Mostra al Castello: Genti di san Spiridione

Foto, anche strane, de cuel che se vedi in giro per Trieste e dintorni
Regole del forum
Collegamenti al regolamento del forum in varie lingue ed alle norme sulla privacy in italiano.
Rispondi
Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » domenica 28 giugno 2009, 21:36

In occasione del 140° anniversario della consacrazione della chiesa di San Spiridione e del 240° anniversario della prima messa celebrata a Trieste in antico slavo ecclesiastico, "i Serbi a Trieste" mostra che sarà inaugurata giovedì 16 luglio 2009 alle ore 19 presso il Castello di San Giusto, in piazza della Cattedrale 3, a Trieste, alla presenza di S. E. Dr. Mirko Cvetkovic, Presidente del Consiglio della Repubblica di Serbia.

Articolo completo qua


Mal no far, paura no gaver.

Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Re: Cese de altre confessioni

Messaggio da AdlerTS » lunedì 7 settembre 2009, 13:02

sum culex ha scritto:La cesa de San Spiridione
Come al solito mi meto i pupoli e i comenti ghe li lasso far alla gentilissima (perchè la me iuta) e 'pozzo di sapere': savè chi? Ma ovviamente la signora babatriestina!!!
Dopo la visita alla mostra sui Serbi de sabato scorso, go scoperto che durante l'ultimo restauro ga portado alla luce che le statue (qua in foto Wiki, fotografade da Zinn)

Immagine

opera de Emilio Bisi, le xe stade posizionade ben 14 anni dopo l'inaugurazion della cesa: lo gaveva dimenticado tutti, ma con el restauro i ga trovado una piccola iscrizion alla base de una delle statue :-)


Mal no far, paura no gaver.

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36881
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Re: Cese de altre confessioni

Messaggio da babatriestina » lunedì 7 settembre 2009, 13:53

AdlerTS ha scritto:orso, go scoperto che durante l'ultimo restauro ga portado alla luce che le statue opera de Emilio Bisi, le xe stade posizionade ben 14 anni dopo l'inaugurazion della cesa: lo gaveva dimenticado tutti, ma con el restauro i ga trovado una piccola iscrizion alla base de una delle statue :-)
no xe de meravigliarse: molte cese va avanti cola decorazion anche dopo l'apertura al culto: no parlemo de l'esempio più famosol e Duomo de Milan, che i lo ga incominciado nel 1386 , la Madonnina xe del 1774, la facciata del Ottocento e decorazioni sulle guglie xe stade fatte per tuto el Novecento :-D
tornando a , i lo ga averto al culto nel 1868, l'inaugurazion xe stada el 20 setembre 1869 ( ciogo tutte ste informazioni del Catalogo, se volè a parte ve fazzo un resoconto della mia visita alla mostra un per de settimane fa) Ma i mosaici esterni ( dentro xe pitura!) xe stadi fatti de una ditta veneziana in più fasi, i primi 1883-84 e altri ancora dopo!
sempre del catalogo, i marmi doprai mostra che i ga doprado marmi locali : Nero Vallone del Vallon de Doberdò, Aurisina Romana ( Roman Stone) dele omonime cave, marmi istriani : pietra d'Orsera e pietra de san Girolamo e piere de altre cave italiane: Verde Alpi delle Alpi occidentali, Rosso Verona e marmo de Carrara. ( sempre info del catalogo)


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » lunedì 7 settembre 2009, 22:18

La particolarità sta nel fatto che nissun ricordava o riportava 'sta roba, e solo la piccola targa ga rivelado questo picio toco de storia dell'edificio :wink:


Mal no far, paura no gaver.

Avatar utente
AdlerTS
Cavalier del Forum
Cavalier del Forum
Messaggi: 9561
Iscritto il: martedì 27 dicembre 2005, 21:35
Località: mail: adlerts[at]email.it

Messaggio da AdlerTS » lunedì 7 settembre 2009, 22:37

Parlavimo de un'altra parte de glagolitico e cirillico, ma non voleria andar oltre col offtopic parlando de Muggia.
Me taco quindi qua per riportarve una robetta ce go imparado nella mostra su "i Serbi a Trieste": pareria che siccome a metà 800 el cirillico ga subido una forte revision, causa anche de motivi ligadi alla tipografia, le epigrafi de più de 160-170 anni ancora esistenti nel cimitero serbo-ortodosso de Trieste non xe traducibili ! Pareria che non ghe sia nissun in grado de leggerle !


Mal no far, paura no gaver.

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36881
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » martedì 8 settembre 2009, 15:39

Ben, visto che gavemo cominciado a parlar de sta mostra, go ingrumado i post che la riguardava ( se xe altri, segnaleme!) e li go messi tutti insieme.
e za che ghe semo, ve conto la mia impression, che la go visitada un per de settimane fa-
me go preparado ciolendome prima el catalogo e leggendomelo a casa, e no xe stado facile trovarlo, o meo, alla mostra se lo trova, ma no xe come in certe città che co xe una mostra se lo trova per tutti i cantoni, musei, librerie.. qua o al Castel e gnanca in porton ma i me ga fatto andar fin in primo pian, o gnente..

