Pagina 3 di 3

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Inviato: venerdì 2 agosto 2019, 19:31
da Nona Picia
A mi me piasi crudo del Carso, parma e san daniele, salame milano o anche ungherese solo se el xe sai bon e salame furlan. Cotto caldo de Trieste e basta. Dimenticavo mortadela....
Te va ben la scelta Ciancele?

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Inviato: sabato 3 agosto 2019, 10:09
da Ciancele
babatriestina ha scritto:
venerdì 2 agosto 2019, 18:55
mi però el persuto lo preferisso de san Daniel. o anche Parma o Sauris: In Toscana ghe vol quei salami tipo finocchiona, o i tartufai ma xe za più Umbria, no per gnente ale porzinerie i ghe disi norcinerie, de Norcia.
E a Trieste preferisso el coto in crosta . Caldo, taiado a man. Solo che ancora no go deciso se el me piasi de più con senape o con cren. E con pan de segala.
Se te permeti el consilio de una persona anziana e con esperienza. Magna una volta con senape, una volta col cren e una volta sensa. Dopo te decidi cosa ordinar. Pan de segala col chimel (comino).
El coto qua se pol dir che no esisti. Xe solo carne, sicuramente cota, mesa in forma cilindrica. El coto più bon lo go magnà dela salumeria tacada Cavalar, drio la cesa de Santantonio novo. El crudo San Daniele in scatolete de lata (ma almeno 40 ani fa) o sula strada del Teran.
El parsuto che compro 'deso no ga nisun gusto, a oci serai no savaria veramente dir cosa che magno. Pol darse che sia solo mi a pensar cusì, ma cusì xe. Salame Furlan qua no, ma a Trieste, 65 ani fa, squasi dapertuto. Mortadela no go problemi: 13 chilometri andata e 13 ritorno. Ma merita.
Ieri sera la putela ga fato salsa verde gnoca (ve go scrito la riceta par talian) e mi go impanà le fetine. El putelin (nipote) ga fato una foto e ghe la ga mandada a su pare ch'el cichi. Cusì cativi xe i fioi. :cheezy_298:

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Inviato: sabato 3 agosto 2019, 11:13
da sono piccolo ma crescero
Ciancele ha scritto:
sabato 3 agosto 2019, 10:09
El parsuto che compro 'deso no ga nisun gusto, a oci serai no savaria veramente dir cosa che magno. Pol darse che sia solo mi a pensar cusì, ma cusì xe. Salame Furlan qua no, ma a Trieste, 65 ani fa, squasi dapertuto. Mortadela no go problemi: 13 chilometri andata e 13 ritorno. Ma merita.
Ieri sera la putela ga fato salsa verde gnoca (ve go scrito la riceta par talian) e mi go impanà le fetine. El putelin (nipote) ga fato una foto e ghe la ga mandada a su pare ch'el cichi. Cusì cativi xe i fioi. :cheezy_298:
Se el tuo persuto crudo no gagusto ... te son fortunado. Certe volte gavemo comprà persuto crudo (Parma o san Daniele no me ricordo, ma iera un dei due, perché altri no ciolemo) con un gusto cusì cativo, ma cusì cativo; me pareva de sentirghe odor de pisin.

E pensar che le rarissime volte che magnavo un panin de persuto crudo, co iero muleto, in boca smontavo el panin, me metevo intun canton dela boca el persoto, magnavo el pam e dopo me gustavo con calma la feta de persuto.

Adeso devo dir che raramente go magnado un bon persuto, ma assai de rado.

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Inviato: sabato 3 agosto 2019, 11:23
da Ciancele
Questo xe el motivo par il quale no ciogo de mia volontà parsuto o salame. Nè talian nè gnoco. Qualche volta salame francese, ma propio solo qualche volta. Me ricordo (1950?) che 'ndavo in uficio vicin la stazion e par strada ciolevo una struzeta e diese deca de ritai (resti de scovazon (pardon! de banco) de salame, parsuto, mortadela, formaio, pantigane ecc.). Ma un gusto specialisimo. Ogi magno pan e butiro. Cusì no go problemi e no me rabio.

