sito su trieste

Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Avatar utente
fabrelio
naufrago
naufrago
Messaggi: 14
Iscritto il: mar 16 set 2008, 22:13
Località: Trieste

sito su trieste

Messaggio da fabrelio »

go visto che qualchedun gà aprezà el sito che go fato su Trieste
http://scopriretrieste.altervista.org/
me piasesi aver qualche consiglio o meio ancora qualche critica
per migliorarlo. el mio intento xe far conoser Trieste ai foresti.
Intanto ve ringrazio .Immagine


http://www.scopriretrieste.org/
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38566
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

bel lavoro!
go dado un'ociada ale ricette, tute classiche.. solo che burro nela pasta del struccolo no xe propio doc.
e le leggende.. gavemo trovado le stesse, anzi te me ga ricordado quela del pie dela Madonna a Monrupino. Solo che mi distinguessi le più antiche e altre inventade de recente, come la principessa Rosandra ( digo recente, perchè paresso che in origine Rosandra fussi maschil)


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS »

Ciao e benvignudo :-D
Ghe dago un'ociada con calda e po' te so dir ...


Mal no far, paura no gaver.
dcobau
vilegiante
vilegiante
Messaggi: 92
Iscritto il: mar 3 gen 2006, 3:34

Messaggio da dcobau »

ciao, bel lavor continua cussi (specialmente foto).

Go da un'ociada alla svelta e, nella sezione delle canzoni te ga "Se meio un bicier de dalmato" che dovesi esser "Xe meio un....".

Visitero de novo el tuo sito con piu calma.

Dave


Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38566
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina »

dcobau ha scritto:
Go da un'ociada alla svelta e, nella sezione delle canzoni te ga "Se meio un bicier de dalmato" che dovesi esser "Xe meio un....".
a mi la me risulta anche come
Val meo un bicer de dalmato


anche per analogia a una.
E val meo la panza piena - che la morosa che la morosa
e val meo la panza piena- che la morosa sul canapè


( amici de mia mama.. riferida de mama.. anni Quaranta del secolo scorso)


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
sono piccolo ma crescero
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 7848
Iscritto il: ven 11 mag 2007, 14:08
Località: Trieste

Messaggio da sono piccolo ma crescero »

babatriestina ha scritto:Val meo un bicer de dalmato
Mi savevo val più un bicer de dalmato e cusì la xe riportada anche nel Canzoniere triestino de Roberto Starec, ed. Italo Svevo, 2001 (sempre per la precision BT :wink: )


Avatar utente
Coce
citadin
citadin
Messaggi: 689
Iscritto il: dom 5 feb 2006, 11:24
Località: Australia

Post subject

Messaggio da Coce »

Save' la continuazion de sta canzon? Coce :-)


La vita
Piu' che la pendi
Piu' la rendi
Avatar utente
babatriestina
Capo postier
Capo postier
Messaggi: 38566
Iscritto il: dom 25 dic 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Post subject

Messaggio da babatriestina »

Coce ha scritto:Save' la continuazion de sta canzon? Coce :-)
Per mi xe: ve metto indove che se strassina le parole..

Val meo un bicer de daaalmatooo
che l'amor mio
che l'amor miiioooo
mio graaande amor

no voio amar più feeemiiineee
perchè.. son false!!!!
perchè son faaaalseeee
in t'el far all'amor


( esisti anche una version italiana, incisa de Yves Montand)
ghe xe una ulterior continuazion, Coce ????


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)
Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Re: sito su trieste

Messaggio da AdlerTS »

fabrelio ha scritto:go visto che qualchedun gà aprezà el sito che go fato su Trieste
http://scopriretrieste.altervista.org/
me piasesi aver qualche consiglio o meio ancora qualche critica
per migliorarlo. el mio intento xe far conoser Trieste ai foresti.
Intanto ve ringrazio
Ocio che diversi collegamenti a fotografie xe roti. :? (vedi es. caffè storici)


Mal no far, paura no gaver.
Avatar utente
serlilian
distinto
distinto
Messaggi: 1697
Iscritto il: sab 10 mag 2008, 21:03
Località: T.L.T.

Messaggio da serlilian »

Mi savevo anche "val più un bicer de dalmato"

Val più un bicer de dalmato
che l'amor mio
che l'amor mio
che mi tradisce


[i]Liliana[/i]
- . - . -
[size=75][i]"Quando comincia una guerra, la prima vittima è la Verità.
Quando la guerra finisce, le bugie dei vinti sono smascherate,
quelle dei vincitori, diventano Storia."
(A. Petacco - La nostra guerra)[/size][/i]
Avatar utente
Elisa
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3630
Iscritto il: dom 10 feb 2008, 17:27
Località: Argentina

Re: Post subject

Messaggio da Elisa »

Coce ha scritto:Save' la continuazion de sta canzon? Coce :-)
Coce: .......mi credo che la finis lì!