Immagine
Ben, la mostra xe divisa grosso modo in tre parti:, sia fisicamente che logicamente, la comunità serba de Triestecon le principali famiglie ,la prima e la seconda cesa de san Spiridion cole opere d'arte, el attuale restauro.
Xe de precisar che i parla de Serbi, ma in realtà i fa riferimento a tutti quei che iera de religion serbo-ortodossa, per cui xe inclusi anche i Montenegrini ( busto e rilievo de re Nikita del Montenegro e ritratto dela regina Elena, sua fia), i Bocchesi.. insomma le famiglie che partecipava alla Comunità e che gaveva la tomba nel cimitero serbo ortodosso.
E qua devo dir che le foto delle tombe, che nel catalogo xe bele ciare, nella mostra forsi gavessi podudo esser ingrandide a pannei, perchè no le xe tanto apprezzabili nelle piccole dimensioni che se le vedi là.
Stavolta, a differenza del trecento, i ghe xe rivai a esser un poco più plurilingui e tutte le tabelle xe in italian, inglese e serbo (almeno immagino, visto el cirillico).
Ghe xe la patente originale de Maria Teresa del 1751, che in origine iera soprattutto al gruppo religioso, per cui la iera comun ai Serbi e ai Greci, la mostra a mio parer sorvola un poco sulla division dei due gruppi, po se segui la parte dele cese, po una parte dedicada alla scola , tuttora esistente, e alla biblioteca serba, poco nota e che meritassi de esser più valorizzada, po le sezioni dedicade alle singole famiglie, che la maggior parte iera armatori e che se ga fatto costruir case e palazzi:
Palazzo Gopcevic, che no stago a ripostarve che lo conossè tutti, po casa Opuich in Ponterosso, che xe el palazzo più antico della piazza e che ve mostro in una mia vecia foto mentre che stava vegnindo suso un temporal
Immagine
Casa Popovich, neoclassica in Borgo Giuseppin, ( e tante immagini de navi de cui i iera armatori) in più ghe xe tanti bei ritratti ottocenteschi dei musei de storia arte, come questa bellissima Eugenia Popovich D'Angeli (la ga sposado el podestà D'Angeli e la ga avudo un fio garibaldin)
Immagine
un altro ritratto de una Popovich, Eugenia, fin de siècle
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36881
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » martedì 8 settembre 2009, 16:02

e zo altre famiglie famose, el dottor Gusina collega de mio nonno, el dottor Nicolich, la famiglia Kvekic ( che allora i scriveva Kuequich e cussì proninciava mia nona el cognome dela siora Quequich che la zogava a carte), che addirittura ga dado una principessa al regno del Montenegro, perchèga sposado un principe Danilo ( sìì. la Vedova allegra no ga inventado i nomi..) che però xe stado assassinado lassandola vedova de giovine..
per , ghe xe tutti i disegni costruttivi, i progetti che ve mostro de un pannello al ingresso del Castel
Immagine

Ghe xe anche un pannello de rame, che adesso xe al museo etnografico de Servola
Immagine
e che xe stado solo abbastanza recentemente identificado come un che iera sulla facciata dela.
Ve devo dir che i mii interessi andava soprattutto alle opere d'arte della Comunità, in particolar a zerte icone che me ricordavo de aver visto per la prima volte nei anni settanta, co i musei civici le ga restaurade e ripulide e messe in mostra, quella volta nele cese stesse.
Giusto oggi lo ricordavo con la mia collega Marisa Fiorin, esperta de icone e che ga curado questa parte della mostra, allora la mia sensazion iera: ben, le madonne ga el velo rosso e no blu e le par tute precise :-D .
Col tempo go imparado che no xe propio cussì semplificado, che se ariva a capir de l'aspetto circa quando che le xe stade fatte, anche se la Fiorin me diseva che aiuta assai la firma del pittor e le notizie su de lui.. :wink: , ben l e iera esposte e nonostante la penombra , senza flash, go arivado a becar un per de immagini ( no xe scritto gnente de proibizioni de fotografar.. 8) ) e ve le mostro , ovvio che xe un per de riflessi e prospettive un poco storte per evitarghene de più:
questa xe la più famosa,la Hodigitria ( o anche Odegetria- gavè presente i affreschi a Muggia Vecia?), la madonna che mostra la strada, la xe un regalo dei Kvekic alla Comunità e la xe del Quattrocento, del pittor Andrea Ritzos de Candia, scola veneto-cretese ( de dove che deriverà El Greco..)
Immagine


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Avatar utente
babatriestina
Capo postin
Capo postin
Messaggi: 36881
Iscritto il: domenica 25 dicembre 2005, 19:29
Località: Trieste, Borgo Teresiano

Messaggio da babatriestina » martedì 8 settembre 2009, 16:11

Devo dir che le mia favorite xe altre due icone dela madonna "Madre della consolazione", un poco posteriori, molto simili e per mi più sciolte dela rigidità bizantina: le me gaveva colpido za quella volte e le go riviste con tanto piazer:
Immagine
e questa xe la più messa in evidenza, un particolar del viso
Immagine

tegnudo conto che gavevo za letto el catalogo, e che molti dei pannei ripeteva le stesse parole, devo dir che tutta la mostra me ga richiesto meno de un'ora, e quindi forsi la go trovada un poco picia, Interessantissima, comunque , ma forsi ampliabile..
Forsi una visita guidata xe più mirada e più commentada, mi go l'abitudine de meterme davanti elle opere (con preparazion precedente) e lassar che le sia lore a parlarme..
m e xe vanzado tempo per far un giro ai sotterranei del Lalio e dedicarme alle antichità romane triestine, come che gaverè za notado parlando della Basilica. Ma anche là xe tanta roba de veder e de studiarse prima.. tutta la visita, compreso ingresso a tutte le sezioni del Castel, se vedi che go l'aria za de terza età, perchè me ga costado 3 euro e mezzo in tutto.


"mi credo che i scrivi sta roba per insempiar la gente" ( La Cittadella)

Rispondi

Torna a “Atualita` triestine”