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Inviato: domenica 4 agosto 2019, 10:40
da Piereto
Bel e bon argomento el persuto. I porchi una volta magnava de tuto , ma siccome semo 7,5 miliardi, e xe richiesta de carne de porco se ghe da formenton, farina de pese, ormoni, i porchi xe diventadi longhi e magri. E po' ghe vol la stagionadura, el sal devi tirar fora tuta l'aqua da la carne. Ghe vol più de un anno, quasi do per no sentir più el sala' dopo el taio de la seconda feta. Per i salami xe de veder el raporto tra grasso e carne e el numero de spezie aio sali vari, e anche qua val El discorso de la stagionadura. Per cui non resta che provar, e bona fortuna.

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Inviato: sabato 10 agosto 2019, 8:13
da babatriestina
El porco no sa de cossa che el se ingrassa, diseva mama. Po cressi i musulmani che no magna carne de porco, una concorenza de meno

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Inviato: domenica 11 agosto 2019, 9:47
da Piereto
E meno mal che no i magna carne de porco, cusì el persuto resta per noi.

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Inviato: domenica 11 agosto 2019, 11:57
da babatriestina
Piereto ha scritto:
domenica 11 agosto 2019, 9:47
E meno mal che no i magna carne de porco, cusì el persuto resta per noi.
me par che i israeliani ga fato un finto parsuto senza porco assai bon

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Inviato: mercoledì 14 agosto 2019, 13:41
da Ciancele
Anca qua gavemo parsuto e salame. El parsuto più nominà xe quel dela foresta nera. La putela ghe piasi ‘sai e quando che semo là la ciol squasi sempre. Meno nominà xe quel dela Vestfalia. A mi no i me va tanto parchè i xe fumigai. El nostro parsuto, digo quel che vien de drio Trieste o Istria, el xe come el Parma o el San Daniele sugà a l’aria. In più l’istrian xe tignù in camin e el fumo dei legni e el gusto dei magnari che se cusina ghe dà forsi quel gusto che par mi xe “eccelso”. Co’ crompo qua Parma o San Daniele i xe solo bagnai. Se vedi che, come che disi giustamente Piereto, i ga ancora tropa aqua. E mi digo tropo poche spezie e tropo poca pevere. Un per de volte go crompà parsuto talian, dela Basa, e parsuto dela Spagna a squasi 100 euro al chilo. I iera tanto bei de veder, ma par mi no i valeva i soldi che go speso. L’ultima volta che iero a Trieste e go dormì a Opcina de Daneu, go magnà parsuto sula strada del Teran e a Opcina go crompà crodighini per minestra. E go magnà parsuto coto che mia cugina ga ciolto in cità. De quela volta mai più e go paura che morirò cola voia de parsuto.
El salame xe più sul tipo ungherese, a carne mazinada fina fina. Ma no xe el mio furlan. Par quel laso perder.
Qua gavemo altri tipi de salumi insaccati. Che saria mesi in budei. Gavemo la Leberwurst: luganiga fata con fegato de porco, lardo, carne de manzo. Presskopf: carne dela testa del porco, lardo. Blutwurst: luganiga de sangue de porco e lardo. Se pol masinar fin o meno fin. Come che se vol. Questa luganiga sentivo dir de mio papà che la ciamava muljce. Co’ se copava el porco in Istria, e papà iera invità a magnar, i fazeva sempre le luganighe de sangue. Qua se usa far un piato misto, la Schlachtplatte - piatto di macello – con luganighe de fegato, luganighe de sangue, un toco de porzina e capuzi. Qua i fa anca una specie de brodo graso. Forsi de Pepi se pol ancora trovar. Raramente ga gusto quel che me toca cior dei filialisti, e le salumerie ga solo prezi alti. Par quel laso perder. Come che ga dito Nona Picia, se la roba xe bona la ga un gusto bon e merita crompar. Ma se no la xe bona, pianzo i soldi.Una volta se podeva ‘ndar de un contadin, cromparghe un porco, e lu preparava tuto. Carne taiada pronta per eser surgelada, panzeta, luganighe come sopra, parsuto e frize. Ogi se pol crompar de lori pachi de diese/venti chili de carne mista a circa 10 euro al chilo. Ma solo de manzo. Trovar del contadin carne de porco xe dificile. E no centra i musulmani. Se trova anca castrà (carne di agnello), ma anca quei che ga bestie propie i te conza roba argentina o australiana. Roba gnoca costa tanto de più. Ma la qualità xe più meio de quel che se crompa in negozio. Solo che no tuti ga la machina e voia de ‘ndar a cior.
Par finir dirò che par mi le erbe ga una parte importante, erbe e pevere.
OT: In ‘sto momento magno sariese dela foresta nera. Le xe nere anca lore e bbooone. Grose, e meter soto trapa. La stagion xe presto finida e bisogna che me incocono, par via dei tempi pegiori.

