsi più tranquille e meno osservate o giudicate, in questo balneario. In tempi di dibattito tra il topless ed il naturismo, per chi è nostalgico delle vecchie abitudini rimane una sola spiaggia in tutta l’ Europa da visitare”……Continua un lungo intrattenente commento e fotografie.


"Todo lo bueno me ha sido dado"

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4152
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: PENSIERINI DI UN OTUAGENARIO

Messaggio da Ciancele » lunedì 26 dicembre 2016, 18:54

El bagno ala lanterna se trova anca in internet, in diverse lingue, dapertuto come el pedocin. Quela volta no costava gnente, adeso par che costi un euro. Ma me par de ricordarme che i omini iera a sinistra, parchè de muli 'ndaimo al pedocin, se butaimo dei scoi e in dorada 'ndaimo al Savoia. (Trad.: da ragazzi andavamo al bagno alla Lanterna, ci tuffavamo dagli scogli e nuotando in apnea uscivamo al bagno Savoia, che per noi ragazzi squattrinati costava molto.) Il termine tecnico di allora era: Scampemo al Savoia.
Per Baba Triestina: Ala laterna conosevo anca mi, ma mi co' iero picio go sentì dir solo pedocin.



Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7351
Iscritto il: venerdì 11 maggio 2007, 14:08
Località: Trieste

Re: PENSIERINI DI UN OTUAGENARIO

Messaggio da sono piccolo ma crescero » martedì 27 dicembre 2016, 9:33

A casa nostra lo ciamavimo Lanterna. Pedocin iera spregiativo. Ma come "la moneta cattiva scaccia la buona" (legge di Greesham) cusì anche la parola Pedocin ga sostituì Lanterna e ga perso ogni significato spregiativo e xe quasi chic.

Come el ponte curto: chi lo ciama "passerella Joyce"?


Non sono abbastanza giovane da sapere tutto. (J.M. Barrie - The admirable Crichton)

Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10912
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: PENSIERINI DI UN OTUAGENARIO

Messaggio da Nona Picia » martedì 27 dicembre 2016, 9:39

Anche noi lo ciamavimo Lanterna...pedocin lo go sentì la prima volta solo qualche anno fa...


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Avatar utente
Nona Picia
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 10912
Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 15:08
Località: Trieste - Rozzol

Re: PENSIERINI DI UN OTUAGENARIO

Messaggio da Nona Picia » martedì 27 dicembre 2016, 9:40

sono piccolo ma crescero ha scritto: Come el ponte curto: chi lo ciama "passerella Joyce"?
Per mi el sarà sempre "el ponte curto" xe sai più bel e triestin... :lol:


Ciao ciao
Trova un minuto per pensare, trova un minuto per pregare,
trova un minuto per ridere.
"MADRE TERESA"

"La Mama l’è talmen un tesor de valur che l’ha vorüda anche Noster Signur" .....

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4152
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: PENSIERINI DI UN OTUAGENARIO

Messaggio da Ciancele » martedì 27 dicembre 2016, 13:31

Mi go contado una volta che go fato la guera. No diretamente al fronte a sbarar, ma drio, dove che iera i altri a sbararme a mi. Questi ani conta el dopio e par questo poso dir che son una generazion più avanti. Dopo el ’54 xe vignuda l’Italia e con l’Italia, e con i americani, xe vignude tante espresioni che prima no esisteva. Mi iero za via e no go podesto imparar queste nove espresioni. Diverse parole dela lingua de ogi tipo pirla, pizzo no le go mai sentide prima. Pizza ‘pena nei ani sesanta. Go sentì anca una mula studiada che la ghe diseva a un: Non rompermi il c... Una dele poche parole che conosevo iera managia. Nei ani setanta, a un giovine cabibo con precedenti penali i ghe ga domandà cosa che el ga fato. El ga risposto: Agge fatte ’na gazzata. Go dovesto domandarghe cosa che vol dir ‘sta parola. Anca el dialeto no xe più quel de prima. Ani fa iero a Trieste e go parlà con un. Naturalmente in dialeto. No’l me ga capido. Go dovesto tradurghe le parole par talian, nel mio vecio talian. Mi son restà al pedocin, piaza del fien, piaza dei legni e Bolunz. Me par de ‘ver leto che el pedocin i lo conosi anca in Cina. Là i lo ciama Ped O Cin. Chi che no xe mai sta al pedocin no sa gnanca cosa che xe. Mi go savù cosa che iera el Savoia solo dopo la guera, quando che son ‘ndà col mio amico Stelio ala Rari Nantes a nudar. Gaveimo ingreso gratis pai alenamenti. In Riva Traiana iera scoi e l’Ausonia e là in dorada se scampava a l’Ausonia. Me par de gaver contà che a l’Ausonia, una o do volte la setimana, el trampolin de diese metri iera sempre pien de mularia. De là se podeva veder la teraza de l’Ausonia e le babe nude che ciapava sol. Qualche ano dopo la mia putela xe ‘ndada a far bagno e la xe ‘ndada in teraza a ciapar sol. Una dele babe nude ghe ga dito o te te dispoi anca ti o te pompi. La mula no voleva dispoiarse e la xe ‘ndada via. Al Savoia i spoliatoi iera separai. Ma se te ghe davi la mandola ala bagnina la te dava una cabina per ti solo. E no la stava a vardar con chi che te va in cabina e parchè te vol tanto tempo par dispoiarte.
Come che diseva una nostra forumista, la lingua xe bela parchè la se evolve.



Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4152
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: PENSIERINI DI UN OTUAGENARIO

Messaggio da Ciancele » martedì 27 dicembre 2016, 17:23

La Germania xe un „Schlaraffenland“ che saria el paese dela cucagna, andove che i parsuti pica zo dei alberi in bosco e le fiasche de Teran cresci come l’erba mata. Chi che se interesa de pitura che guardi el quadro de Bruegel il Vechio. I inteligenti che vardi le Metamorfosi: Flumina jam petes ... La Germania xe batuda de patus. El governo no sa cosa far con tuti ‘sti bori. El se ga domandà: Li spendemo o li spandemo? I ga deciso de spander e cusì, come che go leto sul giornal, i ga deciso de aumentar i asegni ai fioi. De quanto? De do euro al mese. Par mi i xe stai consiliadi mal. Quei che ciapa ‘sti soldi no i sa gnanca lori cosa far de tuti ‘sti bori e probabilmente i li spenderà subito e i cromparà qualsiasi monada. Basta spender. Chi che ga studià un poco de economia savarà che questo xe l’inizio de una inflazion. Tropi soldi in giro. I americani xe stai più inteligenti. Co’ milioni de soldai xe stai congedai e i ga ciapà una indenità de congedo, no i ghe ga dà soldi in contanti ma in buoni delo stato. I soldi xe stai anca lori mesi in circolazion, ma un poco ala volta. El secondo punto xe che za adeso gavemo qua una zaia de extra comunitari e de clandestini de paesi terzi. Ve imaginè quei che pol vignir in Germania normali? Go paura che meza Europa lasarà tuto par scampar in Germania. Mi scamparò ‘lora a Trieste e in un ameno paeseto a est, vizin al confin sloven, con una bela vale, verzerò un paradiso geriatrico. Come diseva un? Chi mi ama mi segua.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36547
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: PENSIERINI DI UN OTUAGENARIO

Messaggio da babatriestina » mercoledì 28 dicembre 2016, 9:00

difatti nei ultii viaggio son stada spesso in germania e la me piasi sempre de più. Nei anni 50 miga tanto..


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4152
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: PENSIERINI DI UN OTUAGENARIO

Messaggio da Ciancele » mercoledì 28 dicembre 2016, 18:12

babatriestina ha scritto: Difatti nei ultimi viaggi son stada spesso in germania e la me piasi sempre de più. Nei anni 50 miga tanto..
Baba mia, no se pol confrontar un paese subito dopo che xe pasa una guera con el paese dopo la ricostruzion. Mi son rivà in agosto del '53 e de un cafè del centro, in primo (e unico) pian, se podeva veder per almeno do chilometri tuto. No iera case che te scondeva el panorama. Nel '53 i gaveva comincià a far case pai profughi e sinistrai, i gaveva ricostruì el municipio. Mi go trovà un quartier in una casa nova, quasi de lusso per quei tempi. Riscaldamento singolo a gas, no centrale. Prima iera campagneta. Adeso i buta zo case fate nel dopoguera e i le fa più moderne. Nisun apartamento soto i 60/70 mq, pintosto oltra i zento. Tuti condomini. Afitar quasi imposibile e se sì a afiti de 20/30 euro al mq.



Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36547
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: PENSIERINI DI UN OTUAGENARIO

Messaggio da babatriestina » mercoledì 28 dicembre 2016, 20:08

no xe el aspetto esterno: xe la mentalità, la cusina...


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4152
Iscritto il: giovedì 28 luglio 2011, 22:30

Re: PENSIERINI DI UN OTUAGENARIO

Messaggio da Ciancele » giovedì 29 dicembre 2016, 10:19

Noi semo i nostalgici parchè pensemo qualche volta a quel che ierimo prima, e par tanti secoli: Austria. No steme dir che me invento, parchè go imparà a scola. Ma no xe de questo che volevo parlarve, ma de altri nostalgici. Qua gavemo ala television do canai: el primo (ARD) e el secondo (ZDF). Po gavemo altri canai cosideti regionali. Un de ‘sti canai xe el MDR, el canal dela Germania centrale. Che saria po de l’ex republica democratica. Questo xe l’unico canal andove che i mostra veci film della RDT. E se senti che tanti pensa con nostalgia ai tempi prima del 1989. Anca xe adeso i va in Mercedes e quela volta gnanca in Trabi. Anca se adeso te va in negozio a crompar quel che te vol e quela volta inveze o te crompavi quel che i gaveva, pensando magari che chisa quando forsi te servirà, o te tornavi a casa sensa gnente. Quela volta i sbarava su chi scampava, ogi inveze el muro no esisti più, le case xe stade riparade, nove strade meio de quele a ovest. Epur i piansi. Lasemoli pianser. E lasene pianser anca a noi.



Rispondi

Torna a “El salotin”