La versione adottata dal coro della S.A.T. (Società Alpinisti Tridentini), coro le cui prime manifestazioni in pubblico risalgono al 1926, è questa, cantata da tenori e bassi, in schietto italiano peró… e mi piace la sua melodia di tendenza nostalgica.

“Val più un bicchier di Dalmato (Venezia Giulia)"

Val più un bicchier dei Dalmato
che l`amor mio
che l`amor mio
mio primo amor!

Non voglio amar più femmine
perchè son false
perchè son false
nel fare l`amor!


"Todo lo bueno me ha sido dado"
Avatar utente
fabrelio
naufrago
naufrago
Messaggi: 14
Iscritto il: mar 16 set 2008, 22:13
Località: Trieste

xe meio un bicer de dalmato

Messaggio da fabrelio »

se volè scoltarla la go pubilcada quahttp://scopriretrieste.altervista.org/musica.htm


http://www.scopriretrieste.org/
Avatar utente
Elisa
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 3630
Iscritto il: dom 10 feb 2008, 17:27
Località: Argentina

Messaggio da Elisa »

:lol: ciao fabrelio,

mi t`avevo zà lezù e ‘ascoltà’ con molto piazer’, (varda....che a bon cont son trentina...) su proposta de ‘cenerentola82’, il 30 luglio, su “Siti interessanti proposti dai utenti” (Trieste e l`Internet).
Bel, molto bel!
Grazie!


"Todo lo bueno me ha sido dado"
Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: mar 27 dic 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS »

A Trieste la storia fa fatica a essere storia. Spesso è mito, troppo spesso ancora è rito. Se il passato si facesse storia in questa terra, Trieste potrebbe fare un passo avanti. E Trieste potrebbe pensare, senza paure, di essere sempre stata una città di confine
“Me ricordo co’ iero sai picio che mia mama con siora Teresa la partiva de matina per ’ndar in Jugo a far la spesa..”

Con questa strofa della canzone di Lorenzo Pilat sono cresciute varie generazioni di triestini e non solo, canzone che celebrava, se così possiamo dire, i riti e i miti del confine, che faceva parte della quotidianità della gente ma allo stesso tempo rappresentava un’incognita, un mondo non privo di paure. Come il graniciaro jugoslavo, il “finanziere”, al quale la canzone dedica il titolo e il ritornello, rappresentava proprio la figura idealtipica del confine e dei passaggi di confine. La domanda “qualcosa da dichiarare?” poneva in essere l’autorità del confine, il controllo, ad indicare che sebbene questo fosse forse il confine più aperto della cortina di ferro era pur sempre un confine vero.


Articolo completo qua


Mal no far, paura no gaver.
Ciancele
no montar in scagno
no montar in scagno
Messaggi: 4475
Iscritto il: gio 28 lug 2011, 22:30

Re: sito su trieste

Messaggio da Ciancele »

El testo che conoso mi xe quel de Elisa ma co’ la o longa come quel de Baba Triestina. In spaceto i iera tuti ben ciapai (alticci), duri, i se guardava in tai oci (ai miei tempi non si diceva nel ma in tel, di rado in tal) e i cantava. Co’ i iera in forma dopo i intonava (forsi meio: i stonava) La vergine degli angeli (cola i looongaaaa).
Nel 1983 de Opcina son ‘ndà a Lipiza a veder i cavai (mia fia andava a caval). Co’ son vignù fora a Basoviza el mato me fa: Kaj imamo. Me xe vignù inamente el witz del camerier che fa: Cosa bevemo? El mato ghe rispondi: Noi no bevevo niente, mi bevo. Ghe go dito in tedesco (gavevo la machina targada Germania) che no lo capiso. El me ga ripetù la domanda in tedesco e mi ghe go risposto: Un caval. El mato ga spalancà i oci. Feme veder. Go verto el baul e ghe go mostrà el caval. Alto circa 30 centimetri. Mi go credù che el mato me sbara. El me ga vardà e mi lo go vardà co’ i mii oci inocenti. Co’ iero de novo fora go tirà un sospiron che i zità i ga credù che riva la bora. Vivere pericolosamente diceva un tale.
Ma mio cugin, che stava a Trieste, el andava in Jugo a comprar carne e far benza. El dizeva che co’ la diferenza de soldi el pasava un bela domenica, magnar incluso.


Torna a “Trieste e l'Internet”