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Inviato: mercoledì 14 agosto 2019, 13:43
da Ciancele
babatriestina ha scritto:
domenica 11 agosto 2019, 11:57
Piereto ha scritto:
domenica 11 agosto 2019, 9:47
E meno mal che no i magna carne de porco, cusì el persuto resta per noi.
me par che i israeliani ga fato un finto parsuto senza porco assai bon.
Cosa vol dir finto? De plastica? Qua, come anca in Svizera, xe carne de manzo fata a tipo parsuto. Anca 'sai bona.

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Inviato: mercoledì 14 agosto 2019, 15:53
da babatriestina
fato de carne che no xe de porco. credo che se xe de plastica no s e magni

https://myhalalkitchen.com/substitutes- ... n-cooking/

Immagine

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Inviato: mercoledì 14 agosto 2019, 20:10
da Ciancele
Me vergogno pal mio wiz, ma qua i fa diversa roba no de porco. In Svizera xe la carne seca, qua i fa luganighe de manzo, de castrà, de galina e dindio. A mi no me piasi, ma se ghe piasi ai altri che i magni pur, sensa domandarme a mi.

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Inviato: mercoledì 14 agosto 2019, 20:37
da babatriestina
mi ancora tanti ani fa un'amica vegetariana gaveva tentado de convinzerme che le "bisteche" de soia iera bone come quel de manzo... mah

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Inviato: mercoledì 14 agosto 2019, 20:55
da sono piccolo ma crescero
Ben, la bresaola no xe de porco ma de manzo (i la fa anche de caval) e secondo mi la se bona. E una volta go magnado persuto de oca che iera delizioso.

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Inviato: giovedì 15 agosto 2019, 10:17
da Ciancele
babatriestina ha scritto:
mercoledì 14 agosto 2019, 20:37
mi ancora tanti ani fa un'amica vegetariana gaveva tentado de convinzerme che le "bisteche" de soia iera bone come quel de manzo... mah
Non farti indurre in tentazione. Fatti il segno della croce.

Ieri go firmà el pato de non beligeranza coi musulmani. Mi me tegno el porco e laso a lori dindio e oca. La galina se la gavemo divisa. No propio de fradei, ma son contento listeso. Mi ciogo le alete e lori el resto, con zate e colo. Un cosioto me gavaria piaso, ma cosa no se fa par la pase. ;--D

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Inviato: domenica 8 settembre 2019, 19:45
da Ciancele
Xe zerti giorni che no rivo a dismentigar. Tipo 10 giugno, 10 setembre, 17 setembre. E 8 setembre. Me vien sempre bruti ricordi. Co’ spetaimo i bombardamenti par ‘ndar a ingrumar legni nele case ciapade per poder cusinar. Forsi son tropo vecio, parchè quei giorni li go visudi giusto, no de putelin. E sempre in mezo. Gavevo za diciasete ani. Spero sempre che quele robe no se ripeti più, ma xe sempre qualchedun che fa el namo.
Ogi xe quela che se disi giornada ugiosa, una piovisina che rompi, un poco de frescheto. Mio fio ga dodise gradi. Noi forsi qualche grado de più, ma vien voia de ‘ndar in paion col pluzer. Forsi par questo xe un poco de malinconia.
Vado a far do spiedini de scampeti: par la putela bianco austriaco, par mi nero. Di chi, di che cosa? D’Avola. Sani.

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Inviato: domenica 8 settembre 2019, 20:46
da babatriestina
De noi slavaz ma insoma 20 gradi ala pezo...
scampi e vin nero? gustibus non disputibus, diseva povera nona

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Inviato: lunedì 9 settembre 2019, 8:02
da Ciancele
babatriestina ha scritto:
domenica 8 settembre 2019, 20:46
De noi slavaz ma insoma 20 gradi ala pezo...
scampi e vin nero? gustibus non disputibus, diseva povera nona.
Bongiorno, bongiorno. Go fato veder ala putela una foto fata ale 07.15 de San Giusto verso el porto: più nero de qua.
Scampi e vin nero? Xe el progreso che disi che col pese se pol bever anca vin nero e anca ala stesa temperatura del bianco. El bianco devi eser fresco, meno fredo dela bira.
El dotor ga dito che el nero xe ipotensivo, sbasa la presion. Par mi xe medicina. Me tapo el naso e iniutiso. ;--D

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Inviato: domenica 13 ottobre 2019, 12:21
da Ciancele
Quando che una mula ne vardava un poco tropo, de muli diseimo: La me ga dà una ociada damelo o me lo ciogo. La ga de sicuro el mal del tiro. Stavo zercando par questo un modo de dir triestin meno negron, osé, ordinario, e go trovà che oltre ai blasonati tipo Doria, Kosovitz, Nereo Zepper ecc., xe anca altri blog in dialeto che i ga fato un vocabolario triestin-talian. E go visto che in tanti casi vien citado el picolo vocabolarieto de atrieste. I picoli blog i ga picoli vocabolarieti. I ialtri ga grandi vocabolari. E go leto le opinioni sul sior Zepper. Tuti scrivi che el dialeto no ga regole e che se pol scriver e dir come che se vol, però se un se ris’cia de far i lo copa. Tuti semo uguali, ma – come che se disi par gnoco – mi son più uguale dei ialtri. I devi gaver scopiazà dei Romani: Primus inter pares. E ogni primo ga sesanta secondi. Vol dir che se mi son primo, i ialtri sesanta vien dopo de mi.
Quel che no go capido ancora xe cosa che centra l’italianità o non italianità de quei che scrivi le oservazioni. Un che vien a star a Trieste, indiferente de dove ch’el vien, el zerca sempre de bambar in dialeto. Parfina i cabibi ga imparà el dialeto, magari con spranunzia cabiba, come i s’ciaveti con spranunzia s’ciaveta. Mi credo che i parlava cusì solo par far contenti noi triestini (i diseva tarieštini) che li podeimo cior in giro.
Come ne l’evoluzion de Darwin, anca el dialeto triestin con l’andar dei secoli ga ciapà qualche parola de qualche altra lingua. Esempio: Prima dela guera nisun se insognava de dir ochei. Ogi tuti. Ochei ga sostituido altre parole tipo bon o gut che xe squasi sparide. Xe l’evoluzione dela lingua. No se va più pai grenbani ma se fa trechin (trekking), no se va più a far la spesa ma se va a far sciopin (shopping).
No discuto de l’italianità de Trieste, parchè no centra e fusimo fora del tema. Quando che Tito diseva Trst je naš sula Citadela xe vignuda la giusta risposta: K…. je vaš. Le parole de croato xe pol tradur in tante altre lingue.
Ma son anca mi OT. El nostro vocabolarieto xe forsi meno tecnico dei “grandi” ma forsi più coreto e pratico, parchè el xe vignù del popolo, de come che ognidun de noi ga imparà de picio. Ognidun forsi diverso, ma tanto giusto. Ogni tanto vedo qualche parola in altri vocabolari e vocabolarieti e no sempre son d’acordo del significato che se ghe ga dado ala parola. Nel nostro inveze xe tuto giusto. Parola de Ciancele. :cartello_lol: :cartello_lol: :cartello_lol:

Re: ELUCUBRAZIONI DE UN POVARO VECIO VECETO

Inviato: giovedì 31 ottobre 2019, 18:31
da Ciancele
Co‘ iero putel, gavevo inscomincià a far le campestri e ciapavo sempre la medaia pal più giovine partecipante. Domenica scorsa i ga fato qua la maratona de 42195 metri ciamada Francoforte 2019. I ga serà el percorso dele 9 de matina fina ale sie del dopopranzo. El tempo masimo iera de sie ore.
Un mato de otantado ani sperava de farghela in meno de sie ore. Xe una velocità media de sete chilometri l’ora. No go trovà la lista de quei che xe rivai e no so se el ghe la ga fata. Co’ iero putel i sete chilometri li fazevo in meza ora, anca se gavevo gambete curte. El veceto dopo sete chilometri fazeva altri sete, e dopo quei sete altri sete. E così via. Mi inveze iero zà spompà (a terra, sfinito).
Me go insognà che me son iscrito ala maratona e che go ciapà la medaia pal più vecio partecipante. Po semo partidi. Dopo un poco me go intonpà, son cascà, me son fato mal al zenocio e me go dovesto ritirar. Cusì go perso i ultimi 42100 metri. Se no me fusi intonpà saria sta almeno do giorni par strada, se no tre. Pensè, una cità de oltra un milion tra abitanti e visitatori paralizada. Meio cusì. Co’ me go sveià iera le sete e son ‘ndà a farme una sbiceta.